Flower Power Talks: “Soul Books”, con Alberto Castelli

Flower Power Talks: “Soul Books”, con Alberto Castelli

Tra musica e parole, per Flower Power Talks, Lunedì 18 settembre alle 18:00 @Flower al Piazzale il terzo incontro a tema musicale guidato e condotto da Giustina Terenzi.

Nella splendida cornice del Piazzale Michelangelo a Firenze Radio Talk Show e musica d’ascolto con Alberto Castelli per presentare la collana “Soul Books” da lui curata. In diretta e streaming su Controradio e Facebook Controradio Firenze.

Una collana diretta da Alberto Castelli dedicata i protagonisti della Soul Music tra gli anni ‘60 e ’70. Dieci agili volumi monografici (per Vololibero Edizioni) che raccontano il sound che ha segnato un’epoca e che ancora oggi ispira molti artisti. Piccole biografie dell’anima. Otis Redding, Aretha Franklin, Solomon Burke, Nina Simone e i più grandi artisti soul raccontati dal giornalista americano Peter Guralnick con Graziano Uliani e da prestigiose firme italiane del calibro, tra gli altri, di Gianni Del Savio, Carlo Bordone e Eddy Cilia. Ogni libro è introdotto da una prefazione curata da Massimo Oldani grande esperto italiano di soul, r&b e black music che cura la trasmissione VIBE su Radio Capital. Conduce Giustina Terenzi di Controradio.

alberto castelli

Alberto Castelli, dal 1983 al 2014 ha lavorato per Radio Rai (Radio 1-2-3) conducendo, tra gli altri, programmi quali Stereonotte, I Concerti di Suoni & Ultrasuoni, Radio 1 Musica, Battiti, Fuochi, File Urbani. Ha scritto per molte testate tra cui “Il Mucchio Selvaggio”, “Fare Musica”, “Rockstar”, “Blow Up”, “Repubblica XL”. Ha diretto Radio Centro Suono, Radio Città Futura, Kataweb Radio. Ha prodotto dischi, lavorato come manager, fondato e diretto etichette discografiche Dal 1995 al 2011 è stato consulente per il gruppo Editoriale “L’Espresso”. Ha pubblicato Soul People (2004) e Africa Unite (2005).

L'articolo Flower Power Talks: “Soul Books”, con Alberto Castelli proviene da www.controradio.it.

Flower Power Talks: Storia dell’Acid Jazz, con Francesco Gazzara

Flower Power Talks: Storia dell’Acid Jazz, con Francesco Gazzara
Secondo incontro a tema musicale guidato e condotto da Giustina Terenzi. Martedì 12 @ Flower al Piazzale con Francesco Gazzara per parlare del suo “Storia dell’Acid Jazz

Tra musica e parole, per Flower Power Talk, Martedì 12 alle 20.45 @Flower al Piazzale Radio Talk Show e musica d’ascolto con Francesco Gazzara per il suo “Storia dell’Acid Jazz“. In diretta e streaming su Controradio.
Fresco di release del suo album Portrait in acid jazz (Irma Records) , Francesco Gazzara aggiorna il più importante titolo su un genere elettrizzante, nato alla fine degli anni Ottanta in Inghilterra; l’acid jazz si è velocemente imposto a livello internazionale tra il 1987 e il 1995, non solo come genere musicale di grande successo ma anche come fenomeno culturale. La sua originalità consiste nella straordinaria sintesi di tanti microgeneri come jazz, funk, latin, rock e hip hop. Dal James Taylor Quartet ai Jamiroquai, passando per i nomi più noti di questa ondata musicale come Brand New Heavies, Galliano, Incognito, Mother EarthCorduroy, ecco la storia di chi agli albori degli anni Novanta ha radicalmente cambiato i rapporti tra musicisti, dj e pubblico del jazz. Il volume, appena uscito per Meridiano Zero , ha la prefazione Luca de Gennaro.

Francesco Gazzara è un compositore di musiche per il cinema e la tv dai primi anni Novanta. I suoi brani sono stati utilizzati per la colonna sonora di Sex and the City(HBO), per gli spot di Jeep, DiSaronno, Fernet Branca, Sky FX. Ha collaborato anche con numerosi registi (Ferrara, Comencini, Del Monte, Archibugi, Muci, Pinelli, Molino, Cammarota, Aleandri) e pubblicato diversi album con i suoi progetti discografici (Gazzara, The Piano Room, Hammond Express). Per oltre quindici anni ha collaborato con varie testate musicali tra cui Rockstar, di cui è stato redattore dal 1995 al 2000. Ha già pubblicato i libri Lounge Music (Odoya) e Mods: La Rivolta dello Stile.

Il prossimo incontro per Flower Power Talk è fissato per il 18 settembre con Alberto Castelli per presentare la collana “Soul Books”.

L'articolo Flower Power Talks: Storia dell’Acid Jazz, con Francesco Gazzara proviene da www.controradio.it.

DigiToscana, il portale per leggere anche in vacanza

DigiToscana, il portale per leggere anche in vacanza

Leggere un libro, sfogliare un quotidiano, ascoltare musica. Queste e tante altre attività sono possibili, e tutte gratuite, grazie al portale regionale DigiToscana, al quale aderiscono anche le Biblioteche del Comune di Firenze.

Da poco il sito ha una grafica ottimizzata, un’interfaccia web mobile per smartphone e tablet, oltre a una nuova collezione Open con oltre 560.000 risorse ad accesso libero e servizi sempre più all’avanguardia, come la possibilità di creare liste dei contenuti preferiti o di percorsi di lettura a tema e condividerli sui social.

Con DigiToscana, la Regione mette a disposizione degli iscritti delle biblioteche pubbliche toscane un portale con funzioni di vera e propria biblioteca digitale, consentendo di accedere via internet da qualunque luogo e gratuitamente a quotidiani, riviste, e-book, musica, banche dati, film, immagini, audiolibri, corsi a distanza e tanto altro.

Tra le risorse di maggior interesse c’è “l’edicola” con circa 7000 titoli di quotidiani e riviste italiane e straniere, oltre 300mila ebook open da scaricare liberamente, quasi 37.000 ebook da prendere in prestito tra i quali molte novità editoriali e poi audiolibri, musica, immagini, spartiti musicali e corsi online.

Ad oggi le biblioteche toscane che partecipano al progetto regionale sono più di 200, con quasi di 30.000 utenti iscritti, oltre 11.000 gli iscritti appartenenti alla rete delle biblioteche del sistema Sdiaf (Sistema documentario integrato dell’area fiorentina).
Accedere ai contenuti di DigiToscana è semplice: basta essere iscritti a una biblioteca comunale del sistema Sdiaf o delle altre reti documentarie toscane, richiedere l’account e fornire un indirizzo di posta elettronica, al quale sarà inviata una mail contenente username e password, oltre al link per effettuare l’accesso.

A quel punto è possibile consultare e/o prendere in prestito gratuitamente via internet da qualunque luogo, 24 ore su 24 tutte le risorse digitali raccolte nella piattaforma. (http://toscana.medialibrary.it)

I contenuti sono accessibili in streaming o in download: nel primo caso le risorse sono visualizzabili online dallo schermo del computer o del dispositivo mobile, nel secondo si possono scaricare sul proprio pc o sul dispositivo mobile.

Per informazioni:

http://www.biblioteche.comune.fi.it/digitale.html
sdiaf.comune.fi.it/form_mlol.html

L'articolo DigiToscana, il portale per leggere anche in vacanza proviene da www.controradio.it.

“La bella estate”: ospite Lidia Ravera

“La bella estate”: ospite Lidia Ravera

“La bella estate” a Castelnuovo Garfagnana. Ospite venerdì 28 luglio alle ore 18 Lidia Ravera, che presenta “Il terzo tempo”.

In occasione de “La bella estate”, una nuova rassegna di arte, letteratura, sport e politica dal 7 luglio al 25 agosto, Lidia Ravera presenta “Il terzo tempo” (Bompiani). A Castelnuovo Garfagnana, presso l’ex Pista di Pattinaggio ore 18, l’autrice commenterà il nuovo libro insieme ad Alba Donati, presenta Fabrizio Diolaiuti.

Si tratta di un romanzo dedicato all’invecchiare, al trascorrere del tempo, ma anche al rinnovarsi, che Ravera descrive attraverso gli occhi di Costanza, la protagonista che decide, proprio spinta dal tempo che passa, di rivoluzionare la propria vita.

Come la maggior parte delle tragedie, la vecchiaia genera innanzi tutto i negazionisti, quelli che la vecchiaia non esiste. Poi ci sono i nostalgici del passato, nelle due varianti lirici o acidi. Costanza non appartiene a nessuna delle tipologie. E’ una studiosa del fenomeno e lo affronta con curiosità sociologica. Non accetta le cose come vengono, oppone continuamente resistenza alla vita, ha bisogno di deviare dalla strada maestra, di imporsi dei cambiamenti, di rilanciare il gioco.

Decide così di abbandonare la carriera universitaria e di separarsi dal compagno di una vita, Dom, per non rischiare di specchiare in lui la propria decadenza, e viceversa. Quando il padre le lascia in eredità un austero ex convento a Civita di Bagnoregio, si lascia prendere da un progetto improvviso e vagamente sconsiderato: radunare in quella casa bella e nuda, incastonata in un luogo simbolico che si sfalda lentamente, i compagni con cui giovanissima ha condiviso il sesso libero e l’impegno politico, per ricreare una casa di riposo alternativa, come una comune, sì, una comune di gente vecchia, una famiglia larga con cui spartire la vecchiaia. È un tentativo di ritorno all’età delle illusioni ed al mito della sinistra.

Gli ospiti gli sceglierà come si sceglie l’equipaggio di una barca: pochi, ma coraggiosi ed abili a navigare. Perché quella che hanno davanti è un’avventura di bonaccia e di tempesta. E senza lieto fine.

Ma poi Costanza si sente sommergere lentamente dalla paura di essere di nuovo al centro di qualcosa. Messa spalle al muro dall’enormità del progetto che ha intrapreso, sparisce. Diventa una donna in fuga, girando l’Italia per riannodare i suoi fili. Costanza pensa alla felicità e continua a pensarci. E allora, anche se non la raggiungerà mai sarà in salvo. E così, cercando qualcosa le capiterà di trovare altro…

Lidia Ravera Nata a Torino, ha raggiunto la notorietà nel 1976 con il suo romanzo d’esordio Porci con le ali, manifesto di una generazione e long seller con due milioni e mezzo di copie vendute in trent’anni. Ha scritto ventinove opere di narrativa. Le più recenti: Maledetta gioventù, Né giovani né vecchi, In quale nascondiglio del cuore, La festa è finita, Le seduzioni dell’inverno (finalista al Premio Strega 2008), Il dio zittoLa guerra dei figli, A Stromboli, Piangi pure (insignito di numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Capalbio, il Premio Stresa, il Premio Asti d’Appello, il Premio Pisa e il Premio Fregene) e Gli scaduti. Ha lavorato per il cinema, il teatro, la televisione. Da Piangi pure è stato tratto lo spettacolo teatrale Nuda proprietà, per la regia di Emanuela Giordano, con Lella Costa e Paolo Calabresi.

L'articolo “La bella estate”: ospite Lidia Ravera proviene da www.controradio.it.

Piccole storie di colori: Giallo e Blu

La collana dedicata ai colori si arricchisce di altri due sgargianti volumi, dedicati al Giallo e al Blu

I Musei Civici Fiorentini e l’Associazione MUS.E presentano alle famiglie le ultime due pubblicazioni per bambini, Giallo e Blu (ed. Topipittori), realizzate grazie all’esperienza dell’omonimo laboratorio in Palazzo Vecchio e al sostegno di GIOTTO, love brand di F.I.L.A. Fabbrica Italiana Lapis ed Affini, l’azienda italiana sempre attenta allo sviluppo creativo di bambini e ragazzi.

Il giallo è il colore della luce del sole, dell’oro e di tutto ciò che splende; ci ricorda i primi fiori di primavera, le spighe nei campi d’estate, i frutti maturi pronti per essere mangiati. Forse proprio perché è un colore associato alla vita, il giallo ispira allegria e voglia di fare. Ecco un libro che racchiude tutta la sua energia e la sua forza vitale, da sfogliare con gli occhiali da sole.

Il blu, quasi all’opposto, è il colore della sospensione, dell’immensità del cielo e del mare, un colore riflessivo e pacifico, che tuttavia ha in sé una preziosità misteriosa e antica, quella del lapislazzulo ad esempio, il blu utilizzato in pittura già dagli Egizi  e amatissimo nel Medioevo. Questo libro è un tuffo nelle storie e nei sogni che la profondità del blu sa evocare.

I libri – corredati anche di testo in inglese – offrono moltissimi spunti e suggerimenti di lavoro con i bambini, configurandosi come un ottimo strumento operativo per gli insegnanti. I volumi si possono acquistare nei bookshop dei Musei Civici Fiorentini e in tutte le migliori librerie d’Italia.

I volumi fanno parte della collana PiPPo, acronimo di Piccola Pinacoteca Portatile, una collana dedicata all’arte composta da libri su cui i bambini possono intervenire con le forbici, la colla, le matite colorate ma soprattutto con la fantasia. La collana PiPPo, edita da Topipittori, ha vinto il Premio Andersen 2017 – il più ambito riconoscimento attribuito ai libri per ragazzi, ai loro autori, illustratori ed editor – per il migliore progetto di divulgazione.

 

Giallo vai al sito dell’editore

Blu vai al sito dell’editore