Doping: inchiesta Lucca partita da Rumsas, 6 arresti e 17 indagati

Doping: inchiesta Lucca partita da Rumsas, 6 arresti e 17 indagati

L’indagine antidoping della squadra mobile di Lucca ha preso avvio dalla morte di Linas Rumsas, 21 anni, ciclista dilettante e figlio dell’ex ciclista professionista lituano Raimondas, scomparso il 2 maggio scorso.

Gli atleti, alcuni giovanissimi, venivano incoraggiati dal presidente della squadra a fare uso di sostanze dopanti. Tra i farmaci: epo in microdosi, ormoni per la crescita e antidolorifici a base oppiacea. E’ quanto emerge dal blitz antidoping della polizia di questa mattina a Lucca con numerosi arresti tra i dirigenti della squadra di ciclismo dilettanti.

Sei persone agli arresti domiciliari e altre 17 indagate: così l’inchiesta di Lucca per doping scaturita dalla morte del ciclista lituano Linas Rumsas, 21 anni, avvenuta il 2 maggio 2017. Per gli arrestati il gip ha emesso ordinanza di custodia cautelare per associazione a delinquere finalizzata a commettere delitti in materia di doping così da alterare le prestazioni agonistiche. Sono agli arresti Luca Franceschi, proprietario del team Altopack-Eppella; i genitori Narciso Franceschi e Maria Luisa Luciani; il ds della squadra Elso Frediani; il preparatore atletico e ex corridore Michele Viola; il farmacista Andrea Bianchi. Tra gli altri indagati ci sono, a vario titolo, un medico sportivo, un avvocato, molti ciclisti della squadra 2016-2017 per frode sportiva, la donna che portava le sostanze dopanti nei campi gara. Perquisizioni in provincia di Lucca, Pistoia, Livorno e Bergamo. Sequestrate 25 fiale di Epo a casa di Viola; siringhe, aghi butterfly, cateteri e flaconi di coadiuvanti dell’Epo a casa di Luca Franceschi.

Secondo gli inquirenti Luca Franceschi, proprietario dell’Altopack-Eppella, reclutava i ciclisti più promettenti, li motivava al doping e procurava loro le sostanze dopanti tra cui l’Epo mentre i suoi genitori Narciso Franceschi e Maria Luisa Luciani sono i proprietari dell” abitazione messa a disposizione degli atleti dove sarebbe avvenuta la somministrazione delle sostanze dopanti. Agli arresti domiciliari anche Elso Frediani, direttore sportivo dell’Altopack, considerato dagli investigatori conoscitore delle metodologie del doping: nella preparazione atletica dei ciclisti, si apprende dall’inchiesta, si sarebbe preoccupato di assicurare loro le necessarie consulenze, anche mediche, per una corretta somministrazione delle sostanze proibite tale da eludere i controlli in gara. Invece Michele Viola, preparatore atletico è colui che avrebbe venduto a Franceschi l’Epo destinata ai ciclisti dell’Altopack e dato consigli su come assumerla nascondendo la positività ai controlli.

Il farmacista Andrea Bianchi avrebbe rifornito gli atleti di ormoni e altri farmaci, anche di natura oppiacea, coadiuvanti dell’Epo senza la necessaria prescrizione medica. Tra gli altri 17 indagati c’è un medico sportivo a cui Frediani si sarebbe rivolto, in più occasioni, per consulenze sull”utilizzo di farmaci dopanti, anche per eludere il controllo antidoping in occasione del campionato italiano dilettanti del 25 giugno 2017. Inoltre dovrà rispondere di favoreggiamento e patrocinio infedele un avvocato di Lucca che, in assenza di mandato difensivo, essendo a conoscenza delle pratiche dopanti, avrebbe dato a Franceschi e Frediani indicazioni su come eludere le indagini. Indagato anche il secondo direttore sportivo dell’Altopack: pur non partecipando al sodalizio, avrebbe comunque somministrato e favorito l’utilizzo dei farmaci agli comunque somministrato e favorito l”utilizzo dei farmaci agli atleti del team. Per lo stesso reato è indagata la compagna del proprietario dell”Altopack: alla donna, ritenuta insospettabile, era affidato il compito di portare i farmaci in gara, per assicurarne la pronta somministrazione agli atleti. Dovrà rispondere di frode sportiva la maggior parte dei ciclisti che hanno gareggiato per l’Altopack nella stagione 2016/2017. Gli inquirenti, durante una conferenza stampa per illustrare le indagini, hanno specificato che gli sponsor del team sono estranei all’inchiesta.

L’indagine ha preso le mosse dalla morte di Linas Rumsas, giovane promessa del ciclismo, venuto a mancare, improvvisamente, il 2 maggio scorso. Linas Rumsas era il figlio di Raimondas, ex ciclista lituano di fama internazionale.

dopingGli ottimi piazzamenti in gara del ciclista lituano Linas Rumsas nel periodo precedente la morte, avvenuta il 2 maggio 2017, hanno subito fatto apparire fondato il sospetto che l’improvviso decesso fosse da ricondurre all”uso o abuso di farmaci non autorizzati. Anche così la polizia ha ricostruito la vicenda di doping per cui oggi sono scattati arresti a Lucca. Coinvolta la società ciclistica Gfdd Altopack Eppela, considerata tra le prime dieci più importanti nel ciclismo dilettantistico in Italia. La polizia spiega che, poiché il ragazzo, nelle settimane precedenti la morte, aveva sostenuto delle gare particolarmente dure conseguendo ottimi piazzamenti, di gran lunga superiori a quelli ottenuti in passato, da subito è apparso fondato il sospetto che ci fosse un problema di doping alla base del decesso. Inoltre, a rafforzare i sospetti c’è la circostanza che tra i direttori sportivi della squadra ci fosse il padre, Raimondas Rumsas, ciclista di fama internazionale, in passato coinvolto, insieme alla madre del ragazzo, Edita Rumsiene, in indagini per traffico internazionale di sostanze dopanti.

Nell’inchiesta sono state perquisite l”bitazione del padre di Linas Rumsas e del fratello maggiore, anche egli una promessa del ciclismo, il quale di ritorno da un’importante competizione sportiva, è stato sottoposto dai medici della Federazione Nazionale di Ciclismo a prelievo di sangue e urine ed è risultato positivo ad un potente ormone per la crescita: è quindi stato denunciato per frode sportiva e sospeso dalle competizioni agonistiche per quattro anni.

L'articolo Doping: inchiesta Lucca partita da Rumsas, 6 arresti e 17 indagati proviene da www.controradio.it.