Ex macelli Prato: un progetto “Formidable” per un vis-à-vis con la società

Ex macelli Prato: un progetto “Formidable” per un vis-à-vis con la società

“Formidable”​ è un progetto nato dall’incontro tra il collettivo Metropopolare e un gruppo di giovani migranti del territorio, di seconda generazione, richiedenti asilo o studenti, italiani e non.

In un particolare spazio degli Ex Macelli di Prato, le Celle Frigo, i protagonisti di questo percorso presenteranno uno studio “Formidabile” costruito secondo la scansione di quadri e rappresentato in forma poetica e tragicomica tra danza, teatro e musica: lo spettacolo è ad ingresso libero, a partire dalle 21,30 e diretto dalla regia di Livia Gionfrida.

“Formidable” sarà l’occasione per condividere le emozioni di questo breve ma significativo cammino fatto insieme: un cammino fatto di discussione e confronto, una finestra spalancata sulla società in cui viviamo, con le sue contraddizioni e le sue ferite.
Gli interpreti costruiscono un teatrino delle meraviglie attraverso gag, monologhi, canzoni, danze corali, piccoli gesti in cui raccontano qualcosa di sé e delle loro vite.

In questo progetto Metropopolare è capofila di una serie di associazioni ed istituzioni che si occupano di integrazione : le cooperative sociali Eccoci coop Soc Onlus e Pane&Rose Onlus, L’Associazione Azzerokm, l’Associazione Il Muretto, L’Associazione Ipartecipite Toscana, l’Associazione Amicizia Italo Palestinese Onlus, APS Meltin-Po.
Al progetto hanno aderito inoltre ​anche le scuole secondarie di primo grado Mazzoni e Marco Polo di Prato e Peruzzi Sassetti di Firenze.

​Teatro Metropopolare, il collettivo che da dieci anni lavora con i detenuti del carcere della Dogaia e che si occupa di teatro di ricerca, ha recentemente vinto, classificandosi fra i primissimi posti, il bando di concorso del Mibact per la selezione dei progetti più meritevoli sui temi di migrazione ed integrazione, dal titolo “MigrArti”.

L'articolo Ex macelli Prato: un progetto “Formidable” per un vis-à-vis con la società proviene da www.controradio.it.