Sesto Fiorentino: accordo comune-sindacati per tutelare lavoro in appalto

Sesto Fiorentino: accordo comune-sindacati per tutelare lavoro in appalto

È stato sottoscritto questa mattina dal Comune di Sesto Fiorentino e dai sindacati confederali CGIL, CISL e UIL il “Patto per il Buon Lavoro” con il quale l’Amministrazione comunale si impegna ad inserire garanzie a tutela della qualità del lavoro negli appalti dell’Ente.

Obiettivo del protocollo è tutelare il lavoro in appalto, migliorandone la qualità e la continuità nel tempo, inserendo tra gli elementi premiali ai fini dell’aggiudicazione l’assunzione di lavoratori da parte dell’azienda vincitrice con un regime contrattuale “pre-Jobs Act”, compresa la reintroduzione della disciplina del licenziamento prevista dall’articolo 18. Alle aziende aggiudicatarie potrà essere chiesto di applicare i contratti collettivi nazionali di riferimento e di garantire la riassunzione del personale impiegato dall’appaltatore precedente nel caso di subentro.

“Questo Patto nasce da un lavoro avviato a livello di Città Metropolitana – spiega l’assessore Kalmeta – Con questo protocollo abbiamo però fatto un ulteriore passo in avanti, andando ad assumere impegni precisi insieme ai sindacati. L’introduzione dell’articolo 18 quale elemento premiale è senz’altro il fatto di maggior significato simbolico, ma è soltanto uno dei tanti aspetti che fanno di questo documento uno dei più avanzati a livello nazionale”.

“Con questo atto – dichiara il sindaco Falchi – ribadiamo il nostro impegno per la tutela del lavoro e dei lavoratori. Non sono tante le leve che un Comune può muovere, ma la nostra ferma volontà è quella di mettere in campo ogni azione possibile. Il Jobs Act è soltanto l’ultimo stadio di un deterioramento del lavoro che, riforma dopo riforma, si è sempre più impoverito, segnando con la precarietà la vita di milioni di persone. La crisi, poi, ha fatto il resto: dobbiamo invertire questa tendenza con scelte in discontinuità, di sinistra, che marchino un cambio di passo e rimettano al centro diritti e persone”.

“Con accordi come questo, non sarà più possibile che gli appalti diventino una occasione per abbassare i salari, ridurre le ore di lavoro e i diritti dei lavoratori – dice Bernardo Marasco della CGIL – E con la tutela della qualità del lavoro si tutela la qualità del servizio ai cittadini. Accordi come questo ne abbiamo già fatti in Città Metropolitana e ne faremo nei Comuni del territorio, per avere un comportamento omogeneo nella difesa del lavoro. Lavoro che negli appalti rischia di essere lavoro povero, e per evitare questo rischio la condivisione di protocolli tipo sui bandi e il criterio dell’Articolo 18 rappresentano elementi innovativi”.

“Oggi diamo gamba e sostanza ad un accordo raggiunto in Città Metropolitana, con una firma tra Comune e sindacati confederali che nell’epoca della disintermediazione assume un valore particolare – dichiara Fabio Franchi della CISL – Diciamo no al dumping sul lavoro, andando a premiare le buone pratiche, dicendo sì alla legalità, alla sicurezza, alla stabilità”.

“Con il protocollo firmato stamani si fa un passo in avanti verso la salvaguardia delle clausole sociali anche per i lavoratori degli appalti pubblici nel Comune di Sesto Fiorentino garantendo trasparenza e legalità – commenta per la UIL Paola Vecchiarino – Come sindacati non possiamo che salutare con soddisfazione l’impegno dell’amministrazione di Sesto verso tutele più stringenti sia nei confronti dei contratti dei lavoratori sia per quanto riguarda la sicurezza”.

 

L'articolo Sesto Fiorentino: accordo comune-sindacati per tutelare lavoro in appalto proviene da www.controradio.it.

Aeroporto Firenze, i primi commenti dopo la Conferenza dei Servizi

Aeroporto Firenze, i primi commenti dopo la Conferenza dei Servizi

Terminata la Conferenza dei Servizi sull’Aeroporto di Firenze il il sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi, e l’assessore all’urbanistica, Giovanni Bettarini, hanno rilasciato le prime dichiarazioni.

Si è svolta oggi la Conferenza di stamani sul progetto “Master Plan 2014-2019 Aeroporto ‘Amerigo Vespucci’ di Firenze. Nel corso dell’incontro, convocato dal Mit, sono stati illustrati i pareri adottati nei giorni scorsi dagli enti interessati. Erano presenti i delegati dei comuni di Firenze, Prato, Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio, Città metropolitana di Firenze, Regione Toscana, Enac, Autorità di Bacino, ministero dell’Ambiente, Mibact, Consiag. La conferenza dei servizi dovrà chiudersi entro 60 giorni. La conferenza è stata riconvocata per il giorno 12 ottobre al fine di consentire la conclusione dell’analisi della documentazione.

Al termine della Conferenza il sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi, ha commentato: “La riunione di oggi ha confermato quanto anticipato soltanto due giorni fa da Enac: siamo all’inizio di un percorso lungo e complesso dall’esito tutt’altro che scontato. Agli Enti partecipanti abbiamo portato il parere negativo espresso dal nostro Comune, sottolinenando le tante, troppe criticità ambientali, urbanistiche ed economiche legate alla realizzazione di quest’opera. Abbiamo ricordato il conflitto istituzionale senza precedenti apertosi con il ricorso al Tar contro il decreto di via presentato da ben sette Comuni dell’area, un dato che già da solo dovrebbe imporre una riflessione. L’altro dato è che la stragrande maggioranza dei pareri positivi espressi è stata regolarmente accompagnata da richieste di approfondimento e prescrizioni, a conferma del fatto che, al di là dell’ostinazione di pochi, le nostre preoccupazioni sono fondate”.

Conclude il sindaco Falchi: “La conferenza dei servizi sarà convocata di nuovo il 12 ottobre, in attesa di conoscere dal Ministero le intenzioni riguardo a questo progetto. Noi rimaniamo fermi nella difesa del nostro territorio, contrari ad un’opera che metterebbe a repentaglio decenni di programmazione urbanistica e che non risponde in nessun modo alle reali esigenze del nostro territorio”.

Dichiarazione opposta quella dell’assessore Giovanni Bettarini: “Siamo soddisfatti per l’avvio dei lavori della Conferenza dei servizi, che speriamo si concludano in tempi rapidi dando il via al piano di sviluppo dell’aeroporto di Firenze”.

L'articolo Aeroporto Firenze, i primi commenti dopo la Conferenza dei Servizi proviene da www.controradio.it.

Aeroporto sì o no? Il futuro della Piana si discute al piazzale Michelangelo

Aeroporto sì o no? Il futuro della Piana si discute al piazzale Michelangelo

Aeroporto sì o no? Il futuro della Piana si discute al piazzale Michelangelo, domani alle ore 21 allo spazio estivo Flower comitati, istituzioni e aziende a confronto sul tema della nuova pista di Peretola. Weekend con la musica live tra jazz e country blues.

Nuova pista, sì o no all’aeroporto di Peretola? Giovedì 30 agosto le politiche metropolitane irrompono nel programma del Flower, lo spazio dell’Estate Fiorentina al piazzale Michelangelo, con il Talk (Radio) Show “In pista? Firenze, l’aeroporto ed il futuro della Piana” (ore 21, ingresso libero).

A confronto, intervistati dal giornalista Domenico Guarino, i protagonisti del dibattito cittadino: Leonardo Bassilichi, Presidente Camera Commercio Firenze, Lorenzo Falchi, Sindaco di Sesto Fiorentino, Paolo Poli, comitato No Aeroporto Prato, Giacomo Parenti, direttore generale Comune Firenze.

Il talk show è seguibile anche sulla web TV di Controradio sulla pagina Facebook, in streaming sul sito www.controradio.it e sulla app Controradio.

Il weekend del Flower sarà invece dedicato alla musica, con tre esibizioni live da non perdere: venerdì 31 agosto alle ore 21 il jazz sax di Morgantini, per il ciclo Artisti di strada, sabato 1° settembre sempre alle ore 21 sarà la volta del duo Foneno, con la folkloristica batteria su quattro ruote e il tipico sound del Mississipi Rhythm & Country Blues, mentre domenica 2 settembre per il ciclo Sunday Night Jazz (ore 21) si esibirà il quartetto composto dai giovani Giulio Ottanelli al sax alto, Marco Benedetti al contrabbasso, Sergio Rizzo alla chitarra, Simone Brilli alla batteria, per una performance dedicata a Charles Mingus. I concerti sono tutti a ingresso libero.

Lo spazio estivo Flower al Piazzale è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 1 di notte per colazioni, pranzi gustosi, aperitivi e cene, a cura di amblé, tramezzineria fiorentina nota per l’attenzione all’ambiente, che fa uso esclusivamente di prodotti di stagione e a filiera corta e stoviglie interamente riciclabili.

 

L'articolo Aeroporto sì o no? Il futuro della Piana si discute al piazzale Michelangelo proviene da www.controradio.it.

Flower al Piazzale: giovedì “In pista? Firenze, l’aeroporto, ed il futuro della Piana”

Flower al Piazzale: giovedì “In pista? Firenze, l’aeroporto, ed il futuro della Piana”

Giovedì 30 agosto alle ore 21:00 Talk (Radio) Show con Controradio al Flower di Piazzale Michelangiolo a Firenze.

“In pista? Firenze, l’aeroporto, ed il futuro della Piana”
Il giornalista Domenico Guarino ne parla con Leonardo Bassilichi, Presidente Camera Commercio di Firenze, Lorenzo Falchi, Sindaco di Sesto Fiorentino, Paolo Poli, comitato No Aeroporto Prato. Giacomo Parenti, direttore generale Comune Firenze.

Il talk show è trasmesso in diretta radiofonica su Controradio e in web TV sulla pagina Facebook Controradio Firenze, in streaming sul sito www.controradio.it e sulla app di Controradio

L'articolo Flower al Piazzale: giovedì “In pista? Firenze, l’aeroporto, ed il futuro della Piana” proviene da www.controradio.it.

Sesto F. chiede rinvio conferenza servizi su Peretola

Sesto F. chiede rinvio conferenza servizi su Peretola

Secondo il Comune, il rinvio “si è reso necessario in seguito alle numerose modifiche al progetto che Enac ha comunicato lo scorso 7 agosto, con un preavviso del tutto insufficiente ad istruire la pratica che dovrà andare in Consiglio comunale prima del 7 settembre

Il Comune di Sesto Fiorentino ha chiesto il rinvio della conferenza dei servizi sul Masterplan per il potenziamento dell’aeroporto di Firenze prevista per il prossimo 7 settembre, inviando una lettera al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, alla Regione Toscana e all’Enac. Secondo il Comune, il rinvio “si è reso necessario in seguito alle numerose modifiche al progetto che Enac ha comunicato lo scorso 7 agosto, con un preavviso del tutto insufficiente ad istruire la pratica che dovrà andare in Consiglio comunale prima del 7 settembre. Dei 941 file del progetto, 914 hanno subito modifiche, mentre sono circa 190 documenti del tutto nuovi”. Per il sindaco Lorenzo Falchi, che peraltro ha ribadito la sua contrarietà al progetto di potenziamento, “Enac ha vanificato tutto il lavoro propedeutico svolto fino ad oggi senza lasciarci il tempo di studiare le nuove carte per istruire i passaggi formali previsti dalla legge”. “Rinviare la conferenza dei servizi è un atto di serietà e responsabilità doveroso nei confronti dei cittadini – conclude il sindaco -, con i soldi dei quali sarebbe realizzato l’aeroporto”.
“Le presunte ‘modifiche'” di Enac al masterplan dell’aeroporto di Firenze, “non sono altro che gli approfondimenti previsti dalla normativa e comunicati entro i 30 giorni richiesti dalla legge”. Lo afferma Toscana Aeroporti (Ta) in merito alla richiesta del comune di Sesto Fiorentino di rinviare della conferenza dei servizi per lo scalo fiorentino, indetta per il 7 settembre.

L'articolo Sesto F. chiede rinvio conferenza servizi su Peretola proviene da www.controradio.it.