Sesto F.no: volantini denigratori contro sindaco Falchi

Sesto F.no: volantini denigratori contro sindaco Falchi

Volantini denigratori nei confronti del sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi dove la giunta comunale è finita nel mirino della critica di cittadini e consiglieri in seguito alla decisione di abbattere 50 tigli in viale XX Settembre per interrare l’elettrodotto.

In forma anonima, sono stati pubblicati volantini con la scritta “Il silenzio dei vili” con sotto la faccia del sindaco Lorenzo Falchi. Numerosi i messaggi di solidarietà.

“Questa mattina in viale XX Settembre sono comparsi volantini ingiuriosi con il volto del sindaco Falchi. Al sindaco vogliamo esprimere tutta la nostra solidarietà.” Lo riporta il gruppo consiliare di Sinistra italiana sulla sua pagina facebook.

“Condanniamo nel modo più assoluto questo gesto, inaudito per la nostra città – continua il post di Sinistra Italiana -, frutto di un clima avvelenato e pericoloso, creato ad arte con il ricorso vergognoso alle mezze verità se non a vere e proprie menzogne. Ci aspettiamo che dalle opposizioni arrivi una ferma condanna, dopo la pessima pagina scritta ieri in Consiglio comunale. A chi, dentro e fuori le istituzioni, sta continuando a soffiare sul fuoco per cavalcare strumentalmente questa vicenda confondendone i contorni chiediamo di fermarsi e di ritrovare toni civili e ragionevoli di confronto nell’alveo degli strumenti della democrazia.”

“Non deve esserci nemmeno il lontano sospetto che chi rappresenta i cittadini possa condividere comportamenti dannosi e lesivi per la convivenza nella nostra comunità”, conclude il post.

Solidarietà anche dalla Fiom-Cgil di Firenze che in un comunicato fa sentire la sua vicinanza al primo cittadino di Sesto.

“Esprimiamo piena solidarietà al sindaco Lorenzo Falchi, vittima in queste ore di una violenta campagna denigratoria e intimidatoria portata avanti con modalità di stampo squadrista e fascista.”

“Si possono avere idee diverse e la critica è il sale della democrazia – continua il comunicato -, purché ci si esprima con metodi trasparenti e non attraverso messaggi intimidatori coperti persino dall’anonimato. Questi metodi il sindacato non può accettarli.
Ci auguriamo che questa campagna denigratoria cessi e che la legittima battaglia politica torni nell’ambito dei metodi democratici”, conclude la Fiom-Cgil.

Anche Lorenzo Ballerini, consigliere comunale di Potere al Popolo a Campi Bisenzio esprime soldiarietà con un post su facebook:

Per le vie di Sesto sono apparsi alcuni vergognosi volantini con il volto del sindaco Lorenzo Falchi. A Lorenzo voglio esprimere tutta la mia solidarietà e vicinanza. Una vicenda triste e preoccupante che merita una ferma risposta di tutte le forze democratiche e dell’intera cittadinanza”.

L'articolo Sesto F.no: volantini denigratori contro sindaco Falchi proviene da www.controradio.it.

Peretola, Falchi: “Toninelli ha preferito non assumersi alcuna responsabilità e non presentarsi nemmeno oggi”

Peretola, Falchi: “Toninelli ha preferito non assumersi alcuna responsabilità e non presentarsi nemmeno oggi”

Lorenzo Falchi, sindaco di Sesto Fiorentino, da sempre contrario alla nuova pista, era oggi a Roma per la Conferenza dei servizi al masterplan dell’aeroporto di Firenze. Afferma: “Il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture è guidato da un ministro privo di una linea politica coerente”.

Sul parere favorevole della Conferenza dei servizi al masterplan dell’aeroporto di Firenze, pronunciato oggi, il ministro delle Infrastrutture “con molto candore ha rimpallato la responsabilità sul Mibac e confermato che da parte sua non c’è mai stata la volontà di fermare la procedura”. Lo ha affermato Lorenzo Falchi, sindaco di Sesto Fiorentino, che in una nota ha spiegato di aver incontrato Toninelli oggi a Roma, dove lo stesso Falchi si è recato per partecipare alla riunione e portare il parere negativo del Comune di Sesto.

“Il ministro Toninelli – ha dichiarato il sindaco – ha preferito non assumersi alcuna responsabilità e non presentarsi nemmeno oggi. Ho però avuto il privilegio di incontrarlo per caso sulla porta del ministero e di chiedergli spiegazioni”. Dunque, ha concluso Falchi, “esprimiamo preoccupazione per il dato politico che emerge: contrariamente a quanto detto da sempre e a tutti i livelli, il M5s è a favore della nuova pista e un ministero cruciale come quello dei Trasporti e delle Infrastrutture è guidato da un ministro privo di una linea politica coerente”.

L'articolo Peretola, Falchi: “Toninelli ha preferito non assumersi alcuna responsabilità e non presentarsi nemmeno oggi” proviene da www.controradio.it.

Peretola, Falchi: “Toninelli ha preferito non assumersi alcuna responsabilità e non presentarsi nemmeno oggi”

Peretola, Falchi: “Toninelli ha preferito non assumersi alcuna responsabilità e non presentarsi nemmeno oggi”

Lorenzo Falchi, sindaco di Sesto Fiorentino, da sempre contrario alla nuova pista, era oggi a Roma per la Conferenza dei servizi al masterplan dell’aeroporto di Firenze. Afferma: “Il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture è guidato da un ministro privo di una linea politica coerente”.

Sul parere favorevole della Conferenza dei servizi al masterplan dell’aeroporto di Firenze, pronunciato oggi, il ministro delle Infrastrutture “con molto candore ha rimpallato la responsabilità sul Mibac e confermato che da parte sua non c’è mai stata la volontà di fermare la procedura”. Lo ha affermato Lorenzo Falchi, sindaco di Sesto Fiorentino, che in una nota ha spiegato di aver incontrato Toninelli oggi a Roma, dove lo stesso Falchi si è recato per partecipare alla riunione e portare il parere negativo del Comune di Sesto.

“Il ministro Toninelli – ha dichiarato il sindaco – ha preferito non assumersi alcuna responsabilità e non presentarsi nemmeno oggi. Ho però avuto il privilegio di incontrarlo per caso sulla porta del ministero e di chiedergli spiegazioni”. Dunque, ha concluso Falchi, “esprimiamo preoccupazione per il dato politico che emerge: contrariamente a quanto detto da sempre e a tutti i livelli, il M5s è a favore della nuova pista e un ministero cruciale come quello dei Trasporti e delle Infrastrutture è guidato da un ministro privo di una linea politica coerente”.

L'articolo Peretola, Falchi: “Toninelli ha preferito non assumersi alcuna responsabilità e non presentarsi nemmeno oggi” proviene da www.controradio.it.

Conferenza Servizi, Toccafondi: “Tattica governo è rimandare”

Conferenza Servizi, Toccafondi: “Tattica governo è rimandare”

“Dopo gli orti e un laghetto adesso il problema è un foglio che tutti hanno già visto. Ormai è nota la tattica del Governo: rimandare e ancora rimandare. Firenze non ha bisogno di rinvii, ma di decisioni chiare, definitive e soprattutto di sviluppo”.  Il commento del deputato di Civica Popolare Gabriele Toccafondi e del consigliere della Città Metropolitana, Marco Semplici.

“L’ennesimo rinvio – precisano – Prima il 7 dicembre, oggi si va al 6 febbraio. Aspettiamo così altre due settimane per far leggere, o meglio rileggere, un foglio al Mibac. Sono solo tattiche per non decidere, ma Firenze non può e non deve sottostare a questi giochetti.”

Anche Simona Bonafè, segretaria del Pd toscano, è intervenuta sulla vicenda: “Speriamo che dietro le dichiarate questioni tecniche da parte del ministero dei Beni culturali non si nasconda la volontà politica del governo di bloccare l’ampliamento dello scalo di Peretola peraltro espressa più volte pubblicamente da esponenti sia grillini che leghisti”, ha affermato la segretaria Pd.

“Se si tratta davvero di una questione formale, superabile in pochi giorni, il rinvio di una settimana non preoccupa, – ha proseguito Bonafé – ma se invece dietro presunte questioni procedurali si vuole nascondere la volontà di fermare il processo di ratifica del progetto della nuova pista, allora è un fatto estremamente grave, perché confermerebbe che dietro lo stop al Vespucci c’è la volontà di danneggiare Firenze e la Toscana per motivi elettorali”, ha concluso Bonafé.

Il sindaco di sesto Fiorentino Lorenzo Falchi si è unito al coro politico: “Ancora una volta l’ostinazione di chi a tutti i costi vuole la pista non è bastata. Questo nuovo rinvio, seppur limitato nel tempo, è l’ennesima prova della grande confusione tecnica e politica che circonda la realizzazione del nuovo aeroporto.”

“È sempre più palese come gli interessi in gioco siano soprattutto quelli del privato che, con denaro pubblico, realizzerà e gestirà l’opera – ha continuato il primo cittadino di Sesto -. A dar loro mano c’è il Ministro Toninelli che, evidentemente, vuole essere ricordato come l’artefice a sua insaputa del nuovo aeroporto di Firenze. Smentendo il programma elettorale del M5S a tutti i livelli, dal Ministero dei Trasporti non è arrivata alcuna indicazione, con buona pace degli elettori che avevano mal riposto le proprie speranze di cambiamento.”

“Evidentemente anche per il Governo gli interessi da tutelare sono gli stessi di chi ha governato finora con un’idea di sviluppo sbagliata e insostenibile. Ne prendiamo atto. Come prendiamo atto – conclude Falchi -, ancora una volta, della fondatezza di tutti i nostri dubbi su quest’opera”. 

“Un altro rinvio, un’altra settimana buttata via. E mentre i burocrati delle varie sovrintendenze e dei vari ministeri si gingillano coi formalismi e giocano a passarsi la patata bollente, l’economia toscana soffre e i posti di lavoro attesi non arrivano; a tutto vantaggio di Bologna, non di Pisa, è bene ricordarlo”. Lo dice il segretario generale della Cisl Toscana, Riccardo Cerza.

“Questa farsa deve finire – aggiunge Cerza – Questo deve essere l’ultimo rinvio. Il 6 febbraio una decisione deve essere presa. E per il bene della nostra regione deve essere una risposta positiva.”

 

 

L'articolo Conferenza Servizi, Toccafondi: “Tattica governo è rimandare” proviene da www.controradio.it.

Sarti, Renzi: educava giovani a impegno e libertà 

Sarti, Renzi: educava giovani a impegno e libertà 

Vari i messaggi di cordoglio per la scomparsa di Silvano Sarti, il partigiano ‘Pillo’ della brigata Sinigaglia che aveva combattuto sul Monte Giovi e partecipato alla Liberazione di Firenze dai nazifascisti, a lungo presidente di Anpi Firenze.

“Stanotte ci ha lasciati Silvano Sarti. Era un partigiano che amava stare con i giovani. Raccontava con il suo vocione le storie della Resistenza e della Liberazione di Firenze”, “per me è stato un punto di riferimento e un amico vero. Buon viaggio, Silvano. Grazie per quello che sei stato e che continuerai a essere nel cuore di chi ha camminato con te”. Lo scrive su facebook il senatore Pd Matteo Renzi in merito alla scomparsa a Firenze di Silvano Sarti, il partigiano ‘Pillo’, residente onorario dell’Anpi fiorentina. “I suoi discorsi dell’11 agosto in Palazzo Vecchio erano interminabili e bellissimi canti d’amore per la libertà – ricorda Renzi -. Finiva con tutto il salone in piedi per applaudirlo e lui si voltava piano verso di me: ‘Come sono andato?'”. “Educava i giovani all’impegno – aggiunge -: ‘Ragazzi, voi siete più importanti del telefonino che tenete fisso in mano. Quando s’aveva la vostra età a qualcuno di noi è toccato morire per la vostra libertà’. Amava la politica e incoraggiava tutti a mettersi in gioco, sempre: ‘Mi raccomando, non mollare'”.
“Partigiano Pillo antifascista schietto, esempio per i giovani”, afferma Sandro Fallani, sindaco di Scandicci, cittadina dove era nato Sarti. “Grati per l’esempio e la testimonianza”, le parole del sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi.
Un “instancabile divulgatore di valori alle nuove generazioni. Questo è stato Silvano Sarti” secondo i segretari regionale, metropolitano e comunale di Firenze, Simona Bonafè, Marco Recati e Massimiliano Piccioli che aggiungono: “Non si è limitato ad essere protagonista della Liberazione del nostro paese, ma fino all’ultimo non ha mai mancato un appuntamento o una ricorrenza per portare la sua testimonianza”. Cordoglio anche dal Pd Empolese Valdelsa.
“Ciao Silvano. E grazie di tutto”, le parole dell’on.del Pd Rosa Maria di Giorgi che parla di Sarti come uomo “straordinario”, “simbolo stesso del movimento partigiano fiorentino”.
Lo “ricorderemo sempre con la gratitudine che si deve a chi si è battuto per riaffermare la libertà e la democrazia in questo Paese: se oggi in Italia esistono sindacati liberi lo dobbiamo anche a lui”, le parole del segretario generale della Cisl di Firenze-Prato Roberto Pistonina.
Per il presidente di Anpas Toscana Dimitri Bettini, Sarti “ha seminato anche valori importanti come la solidarietà, il civismo, l’impegno a favore degli ultimi, dei lavoratori, dei bisognosi”

L'articolo Sarti, Renzi: educava giovani a impegno e libertà  proviene da www.controradio.it.