Festival dei Bambini Nuovi Mondi

Festival dei Bambini Nuovi Mondi, 200 eventi a ingresso gratuito da oggi fino a sabato domenica. Inaugurato stamani il Festival. Sono 200 gli eventi a ingresso gratuito, da oggi fino a sabato, del Festival dei Bambini-Nuovi Mondi, organizzato dal Comune di Firenze insieme a Codice.

 

Idee per la cultura, società di progettazione di eventi culturali e di divulgazione scientifica e con la collaborazione di Mus.e per gli allestimenti e la logistica. Insieme alle principali Istituzioni cittadine e ad un centinaio di associazioni fiorentine, collaboreranno all’evento importanti aziende nazionali.
Protagonisti dei tre giorni tutti i bambini da 0 a 13 anni (stamani erano 1400 tra cerimonia inaugurale ed eventi in programma) che ridisegneranno il volto della Città dal centro storico fino al parco delle Cascine e alla Bibliotecanova del Quartiere 4. Più di cinquanta sedi tra le quali Palazzo Vecchio, Archivio Storico Comunale, Palazzo Davanzati, Palazzo Pitti, Istituto degli Innocenti, la Specola, Museo di Orsanmichele, Biblioteca delle Oblate, le Murate, piazza Strozzi, piazza dei Ciompi, piazza SS Annunziata, piazza Ognissanti, Largo Annigoni.
Sei le aree tematiche all’interno delle quali trovare gli stimoli più adatti ai propri gusti e al proprio talento, tra proposte ad alto tasso tecnologico, esperienze creative tra le testimonianze d’arte della città, percorsi alla scoperta delle tracce della storia e della scienza tra le strade e i palazzi di Firenze: GIOCO (sport, danza, giochi di squadra, workshop di circo), GUARDO (mostre, cinema, teatro), ASCOLTO (concerti, letture, incontri, dibattiti per adulti), CRESCO (laboratori sui mestieri, artigianato, nuove tecnologie, funzionamento istituzioni), SCOPRO (storia, arte, scienza, ecologia e alimentazione) e ABBRACCIO (rispetto, condivisione, solidarietà, integrazione).
Palazzo Vecchio ha ospitato, questa mattina, l’iniziativa ‘Sei un campione della Sicurezza?’ di Autostrade per l’Italia. Nella Sala Incontri una serie di divertenti e istruttivi quiz hanno fatto scoprire ai più piccoli i comportamenti corretti da tenere quando si viaggia in autostrada. Nel Salone dei Duecento, invece, gli esperti della Guardia di Finanza di Firenze hanno incontrato oltre 100 alunni per parlare di legalità economica. Protagonista Giuseppe Di Bernardo, uno dei disegnatori del fumetto Diabolik. Nell’occasione è stata realizzata una tavola unica dove sono rappresentati Diabolik, l’ispettore Ginko (che nell’occasione è coadiuvato nelle “indagini” dalla mascotte della Guardia di Finanza, il grifone ‘Finzy’. A conclusione dell’evento, in piazza della Signoria, c’è stata una dimostrazione antidroga delle unità cinofile del corpo.
Sempre a Palazzo Vecchio, questa volta nella Sala d’Arme, è stato viene allestito (a cura di Firenze Festival) un vero e proprio set cinematografico: telecamere, illuminatori, carrello, dolly, chroma ecc. I bambini e i ragazzi usano le attrezzature e/o recitano sullo sfondo del chroma-key. In diretta sui monitor si vedono i risultati delle riprese e, attraverso un mix, gli attori vengono catapultati in mondi fantastici. Si scopre la magia del cinema e gli accorgimenti necessari per realizzarla.
Nel complesso delle Oblate eniscuola ha proposto ‘Dov’è l’energia’ e ‘Terra: istruzioni per l’uso’: Il primo è un gioco multimediale e punta ad aiutare i piccoli a comprendere la complessità del mondo dell’energia e ciò che fa muovere il mondo. Il secondo uno spettacolo teatrale, con la collaborazione della Fondazione Enrico Mattei, che narra le vicende di Gaio, il nostro Pianeta, infuriato per come l’uomo lo tratta.
Grazie al ‘Laboratorio sul gelato’, nella Sala Vetrate de Le Murate, Sammontana fa scoprire i segreti del dolce più buono del mondo. A partire dalla sua storia nei secoli passati e fino ad arrivare ai giorni nostri, che cos’è, come si fa e come si conserva un gelato da leccarsi i baffi. Al termine un piccolo assaggio per tutti i partecipanti.
Poste Italiane realizzerà, questo pomeriggio, l’ ‘annullo speciale’ e un laboratorio filatelico.
Il programma del Festival dei Bambini – Nuovi Mondi prevede anche una serie di Poli Tematici localizzati in diversi punti della città e sedi di alcuni laboratori.
Anzitutto il Polo scientifico alla Specola (OpenLab dell’Università di Firenze, Archimede, Museo Galileo,) con ‘Kiro, un pipistrello per amico’ e ‘Chi scava scova’ (Museo di storia naturale), ‘Nel mondo delle bolle di sapone’, ‘La magia della chimica’, ‘Girandoliamo con la scienza’, ‘Creiamo la chimica’ (OpenLab); ‘Incontriamo Galileo Galilei’ e ‘C’era una volta la scienza’ (Museo Galileo); ‘Archimede gioca con te’ (Museo della Matematica).
A Le Murate, sede del Polo tecnologico, in programma ‘Fikidsimo la tv dei bambini’ (la web tv del festival) e ‘Robot@school – Progettiamo e costruiamo un robot’. Sempre a Le Murate sono previsti laboratori artistici come il ‘Ritratto a tinte tenui’.
Mus.E ha previsto una serie di eventi per far conoscere la storia di Firenze: la città romana e quella medievale ma anche quella medicea e quella ottocentesca.
Tra gli altri eventi ‘Dragobruco’ e ‘Bolle d’aria’, ‘Cinemato…magia’, ‘Il mio nuovo mondo’, un grande disegno condiviso. Grazie a ‘La magia dei bambini’ piazza della Signoria si riempirà di sagome addobbate dai bambini e si potrà seguire la prova generale aperta al pubblico del concerto ‘Concerto n. 2 in la maggiore R. 456 per pianoforte e orchestra’ di Franz Liszt dell’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino diretto da Zubin Mehta.
Tutte le informazioni al sito del Festival: http://www.festivalbambini.it/

 

 

Il nuovo teatro del Maggio musicale sarà inaugurato il 10 maggio

Il nuovo teatro del Maggio musicale sarà inaugurato il 10 maggio,mentre la piazza antistante la struttura, più grande di piazza della Repubblica, sarà pronta il 29 marzo. E’ quanto confermato venerdì scorso durante il sopralluogo della giunta comunale al cantiere del teatro per verificare l’avanzamento dei lavori.

Prima del sopralluogo la giunta si è riunita al nuovo teatro, nella sala prove del ballo. E’ stata la prima volta che gli assessori hanno svolto la seduta fuori da Palazzo Vecchio. Accompagnati dai tecnici e dai responsabili del cantiere, Nardella e gli assessori hanno poi visitato i nuovi spazi della struttura, dai camerini a una delle sale prova dell’orchestra, dal golfo mistica alla graticcia da dove parte, a 32 metri d’altezza, la macchina scenica che muoverà rapidamente e autonomamente i fili delle scenografie. Per il completamente complessivo della struttura è stato confermato che mancano 50, 60 milioni, già richiesti al Governo.

 

Concerto di Natale del Maggio Musicale

Concerto di Natale del Maggio Musicale. Venerdì 13 dicembre, alle ore 20.30, presso l’Auditorium di Santo Stefano al Ponte, il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre alla città un concerto di Natale con il violinista e direttore Stefano Montanari sul podio dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, a eseguire alcuni capolavori del repertorio barocco, di cui Stefano Montanari è esecutore apprezzato a livello discografico e concertistico.


Il concerto si apre con The Arrival of the Queen of Sheba, sinfonia da Solomon HWV 67 di Georg Friedrich Händel e prosegue con un alternarsi di brani noti e suggestivi, soprattutto consoni al periodo natalizio: dal Concerto grosso n. 5 in re minore di Alessandro Scarlatti, al Concerto in fa minore per violino, archi e continuo di Carlo Alessio Razetti, dal Concerto grosso in re maggiore op. 6 n. 1 di Arcangelo Corelli (a terminare l’anno in cui si sono ricordati i 300 anni dalla morte), al Concerto grosso in si bemolle maggiore sempre di Georg Friedrich Händel, dal Concerto in re maggiore per violino, archi e continuo RV 208 Grosso Mogul di Antonio Vivaldi, al Concerto grosso in sol minore op. 6 n. 8 fatto per la notte di Natale di Giovanni Battista Sammartini e alla Suite (Ouverture) n. 1 in do maggiore BWV 1066 di Johann Sebastian Bach.Il Coro del Maggio Musicale Fiorentino diretto da Lorenzo Fratini offrirà uno speciale ‘fuoriprogramma’, unendosi nello spirito augurale della serata.
Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Nabucco apre la stagione 2014 del Maggio

Il Maggio Musicale Fiorentino ha presentato la stagione invernale 2014.

I primi quattro mesi del 2014, da gennaio ad aprile, presentano 3 titoli operistici (Nabucco di Giuseppe Verdi, Madama Butterfly di Giacomo Puccini, La Metamorfosi di Silvia Colasanti), 8 appuntamenti sinfonici (con Kazushi Ono e Vitalij Kowaljow, Daniel Oren e Alexei Volodin, Roberto Abbado e Renaud Capuçon, Andrea Battistoni e Giuseppe Albanese, Ryan McAdams con Paolo Marzocchi e Igor Sklyarov, Xu Zhong, Zubin Mehta e Denis Matsuev), 4 produzioni destinate alle scuole e alla famiglie, realizzate e interpretate da ragazzi e studenti afferenti a diversi percorsi formativi fiorentini ed europei (Il piccolo spazzacamino di Benjamin Britten, Metamorfosi liberamente tratta dall’omonimo racconto di Franz Kafka, Parsifal, il cavaliere del Graal, Le bourgeois gentilhomme, une farce à la saveur d’Italie), 47 occasioni di approfondimento – 2 incontri con il pubblico, 25 guide all’ascolto, 12 conversazioni nei quartieri di Firenze, 8 incontri al Piccolo Teatro con ascolti e proiezioni per ‘conoscere la sinfonia’-.
Ad inaugurare la stagione sarà martedì 21 gennaio 2014, per 6 recite, Nabucco di Giuseppe Verdi, assente dal Teatro Comunale da oltre 30 anni, dal 1977. L’allestimento è quello del Teatro Lirico di Cagliari e dell’Ente Concerti Marialisa De Carolis di Sassari, per la regia di Leo Muscato (miglior regista Premio Abbiati 2012), scene di Tiziano Santi e costumi di Silvia Aymonino. Il primo ed il secondo cast, diretti da Renato Palumbo sul podio, alternano promesse del panorama lirico contemporaneo e possono vantare il ritorno di Leo Nucci, quale guest star nel ruolo principale, per due recite, il 26 e 30 gennaio. Fra i giovani attesi al debutto fiorentino segnaliamo Anna Pirozzi nei panni di Abigaillle, reduce dal successo riscosso durante l’ultima edizione del Festival di Salisburgo.SW

Buon compleanno Maestro Verdi!

Nel giorno del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi giovedì 10 ottobre 2013, ore 18.00,si terrà al  Teatro Goldoni di Firenze una maratona musicale frutto dlle collaborazione fra il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e il Conservatorio Luigi Cherubini.
Gli studenti del Conservatorio  eseguiranno parafrasi di celebri brani verdiani, in voga nell’800, ritrovati fra i tesori della Biblioteca del Conservatorio Cherubini.
Queste parafrasi e trascrizioni ricostruiscono una fotografia importante, quella del contesto artistico e sociale coevo a Verdi: si tratta di riduzioni musicali di celebri arie d’opera per piccoli ensemble o gruppi da camera, che dovevano riprodurre, con organici di volta in volta diversi, quanto veniva messo in scena nei teatri più importanti.
Accanto agli studenti del Conservatorio, due attori, Mario Altemura e Silvia Vettori, introdurranno i diversi momenti dellamaratona, leggendo estratti e scambi epistolari, fra i meno noti, tra Giuseppina Strepponi e Giuseppe Verdi.
Alle 18.30 e alle 20.30 verranno riproposte anche Le romanze da camera di Verdi, da considerarsi, per il compositore di Busseto, un vero e proprio laboratorio, un momento di creazione e studio dove sono state concepite melodie, poi riconoscibili nel repertorio operistico.
La manifestazione occuperà tutti i luoghi (il Foyer delle Colonne, la Sala Grande, la Sala Verde) del Teatro Goldoni, che venne inaugurato nel 1817, quattro anni appena dopo la nascita di Giuseppe Verdi; il luogo è stato scelto in quest’occasione non solo perché coevo all’autore, ma soprattutto quale scrigno ideale per racchiudere i momenti musicali di giovani esecutori e dischiudere, con intimità, la complessa personalità di Verdi.
La maratona terminerà alle 21.00, con una conferenza-concerto curata da Giovanni Vitali (Pianse ed amò per tutti ), che passerà il testimone a giovani cantanti già in carriera, che proporranno alcune fra le arie verdiane più note(soprani Diana Mian e Mariangela Sicilia, tenore Yusif Eyvazov, baritono Byong Ick Cho basso Luca Tittoto, accompagnati al pianoforte da Andrea Severi).
Alla riuscita della manifestazione collaborano le associazioni che, da molti anni, seguono le attività del Teatro: gli Amici del Teatro del Maggio, Firenze Lirica e Il Foyer.
“Siamo onorati di essere chiamati dal Maggio Musicale Fiorentino a partecipare a ‘Buon compleanno, Maestro Verdi’,un’iniziativa prestigiosa che, nel giorno in cui ricorrono i duecento anni dalla nascita di Giuseppe Verdi, vede la collaborazione tra due istituzioni pubbliche che portano l’eccellenza toscana nel mondo. Il progetto è stato pensato insieme, sviluppandosi in diversi mesi, per omaggiare Verdi non solo eseguendo i grandi capolavori operistici: quello che sarà presentato giovedì 10 ottobre presso il Teatro Goldoni non sarà il repertorio popolare e tradizionale, ma la ricerca sofisticata della musica di Verdi, in cui saranno messi in luce aspetti meno conosciuti, come le romanze da camera, e le trascrizioni con cui si divulgava la sua musica già sul finire dell’800, con le reminiscenze di Liszt e le trascrizioni di Legnani, Gardana, Galli, Briccialdi e Wolff. La maratona musicale sarà la vera riscoperta di un modo d’uso della musica di Verdi, basato su una grande comunicatività. Le trascrizioni sono quelle conservate unicamente nella biblioteca del Conservatorio Cherubini.
Il fatto che i nostri allievi e docenti prendano parte all’evento è per il Conservatorio Cherubini un riconoscimento altissimo da parte di una delle istituzioni artistiche più importanti al mondo.Inoltre, l’operazione sarà stimolante per la formazione e per i nostri studenti perché è la riflessione su un altro punto di vista del repertorio verdiano. Ci saranno i nostri cantanti, i nostri strumentisti di tutti i tipi, e gli studenti suoneranno insieme ai maestri: sarà una vera e propria festa della musica, dedicata al genio di Verdi.”
Flora Gagliardi, direttore Conservatorio Cherubini di Firenze