Vicofaro: Salvini esulta con Casa Pound, da sinistra arriva il sostegno a don Biancalani

Vicofaro: Salvini esulta con Casa Pound, da sinistra arriva il sostegno a don Biancalani

“Tempi duri per il prete che ama circondarsi di clandestini africani” tweetta il ministro degli interni. “Quasi una rivendicazione…” ribatte il presidente della giunta regionale

“Tempi duri per il prete che ama circondarsi di clandestini africani, ancora un po” e la canonica scoppiava” sono passate da poco le 13 quando il ministro dell”Interno, Matteo Salvini, lancia il suo cinguettio commentando la notizia della chiusura del centro di accoglienza di Vicofaro. A Salvini, in perfetta consonanza, gli fanno eco , quelli di Casa Pound che, attraverso le parole del portavoce pistoiese Lorenzo Berti, si dicono “ felici per la decisione della Prefettura, augurandosi che questa azione “non rimanga isolata, magari consentendo la riapertura del centro tra pochi mesi”. E chiedendo l”uscita dal progetto Sprar di accoglienza migranti, in polemica con l’amministrazione di centrodestra, evidentemente stimata come troppo molle sul fronte immigrazione.

La capogruppo in Regione Toscana di Articolo Uno-Mdp, Serena Spinelli definisce invece vile e vergognoso l’atteggiamento di Salvini, rinnova la fiducia e il sostegno a don Biancalani, e chiede “una reazione unitaria da parte della societa’ civile”.

“Il ministro dell’Interno aggiunge un altro tassello di vergogna al suo mandato” le fa eco Andrea Maestri, di Possibile. Mentre per Massimo Baldi e Marco Niccolai, consiglieri regionali Pd eletti in provincia di Pistoia “l”attività di accoglienza e di integrazione nei confronti dei migranti da parte di Don Biancalani rappresenta un”esperienza da salvaguardare e da valorizzare, in sintonia con lo spirito di apertura che sempre ha contraddistinto Pistoia e la Toscana”.

E se la Lega parla di ‘situazione non più tollerabile”, il presidente della giunta regionale Toscana Enrico Rossi che stamani è andato a Vicofaro a portare la sua “vicinanza” a don Biancalani definisce ”Quasi una rivendicazione…” le parole di Salvini, ricorda di aver “giurato di rispettare la Costituzione della Repubblica e di svolgere la sua funzione nel rispetto delle leggi” .

A metà pomeriggio la risposta di Don Massimo: “Il centro non e’ chiuso abbiamo trasferito 12 ragazzi in un’altra parte della struttura per il rischio incendi. Ma noi continuiamo con il nostro progetto”, spiega il sacerdote. “Salvini stia tranquillo! Noi non ci fermiamo”.

L'articolo Vicofaro: Salvini esulta con Casa Pound, da sinistra arriva il sostegno a don Biancalani proviene da www.controradio.it.

Fucecchio: danneggiate lapidi eccidio padule

Fucecchio: danneggiate lapidi eccidio padule

Atto vandalico contro le lapidi che ricordano i caduti dell’eccidio del Padule di Fucecchio, del 23 agosto del 1944, che si trovano a Ponte Buggianese (Pistoia). A darne notizia, riportata oggi dalle cronache locali, è stato ieri il sindaco di Ponte Buggianese
Nicola Tesi su facebook.

Il primo cittadino ha sporto denuncia contro ignoti ai carabinieri e ha effettuato un sopralluogo sul posto insieme alla polizia municipale. In particolare le due lapidi, che si
trovano in località Piaggione e Capannone, sono state divelte e la parte marmorea spezzata. Ad avvisare il sindaco sono stati i familiari delle vittime della rappresaglia tedesca. L’atto vandalico sarebbe avvenuto nella notte tra venerdì e sabato
scorsi. Il Comune nel frattempo ha garantito il ripristino dei cippi in vista della cerimonia commemorativa prevista nel giorno dell’anniversario.

“I danneggiamenti ai cippi dei martiri dell’Eccidio del Padule di Fucecchio sono un grave oltraggio alla memoria delle vittime della barbarie nazifascista e un’offesa ai loro familiari.
A loro e all’Amministrazione comunale di Ponte Buggianese, che si è già attivata con le autorità competenti, voglio esprimere solidarietà e vicinanza.
Il nostro territorio non accetta oltraggi alla memoria dei concittadini che furono uccisi senza alcuna umana pietà il 23 agosto 1944.
Mi auguro che le autorità individuino e perseguano i responsabili di un fatto così grave. Quest’anno la memoria dell’Eccidio del 23 agosto avrà un valore ancora più importante per tutti noi” qeusto il commento del consigliere regionale PD

L'articolo Fucecchio: danneggiate lapidi eccidio padule proviene da www.controradio.it.

Fucecchio: danneggiate lapidi eccidio padule

Fucecchio: danneggiate lapidi eccidio padule

Atto vandalico contro le lapidi che ricordano i caduti dell’eccidio del Padule di Fucecchio, del 23 agosto del 1944, che si trovano a Ponte Buggianese (Pistoia). A darne notizia, riportata oggi dalle cronache locali, è stato ieri il sindaco di Ponte Buggianese
Nicola Tesi su facebook.

Il primo cittadino ha sporto denuncia contro ignoti ai carabinieri e ha effettuato un sopralluogo sul posto insieme alla polizia municipale. In particolare le due lapidi, che si
trovano in località Piaggione e Capannone, sono state divelte e la parte marmorea spezzata. Ad avvisare il sindaco sono stati i familiari delle vittime della rappresaglia tedesca. L’atto vandalico sarebbe avvenuto nella notte tra venerdì e sabato
scorsi. Il Comune nel frattempo ha garantito il ripristino dei cippi in vista della cerimonia commemorativa prevista nel giorno dell’anniversario.

“I danneggiamenti ai cippi dei martiri dell’Eccidio del Padule di Fucecchio sono un grave oltraggio alla memoria delle vittime della barbarie nazifascista e un’offesa ai loro familiari.
A loro e all’Amministrazione comunale di Ponte Buggianese, che si è già attivata con le autorità competenti, voglio esprimere solidarietà e vicinanza.
Il nostro territorio non accetta oltraggi alla memoria dei concittadini che furono uccisi senza alcuna umana pietà il 23 agosto 1944.
Mi auguro che le autorità individuino e perseguano i responsabili di un fatto così grave. Quest’anno la memoria dell’Eccidio del 23 agosto avrà un valore ancora più importante per tutti noi” qeusto il commento del consigliere regionale PD

L'articolo Fucecchio: danneggiate lapidi eccidio padule proviene da www.controradio.it.

Fucecchio: danneggiate lapidi eccidio padule

Fucecchio: danneggiate lapidi eccidio padule

Atto vandalico contro le lapidi che ricordano i caduti dell’eccidio del Padule di Fucecchio, del 23 agosto del 1944, che si trovano a Ponte Buggianese (Pistoia). A darne notizia, riportata oggi dalle cronache locali, è stato ieri il sindaco di Ponte Buggianese
Nicola Tesi su facebook.

Il primo cittadino ha sporto denuncia contro ignoti ai carabinieri e ha effettuato un sopralluogo sul posto insieme alla polizia municipale. In particolare le due lapidi, che si
trovano in località Piaggione e Capannone, sono state divelte e la parte marmorea spezzata. Ad avvisare il sindaco sono stati i familiari delle vittime della rappresaglia tedesca. L’atto vandalico sarebbe avvenuto nella notte tra venerdì e sabato
scorsi. Il Comune nel frattempo ha garantito il ripristino dei cippi in vista della cerimonia commemorativa prevista nel giorno dell’anniversario.

“I danneggiamenti ai cippi dei martiri dell’Eccidio del Padule di Fucecchio sono un grave oltraggio alla memoria delle vittime della barbarie nazifascista e un’offesa ai loro familiari.
A loro e all’Amministrazione comunale di Ponte Buggianese, che si è già attivata con le autorità competenti, voglio esprimere solidarietà e vicinanza.
Il nostro territorio non accetta oltraggi alla memoria dei concittadini che furono uccisi senza alcuna umana pietà il 23 agosto 1944.
Mi auguro che le autorità individuino e perseguano i responsabili di un fatto così grave. Quest’anno la memoria dell’Eccidio del 23 agosto avrà un valore ancora più importante per tutti noi” qeusto il commento del consigliere regionale PD

L'articolo Fucecchio: danneggiate lapidi eccidio padule proviene da www.controradio.it.