Nardella, intitolo a Hack ponte tramvia San Donato

Nardella, intitolo a Hack ponte tramvia San Donato

“Per onorare una grande donna ho deciso di intitolare a Margherita Hack il nuovo ponte della tramvia a San Donato”. Lo ha scritto, su Twitter, il sindaco di Firenze Dario Nardella nella giornata della festa della donna.

“Davvero ogni giorno dovrebbe essere la vostra festa. Auguri a tutte le donne”, ha affermato Nardella, che ha rivolto un pensiero anche alla moglie Chiara postando la foto di un mazzo di mimosa.
“Abbiamo voluto lasciare un segno – ha aggiunto Nardella, parlando coi cronisti a margine dell’incontro pubblico con la commissaria europea Elżbieta Bieńkowska – per ricordare una grande donna e una grande fiorentina: Margherita Hack, simbolo della ricerca, dello studio, e della forza che le donne possono incarnare in tanti campi della vita pubblica. Per questo abbiamo deciso di avviare la procedura per l’intitolazione del nuovo ponte di San Donato”.
Il ponte, che passa sopra la rotonda viaria che collega viale Redi, via Forlanini e via di Novoli, di fronte al polo delle Scienze sociali dell’Università di Firenze, è “un ponte che va verso l’alto – ha aggiunto il sindaco – perché è verso l’alto che lo sguardo di Margherita e di tante donne è sempre rivolto”.
La linea T2 Vespucci, nelle intenzioni del Comune di Firenze, sarà peraltro prolungata per collegare al centro e all’aeroporto anche il polo scientifico dell’Università a Sesto Fiorentino.

L'articolo Nardella, intitolo a Hack ponte tramvia San Donato proviene da www.controradio.it.

Nardella, intitolo a Hack ponte tramvia San Donato

Nardella, intitolo a Hack ponte tramvia San Donato

“Per onorare una grande donna ho deciso di intitolare a Margherita Hack il nuovo ponte della tramvia a San Donato”. Lo ha scritto, su Twitter, il sindaco di Firenze Dario Nardella nella giornata della festa della donna.

“Davvero ogni giorno dovrebbe essere la vostra festa. Auguri a tutte le donne”, ha affermato Nardella, che ha rivolto un pensiero anche alla moglie Chiara postando la foto di un mazzo di mimosa.
“Abbiamo voluto lasciare un segno – ha aggiunto Nardella, parlando coi cronisti a margine dell’incontro pubblico con la commissaria europea Elżbieta Bieńkowska – per ricordare una grande donna e una grande fiorentina: Margherita Hack, simbolo della ricerca, dello studio, e della forza che le donne possono incarnare in tanti campi della vita pubblica. Per questo abbiamo deciso di avviare la procedura per l’intitolazione del nuovo ponte di San Donato”.
Il ponte, che passa sopra la rotonda viaria che collega viale Redi, via Forlanini e via di Novoli, di fronte al polo delle Scienze sociali dell’Università di Firenze, è “un ponte che va verso l’alto – ha aggiunto il sindaco – perché è verso l’alto che lo sguardo di Margherita e di tante donne è sempre rivolto”.
La linea T2 Vespucci, nelle intenzioni del Comune di Firenze, sarà peraltro prolungata per collegare al centro e all’aeroporto anche il polo scientifico dell’Università a Sesto Fiorentino.

L'articolo Nardella, intitolo a Hack ponte tramvia San Donato proviene da www.controradio.it.

Chianti di Stelle: il cielo più limpido d’Italia nella notte delle stelle cadenti

Chianti di Stelle: il cielo più limpido d’Italia nella notte delle stelle cadenti

Chianti di Stelle è l’esperienza che l’Osservatorio propone venerdì 10 agosto dalle ore 21.30, nella notte delle stelle cadenti. L’evento prevede osservazioni e visite, immersi nella natura, in assenza totale di luce. L’Osservatorio è frutto di un investimento pubblico, di proprietà dell’Unione comunale del Chianti fiorentino. La prenotazione è obbligatoria. E’ ammesso un numero massimo di visitatori pari a 100. Info e prenotazioni: 3331192517/e.mail: prenota@osservatoriochianti.it.

Barberino Val d’Elsa, a naso all’insù, a rimirar le stelle, aiutati dall’occhio della scienza, uno dei più grandi d’Italia, immersi nella totale assenza di luce. E’ un’esperienza genuina, naturalistica e scientifica, quella proposta dall’Osservatorio polifunzionale del Chianti che nella notte di San Lorenzo, venerdì 10 agosto, dalle ore 21.30, aprirà le porte al pubblico con l’iniziativa “Chianti di Stelle”, in collaborazione con l’Unione comunale del Chianti fiorentino.

La cupola apre una finestra su uno dei cieli più limpidi e puliti del paese e la magia del cosmo ha inizio. Sarà il telescopio Macron, di cui è dotato l’osservatorio chiantigiano, a mostrare l pubblico, adulti e bambini, che gli unici corpi a brillare, nel giorno che invita ad esprimere desideri e a realizzare sogni proiettandoli nell’universo, saranno le stelle, in un abbraccio che la natura regalerà alle colline immerse tra Chianti e Valdelsa. La serata, guidata dai volontari dell’associazione Amici dell’Opc, propone visite all’Osservatorio e osservazioni guidate fino alla mezzanotte.

Nella struttura, caratterizzata da quattro sezioni (astronomica, ambientale, meteorologica, sismica), coabitano scienza, ricerca e cultura. Con l’imprimatur di una madrina d’eccezione, Margherita Hack, che lo ha tenuto a battesimo otto anni fa, l’Osservatorio è un fulcro sociale dove in ogni stagione dell’anno si tengono osservazioni e visite guidate per cittadini e turisti, science camp per ragazzi, incontri, convegni, mostre d’arte contemporanea ed eventi musicali.

“Le caratteristiche e le potenzialità del telescopio, – spiega l’astrofisico Emanuele Pace – che si distingue per la grandezza dello specchio primario che raggiunge gli 80 cm di diametro, ci permettono di puntare i riflettori sul sistema planetario, nel buio dello spazio, alla ricerca di presenze lontane, “gemelli” terrestri di cui potremmo studiare l’indice di similarità con la terra”.

I Comuni di Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle Val di Pesa sono i proprietari dell’Osservatorio polifunzionale del Chianti. “La struttura – dichiarano i sindaci Giacomo Trentanovi e David Baroncelli – è uno dei punti di orgoglio del nostro territorio, nato dalla passione di un gruppo di astrofili di Tavarnelle e Barberino, un sogno che i Comuni dell’Unione per un investimento complessivo pari a 400mila euro circa hanno tradotto in realtà, oggi l’Osservatorio è uno spazio poliedrico finalizzato alla divulgazione della cultura scientifica che entra nelle scuole, porta le stelle alle famiglie, collabora con le associazioni locali e il nostro tessuto economico”. Info:  www.osservatoriodelchianti.it. Opc su Facebook.

 

 

L'articolo Chianti di Stelle: il cielo più limpido d’Italia nella notte delle stelle cadenti proviene da www.controradio.it.