Ceccardi: “Vergognosa aggressione verso i nostri sostenitori e militanti da parte di 40 anarchici”. Salvini: “Lunedì sarò a Carrara”

Ceccardi: “Vergognosa aggressione verso i nostri sostenitori e militanti da parte di 40 anarchici”. Salvini: “Lunedì sarò a Carrara”

Marina di Carrara, con un messaggio sul suo account ufficiale, Twitter, l’europarlamentare della Lega, Susanna Ceccardi, ha denunciato quella che lei stessa ha definito: “Una gravissima aggressione anarchica”, nei confronti di militanti della Lega.

Tutto, ha poi spiegato, Susanna Ceccardi sarebbe accaduto sabato sera dopo le 21:00, quando un gruppo di persone che stavano sfilando in un corteo non autorizzato, avrebbe attaccato un gazebo dei militanti della Lega.

“Vergognosa aggressione a Marina di Carrara verso i nostri sostenitori e militanti da parte di 40 anarchici – ha denunciato Susanna Ceccardi – hanno rovesciato il gazebo portandoselo poi letteralmente via e anche colpito, con le aste delle nostre bandiere, i militanti. Ha chiesto l’intervento dell’ambulanza un signore cardiopatico che poi si è ripreso”.

È inaccettabile questa violenza, – continua la Ceccardi nel suo video-post su Twitter – un fatto gravissimo, le nostre militanti e sostenitrici sono scioccate – ha commentato Ceccardi annunciando che lunedì pomeriggio Matteo Salvini “sarà qui appositamente” dopo quanto accaduto. Ceccardi spiega che della vicenda si sta occupando la polizia.

“Lunedì alle 15:30 sarò a Carrara – ha postato infatti sul suo account ufficiale Instagram Matteo Salvini – sul luogo dell’aggressione squadrista a donne, anziani e militanti leghisti. Vigliacchi e violenti non fermeranno la voglia di cambiamento di carraresi e toscani perbene”.

Sul posto c’era anche il consigliere provinciale della lega Nicola Pieruccini, che sempre nerl video della Ceccardi racconta: “Stavamo montando il gazebo, siamo stati aggrediti da una cinquantina di persone in magliette nere e bandiere nere che hanno cominciato a malmenarci con i bastoni delle nostre bandiere”.

“È incredibile che in pieno centro a Marina di Carrara, possano succedere cose di questo tipo. Alcuni dei nostri militanti hanno dovuto richiedere intervento medico in ambulanza, spero esistano delle immagini e che possano servire alla polizia per individuare queste persone, che non posso nemmeno chiamare facinorosi, questi sono dei veri e propri delinquenti”.

L'articolo Ceccardi: “Vergognosa aggressione verso i nostri sostenitori e militanti da parte di 40 anarchici”. Salvini: “Lunedì sarò a Carrara” da www.controradio.it.

Pnnr, 143 milioni di euro per i porti toscani

Pnnr, 143 milioni di euro per i porti toscani

Firenze, con l’intesa raggiunta nel corso della Conferenza Stato-Regioni è stata stabilita la ripartizione del fondo complementare del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnnr)per il settore portuale.

Alla Toscana vanno un totale di 143 milioni di euro dal Pnnr, per interventi che riguardano i porti di Marina di Carrara, Livorno, Portoferraio e Piombino.

“Si tratta di uno stanziamento per interventi ai quali abbiamo lavorato con determinazione e che rappresentano cinque opere fondamentali per lo sviluppo della nostra portualità. Ringraziamo il Governo per aver messo a disposizione della Toscana queste importanti risorse che siamo da subito impegnati ad utilizzare in tempi brevi”.

Esprimono tutta la loro sodisfazione il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, l’assessore regionale alle infrastrutture, Stefano Baccelli e il consigliere delegato Gianni Anselmi che si occupa, tra le altre materie, del PNNR e delle aree di crisi complessa.
Nel dettaglio gli interventi riguardano la realizzazione di alcune previsioni del Waterfront del porto di Marina di Carrara, per un totale di 10,15 milioni di euro.

A Livorno sono due gli interventi previsti. Il primo riguarda la fornitura di energia elettrica da banchina per le navi tipo portacontainer a banchina presso la Darsena Toscana e la Darsena Europa, con un intervento da 16 milioni di euro. Il secondo prevede la fornitura di energia elettrica da banchina per le navi da crociera e di tipo Roro Pax presso l’area passeggeri per un importo di 29,5 milioni di euro.

Anche a Portoferraio l’intervento comporterà la fornitura di energia elettrica da banchina per le navi tipo crociera e Roro Pax a banchina presso l’area passeggeri, con un investimento di 16 milioni di euro.

L’intervento economicamente più consistente, pari a 71 milioni di euro, è in programma a Piombino dove (con uno stanziamento di 55 milioni di euro) è stata interamente finanziata la nuova strada di accesso al porto e con 16 milioni la fornitura di energia elettrica per le navi in banchina.

Tutti i finanziamenti saranno erogati all’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, che li gestirà.

L'articolo Pnnr, 143 milioni di euro per i porti toscani da www.controradio.it.

“Violentata in spiaggia in Toscana”

“Violentata in spiaggia in Toscana”

Marina di Carrara, si era fermata per fare un bagno a Marina di Carrara, lungo il tragitto per raggiungere alcuni amici in un’altra città toscana. Una sosta trasformatasi in un incubo per una 24enne, studentessa straniera in viaggio in Italia per vacanza: la giovane ha denunciato ai carabinieri di Carrara di essere stata aggredita e violentata sulla spiaggia da un uomo nella notte tra domenica e lunedì scorsi.

La conferma che la ragazza sia stata violentata è arrivata dai medici del pronto soccorso dell’ospedale Noa di Massa. Secondo una prima ricostruzione dei fatti dei carabinieri di Carrara, la giovane, in viaggio in auto per andare a trovare alcuni amici in Toscana, avrebbe deciso di fare tappa a Carrara, per riposarsi qualche ora. Attirata dal mare, avrebbe deciso di fare un bagno e poi di mangiare un panino, dopo aver parcheggiato l’auto in una piccola piazza sul lungomare.

Passate da poco le 23, mentre ancora stava mangiando vicino all’auto, così la 24enne ha raccontato ai militari, le si è avvicinato un uomo, che in inglese le ha chiesto una sigaretta. Neanche il tempo di scambiare due chiacchiere e la studentessa si sarebbe ritrovata a terra, in preda alla furia dell’aggressore. L’uomo, dopo la violenza è fuggito.

La 24enne, sotto choc, avrebbe iniziato a vagare per Marina di Carrara cercando aiuto. In suo soccorso è poi intervenuta una guardia giurata, con cui è riuscita a parlare solo grazie al traduttore simultaneo del cellulare. Il vigilante l’ha quindi accompagnata al pronto soccorso e dall’ospedale sono stati chiamati i Carabinieri. All’inizio la giovane sarebbe stata così impaurita e confusa da non riuscire a ricordare quasi nulla dell’accaduto: la descrizione del suo aggressore l’ha fornita agli investigatori soltanto alcune ore dopo. In base a quanto spiegato dalla giovane il suo aggressore sarebbe un uomo “dalla pelle chiara”, secondo la 24enne “non italiano”.

Le forze dell’ordine stanno concentrando le ricerche su alcune persone già note, solite frequentare la movida di Marina di Carrara. Al setaccio soprattutto case abbandonate e ritrovi abituali di piccoli spacciatori. La studentessa ha trascorso la notte scorsa in una struttura protetta assieme alle volontarie del centro antiviolenza di Carrara e con il supporto di una psicologa dei servizi sociali del Comune.

L'articolo “Violentata in spiaggia in Toscana” da www.controradio.it.

Cave: Ceccarelli presenta il piano Toscana sostenibile

Cave: Ceccarelli presenta il piano Toscana sostenibile

Presentato oggi a Marina di Carrara (Massa Carrara) piano regionale sulle cave. “Quello che abbiamo approvato è un Piano cave economicamente, ambientalmente e socialmente sostenibile. Siamo aperti alle osservazioni che ci arriveranno e contiamo di approvarlo definitivamente entro la fine dell’anno”, ha detto l’assessore regionale alla pianificazione del territorio Vincenzo Ceccarelli.

Ceccarelli spiega, in un convegno a Marina di Carrara, i contenuti del documento, adottato a luglio dal Consiglio regionale, che disciplina l’estrazione del marmo in Toscana. Il documento si trova ora nella fase delle osservazioni che precede l’approvazione definitiva. “Il quadro conoscitivo che oggi abbiamo – aggiunge Ceccarelli – è il frutto di un imponente lavoro di ricerca che ci ha portato a considerare 640 aree, escludendone circa un terzo. Abbiamo poi calcolato i possibili volumi di escavazione da qui ai prossimi venti anni. Ne è uscito un piano equilibrato che permette uno sviluppo sostenibile del settore estrattivo, garantendo occupazione nel rispetto dell’ambiente”.
La fase della concertazione ha portato alla sintesi tra i diversi interessi contrapposti: coloro che vogliono aumentare l’attività attrattiva, chi vuole una maggiore tutela ambientale e coloro che desiderano un beneficio sociale dei proventi dell’estrazione. Nel lavoro preparatorio del piano, si legge nella nota della Regione, sono stati individuati gli ambiti in cui è riscontrabile la presenza di materiale coltivabile e definite le regole per la tutela e l’approvvigionamento. Tra gli obiettivi si sottolineano anche il perseguimento dell’autosufficienza locale per ridurre le importazioni, la promozione del riuso dei materiali e la valorizzazione delle filiere produttive locali, il tutto in un’ottica di riduzione degli oneri e dei rischi ambientali.

L'articolo Cave: Ceccarelli presenta il piano Toscana sostenibile proviene da www.controradio.it.

Cave: Ceccarelli presenta il piano Toscana sostenibile

Cave: Ceccarelli presenta il piano Toscana sostenibile

Presentato oggi a Marina di Carrara (Massa Carrara) piano regionale sulle cave. “Quello che abbiamo approvato è un Piano cave economicamente, ambientalmente e socialmente sostenibile. Siamo aperti alle osservazioni che ci arriveranno e contiamo di approvarlo definitivamente entro la fine dell’anno”, ha detto l’assessore regionale alla pianificazione del territorio Vincenzo Ceccarelli.

Ceccarelli spiega, in un convegno a Marina di Carrara, i contenuti del documento, adottato a luglio dal Consiglio regionale, che disciplina l’estrazione del marmo in Toscana. Il documento si trova ora nella fase delle osservazioni che precede l’approvazione definitiva. “Il quadro conoscitivo che oggi abbiamo – aggiunge Ceccarelli – è il frutto di un imponente lavoro di ricerca che ci ha portato a considerare 640 aree, escludendone circa un terzo. Abbiamo poi calcolato i possibili volumi di escavazione da qui ai prossimi venti anni. Ne è uscito un piano equilibrato che permette uno sviluppo sostenibile del settore estrattivo, garantendo occupazione nel rispetto dell’ambiente”.
La fase della concertazione ha portato alla sintesi tra i diversi interessi contrapposti: coloro che vogliono aumentare l’attività attrattiva, chi vuole una maggiore tutela ambientale e coloro che desiderano un beneficio sociale dei proventi dell’estrazione. Nel lavoro preparatorio del piano, si legge nella nota della Regione, sono stati individuati gli ambiti in cui è riscontrabile la presenza di materiale coltivabile e definite le regole per la tutela e l’approvvigionamento. Tra gli obiettivi si sottolineano anche il perseguimento dell’autosufficienza locale per ridurre le importazioni, la promozione del riuso dei materiali e la valorizzazione delle filiere produttive locali, il tutto in un’ottica di riduzione degli oneri e dei rischi ambientali.

L'articolo Cave: Ceccarelli presenta il piano Toscana sostenibile proviene da www.controradio.it.