Marina di Pietrasanta: aggredisce e minaccia compagna, arrestato

Marina di Pietrasanta: aggredisce e minaccia compagna, arrestato

Resistenza e lesioni a pubblico ufficiale sono i reati commessi da un uomo di Marina di Pietrasanta di 48 anni già noto alle forze dell’ordine arrestato dai carabinieri, perché ieri sera è andato a casa della compagna e l’ha aggredita e minacciata di morte.

Successivamente si è scagliato contro i militari intervenuti per calmare la situazione. I carabinieri sono intervenuti presso l’abitazione a Marina di Pietrasanta in provincia di Lucca, della donna perché l’uomo la stava minacciando di morte. Mentre stavano per calmarlo, ha aggredito i carabinieri colpendone uno con una testata al volto.

Dopo non poche difficoltà è stato bloccato e condotto in caserma dove ha trascorso la notte in attesa dell’udienza di convalida presso il tribunale di Lucca.

I carabinieri di Lucca in seguito all’intervento hanno ricevuto le cure dei sanitari del pronto soccorso Versilia, uno per lesione a un labbro per la testata ricevuta e l’altro per un colpo a un braccio.

L'articolo Marina di Pietrasanta: aggredisce e minaccia compagna, arrestato proviene da www.controradio.it.

Giovani investiti in Versilia, gravissima la giovane sarda

Giovani investiti in Versilia, gravissima la giovane sarda

Dei giovani sono stati investiti durante la notte di Halloween in Versilia, gravissima la giovane ragazza sarda. I genitori della ragazza in Toscana, veglia di preghiera a Dorgali

Sono gravissime le condizioni di Michela Sotgia, una giovane ragazza sarda, studentessa universitaria di 19 anni di Dorgali (Nuoro) ricoverata all’ospedale Cisanello di Pisa, dopo essere stata investita sulle strisce pedonali a Marina di Pietrasanta mentre con due amici usciva da un locale dopo aver festeggiato la notte di Halloween in Versilia.

I genitori ieri sono volati in Toscana al capezzale della ragazza al primo anno della facoltà di Fisica a Pisa dove era arrivata solo un mese fa dalla Sardegna. La notizia dell’incidente di Michela ha sconvolto la comunità di Dorgali che si è stretta intorno alla famiglia: al padre Gigi Sotgia che fa l’allevatore, alla madre Maddalena Lai casalinga e alla sorella Elena che vive a Dublino.

Stamattina il parroco del paese don Michele Casula ha aperto la chiesa di Santa Caterina per una veglia di preghiera per la giovane. “In questo giorno così importante siamo tutti invitati a pregare per Michela Sotgia – ha scritto nel sito della parrocchia – Siamo tutti vicini a lei alla sua famiglia”.

L'articolo Giovani investiti in Versilia, gravissima la giovane sarda proviene da www.controradio.it.

Giovani investiti in Versilia, gravissima la giovane sarda

Giovani investiti in Versilia, gravissima la giovane sarda

Dei giovani sono stati investiti durante la notte di Halloween in Versilia, gravissima la giovane ragazza sarda. I genitori della ragazza in Toscana, veglia di preghiera a Dorgali

Sono gravissime le condizioni di Michela Sotgia, una giovane ragazza sarda, studentessa universitaria di 19 anni di Dorgali (Nuoro) ricoverata all’ospedale Cisanello di Pisa, dopo essere stata investita sulle strisce pedonali a Marina di Pietrasanta mentre con due amici usciva da un locale dopo aver festeggiato la notte di Halloween in Versilia.

I genitori ieri sono volati in Toscana al capezzale della ragazza al primo anno della facoltà di Fisica a Pisa dove era arrivata solo un mese fa dalla Sardegna. La notizia dell’incidente di Michela ha sconvolto la comunità di Dorgali che si è stretta intorno alla famiglia: al padre Gigi Sotgia che fa l’allevatore, alla madre Maddalena Lai casalinga e alla sorella Elena che vive a Dublino.

Stamattina il parroco del paese don Michele Casula ha aperto la chiesa di Santa Caterina per una veglia di preghiera per la giovane. “In questo giorno così importante siamo tutti invitati a pregare per Michela Sotgia – ha scritto nel sito della parrocchia – Siamo tutti vicini a lei alla sua famiglia”.

L'articolo Giovani investiti in Versilia, gravissima la giovane sarda proviene da www.controradio.it.