Prato, figlio con minore: il neuropsichiatra Cogne chiamato per perizia

Prato, figlio con minore: il neuropsichiatra Cogne chiamato per perizia

Il perito che dovrà valutare le condizioni psicologiche della 32enne di Prato accusata di aver intrattenuto rapporti sessuali con un minorenne, sarà il neuropsichiatra Renato Ariatti. Ariatti è stato sarà nominato questa mattina nel corso della seconda udienza del processo. La perizia richiederà 120 giorni.

La 32enne di Prato è a processo per atti sessuali con minore e violenza sessuale. Il marito è invece accusato di alterazione di stato per aver dichiarato la paternità del bambino nato la scorsa estate che, come ha dimostrato il test del dna, era figlio giovane. Ad effettuare la
perizia psicologica sarà la neuropsichiatra Renato Ariatti. L’uomo era già perito nel processo contro Anna Maria Franzoni, la madre di Cogne condannata per l’omicidio del figlio. La perizia durerà 120 giorni.
“Il quesito del giudice è articolato, visiterò la signora e valuterò il suo stato psichico nel momento in cui, in ipotesi, sono stati commessi i reati”, ha detto Ariatti. Nel corso della seconda udienza del processo, la procura di Prato ha sostenuto che i rapporti sessuali sarebbero cominciati da quando il minore aveva 13 anni. Il ragazzino era infatti suo allievo per lezioni private di inglese.
Uno dei due difensori della donna, l’avvocato Mattia Alfano, ha spiegato che la perizia del neuropsichiatra dovrà stabilire anche “qual è lo stato psichico attuale” dell’imputata, agli arresti domiciliari dal marzo scorso. “Il collegio difensivo ritiene che non sussistano i motivi per la reiterazione dell’eventuale reato, che sono alla base della misura cautelare che tutt’ora colpisce la mia assistita. Questa perizia sarà dunque utile, nella nostra visione, a far recedere il tribunale dall’intento di persistere con la misura”, ha spiegato Alfano.
Nell’udienza di oggi, la seconda del processo, sono stati ascoltati gli investigatori della polizia. Alla prossima udienza di lunedì 28 ottobre saranno invece ascoltati fra gli altri i genitori della presunta vittima del reato, che oggi è 16enne.
Il servizio di Sara Carullo

L'articolo Prato, figlio con minore: il neuropsichiatra Cogne chiamato per perizia proviene da www.controradio.it.

Figlio con 15enne: al via il processo con rito abbreviato

Figlio con 15enne: al via il processo con rito abbreviato

E’ cominciato oggi, presso il tribunale di Prato, il processo in rito abbreviato contro la 32enne pratese accusata di aver avuto rapporti sessuali con un minorenne, oggi 15enne, da cui ha avuto un figlio la scorsa estate. A processo anche il marito della donna, accusato di aver alterato il proprio stato civile dichiarando di essere lui il padre del bambino.

I coniugi sono arrivati al palazzo di giustizia di Prato e la donna, che si trova ai domiciliari dal 27 marzo per aver avuto rapporti sessuali con un 15enne, non ha rilasciato dichiarazioni. “Stiamo discretamente bene – ha invece detto il marito – affronteremo il processo insieme”.

Per la particolarità del processo a giudizio immediato, non sono previste testimonianze: saranno utilizzate le parole del racconto che il minorenne ha reso negli scorsi mesi durante l’incidente probatorio.

La difesa della donna, rappresentata dagli avvocati Mattia Alfano e Massimo Nistri, sostiene da tempo che gli atti sessuali si sarebbero verificati solo dopo il compimento del quattordicesimo anno di età della presunta vittima, mentre il minorenne, nel corso dell’incidente probatorio, ha sostenuto il contrario.

L'articolo Figlio con 15enne: al via il processo con rito abbreviato proviene da www.controradio.it.