Stazzema: consegnate le 241mila firme per la legge antifascista

Stazzema: consegnate le 241mila firme per la legge antifascista

Il Sindaco di Sant’Anna di Stazzema Maurizio Verona ha consegnato a Roma le 241mila firme raccolte per promuovere una legge che contrasti i fenomeni di apologia del fascismo.

Era il 19 ottobre del 2020 quando il Comitato promotore, presieduto dal Sindaco di Sant’Anna di Stazzema Maurizio Verona, depositò in Cassazione la domanda per la proposta di legge di iniziativa popolare contro la propaganda fascista e nazista. Per portare la proposta in Parlamento servono normalmente 50mila firme. Al 31 marzo 2021, data di scadenza per la raccolta, il Comitato ha raggiunto la cifra record di 241mila firme. Un successo straordinario che ha visto una grande mobilitazione popolare, sostenuta da tanti. Da Roberto Benigni a Fabio Fazio, fino a senatrice a vita Liliana Segre.

Da non confondere con l’Anagrafe antifascista – altra iniziativa del Comune di Sant’Anna di Stazzema – la legge di iniziativa popolare cerca di intervenire su tutti quei fenomeni che cercano di propagandare, promuovere e rilanciare il fascismo e il nazismo. Eppure ci sarebbe una  legge del 1952, la 645, che sanziona chiunque “promuova od organizzi sotto qualsiasi forma, la costituzione di un’associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista, oppure chiunque pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo”.

Eppure ci sarebbe anche la così detta “Legge Mancino”, la numero 205 del 1993, che pure sanziona e condanna “frasi, gesti, azioni e slogan aventi per scopo l’incitamento all’odio, l’incitamento alla violenza, la discriminazione e la violenza per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali”. Oltre naturalmente l’utilizzo di emblemi o simboli.

Eppure tutto ciò fin ora non è bastato. Da Sant’Anna di Stazzema provano adesso a rilanciare. E lo fanno memori ogni giorni di non essere un comune come un altro, ma il luogo dove 12 agosto del 1944, le truppe naziste, guidate da fascisti del posto, uccisero 560 persone. Tra queste, i bambini erano 130.

L'articolo Stazzema: consegnate le 241mila firme per la legge antifascista proviene da www.controradio.it.

Legge Antifascista Stazzema: “Superato l’obiettivo delle 50mila firme”

Legge Antifascista Stazzema: “Superato l’obiettivo delle 50mila firme”

Adesso è necessario che i moduli con le firme vengano inviati per posta per presentare la legge di iniziativa popolare Antifascista Stazzema prima del 31 marzo

“In questo ultimo periodo sta crescendo un fenomeno di negazionismo della Shoa e di affermazione di simboli e oggetti che ricordano il fascismo e il nazismo: due ideologie criminali del secolo scorso”, dichiara Maurizio Verona, sindaco di Stazzema e presidente del comitato promotore, “per questo motivo stiamo portando avanti questa legge di iniziativa popolare che sta riscuotendo un grande successo sul territorio nazionale”.

La proposta di legge di iniziativa popolare che introduce norme specifiche “contro la propaganda e la diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti” era partita dal Comune di Sant’Anna di Stazzema. Lo proposta intende disciplinare pene e sanzioni verso coloro che attuano propaganda fascista e nazista con ogni mezzo, in particolare tramite social network e con la vendita di gadget.

“Ci hanno sostenuto in questa campagna Roberto Benigni, Fabio Fazio, Vauro, Staino: molti volti noti nel mondo dello spettacolo e del giornalismo”, continua Verona, “mi ha fatto piacere ricevure l’adesione dei sindaci di Milano e di Palermo, Leoluca Orlando ha fatto anche una video-conferenza con alcune associazioni siciliane per promuovere la raccolta firme”.

Il 31 marzo 2021 si concluderà la raccolta firme per portare la legge in Parlamento e rendere possibile l’approvazione del progetto di iniziativa popolare.

“Ogni giorno mettiamo in ordine i pacchi con le firme che riceviamo da tutta Italia e siamo costantemente in contatto con la Camera dei Deputati per essere sicuri di non commettere errori”, conclude il sindaco Verona, “invito a continuare a firmare fino all’ultimo giorno: più firme significano un sostegno maggiore alla nostra proposta di legge” .

Tutte le informazioni per partecipare si trovano nel gruppo facebook e sul sito

Sentiamo l’intervista al sindaco di Stazzema, Maurizio Verona

L'articolo Legge Antifascista Stazzema: “Superato l’obiettivo delle 50mila firme” proviene da www.controradio.it.

Morta Carla Nespolo, prima presidente donna Anpi

Morta Carla Nespolo, prima presidente donna Anpi

Sindaco Stazzema (LU): guidava la transizione dell’associazione verso l’età in cui non potremo più avere la fortuna di avere testimoni della resistenza

“Avevamo incontrato in tante occasioni Carla Nespolo, prima presidente donna dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e primo presidente che non aveva combattuto la guerra di Liberazione che stava guidando la transizione dell’associazione verso l’età in cui non potremo più avere la fortuna di avere i testimoni di quella stagione importantissima della nostra storia. Ha guidato l’associazione in tante battaglie in cui la discriminante è sempre stata la conservazione, la promozione e l’attualizzazione del patrimonio storico e morale della Resistenza che si trova nella Costituzione, ma anche nelle battaglie di valori di ogni giorno”. Così, in una nota, il sindaco di Stazzema (Lucca), Maurizio Verona, presidente del Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema apprende “con grande sconforto” della morte della presidentessa dell’Anpi Carla Nespolo ed esprime il cordoglio alla famiglia da parte del Comune e del Parco della pace.

“A Stazzema – aggiunge Verona – abbiamo cercato anche noi di fare questo: raccogliere una eredità di quella stagione e trasformarla in un impegno quotidiano: essere antifascisti oggi non è un vezzo, né una questione di principio anacronistico, è essere dalla parte dell’attuazione dei principi contenuti nella nostra Carta Costituzionale”, continua il sindaco di Stazzema, “Carla Nespolo ci trasmette e ci lascia il suo rigore morale e la trasparenza del suo impegno perché i giovani facessero proprio il patrimonio della Resistenza che oggi viene messo in discussione dal ritorno di simboli e messaggi fascisti. Per questo vogliamo da Stazzema iniziare una raccolta di firme per una legge di iniziativa popolare contro simboli e propaganda fasciste”.

L'articolo Morta Carla Nespolo, prima presidente donna Anpi proviene da www.controradio.it.

Sindaco Stazzema: raccogliamo firme per legge contro propaganda fascista

Sindaco Stazzema: raccogliamo  firme per legge contro propaganda fascista

Lo ha detto il sindaco di Stazzema (Lucca), Maurizio Verona, alle celebrazioni dell’anniversario della strage nazista di Sant’Anna del 12 agosto 1944 che fece 560 vittime tra la popolazione civile

“Raccoglieremo le firme per avanzare una proposta di legge popolare contro la propaganda fascista. Ormai ovunque vediamo gadget che richiamano il fascismo. Negli stadi, nei palazzetti dello sport, nelle strade, sui muri vediamo svastiche e simboli neonazisti. Così come nel linguaggio e nei toni. Per troppi anni abbiamo sottovalutato”. Lo ha detto il sindaco di Stazzema (Lucca), Maurizio Verona, alle celebrazioni dell’anniversario della strage nazista di Sant’Anna del 12 agosto 1944 che fece 560 vittime tra la popolazione civile. Verona, che ha ricordato l’istituzione dell’Anagrafe Antifascista già due anni fa, ha anche detto che “passa anche il messaggio che il fascismo ha fatto anche cose buone: chi sostiene questo non ha studiato la storia ed è complice delle ideologie criminali. L’assuefazione e l’indifferenza a certi comportamenti sono le cose peggiori”. La proposta di legge popolare, per la quale serviranno 50.000 firme per essere presentata, ha un comitato di cui “fanno parte diverse personalità. Hanno dato la loro adesione Bruno Possenti dell’Anpi Nazionale; il nipote di Ferruccio Parri, Ferruccio Parri (è omonimo), il figlio di Aldo Cervi Adelmo; Silvia Calamandrei, nipote di Piero Calamandrei, giovani e altre personalità”. Alla cerimonia Enrico Pieri, Presidente dell’Associazione Martiri di Sant’Anna, con grande emozione, ha ringraziato tutti i presenti per aver onorato i martiri di Sant’Anna di Stazzema invitando tutte le istituzioni a mantenere alta l’attenzione per la memoria e a proseguire l’impegno verso Sant’Anna di Stazzema.

L'articolo Sindaco Stazzema: raccogliamo firme per legge contro propaganda fascista proviene da www.controradio.it.