Corto Fiorentino all’ Odeon

Lunedì 18 novembre si terranno  le proiezioni  e le  premiazioni dei cortometraggi del concorso “Corto Fiorentino – Giovani visioni del Quartiere 1″ al Cinema Odeon, alle ore 15.00. L’iniziativa, all’interno del Festival “50 giorni di cinema internazionale a Firenze”, prevede quattro corti in concorso: Peripatetikos; Incroci; An Italian in Florence; L’argonauta. Sarà inoltre proiettato il cortometraggio fuori concorso “Riflessi della città” ed il corto “La mia fuga” realizzato dai ragazzi dell’Istituto Penale Minorile di Firenze, per la regia di Maria Luisa Carretto.
Corto Fiorentino

Corto Fiorentino, il primo bando di concorso per cortometraggi promosso dal Consiglio di Quartiere 1, è giunto alla sua seconda edizione. Questo progetto è nato dalla volontà della Commissione Giovani e Sport, che in collaborazione con la Commissione Cultura, ha deciso di non concentrarsi esclusivamente sui consueti servizi per la prevenzione del disagio, ma di promuovere anche attività che consentano ai giovani fiorentini di esprimersi attraverso varie forme di arte,potenziando e rilanciando spazi di pensiero creativo ed espressivo. Corto Fiorentino è diventato quindi un’importante opportunità per ragazze e ragazzi dai 16 a 30 anni, non solo del Centro Storico, ma di tutta la città di Firenze, per esprimere i propri pensieri, le proprie visioni, i propri stati d’animo attraverso il linguaggio audiovisivo. Anche coloro che non avevano mai utilizzato una telecamera hanno potuto realizzare il proprio cortometraggio grazie alla assistenza tecnica fornita dalla F.S.T. Mediateca, senza la quale il progetto non sarebbe stato possibile. Il linguaggio audiovisivo, così come qualsiasi altra forma di espressione artistica, è diventato quindi un modo per ragazze e ragazzi di esprimersi, per rafforzare la consapevolezza di sé, per rafforzare la propria personalità e costruire un tassello importante per divenire quindi attori protagonisti del proprio futuro. La seconda edizione di Corto Fiorentino ha visto la partecipazione attiva di oltre 20 ragazzi che nell’arco di qualche mese hanno imparato a tradurre in video una storia, un racconto, uno stato d’animo. I ragazzi, infatti, divisi in gruppi da un minimo di 3 ad un massimo i 5 componenti, hanno presentato un progetto di ortometraggio in forma scritta e sono stati selezionati dalla giuria per ricevere assistenza tecnica finalizzata a tradurre in video il progetto. Sempre grazie alla collaborazione della FTS Mediateca, il bando ha visto, inoltre, la realizzazione di un cortometraggio insieme ai ragazzi detenuti presso l’Istituto Penale Minorile con il quale il Consiglio di Quartiere 1 collabora da diversi anni.