Covid: steward anti assembramenti a mercato centrale Firenze

Covid: steward anti assembramenti a mercato centrale Firenze

Steward anti assembramenti saranno presenti venerdì e sabato nel fine settimana pasquale in aggiunta altre misure sicurezza per mantenere il distanziamento

Steward anti assembramenti allo storico mercato centrale di Firenze. Venerdì e sabato al piano terra due steward anti assembramenti controlleranno che le persone mantengano la distanza di sicurezza attorno ai banchi.

L’iniziativa, spiega una nota, si aggiunge alle misure di sicurezza già adottate dal piano terra del mercato centrale che prevedono percorsi separati di entrata e uscita, mascherina obbligatoria e utilizzo di dispositivi per la sanificazione.

“Abbiamo deciso di ingaggiare due addetti al controllo, in vista del weekend pasquale, in modo da migliorare la gestione delle presenze all’interno del mercato e garantire il massimo rispetto delle distanze di sicurezza” spiega Massimo Manetti, presidente del consorzio dello storico mercato centrale.

“Si tratta di un servizio finalizzato ad agevolare il rispetto degli attuali e, ripeto, già stringenti protocolli anti contagio – prosegue Manetti commentando l’iniziativa degli steward anti assembramenti-. Nonostante il momento di difficoltà abbiamo deciso comunque di fare un ulteriore sforzo per rendere ancora più sicura l’esperienza di acquisto dei nostri clienti e di tutta la città. Inoltre, i due incaricati faranno anche da deterrente per migliorare il decoro della zona”.

Le 27 botteghe del primo piano avevano tirato giù la saracinesca a novembre, durante la seconda ondata del Coronavirus, mentre il piano terra era rimasto sempre aperto.

L'articolo Covid: steward anti assembramenti a mercato centrale Firenze proviene da www.controradio.it.

A Firenze il Mercato centrale lancia i saldi alimentari

A Firenze il Mercato centrale lancia i saldi alimentari

Iniziativa piano terra del mercato centrale di Firenze: obiettivo difendere km0 con i saldi alimentari

Il piano terra del Mercato centrale, a Firenze, lancia i saldi dell’alimentare: gli sconti, si legge in una nota, possono arrivare fino al 30% con prodotti che vanno dalla carne al pesce fino a pane, pizza, dolci, specialità toscane e piatti della tradizione.

L’obiettivo è poter portare a casa una spesa a km0: ogni settimana inoltre saranno scelti cinque prodotti, da vendere in modalità sottocosto. In generale il Mercato ha deciso di bloccare i prezzi per tutto l’anno con i saldi alimentari.

Il volantino delle offerte sarà pubblicato ogni sabato, dal 30 gennaio, sulla pagina Facebook ‘Storico Mercato centrale Firenze’ e gli articoli sottocosto saranno identificati tramite il cartellino ‘sconto social’.

“I produttori sono in difficoltà, i ristoranti hanno chiuso e le nostre botteghe, che si riforniscono da fattorie, campagne e allevamenti del territorio, per via delle limitazioni che riguardano la mobilità, vendono meno – spiega Massimo Manetti, presidente del Consorzio dello storico Mercato Centrale -. Ci auguriamo, con questo mese di sconti, di sensibilizzare i fiorentini e di riportarli a fare la spesa in centro, a vivere i piccoli negozi e le botteghe”.

Le 27 botteghe del primo piano avevano tirato giù la saracinesca a novembre, durante la seconda ondata del Coronavirus, mentre il piano terra era rimasto sempre aperto.

L'articolo A Firenze il Mercato centrale lancia i saldi alimentari proviene da www.controradio.it.

Mercato Centrale Firenze lancia la ‘Spesa del fiorentino’

Mercato Centrale Firenze lancia la ‘Spesa del fiorentino’

🔈Firenze, con l’obiettivo di riportare i fiorentini a vivere il centro, a frequentare i suoi negozi e i suoi mercati, gli under 40 dell’associazione ‘Firenze Regna’ lanciano la ‘Spesa del fiorentino’, un’idea nata in collaborazione con il piano terra dello storico Mercato Centrale.

Quelli di ‘Firenze Regna’, sono 100 giovani fiorentini che hanno infatti deciso di dare un contributo concreto al mercato preferendo le botteghe storiche alla spesa ai supermercati e ricevendo in cambio una card.

A partire dal 16 novembre gli aderenti all’iniziativa al momento della spesa esibiranno infatti la tessera sulla quale il commerciante metterà un timbro: dopo dieci timbri, verrà offerta ai possessori della card una colazione all’italiana con caffè o cappuccino e brioche direttamente nei bar del piano terra.

L’iniziativa, come ha spiegato il presidente dell’associazione ‘Firenze Regna’ Giacomo Criscenti “consente di aiutare economicamente tante attività che appartengono alla cultura fiorentina, con le loro famiglie e i propri lavoratori, ma anche di sostenere un’istituzione storica della nostra città”.

“Tutti i nostri prodotti oltre a essere a chilometro zero, in quando noi ci riforniamo da campagne, allevamenti e fattorie del posto – ha aggiunto Massimo Manetti, presidente del Consorzio dello Storico Mercato Centrale – sono anche estremamente convenienti. Il nostro obiettivo è duplice: difendere e portare avanti la tradizione fiorentina e l’identità nel cuore di Firenze e portare nelle case di ogni famiglia, a prezzi decisamente competitivi, prodotti genuini e sani”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il vice presidente del Consorzio dello Storico Mercato Centrale, Roberto Conti:

L'articolo Mercato Centrale Firenze lancia la ‘Spesa del fiorentino’ proviene da www.controradio.it.

Firenze: dal 4 al 6 ottobre Nosotras per l’Eredità delle Donne

Firenze: dal 4 al 6 ottobre Nosotras per l’Eredità delle Donne

Firenze, ci sono i grandi temi di cui si occupa da anni l’associazione nelle proposte portate da Nosotras agli eventi del Circuito OFF de L’Eredità delle Donne che andranno in scena dal 4 al 6 ottobre 2019.

Il 4 ottobre con l’associazione Nosotras si tratterà della lotta e il contrasto alle Mutilazioni Genitali Femminili: sarà infatti occasione di presentazione ufficiale della recente pubblicazione promossa da Nosotras che ha ottenuto il patrocinio dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Firenze “Un atlante di riferimento diagnostico e didattico per i professionisti della salute”; grazie al lavoro di anni dei dottori Lucrezia Catania, Jasmine Abdulcadir e Omar Abdulcadir è stato creato un manuale pratico che offre agli operatori sanitari preziosi strumenti per trattare le donne portatrici di MGF. E’ una pubblicazione che l’associazione ha voluto sostenere per tornare a rinnovare il proprio impegno a favore della formazione e preparazione di tutte quelle figure che si possano trovare a contatto con donne che provengono da paesi a tradizione escissoria per facilitare l’accesso al diritto alla salute e alla cura e sostenere la prevenzione della pratica. L’incontro si terrà presso la sede dell’Ordine dei Medici (dalle 10 alle 12 in via Vannini 15) ed è ad accesso gratuito ma solo su prenotazione.

I progetti di empowerment e i percorsi di mutuo auto aiuto: cuore della seconda iniziativa promossa da Nosotras che presenterà così a Firenze la Rete Reama (Rete Nazionale per l’Empowerment e l’Auto Mutuo Aiuto delle donne); formata da associazioni, donne e uomini sensibili al tema della violenza di genere ha anche in Toscana la sua rete sul territorio tra cui l’Associazione Nosotras Onlus. L’incontro è stato promosso grazie alla collaborazione con il Mercato Centrale di Firenze nell’ambito della giornata “Oltre gli stereotipi: tutto quello che una donna può essere”. L’incontro sarà l’occasione di parlare delle modalità con cui, a livello nazionale, i percorsi di mutuo auto aiuto nell’ambito di progetti individuali di empowerment siano, e siano stati, volano di fuoriuscita da percorsi di violenza di genere. Dopo i saluti dell’assessore alle Pari Opportunità del Comune di Firenze, Sara Funaro, e l’introduzione della Presidente dell’Associazione, Laila Abi Ahmed, la vicepresidente della Fondazione Pangea, Simona Lanzoni,  presenterà il lavoro della neonata rete. L’incontro proseguirà con gli interventi di Manuela Campitelli, della Rete Reama, Giovanna Ferrari, madre di Giulia Galiotto, vittima di femminicidio e membro della Rete Reama, l’avvocata Maria Virgilio, della Rete Reama. A rendere prezioso l’incontro il contributo di due realtà del territorio toscano, che sul tema hanno lavorato da anni, come il Cesdi di Livorno, con l’intervento della sua presidente Sherazade Al Basha, e l’Associazione Donne in Movimento di Pisa, con quello di Laura Locascio.

Altri due eventi vedranno partecipe l’associazione Nosotras per questa tre giorni no stop. Il primo promosso dalla Casa editrice ‘Le Lettere’ ovvero l’anteprima con un reading del libro di prossima uscita “Donne Capovolte. Piccole storie di Grandi rivoluzioni quotidiane”: una raccolta di piccole storie di grandi rivoluzioni quotidiane. La pubblicazione sosterrà il progetto di economia sostenibile, circolare e sociale, #ilfashionbelloebuono per, e con, le nuove generazioni. L’incontro si terrà al Giardino dell’Ardiglione in Oltrarno (dalle 16 alle 17,30).

Infine, l’associazione Nosotras offrirà i suoi spazi al Reading teatrale “Antigone non deve morire”, libero adattamento di Anna di Giusto con l’interpretazione di Micaela Frulli: lo spettacolo è ad accesso libero ma su prenotazione e si svolgerà domenica 6 ottobre alle ore 17 in via Faenza 103.

L'articolo Firenze: dal 4 al 6 ottobre Nosotras per l’Eredità delle Donne proviene da www.controradio.it.