Canapisa, sindaco: se autorizzata scendo in piazza

Canapisa, sindaco: se autorizzata scendo in piazza

Lo ha detto il sindaco di Pisa, Michele Conti, al sit in sotto la prefettura promosso dalla Lega, e al quale hanno aderito anche le associazioni dei commercianti. Al presidio c’erano alcune decine di persone.

“Se Canapisa sarà autorizzata io scenderò in piazza lo stesso giorno insieme a tanti pisani per dire di no a questo scempio”. Lo ha detto il sindaco di Pisa, Michele Conti, al sit in sotto la prefettura promosso dalla Lega, e al quale hanno aderito anche le associazioni dei commercianti. Al presidio c’erano alcune decine di persone.
Presente anche il deputato del Carroccio, Edoardo Ziello: “Evidentemente a Pisa – ha detto – c’è qualche funzionario dello Stato che non ha capito che al ministero dell’Interno ora c’è Matteo Salvini, uno che ha messo ai primi posti della sua agenda politica il contrasto allo spaccio di droga. E invece dovrebbe comportarsi di conseguenza”.
Intanto stamani si è svolta la riunione del comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza durante il quale si è discusso della manifestazione programmata per il 18 maggio. Decisioni definitive non ne sono state ancora prese ma l’orientamento della prefettura, secondo quanto emerge, è di “contemperare gli interessi di tutti”.
Domani la Lega e il sindaco Michele Conti consegneranno a Salvini, presente a San Giuliano Terme per un’iniziativa elettorale, un dossier sulla Street parade antiproibizionista sperando che dal responsabile del Viminale arrivi una presa di posizione netta: “Domani incontrerò il ministro – ha concluso Conti – e credo che ci sarà anche il prefetto per un saluto istituzionale e non escludo che si possa parlare di questo tema”. Infine, il sindaco ha annunciato che non concederà “il suolo pubblico ai manifestanti nell’area del carcere Don Bosco dove si è sempre conclusa la manifestazione per un happening musicale fino a notte fonda”.

L'articolo Canapisa, sindaco: se autorizzata scendo in piazza proviene da www.controradio.it.

Polemica su Canapisa: sindaco e Lega pronti a sit-in di protesta

Polemica su Canapisa: sindaco e Lega pronti a sit-in di protesta

Il deputato pisano della Lega Edoardo Ziello, e il sindaco di Pisa Michele Conti, hanno annunciato di essere pronti a partecipare a un sit-in sotto la prefettura, il 3 maggio, per manifestare contro il possibile svolgimento di Canapisa, la 19/a edizione della street parade antiproibizionista in programma in città il prossimo 18 maggio.

Al sit-in ha dato la sua adesione anche il deputato del Carroccio Manfredi Potenti, membro della commissione Giustizia della Camera. “Esprimo – ha scritto il parlamentare in una nota – la mia personale adesione, fisica e ideale, alla proposta lanciata dal collega Edoardo Ziello e dal sindaco Michele Conti di partecipare a un eventuale sit-in davanti alla prefettura di Pisa venerdì pomeriggio, 3 maggio, allo scopo di manifestare contro il possibile corteo Canapisa.”

“Credo opportuna una presa di posizione chiara e diretta di contrarietà nei confronti di un tema di drammatico impatto sociale quale è quello delle droghe in generale – continua Manfredi Potenti – . Non possiamo permettere che, attraverso una manifestazione pubblica, che da anni si svolge a Pisa, passi il messaggio della accondiscendenza ad uno stile di vita antisalutare e degradante per la salute umana”, ha concluso la nota del parlamentare.

L'articolo Polemica su Canapisa: sindaco e Lega pronti a sit-in di protesta proviene da www.controradio.it.

Pisa: street artist dipinge sindaco Lega con t-shirt del Che

Pisa: street artist dipinge sindaco Lega con t-shirt del Che

Il sindaco di Pisa, il leghista Michele Conti, raffigurato nei panni di un turista qualsiasi sul muro di via Dalmazia, nel cuore del centro storico pisano, a due passi dalla celeberrima piazza dei Cavalieri progettata dal Vasari e meta di migliaia di turisti ogni giorno.

E’ l’ultima trovata dello Street artist lucchese Random Guy, la cui vera identità per ora è segreta. Si sa solo che 25 anni e da un paio di mesi è comparso sulla scena toscana.

Per la sua opera ha vestito il sindaco pisano con camicia rigorosamente aperta, bermuda, t-shirt (con la faccia di Che Guevara dipinta con i colori della pace) al collo. In mano una guida intitolata “I love Pisa”. E accanto la didascalia dell’opera firmata da Random Guy e intitolata “Sindaco Conti turista?”: “Questo murales non è stato realizzato in maniera offensiva o tanto meno con l”intento di rovinare la città, pertanto si richiede gentilmente di non rimuoverlo o di danneggiarlo in alcun modo. Peace”.

L'articolo Pisa: street artist dipinge sindaco Lega con t-shirt del Che proviene da www.controradio.it.

Pisa, No Bancarelle: ‘Protestare serve ancora’

Pisa, No Bancarelle: ‘Protestare serve ancora’

Promotori appello No Bancarelle: ‘grazie al ministro Bonisoli’.

“Qualche volta volere è potere. Questa vittoria ci dà la speranza che protestare serva ancora”. Lo affermano in una nota i primi firmatari, Valeria Caldelli, Pierluigi D’Amico e Silvia Silvestri, dell’appello “Mai più bancarelle in piazza Duomo” che ha raccolto oltre 2500 adesioni, dopo le parole del ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, che si è detto nettamente contrario al rientro in piazza dei Miracoli degli ambulanti che vendono souvenir.

“Sapevamo che il ministro Bonisoli – prosegue la nota – era sensibile a queste riflessioni e abbiamo fortemente sperato che si facesse interprete dei nostri desideri. Lo ringraziamo per la chiarezza e per avere posto la parola fine a un contenzioso durato decenni, inammissibile in una civile società moderna”.

Oggi Caldelli, D’Amico e Silvestri hanno incontrato il sindaco di Pisa, Michele Conti, chiedendogli “di liberare completamente le aree intorno ai monumenti: da piazza dell’Arcivescovado a via Cardinale Maffi, da piazza Manin a Largo Cocco Griffi, ma allontanandole anche da piazza Manin senza collocarle nell’area verde dietro il muro che divide l’ospedale Santa Chiara da piazza Duomo con conseguente apertura di due varchi nel muro stesso”.

“La soluzione più adeguata – conclude la nota – è il parcheggio di via Pietrasantina, dove arrivano tutti i bus turistici: 43.272 pullman per un totale di oltre due milioni di turisti annui”.

L'articolo Pisa, No Bancarelle: ‘Protestare serve ancora’ proviene da www.controradio.it.

Pisa, No Bancarelle: ‘Protestare serve ancora’

Pisa, No Bancarelle: ‘Protestare serve ancora’

Promotori appello No Bancarelle: ‘grazie al ministro Bonisoli’.

“Qualche volta volere è potere. Questa vittoria ci dà la speranza che protestare serva ancora”. Lo affermano in una nota i primi firmatari, Valeria Caldelli, Pierluigi D’Amico e Silvia Silvestri, dell’appello “Mai più bancarelle in piazza Duomo” che ha raccolto oltre 2500 adesioni, dopo le parole del ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, che si è detto nettamente contrario al rientro in piazza dei Miracoli degli ambulanti che vendono souvenir.

“Sapevamo che il ministro Bonisoli – prosegue la nota – era sensibile a queste riflessioni e abbiamo fortemente sperato che si facesse interprete dei nostri desideri. Lo ringraziamo per la chiarezza e per avere posto la parola fine a un contenzioso durato decenni, inammissibile in una civile società moderna”.

Oggi Caldelli, D’Amico e Silvestri hanno incontrato il sindaco di Pisa, Michele Conti, chiedendogli “di liberare completamente le aree intorno ai monumenti: da piazza dell’Arcivescovado a via Cardinale Maffi, da piazza Manin a Largo Cocco Griffi, ma allontanandole anche da piazza Manin senza collocarle nell’area verde dietro il muro che divide l’ospedale Santa Chiara da piazza Duomo con conseguente apertura di due varchi nel muro stesso”.

“La soluzione più adeguata – conclude la nota – è il parcheggio di via Pietrasantina, dove arrivano tutti i bus turistici: 43.272 pullman per un totale di oltre due milioni di turisti annui”.

L'articolo Pisa, No Bancarelle: ‘Protestare serve ancora’ proviene da www.controradio.it.