Maltempo: sassi e detriti in strada, litorale pisano chiuso

Maltempo: sassi e detriti in strada, litorale pisano chiuso

Maltempo: disagi e danni a Marina di Pisa per la forte mareggiata della notte scorsa che in un tratto di litorale ha portato sulla strada detriti e ciottoli e creato danni alla rete fognaria.

In mattinata è stato necessario l’intervento della Protezione civile comunale che, spiega una nota del Comune, “ha provveduto a chiudere le strade al transito veicolare e ad attivare il servizio di spurgo delle fognature per eliminare i ristagni causati dall’acqua di mare”.
Sul posto anche il primo cittadino Michele Conti: “Ho trovato – ha detto Conti – lo scenario che purtroppo da anni i residenti sono abituati a vedere. Ogni volta che c’è una mareggiata, in quel tratto, acqua e sassi invadono la strada, fanno danni alle fognature e alle case. Siamo intervenuti per tamponare l’emergenza tempestivamente, ma dobbiamo una volta per tutte trovare una soluzione”.
“Faccio un appello al presidente, Eugenio Giani, – ha ripreso il sindaco – affinché la Regione Toscana si renda disponibile a sedersi a un tavolo tecnico con il Comune e tutti gli enti interessati, per finanziare opere di difesa idraulica che riescano una volta per tutte a difendere Marina di Pisa dal mare”.
A Pisa, lungo l’Aurelia, i vigili del fuoco hanno rimosso un albero caduto sul manto stradale.
In Medio Valdarno in funzione la nuova cassa di espansione sull’Ombroncello e si sta monitorando il corretto funzionamento delle opere idrauliche e l’andamento dei fiumi e torrenti tra Ombrone Pistoiese e Bisenzio. In Versilia è in funzione tutto il sistema idraulico delle pompe idrovore per i territori sotto il livello del mare.
Il lago di Massaciuccoli in crescita ha richiesto l’accensione straordinaria dell’impianto Bufalina. In Lunigiana monitorato l’andamento dei livelli del fiume Magra. Aulla e Bagnone in piena superano il livello di guardia. Acceso l’impianto idrovoro di Aulla città. A Massa Carrara attivazione delle stazioni fisse delle idrovore per aiutare l’acqua piovuta a defluire. In funzione gli impianti Fossa Maestra a Carrara, Brugiano e Magliano a Massa.
Intervento sul canale Poveromo, verso il Cinquale, dove il Consorzio ha piazzato un’ idrovora mobile di emergenza per scolmare le zone interne.
Infine a Lucca un cipresso danneggiato sul baluardo San Colombano sarà abbattuto mentre a Livorno, in località Sassocritto, i pompieri sono intervenuti per un albero pericolante

L'articolo Maltempo: sassi e detriti in strada, litorale pisano chiuso proviene da www.controradio.it.

Pisa Book Festival: riparte la fiera dell’editoria indipendente in formato digitale

Pisa Book Festival: riparte la fiera dell’editoria indipendente in formato digitale

Il nuovo formato online del Festival prevede quattro giorni di diretta, da giovedì 3 a domenica 6 dicembre, dalle ore 10 alle 20 sui canali YouTube e Facebook con ospiti collegati da ogni parte d’Italia.

Nel giorno di apertura giovedì 3 dicembre alle ore 11.30 la diciottesima edizione del Pisa Book Festival ospiterà il lancio della Toscana dei Festival, progetto realizzato dalla Regione Toscana nell’ambito del Patto per la Lettura. Dopo i saluti istituzionali del sindaco di Pisa, Michele Conti, del Presidente della Regione Toscana,  Eugenio Giani e del presidente della Fondazione Pisa, Stefano Del Corso, si aprirà il convegno sui festival del libro in Toscana, coordinato da Francesca Navarria e Paolo Ciampi.

Testimoni d’eccezione saranno Ernesto Ferrero, scrittore e direttore del Salone del Libro di Torino, lo scrittore Sacha Naspini, Simone Innocenti, scrittore e giornalista, il conduttore televisivo Osvaldo Bevilacqua, Fabio Galati, direttore di Repubblica- Firenze.

Madrina di questa edizione online è la scrittrice Milena Agus con il suo libro “Un tempo gentile”.

L’importanza del libro e della lettura sono al centro della conversazione fra Lina Bolzoni e Nicola Gardini  che concludono la giornata di venerdì 4 parlando dei grandi miti del Rinascimento, la lettura e l’arte.

Guardare al passato pensando al futuro è il filo conduttore della conversazione con Salvatore Veca, filosofo italiano che presenta la sua autobiografia “Prove di autoritratto” scritta con Sebastiano Mondadori.

Guarda al passato anche la conversazione con Arnaldo Marcone, storico dell’antichità, che ricostruisce l’atmosfera culturale italiana nel momento del passaggio dalla dittatura fascista alla repubblica democratica nel volume “Dopo il fascismo. La questione giovanile secondo Antonio La Penna”.

Un passato molto recente ma sempre tutto italiano è quello che ripercorre Marco Gasperetti, firma del Corriere della Sera, nel suo libro “La società dei giornalisti estinti” che presenta con Giuseppe Meucci, giornalista della Nazione.

Il programma dell’evento è disponibile al sito.

L'articolo Pisa Book Festival: riparte la fiera dell’editoria indipendente in formato digitale proviene da www.controradio.it.

Ambiente: Firenze e Pisa piantano alberi per ogni nuovo nato

Ambiente: Firenze e Pisa piantano alberi per ogni nuovo nato

Sono 1300 gli alberi piantati e associati ad altrettanti bambini e bambine nati o adottati nel corso del 2020 a Firenze. Gli altri 700, per arrivare al totale dei 2000 nati e adottati in città, saranno messi a dimora entro fine anno durante la stagione propizia.

A piantare il 1301esimo albero al giardino del Bobolino sono stati il sindaco Dario Nardella e l’assessora all’Ambiente Cecilia Del Re in occasione della Giornata nazionale degli alberi: è stato messo a dimora un nocciolo per Lorenzo, nato nei giorni scorsi all’ospedale di Careggi.

L’iniziativa fa parte del progetto ‘Un albero per ogni nuovo nato’ che prevede appunto la messa a dimora di un nuovo albero per ogni nuovo nato: il sistema collega in modo automatico e casuale il nuovo albero piantato ai codici fiscali dei neonati. “Andiamo avanti per costruire una città sempre più verde e a misura di bambino, ancora più importante per il futuro post Covid – ha detto il sindaco -.

Dalle pareti verdi nelle scuole, ai nuovi alberi, giardini e parchi, sono tanti i progetti che stiamo realizzando per raggiungere questo obiettivo, anche grazie alle nuove tecnologie e alla partecipazione dei cittadini e dei più piccoli. Sono proprio i bambini infatti i protagonisti del cambiamento, da coinvolgere e sensibilizzare maggiormente sui temi ambientali”.

L’assessora Del Re ha sottolineato che “in un momento così difficile per la città è ancora più significativo celebrare e contare i nuovi nati e abbinare a ogni bambino anche una nuova pianta, simbolo di vita e di speranza”.

A Pisa l’amministrazione comunale ha festeggiato la giornata con la piantumazione di 100 nuovi alberi nell’area verde di via Maccatella a Cisanello. Le nuove piantumazioni, costituite da sette diverse specie arboree daranno vita ad un nuovo bosco urbano dedicato ai nuovi nati dell’anno 2019. “Oggi piantiamo questi alberi del nuovo bosco urbano di via Maccatella – ha dichiarato il sindaco Michele Conti – come gesto simbolico che ha però una grande valenza per i bambini a cui il bosco è dedicato. Piantare un nuovo albero oggi significa garantire alle generazioni future una città più verde e meno inquinata, con aree in tutti i quartieri dove poter passeggiare e ritrovarsi. Ci stiamo impegnando per rendere Pisa sempre più verde e i numeri lo dimostrano: solo in quest’anno abbiamo piantumato 475 nuovi alberi in tutta la città”

L'articolo Ambiente: Firenze e Pisa piantano alberi per ogni nuovo nato proviene da www.controradio.it.

Torna Internet Festival, sguardo sul futuro web ai tempi del coronavirus

Torna Internet Festival, sguardo sul futuro web ai tempi del coronavirus

A Pisa dall’8 all’11 ottobre con iniziative live e online per altri 3 mesi

Dalla matematica, l’informatica e i big data prestati alla medicina per predire la diffusione della malattie, all’etica delle tecnologie, fino allo smart working, all’intelligenza artificiale e al diritto della Rete. Sono alcuni dei temi al centro della decima edizione di Internet Festival, la kermesse dedicata al web come fenomeno sociale e culturale, che torna a Pisa dall’8 all’11 ottobre con iniziative live e in streaming, in linea con le normative anticontagio. Fra gli ospiti del Festival, presentato oggi a Firenze, la ministra per l’Innovazione Paola Pisano con esponenti della sua task force anti-Covid come Paolo De Rosa, Dino Pedreschi e Fosca Giannotti.

Gli eventi dei quattro giorni di Festival si terranno in dieci diverse location e fulcro al centro congressi “Le Benedettine”, dal vivo e in streaming, per poi proseguire via web fino a dicembre.

“Complice il Covid, il tema dell’innovazione digitale e della comunicazione telematica ora entra prepotentemente anche nell’agenda di governo”, spiega il presidente della Fondazione Sistema Toscana, Iacopo Di Passio. “E’ una ripartenza – ha detto Claudio Giua, direttore del Festival -, e soprattutto il tentativo da parte dell’Internet Festival di interpretare al meglio lo spirito della comunità digitale che in questi mesi è stata fondamentale per molti settori del Paese”.

Per Michele Conti, sindaco di Pisa, il Festival è “un evento qui nato e cresciuto che conferma la vocazione antica, attuale e futura della città come luogo di scienza e di ricerca, protagonista delle più significative tappe della rivoluzione digitale”. Internet Festival è promosso da Regione Toscana, Comune di Pisa, Registro.it e Istituto di Informatica e Telematica del Cnr, Università di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna, Scuola Normale Superiore insieme a Camera di commercio di Pisa, insieme a Provincia di Pisa e Associazione Festival della Scienza. Progettazione e organizzazione sono a cura di Fondazione Sistema Toscana.

L'articolo Torna Internet Festival, sguardo sul futuro web ai tempi del coronavirus proviene da www.controradio.it.

Pisa, moschea: ora il sindaco vuole ‘confrontarsi’ con comunità musulmana

Pisa, moschea: ora  il sindaco vuole ‘confrontarsi’ con comunità musulmana

Lo ha detto il sindaco di Pisa Michele Conti, facendo il punto dell’iter amministrativo dopo la sentenza del Tar della Toscana che ha accolto i ricorsi della comunità islamica contro il diniego del permesso a costruire

“Dopo la sentenza del Tar ci sono a due scenari: eseguire la sentenza, abdicando al potere regolatorio dell’ente, e far costruire la moschea in quell’area oppure aprire un confronto con la comunità musulmana per trovare una localizzazione diversa che non confligga con il Regolamento Urbanistico”. Lo ha detto il sindaco di Pisa Michele Conti, facendo il punto dell’iter amministrativo dopo la sentenza del Tar della Toscana che ha accolto i ricorsi della comunità islamica contro il diniego del permesso a costruire. “Tuttavia – ha aggiunto Conti – la variante urbanistica che consente la completa riqualificazione dello stadio va avanti e diverrà efficace in tutte le sue parti tranne quella annullata dal Tar che riguarda la moschea. Non lo dico io ma i tecnici che hanno studiato le carte e i legali che, dopo una meditata e ponderata lettura della sentenza, si sono espressi in tal senso”. La ‘partita’ legata alla costruzione di una nuova moschea a Pisa, progetto sempre contrastato dalla Lega che oggi governa la città, era legata a quella della riqualificazione dell’attuale stadio e inserita in un’unica variante urbanistica. Ora la vicenda-moschea sarà enucleata al resto della variante recentemente adottata e che nelle prossime settimane con la pubblicazione sul bollettino regionale diventerà efficace. “La sentenza – ha concluso Conti – ci riporta al 2017 e per realizzare la moschea serve un progetto che non contrasti con le normative in vigore da quell’anno e decise dalla precedente amministrazione di centrosinistra. E’ dunque necessario l’esito di un’istruttoria tecnica che renda l’intervento conforme al Regolamento urbanistico, oppure spiegare che l’area in questione non è idonea alla costruzione di un edificio di culto e che pertanto il Comune consentirà la realizzazione della moschea in un’altra area, da individuarsi d’intesa con la comunità islamica”.

L'articolo Pisa, moschea: ora il sindaco vuole ‘confrontarsi’ con comunità musulmana proviene da www.controradio.it.