🎧 A Firenze la sesta edizione del Festival della legalità

🎧 A Firenze la sesta edizione del Festival della legalità

Il Festival, ideato e promosso dall’Associazione Il Gomitolo Perduto, nel  trentennale dalle stragi mafiose di Capaci e via D’Amelio, ha l’obiettivo di “condividere i valori della giustizia, della legalità e della non violenza”.

“A 30 anni dalle stragi che più hanno ferito il nostro paese, fare memoria è un dovere civico imprescindibile. Ma questo non deve in alcun modo impedirci di occuparci anche del presente, per crescere come cittadini consapevoli e informati, in grado di fare rete per opporsi alle mafie a qualunque latitudine. L’obiettivo del Festival della Legalità che promuoviamo con tenacia ogni anno con l’Associazione il Gomitolo Perduto è anche quello di portare sotto i riflettori personaggi che quotidianamente lottano contro le mafie, persone troppo spesso isolate, che hanno fatto della loro esistenza un manifesto vivente di impegno e opposizione, sacrificando per questo tutta la propria vita” lo ha dichiarato Mimma Dardano, Presidente onoraria e fondatrice dell’Associazione per la legalità Il Gomitolo Perduto, presentando la sesta edizione del Festival della legalità.

Il Festival si aprirà venerdì 10 giugno con la Cena per la Legalità, organizzata in collaborazione con l’Istituto Alberghiero Saffi alla quale parteciperanno numerosi ospiti tra cui la vicepresidente della Regione Toscana Stefania Saccardi, l’Assessora all’Educazione e Welfare Sara Funaro e l’Assessora Ambiente e Turismo Cecilia del Re. Il menù sarà curato da Filippo Cogliandro, ambasciatore antiracket per la ristorazione in Italia e nel mondo, che si è ribellato alla mafia e ha rifiutato la scorta. Cogliandro organizza da anni le Cene per la Legalità, con cui si impegna a collaborare soprattutto con ragazzi per diffondere il più possibile il suo messaggio. Ogni giorno, nella sua Accademia Gourmet, valorizza la sua terra, ricercando ogni volta la freschezza, la genuinità e la bellezza del suo territorio. Per la cena fiorentina tutti i prodotti saranno Made in Tuscany e offerti da Coldiretti. L’intrattenimento musicale della serata sarà a cura di Lorenzo Andreaggi, attore, regista e cantante fiorentino.

Nella serata di sabato 11 giugno, a partire dalle 21 al Caffè Letterario nel cortile delle Murate, si terrà il dibattito “Vittime di Stato e di Mafia” con la presentazione del libro “Io posso, due donne sole contro la mafia” scritto da Marco Lillo e PIF ed edito da Feltrinelli. Dopo i saluti istituzionali del Sindaco Dario Nardella, interverrà Savina Pilliu, protagonista insieme alla sorella Maria Rosa, della storia di resistenza civile raccontata nel libro. Le sorelle Pilliu non hanno ceduto alle minacce di un costruttore legato alla mafia, combattendo per oltre 30 anni in difesa della propria abitazione. I loro avversari sono poi stati arrestati e condannati ad un cospicuo risarcimento, che però non potranno mai pagare poiché i loro beni sono stati sequestrati dopo l’arresto; lo Stato italiano, pretende dalle sorelle Pilliu le dovute tasse sul risarcimento, seppure mai incassato. Presenti alla discussione anche gli autori del libro: Marco Lillo in presenza e PIF con un video messaggio.

Sul palco anche Don Pino De Masi, responsabile di Libera per la Piana di Gioia Tauro. L’incontro sarà moderato da Lisa Ciardi, de La Nazione e introdotto da Mimma Dardano, fondatrice e presidente onorario dell’Associazione Il Gomitolo Perduto.

Durante la serata, verrà presentata la canzone: “Piazza Leoni”, dedicata alla vicenda delle sorelle Pilliu, scritta e interpretata da Gioele e Zanze.

La Marcia della Legalità chiuderà il Festival nella giornata di domenica 12 giugno: due percorsi di lunghezze diverse attraverseranno il centro della città per poi congiungersi e terminare all’Accademia dei Georgofili in via Lambertesca, luogo simbolo delle stragi di mafia per la nostra città, dove nella notte tra il 26 e il 27 maggio del 93, persero la vita i coniugi Fabrizio Nencioni e Angela Fiume con le loro figlie Nadia e Caterina e lo studente Dario Capolicchio.

Qui l’Assessore alla legalità Alessandro Martini accoglierà i partecipanti all’Accademia con un momento di commemorazione. Prenotazione obbligatoria segreteria@gomitoloperduto.org/ 3201111590

“È un festival che mette insieme tante iniziative per non dimenticare una delle pagine più buie della nostra Repubblica – ha detto l’assessore a Educazione e Welfare Sara Funaro – e ricordare il dramma delle stragi mafiose di Capaci e via D’Amelio a trent’anni di distanza. I valori della giustizia, della legalità e della non violenza, che sono alla base di questa manifestazione ci appartengono, sono fortemente radicati nella nostra comunità e l’associazione il Gomitolo perduto con questa iniziativa offre alla città un’occasione preziosa per tenere viva la memoria su temi per i quali è necessario continuare a tenere alta l’attenzione. Ed è importante farlo a partire dalla scuola”. Nei nostri istituti – ha continuato Funaro – sono svariati i progetti de ‘Le Chiavi della città’ dedicati a promuovere la cultura e il valore della legalità nelle sue varie declinazioni perché crediamo che sia importante educare i cittadini fin da piccoli su queste tematiche”.

PROGRAMMA COMPLETO DEL FESTIVAL DELLA LEGALITÀ

VENERDÌ 10 GIUGNO “Cena della legalità” a cura dello chef Filippo Cogliandro, ambasciatore antiracket per la ristorazione in Italia e nel mondo insieme agli studenti dell’Istituto Alberghiero Saffi. Intrattenimento musicale a cura di Lorenzo Andreaggi

Ristorante dell’Istituto Alberghiero Saffi in Via del Mezzetta 15 – Firenze ore 19:30.

Prenotazione obbligatoria.

 

SABATO 11 GIUGNO Dibattito “Vittime di Stato e Mafia” – Piazza delle Murate ore 21:00

Introduce la serata: Mimma Dardano

Saluti istituzionali di Dario Nardella Sindaco di Firenze

Presentazione del libro: “Io Posso. Due donne sole contro la mafia” (ed. Feltrinelli) di Marco Lillo e Pif; incontro con l’autore Marco Lillo, Silvana Pilliu e Don Pino De Masi responsabile di Libera per la Piana di Gioia Tauro

Modera l’incontro: Lisa Ciardi – La Nazione

Musica a cura di Joele e Zanze che presenteranno il brano “Piazza Leoni” dedicato alla vicenda delle sorelle Pilliu.

Piazza delle Murate – Firenze ore 21:00

Ingresso Libero

 

DOMENICA 12 GIUGNO “Marcia della Legalità”

Percorso lungo: Partenza ore 9:00 Piazzale Vittorio Veneto

Percorso breve: Ritrovo e partenza ore 10:45/11:00 Piazzale Michelangelo

Gli itinerari termineranno presso l’Accademia dei Georgofili. La camminata si svolgerà anche in caso di maltempo, si consiglia abbigliamento comodo, cappellino, borraccia. Possibilità di rientro verso i punti di partenza. Prenotazione obbligatoria a segreteria@gomitoloperduto.org / 3201111590 – 3275303102

Progetto realizzato a valere sul bando “Siete presente con i giovani per ripartire” promosso dal Cesvot e finanziato da Regione Toscana – GiovaniSì in accordo con il dipartimento per le politiche giovanili e il Servizio Civile Universale. Con il contributo della fondazione CR di Firenze

Percorso lungo: h 9:00 Piazzale Vittorio Veneto (monumento equestre)

Percorso breve: h 10:45 Piazzale Michelangelo (statua del David)

L'articolo 🎧 A Firenze la sesta edizione del Festival della legalità da www.controradio.it.

🎧 Arcigay: “La Salute Sessuale, inizia ad esplorarla con un test”

🎧 Arcigay: “La Salute Sessuale, inizia ad esplorarla con un test”

Firenze, presentata la campagna “La Salute Sessuale, inizia ad esplorarla con un test”, un’iniziativa di divulgazione sui temi della salute sessuale e di testing gratuito HIV/HCV, promossa da Arcigay Firenze Altre Sponde e realizzata dal Collettivo Conigli Bianchi.

Alla presentazione hanno partecipato Mimma Dardano Presidente commissione Politiche sociali e consigliera speciale corretti stili di vita, Mauro Scopelliti Presidente Arcigay Firenze Altre Sponde, Il Dott. Massimo Di Pietro Direttore Struttura Operativa Complessa Malattie Infettive l’Azienda Usi Toscana centro e Gionatella, creativo del Collettivo Conigli Bianchi.

In podcast l’intervista al presidente di Arcigay Firenze, Mauro Scopelliti e Mimma Dardano, Presidente commissione Politiche sociali e consigliera speciale corretti stili di vita del Comune di Firenze, a cura di Gimmy Tranquillo.

La campagna si inserisce all’interno della Spring European Testing Week 2022, che rappresenta un momento di mobilitazione internazionale tra i più importanti e partecipati per la salute pubblica e che fino ad oggi ha contribuito a rendere consapevoli del proprio stato migliaia di persone, informando correttamente su prevenzione e terapie.

L’obiettivo della campagna è l’acquisizione della consapevolezza su rischi, prevenzione, trattamenti disponibili ed il target a cui cl si rivolge sono proprio i gruppi più raramente oggetto di programmi di prevenzione e di promozione della salute, coloro che sono estremamente rilevanti sul piano epidemiologico, ma scarsamente attenzionati: ragazze e ragazzi teenagers LGBTQIA+ e non tra i 16 e i 20 anni, persone transgender, persone LGBTQIA+, uomini che fanno sesso con uomini (MSM).

“In Italia il tema dell’educazione sessuale e della prevenzione dalle Infezioni Sessualmente Trasmissibili (lST) – si legge in un comunicato di Arcigay – è quasi completamente trascurato nelle scuole ed ancora oggi, nel 2022, non risulta affermata la libertà necessaria per parlare di tali argomenti agli adolescenti.  La fascia d’età della popolazione tra i 40 e i 50 anni, ha vissuto l’adolescenza bombardata da un’Insistenza mediatica sui pericoli del contagio da Hiv. Oggi questo rischio è scomparso dal mainstream, ma persevera sia l’ignoranza sull’importanza della prevenzione, che lo stigma della discriminazione verso le persone HIV positive. Inoltre, molti non sono nemmeno consapevoli di essere portatori di una IST e per questa ragione l’attività di test risulta fondamentale: diagnosi precoci portano a cure efficaci ed a una riduzione della diffusione del contagio.

La Testing Week 2022 si terrà in tutta Europa tra il 16 e Il 23 maggio.

INFO: Arcigay

L'articolo 🎧 Arcigay: “La Salute Sessuale, inizia ad esplorarla con un test” da www.controradio.it.

🎧 Hiv, tavolo di coordinamento fiorentino. Dardano: “Fondamentale lavorare assieme”

🎧 Hiv, tavolo di coordinamento fiorentino. Dardano: “Fondamentale lavorare assieme”

HIV: Sensibilizzare e creare strumenti di confronto e  consapevolezza soprattutto tra i giovani. Ha questo obiettivo il tavolo comunale dedicato all’HIV che ha ripreso a riunirsi in questi giorni coordinato  da Mimma Dàrdano, consigliera speciale del sindaco su nuove povertà post-Covid, corretti stili di vita e dipendenze e presidente commissione Politiche sociali.

Chiara Brilli l’ha intervistata

Sensibilizzare ancor di più su un tema su cui c’è ancora troppo poca consapevolezza soprattutto tra i giovani. Ha questo obiettivo il tavolo comunale dedicato all’HIV che si è riunito in modalità telematica, già coordinato da Maria Grazia Monti, e ora da Mimma Dardano, consigliera speciale del sindaco su nuove povertà post-Covid, corretti stili di vita e dipendenze e presidente commissione Politiche sociali, presenti realtà che a vario titolo si occupano del tema, per la LILA Toscana Sabrina Bellini  e  Maria Rosa Zigliani, per la Cooperativa CAT Maria Stagnitta, per la comunità Queer autogestita IREOS Federico Culdretto e Marco Russo, per Associazione Arcigay Mauro Scopelliti e Valentina Granai, la dottoressa Elena Salomoni medico infettivologo dell’ospedale S. Maria Annunziata (Ponte a Niccheri).

“Nasce così uno strumento per lavorare tutti assieme con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione su un argomento che non è più così conosciuto come negli anni ’80 ma che merita la massima attenzione, anche da parte del Comune: in questo modo vogliamo collaborare in stretta sinergia con tutte quelle realtà che da sempre sono in prima linea, rafforzando una rete che già esiste ma che pensiamo possa e debba essere ancora più efficace. – ha spiegato Mimma Dardano – Riscontriamo purtroppo molta inconsapevolezza soprattutto da parte dei giovani sui rischi di contagio. Molto importante per tenere i riflettori accesi sull’Aids sono gli eventi legati alla giornata mondiale del primo dicembre e l’European Testing Week, un sistema valido e innovativo per avvicinare molte persone a questa realtà al di fuori dai contesti sanitari tradizionali. Un obiettivo è quindi quello di ideare e organizzare momenti simili, nel pieno rispetto ovviamente delle misure antiCovid e di tutte le limitazioni che l’emergenza sanitaria impone”.

 

L'articolo 🎧 Hiv, tavolo di coordinamento fiorentino. Dardano: “Fondamentale lavorare assieme” proviene da www.controradio.it.

Giovani e dipendenze: Firenze, la prevenzione potrebbe passare dal registro elettronico

Giovani e dipendenze: Firenze, la prevenzione potrebbe passare dal registro elettronico

E’ convocato dal Comune di Firenze un tavolo delle dipendenze per il  prossimo 10 dicembre in cui Mimma Dardano consigliera speciale di Palazzo Vecchio illustrerà ai soggetti coinvolti, la sua idea di inserire nel registro elettronico scolastico uno spazio di informazione e prevenzione con approfondimenti su cause, statistiche, effetti collaterali di alcune dipendenze come alcol, droga, droghe sintetiche, in collaborazione con esperti che conoscono bene queste materie.

Si tratta in sostanza di uno spazio web ad hoc posto all’interno dei registri elettronici sulle varie piattaforme date dal ministero. Dopo il tavolo comunale verrà richiesto un incontro con l’assessora all’istruzione della Regione Toscana.

“L’obiettivo è quello di avere delle corrette informazioni sugli stili di vita facilmente reperibili, considerando che il registro elettronico è utilizzato da ragazzi per vari motivi, per controllare i voti o i compiti assegnati.  La funzione si potrebbe strutturare con una serie di  Approfondimenti che possono diventare occasione di conoscenza per i ragazzi e ragazze per acquisire consapevolezza dei rischi e far passare dei messaggi positivi per tenere il maggior numero di loro lontano da sostanze pericolose, spesso percepite come innocue, come ‘uno sballo’ senza conseguenze”, ha affermato Mimma Dardano intervistata da Chiara Brilli.

L'articolo Giovani e dipendenze: Firenze, la prevenzione potrebbe passare dal registro elettronico proviene da www.controradio.it.

Dardano: “Le nuove povertà post Covid sono ricadute sulle famiglie, Firenze darà risposte concrete”

Dardano: “Le nuove povertà post Covid sono ricadute sulle famiglie, Firenze darà risposte concrete”

“Ci sono nuove povertà talmente nascoste che dobbiamo riuscire a cogliere. In questa pandemia tutto è ricaduto sulle famiglie con un aumento del 30% delle depressioni e dell’utilizzo degli psicofarmaci. La Città di Firenze deve poter dare una risposta”, sono le parole di Mimma Dardano, consigliera speciale di lotta alle dipendenze, corretti stili di vita e nuove povertà post Covid, recentemente nominata dal Sindaco Dario Nardella nel nuovo assetto di Giunta dopo l’entrata di Giachi e Vannucci in Consiglio regionale.

Con Dardano abbiamo affrontato le nuove fragilità sociali che rappresentano i danni collaterali del Covid sul territorio: dalle povertà educativa, alle disuguaglianze di accesso alla didattica fino ai fenomeni di disagio e violenza nei contesti domestici.

Intervista a cura di Chiara Brilli

L'articolo Dardano: “Le nuove povertà post Covid sono ricadute sulle famiglie, Firenze darà risposte concrete” proviene da www.controradio.it.