Ragazza ferita in parco, sindaco, lotta ad abuso alcol

Ragazza ferita in parco, sindaco, lotta ad abuso alcol

Montelupo Fiorentino, senz’altro una brutta storia per la cittadina Toscana, quella della ragazza ritrovata in una pozza di sangue accasciata in un angolo nascosto, all’inizio del parco dell’Ambrogiana, nei pressi del ponte della ferrovia.

La ragazza, una diciassettenne di Fucecchio, è stata soccorsa e trasportata all’ospedale San Giuseppe di Empoli.

Dalle ricostruzioni, peraltro ancora da verificare, sembra che la giovane abbia trascorso la serata in un locale di Montelupo molto frequentato dai ragazzi del territorio e che si sia allontanata a seguito di una lite.

L’aggressione non sarebbe avvenuta nel parco dell’Ambrogiana, ma all’inizio del viale Umberto I, e successivamente la giovane sarebbe stata trascinata nel luogo in cui è stata trovata.

Benchè l’area sia controllata da telecamere l’aggressione si è verificata in un punto cieco. Le forze dell’ordine stanno controllando i filmati per capire se possono ricavarne comunque informazioni utili.

Ma la vicenda ha assunto risonanza nazionale e nella giornata di domenica è stata rilanciata da tutte le maggiori rete televisive.

Nella vicenda interviene il sindaco di Montelupo Fiorentino, Paolo Masetti, che considerando l’abuso di alcol dei giovani alla base dell’accaduto, già domani, potrebbe disporre e firmare un’ordinanza ad hoc per combattere l’abuso di alcol nei locali della sua città.

“L’abuso di alcol è un tema che è da tempo sul mio tavolo e sul quale, al di là di quanto successo alla ragazza, da tempo ho deciso di intervenire”.

“Vorrei trovare il modo di mettere un freno all’incentivo all’abuso di alcol da parte di alcuni locali”, spiega il sindaco che tra i provvedimenti pensa di vietare la consumazione di bevande alcoliche all’esterno dei bar e degli altri locali, anche se non vuole anticipare l’ordinanza che potrebbe imporre dei veri e propri divieti.

“Credo che sia una cosa giusta e non solo verso i minori – aggiunge Masetti -, ai quali non dovrebbero mai essere versate bevande alcoliche, ma anche per gli adulti: se si beve troppo fa male a tutti, non solo ai più giovani. E trovo incredibile che in alcuni locali più si beve e meno si paghi. Quando parlo di incentivo mi riferisco a questo”.

Ieri il sindaco è andato all’ospedale di Empoli per incontrare i genitori della ragazza, “e sono in contatto con loro. So che ci sono segnali di un lento miglioramento che noi tutti ci auguriamo”. Sul parco dell’Ambrogiana, infine, Masetti spiega che quest’area verde “è molto fruita dai cittadini e non mi risulta sia una zona di spaccio”, conclude.

L'articolo Ragazza ferita in parco, sindaco, lotta ad abuso alcol proviene da www.controradio.it.

La ceramica di Montelupo simbolo del Made in Italy

La ceramica di Montelupo simbolo del Made in Italy secondo Google che la sceglie come eccellenza rappresentativa del Made in Italy.
Il web incontra la tradizione per promuovere il “Made in Italy”. Le nuove tecnologie possono rappresentare un volano per le piccole attività artigianali disseminate sul territorio nazionale che nel tempo hanno contribuito a creare e rafforzare i tratti distintivi dell’Italia nel mondo.L’idea di per sé interessante, acquista una ancora maggiore rilevanza se si pensa che a proporla è un colosso del settore: “Google”.
Si è tenuta ieri a Roma la presentazione del progetto MADE IN ITALY: ECCELLENZE IN DIGITALE, un’iniziativa lanciata da Google per accompagnare le imprese nell’economia di internet e promuovere le eccellenze dell’Italia.

Immagine museo
Il progetto nella fase iniziale si compone di tre azioni:
1.    una piattaforma realizzata dal Google Cultural Institute in collaborazione con il Ministero per le politiche agricole e Unioncamere
2.    un percorso formativo rivolto alle piccole e medi imprese
3.    20 borse di studio per giovani  che dovranno affiancare le aziende verso “l’economia digitale”.
In pratica la piattaforma propone 100 mostre digitali, 100 storie da scorrere on line per scoprire le eccellenze italiane, ma anche svelare e riscoprire manifatture di nicchia. Le mostre rappresentano una vera e propria narrazione digitale che si compone  di foto, video, documenti storici, aneddoti e racconti…..
La ceramica di Montelupo Fiorentino è uno dei prodotti tipici inseriti nella piattaforma.
In occasione della presentazione romana è stata allestita una piccola mostra con pezzi rappresentativi del territorio.  La mostra è stata accompagna da una delegazione di ceramisti che nell’occasione hanno proposto una dimostrazione della lavorazione montelupina: Ceramiche Vignozzi, Ceramiche Mori, Salvatore Mirenda de La Galleria e Ivana Antonimi di Ceramiche Dolfi.
«L’inserimento nella piattaforma promossa da Google costituisce un’opportunità per il nostro territorio; credo che sia importante per un prodotto di nicchia come la nostra ceramica, proporsi anche oltre confine, farsi conoscere come un tassello importante di quello che è comunemente ritenuto “l’estro e il saper fare made in Italy”.
La scelta di proporsi come sistema territoriale e non come singoli è certamente un punto di forza. La Strada della ceramica riveste un ruolo importante in questa strategia.
Desidero quindi ringraziare tutti i produttori di ceramica che si mostrano sempre disponibili nell’aderire alle diverse iniziative e nel rispondere alle sollecitazioni dell’amministrazione comunale.
In particolare vorrei ricordare coloro che prestano il loro lavoro a servizio della città, come le aziende che hanno lavorato e donato i pannelli in ceramica per la nostra nuova scuola: Ceramiche Vignozzi, Ceramiche Bartoloni, Ceramiche Lupo e le ceramiche d’arte Ammannati», afferma il sindaco Rossana Mori.
I partner del progetto, le manifatture interessate e i produttori hanno condiviso oltre trecento informazioni fra video e foto. Nel corso della presentazione romana hanno avuto ampio spazio  video e immagini realizzati  nell’ambito del progetto Strada della ceramica.