Firenze, aprono al pubblico torri, porte e fortezze cittadine: al via le visite per il piano di valorizzazione

Firenze, aprono al pubblico torri, porte e fortezze cittadine: al via le visite per il piano di valorizzazione

Aprono al pubblico torri, porte e fortezze cittadine: al via le visite a Torre San Niccolò, Zecca, Porta Romana, Forte Belvedere, Baluardo a San Giorgio. E per la prima volta visite guidate alla Fortezza San Giovanni (Fortezza da Basso).

Torna anche per l’estate 2018 la proposta di valorizzazione delle torri, delle porte e del sistema difensivo cittadino: una proposta nata nel 2011 con l’apertura di Torre San Niccolò e cresciuta negli anni andando a includere un numero sempre maggiore di architetture e di beni, così restituiti alla cittadinanza.  Il successo delle visite e dei percorsi offerti negli anni è in effetti il segno di maggior rilievo su quanto il progetto sia nel cuore dei fiorentini, che hanno risposto con enorme interesse e curiosità visitando e frequentando questi inediti – e insoliti – luoghi culturali. 

Ecco perché dal 24 giugno riapre i battenti Torre San Niccolò, “regina” delle torri fiorentine, che sarà visitabile tutti i giorni fino al 30 settembre dalle h17 alle h20 (dal 1 settembre dalle 16 alle 19; ultimo accesso mezz’ora prima della chiusura): l’accesso include sempre la visita guidata, che dai piedi della torre consente di raggiungere la cima seguendo un vero e proprio viaggio nel tempo e arrivando a godere di un incredibile panorama sulla città.

Nelle settimane successive prendono il via invece le visite alle altre torri e porte cittadine, che vedranno protagoniste per tutta l’estate Torre della Zecca, Porta Romana – anch’esse parte, come San Niccolò, della cerchia muraria fiorentina realizzata a partire dal 1284 per volere della Signoria di Firenze, il cui progetto è legato al nome di Arnolfo di Cambio – e Baluardo San Giorgio, preludio del secondo capitolo di questa storia. Il Baluardo è infatti parte dell’aggiornamento del sistema difensivo cittadino in età moderna, resosi necessario anche a Firenze per l’avvento dell’artiglieria e delle armi da fuoco.

Ed è al Cinquecento, in effetti, che si legano non solo il Baluardo San Giorgio ma anche le due grandi fortezze cittadine: la Fortezza San Giovanni – più nota come Fortezza da Basso – oggi sede di prestigiosi eventi fieristico-congressuali e in gestione a Firenze Fiera – e Fortezza San Giorgio – più noto come Forte di Belvedere e oggi sede di grandi mostre del contemporaneo: attualmente è in corso la mostra Gong. Eliseo Mattiacci. Entrambe le fortezze sono testimonianze preziose degli interventi di architettura militare promossi nel corso del Cinquecento dai governanti medicei e saranno fruibili al pubblico da quest’estate, permettendo così ai visitatori di scoprire due nuovi importanti tasselli di una storia che non manca, ogni volta, di riservare nuove sorprese: fra queste gli inediti percorsi sotterranei che corrono sotto la muraglia della Fortezza da Basso.

Da non scordare, infine, la Torre di Palazzo Vecchio e il camminamento di ronda, aperti tutti i giorni: la torre, attribuita ad Arnolfo di Cambio, accompagnata dal merlato Camminamento di ronda, è il compimento del primo nucleo del palazzo di governo, edificato tra Duecento e Trecento ed è stata fino a poco tempo fa chiusa ai visitatori. La Torre di Arnolfo, con i suoi 95 metri di altezza, svetta sulla città, costituendo uno dei suoi inconfondibili simboli e punti di riferimento.

E ai fedelissimi che visiteranno nel corso di quest’estate tutti i luoghi, facendosi timbrare la brochure nell’occasione di ogni visita, è offerta in premio una visita/attività a scelta nei Musei Civici Fiorentini per due persone.

La proposta è a cura dei Musei Civici Fiorentini e di MUS.E, ed è inserita nel quadro di un più ampio piano di valorizzazione di Firenze Patrimonio Mondiale Unesco. Le visite alla Fortezza di San Giovanni sono realizzate grazie a Firenze Fiera.

L'articolo Firenze, aprono al pubblico torri, porte e fortezze cittadine: al via le visite per il piano di valorizzazione proviene da www.controradio.it.

Campi estivi ai Musei Civici Fiorentini: tre proposte per l’estate 2018

Campi estivi ai Musei Civici Fiorentini: tre proposte per l’estate 2018

Tornano, anche per l’estate 2018, i Campi estivi proposti dai Musei Civici Fiorentini e dall’Associazione MUS.E: fra giugno e settembre sono così proposte alle famiglie tre settimane nei musei, che porteranno i bambini in vacanza dalle scuole a trascorrere giornate intere immerse nell’arte e nella storia.

L’obiettivo dei Campi estivi è quello di coinvolgere i più piccoli in un’esperienza totale, in grado di fornire nuovi spunti sul proprio modo di intendere il tempo libero, di rapportarsi con la creatività, di costruire la propria identità: in breve, di perseguire il proprio benessere. Il progetto è stato ideato d’intesa con la Regione Toscana e in collaborazione con Unicoop Firenze.

Ecco perché i programmi presentano un’offerta estremamente varia, articolata diversamente a seconda delle giornate, che tiene conto dei tempi dei bambini, da una parte frenetici, dall’altra distesi, e dell’età (6-10 anni), per rispondere al meglio alle loro esigenze: si parte quindi a giugno, subito dopo la chiusura della scuola, con il campus Piccoli grandi artisti fra Museo Novecento e complesso di Santa Maria Novella (11-15 giugno), per poi ritrovarsi a settembre con le due settimane precedenti il riavvio delle lezioni, la prima centrata su Il mondo della natura, vera e dipinta  (3-7 settembre) e la seconda sul centro cittadino e sulla sua storia (10-14 settembre), entrambi con base a Palazzo Vecchio.

11-15 giugno: Piccoli grandi artisti

Il campus offre l’occasione di avvicinarsi alle grandi tecniche pittoriche della storia dell’arte dal Medioevo fino all’età moderna, prendendo il via dalle opere custodite nei Musei Civici e cimentandosi con i materiali e gli strumenti utilizzati dagli artisti nei secoli passati. Una pratica dell’arte, quindi, per avvicinarsi alla saggezza del fare ma anche per guardare secondo una nuova prospettiva le opere che i grandi maestri ci hanno consegnato, dal disegno prospettico all’action painting, e sentirli ancora più vicini.

*Dove: Museo Novecento e Santa Maria Novella – punto di ritrovo Museo Novecento, piazza Santa Maria Novella 10 Firenze.

3-7 settembre: Il mondo della natura

Sembra impossibile, ma nel cuore di Firenze, nel suo centro storico, così celebre per palazzi, monumenti e architetture storiche, si nasconde un cuore verde. Vera o dipinta, la natura sarà la regina protagonista di questa settimana: le visite animate e i laboratori inviteranno i partecipanti a scoprirne le bellezze, i segreti e le virtù scoprendo come, al di là delle apparenze, anche gli antichi palazzi di pietra e le vie più nascoste celino un mondo naturale verdeggiante, animato … e profumato.

*Dove: Museo di Palazzo Vecchio, Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella, Orto botanico, Parco di Villa Strozzi- luogo di ritrovo Museo di Palazzo Vecchio, piazza Signoria 1, Firenze.

10-14 settembre: Viaggio in Firenze

Gli ambienti sotterranei di Palazzo Vecchio custodiscono ancora oggi i resti dell’antico teatro romano, mentre il mediceo Forte di Belvedere è polo espositivo dell’arte contemporanea in città. Il campus sarà un incredibile viaggio nella storia e nell’arte alla scoperta di luoghi e musei del centro cittadino: i partecipanti potranno così immedesimarsi negli antichi cittadini della romana Florentia, vestire i panni dei Priori delle Arti medievali, diventare esperti d’arte al museo Bardini, gustare le sfide del contemporaneo, riappropriandosi del centro storico come grande Patrimonio mondiale e scoprendo come ciascuno di noi possa contribuire a una Firenze per bene.

*Dove: Museo di Palazzo Vecchio, Museo Stefano Bardini, Museo Novecento, Forte Belvedere – luogo di ritrovo Museo di Palazzo Vecchio, piazza Signoria 1, Firenze.

Per tutte e tre le settimane l’orario di permanenza è 8.30-9.00/16.30 e il costo settimanale di €130,00 (riduzione 10% soci Unicoop Firenze).

L'articolo Campi estivi ai Musei Civici Fiorentini: tre proposte per l’estate 2018 proviene da www.controradio.it.

La Domenica Metropolitana: aprile, mese della cultura fiorentina

La Domenica Metropolitana: aprile, mese della cultura fiorentina

Si apre, con aprile, il mese della cultura fiorentina: libero accesso ai Musei Civici Fiorentini per i residenti nei comuni della Città; la Domenica Metropolitana si ripropone, da domenica 8, dando vita ad un programma ricco di attrazioni, con numerose proposte di visite ed attività, e molteplici percorsi.

Nell’ottica di una sempre maggiore partecipazione, si segnalano le attività disponibili della nuova Domenica Metropolitana: I Percorsi Segreti, Orizzonti-Nuovi sguardi sul Palazzo, Il palazzo a occhi chiusi, La Reggia Medicea, In bottega: dipingere in fresco, Vita di corte,  Piccole storie di colori-Verde e Nero, tutte in Palazzo Vecchio; Visita al Museo e Piccole storie di colori-blu, al Museo Bardini; Visita al complesso di Santa Maria Novella – la basilica, i chiostri, il convento e la cappella del Papa; Visita della Fondazione Romano e di Santo Spirito; Visita alle Murate.

Inoltre, accesso gratuito al Museo del Bigallo alle ore 10 e alle  ore 12 (Piazza San Giovanni 1, prenotazione obbligatoria), al Museo della Misericordia alle ore 15.15 e alle ore 16.30 (Piazza Duomo, prenotazione obbligatoria) e al Museo Zeffirelli del Centro internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli, dalle ore 9 alle ore 17 (Piazza San Firenze 5; i gruppi con guida sono ammessi solo su prenotazione, con auricolari, pagando regolarmente il biglietto d’ingresso, a prescindere dal comune di residenza).

Si ricorda che tutte le visite guidate e le attività nei Musei Civici Fiorentini sono gratuite per i cittadini residenti nella città metropolitana di Firenze e la prenotazione è obbligatoria. All’atto della prenotazione è possibile riservare un solo appuntamento nel corso della giornata, per un massimo di 5 persone. Si ricorda inoltre che le biglietterie chiuderanno un’ora prima dell’orario di chiusura e gli accessi saranno disponibili fino ad esaurimento posti, per motivi di sicurezza.

Senza prenotazione la semplice visita ai Musei Civici Fiorentini sarà possibile nei seguenti orari: Museo di Palazzo Vecchio (orario 9.00/23.00), Torre di Arnolfo (orario 9.00/21.00, 30 persone ogni mezz’ora), Santa Maria Novella (orario 13.00/17.30), Museo Stefano Bardini (orario 11.00/17.00), Fondazione Salvatore Romano (orario 13.00/17.00), Museo Novecento (orario 11.00/20.00), Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine (ingressi 13.00/17.00, ultimo accesso ore 16.15, 30 persone ogni mezz’ora), Museo del Ciclismo Gino Bartali (ingressi 10.00/16.00).

Per informazioni e prenotazione: www.musefirenze.it

L'articolo La Domenica Metropolitana: aprile, mese della cultura fiorentina proviene da www.controradio.it.

Le feste di Natale nei Musei di Firenze

Le feste di Natale nei Musei di Firenze

Aperture speciali, mostre ed iniziative animeranno i musei statali e civici fiorentini nel periodo delle feste di fine anno

Tante aperture speciali nei musei fiorentini durante le feste di fine anno. Andiamo a vedere il programma nel dettaglio:

Natale. I musei statali (Galleria degli Uffizi, Galleria dell’Accademia, Palazzo Pitti, Bargello) sono chiusi  così come i musei comunali (Palazzo Vecchio, Cappella Brancacci, Museo Novecento) ad eccezione di Santa Maria Novella (orario 13-17.30). Palazzo Medici Riccardi, con la mostra “Made in New York” è aperto dalle 10 alle 18, così come la chiesa e il museo. La mostra “Il Cinquecento a Firenze” a Palazzo Strozzi resterà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 20, il giovedì fino alle 23.

Santo Stefano. Sono aperti la Galleria degli Uffizi, la Galleria dell’Accademia e Palazzo Pitti (ore 8.15-18.50), il Bargello e le Cappelle Medicee (ore 8.15-16.50), Palazzo Davanzati (8.15-13.50),  Museo Archeologico (8.30-14).
I musei comunali saranno tutti aperti regolarmente e Palazzo Vecchio effettuerà l’apertura straordinaria dalle 9 alle 23. Il Museo Galileo prolungherà eccezionalmente l’apertura fino alle ore 18.

Dal 26 al 30 dicembre e dal 2 al 6 gennaio il Museo di Palazzo Vecchio sarà aperto tutti i giorni, dalle 9 alle 23.

1 gennaio. Tra i musei comunali sono visitabili: Palazzo Vecchio (orario 14-19), la Torre di Arnolfo (14-17), la chiesa e museo di Santa Maria Novella (orario 13-17.30) e il Museo Novecento (orario 14-18). Inoltre sono aperte le mostre a Palazzo Strozzi (orario 10-20) e a Palazzo Medici Riccardi (orario 10-19).

6 gennaio La maggior parte dei musei e monumenti di Firenze sarà regolarmente aperta (saranno chiusi la Cattedrale, la Cripta e la Cupola del Brunelleschi).

7 gennaio Prima domenica del mese, ingresso gratuito per tutti nei musei statali (Galleria degli Uffizi, Galleria dell’Accademia, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli, Museo Nazionale del Bargello, Cappelle Medicee, Museo Archeologico, Palazzo Davanzati). Ingresso gratuito anche nei musei comunali, ma solo per i residenti nei comuni della Città Metropolitana.

Info integrative:

Il 24 e il 31 dicembre la Galleria degli Uffizi, la Galleria dell’Accademia e la Galleria Palatina chiuderanno anticipatamente alle ore 18, mentre il Museo Galileo sarà aperto eccezionalmente fino alle 18 il 26 dicembre e il 2 gennaio.
Il Nuovo Museo dell’Opera del Duomo sarà sempre aperto dalle 9 alle 19, tranne il 25 dicembre e 1° gennaio; sarà inoltre eccezionalmente aperto il 2 gennaio mentre resterà chiuso il 9 gennaio.

L'articolo Le feste di Natale nei Musei di Firenze proviene da www.controradio.it.

Musei Civi Fiorentini: più tempo per visitarli durante le feste

Musei Civi Fiorentini: più tempo per visitarli durante le feste

Palazzo Vecchio aperto fino a tardi dal 26 Dicembre al 6 Gennaio, compreso Capodanno.Il museo di Santa Maria Novella sarà aperto per Natale e Capodanno, il museo Novecento per Capodanno

Più tempo per visitare i musei civici durante le feste: fino al 6 gennaio infatti sono previste aperture straordinarie e prolungate.

Palazzo Vecchio sarà aperto fino alle 23 dal 26 dicembre al 6 gennaio. Il museo sarà aperto anche per Capodanno in orario 14-19, mentre sarà chiuso per Natale. Il museo di Santa Maria Novella sarà aperto per Natale e Capodanno, il museo Novecento per Capodanno ma non a Natale.

Ecco tutti gli orari nel dettaglio:

Palazzo Vecchio

Tutti i giorni escluso il giovedì ore 9-19; Giovedì ore 9-14; 26-27-28-29-30 dicembre ore 9-23; 1 gennaio 2018 ore 14-19; 2-3-4-5-6 gennaio 2018 ore 9-23.

La biglietteria chiude 1 ora prima del museo

Chiuso il 25 dicembre

 Santa Maria Novella

Dal lunedì al giovedì ore 9-17.30; Venerdì ore 11-17.30; Sabato e prefestivi religiosi ore 9-17.30; Domenica ore 13-17.30; 25-31 dicembre ore 13-17.30; 26 dicembre ore 9-17.30; 1 e 6 gennaio 2018 ore 13-17.30.

La biglietteria chiude 45 minuti prima del museo

Museo Novecento

Tutti i giorni (escluso il giovedì) ore 11-19.00; Giovedì ore 11-14.00; 1 gennaio 2018 ore 14-19.00.

La biglietteria chiude 1 ora prima del museo

Chiuso il 25 dicembre

Museo Stefano Bardini

Venerdì/sabato/domenica/lunedì ore 11- 17.00.

La biglietteria chiude 30 minuti prima del museo

Chiuso il 25 dicembre ed il 1 gennaio 2018

Cappella Brancacci

Giorni feriali (chiuso il martedì) ore 10-17.00; Domenica e festività religiose infrasettimanali ore 13-17.00.

La biglietteria chiude 45 minuti prima del museo

Chiuso il 25 dicembre, il 1 e il 7 gennaio 2018

Fondazione Salvatore Romano

Sabato e Lunedì ore 10-17.00; Domenica ore 13-17.00.

Chiuso il 25 dicembre, il 1 e il 7 gennaio 2018

Museo del ciclismo Gino Bartali

 Venerdì e sabato ore 10-13.00; Domenica ore 10-16.00.

La biglietteria chiude 30 minuti prima del museo

Chiuso il 25 dicembre ed il 1 gennaio 2018

L'articolo Musei Civi Fiorentini: più tempo per visitarli durante le feste proviene da www.controradio.it.