Ieri I Musei

com’erano “Ieri I Musei”? Lo rivela una mostra del Gabinetto Fotografico agli Uffizi.
C’è anche un’elegante immagine in bianco e nero della Gioconda di Leonardo da Vinci in temporanea esposizione nella Sala degli Autoritratti degli Uffizi – scattata nel dicembre del 1913 – nella mostra che si è inaugurata oggi nella Sala del Camino del complesso Vasariano, con il titolo “Ieri. I Musei”.

http://www.polomuseale.firenze.it/areastampa/files/548abca9296445040b0000b0/5709.jpg

Curata dalla direttrice del Gabinetto Fotografico della Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino, Marilena Tamassia, fino al prossimo 1° febbraio 2015 (dal martedì alla domenica ore 8.15-18.50, libero accesso con il biglietto d’ingresso agli Uffizi) l’esposizione propone una cinquantina di fotografie storiche, scelte tra le migliaia disponibili, scattate dagli operatori interni del Gabinetto Fotografico – fondato nel 1904 – unitamente al materiale realizzato in anni precedenti. Si tratta di scatti che testimoniano le mutazioni avvenute nell’esposizione delle opere d’arte nei musei, nell’arco di circa un trentennio e che riguarda alcuni allestimenti storici della Galleria degli Uffizi, della Galleria dell’Accademia, della Galleria d’Arte Moderna, del Museo di San Marco e del Cenacolo di San Salvi realizzati tra la fine dell’Ottocento e il 1920 circa.
Oltre al capolavoro di Leonardo temporaneamente esposto agli Uffizi (in seguito al suo ritrovamento dopo il furto del 1911 al Louvre), è possibile ammirare un allestimento poco noto della Tribuna del David, nella Galleria dell’Accademia, così come una curiosa soluzione espositiva di alcune colonne nel Chiostro di San Domenico del Museo di San Marco.
Questa sorta di indagine a ritroso nel tempo documenta i cambiamenti di percorsi espositivi, di allestimenti e di fruizione del museo come contenitore di opere d’arte e come promotore culturale, cambiamenti che la fotografia aiuta molto a evidenziare.
La visita al museo dei primi del Novecento era parte di percorso di istruzione: vi si entrava come in chiesa, aggirandosi tra le sale con occhio ammirato e guida alla mano. Le fotografie storiche in mostra presentano sale vuote, silenti, spazi carichi di storia dove si consuma il rito dell’iniziazione culturale.
Nel XIX secolo riprodurre le sale dei musei per mezzo della fotografia non era semplice, richiedeva tecniche e saperi agguerriti: era necessario un tempo di posa lungo nelle varie sale, che spesso avevano un’illuminazione adeguata alla conservazione, ma non agli scatti fotografici. I fotografi “primitivi” hanno saputo superare i limiti imposti dalla tecnica, regalandoci queste inquadrature suggestive di ampi spazi silenti e malinconici, che contrastano con la folla variopinta di oggi.
Le fotografie di allestimenti museali storici sono sia strumenti utili per il processo di costruzione dell’immagine dei musei stessi, sia un documento di rara importanza e bellezza. Infatti i fotografi, come le guide, forniscono al viaggiatore una documentazione essenziale e condensata dei musei e dei capolavori che li attendono.
La scelta antologica della mostra impone limiti precisi, che non consentono una completa presentazione di tutte le fotografie degli allestimenti storici dei musei fiorentini, bensì una selezione rappresentativa della grande ricchezza dell’archivio del Gabinetto Fotografico della Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino.

Notte dei Musei 2014

Il Polo Museale Fiorentino ha comunicato le sue proposte per la Notte dei Musei 2014 che si terrà il prossimo sabato 17 maggio. Somo previste le  aperture serali – dalle 19 alle 23 – di cinque musei : la Galleria degli Uffizi, la Galleria dell’Accademia, il Museo Nazionale del Bargello, il Museo di San Marco e il Museo di Palazzo Davanzati. un cenacolo e tre ville. In tutti e cinque i musei l’ingresso sarà al costo simbolico di un euro.

http://www.tribunaitalia.it/wp-content/uploads/2014/05/notte_dei_musei_2014_large.jpg

Inoltre con accesso libero saranno aperti il Cenacolo di Andrea del Sarto e  tre ville medicee – La Petraia, di Poggio a Caiano e di Cerreto Guidi – che hanno appena celebrato il loro ingresso nella lista dei siti Unesco patrimonio dell’umanità.
Da segnalare, infine, che anche il Museo dell’Opificio delle Pietre Dure (via Alfani 78, Firenze) sarà visitabile con ingresso al prezzo simbolico di un euro, dalle 20 alle 24.

Weekend nei musei fiorentini

Ricco Weekend nei musei fiorentini con aperture straordinarie, conferenze e mostre nell’ultimo fine settimana di marzo.

Villa medicea di Poggio a Caiano
Appuntamento sabato 29 e domenica 30 marzo nella Villa medicea di Poggio a Caiano per il programma di visite guidate agli appartamenti monumentali e al Museo della Natura Morta, a cura del personale della Villa. Gli assistenti alla vigilanza saranno a disposizione dei visitatori per brevi esposizioni sulla storia della villa e sulle sue collezioni. Le visite saranno articolate secondo il seguente orario giornaliero:
Appartamenti monumentali: ore 10.30, 11.30, 12.30, 13.30, 14.30, 15.30 e 16,30;
Museo della Natura Morta: ore 11, 12, 14 e 15.
Solo sabato 29 marzo è prevista anche un’apertura straordinaria serale dalle ore 19 alle 22 con visite guidate condotte dal personale della villa. Le visite verranno svolte ai seguenti orari: appartamenti monumentali ore 19 e ore 21; Museo della Natura Morta ore 20.

Galleria d’arte moderna
Si intitola “Colori e musica” la rassegna di tre concerti organizzata dall’associazione degli Amici di Palazzo Pitti con il contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Gli appuntamenti musicali, a ingresso libero per i visitatori del museo, si terranno nel Saloncino delle statue con inizio sempre alle 11.30. Il primo concerto, previsto per sabato 29 marzo, vedrà protagonisti Pietro L. Horvath al violino e alla viola, Antonio Fornaroli al clarinetto e Eleonora Frosecchi al pianoforte, con musiche di Ysaye, Stravinsky, Enescu, Khachaturian e Berio.

Galleria degli Uffizi
Fino al 12 aprile si svolge un programma di visite illustrate gratuite ai nuovi recenti allestimenti della Galleria degli Uffizi. Il sabato pomeriggio, alle ore 14.30, 15.30, 16.30 vengono illustrate gratuitamente le sale del Seicento fiorentino e senese (cosiddette sale gialle) ubicate al piano primo dell’edificio vasariano (sale 95-100); il ritrovo è fissato nella sala 95 pochi minuti prima dell’inizio della visita.

Museo di San Marco
Sabato 29 marzo, alle ore 14.30 e 15.30, ultimo appuntamento nel Museo di San Marco con le visite ai Chiostri del Museo, con apertura straordinaria del Chiostro di San Domenico. Le visite sono comprese nel costo del biglietto d’ingresso al Museo. La prenotazione per la partecipazione alle visite e il punto di ritrovo per i gruppi, composti al massimo da 12 persone, saranno presso l’ingresso del Museo.

Giardino di Boboli
A completamento del calendario di aperture straordinarie previste nell’ambito della manifestazione “Boboli aperto: la Limonaia”, la Direzione del Giardino di Boboli e l’Associazione “Per Boboli” organizzano interessanti momenti di studio e divulgazione sul tema degli agrumi e non solo. Il primo appuntamento si terrà sabato 29 marzo 2014 alle ore 16 presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 – Firenze) e prevede la conferenza “La pompìa, un antico agrume sardo”, a cura del professor Mario Cosimo Corrìas, uno dei massimi esperti di questa rarità botanica. Poco si sa di questo ibrido ancora in fase di classificazione e da sempre usato per preparare dolci e liquori. L’incontro offrirà l’occasione per scoprirne la storia e le curiosità e si concluderà con una piccola degustazione di specialità prodotte secondo le antiche ricette sarde.

Le mostre in corso
Agli Uffizi si possono vedere due mostre. La prima è in galleria e si intitola “Le stanze delle Muse. Dipinti Barocchi dalla Collezione di Francesco Molinari Prandelli”. Nota a livello internazionale, la raccolta Molinari Pradelli è la più significativa formatasi a Bologna nel Novecento e si segnala, oltre che per la consistenza delle opere e la selezionata qualità, per la specifica connotazione conferitale dal gusto raffinato del celebre direttore d’orchestra Francesco Molinari Pradelli (1911-1996) attraverso i numerosi viaggi e le relazioni internazionali sull’onda del successo della professione (orario: 8.15-18.50, ingresso 11 euro, prenotazioni 055-294883).
Al Gabinetto Disegni e Stampe fino al 4 maggio è in corso “Storia e vicende della collezione grafica agli Uffizi nell’età della prima mondializzazione (1848-1918)”. La selezione delle opere in mostra ribadisce la continuità con il passato nel sottolineare come a Firenze l’attenzione al disegno si coniughi a un desiderio di rappresentatività della collezione su scala internazionale, nonché alla ricezione degli aspetti artistici contemporanei da parte di un collezionismo nutrito sia di saperi tecnici che di riflessioni teoriche sulla natura e la funzione del disegno, padre delle tre arti (orario: 8.15-18.50, ingresso 11 euro, prenotazioni 055-294883).
Alla Galleria dell’Accademia prosegue la mostra “Ri-conoscere Michelangelo. La Scultura del Buonarroti nella fotografia e nella pittura dall’Ottocento ad oggi”. In occasione delle celebrazioni per i quattrocentocinquanta anni dalla morte di Michelangelo Buonarroti, coordinate dall’Accademia delle Arti del Disegno, la Galleria dell’Accademia di Firenze, in collaborazione con la Fratelli Alinari I.D.E.A. S.p.A., presenta un’esposizione che affronta il complesso tema del rinnovato interesse e dell’ammirazione per l’artista dall’Ottocento alla contemporaneità, attraverso l’opera di scultori, pittori e fotografi che hanno guardato alla figura del Buonarroti e alle sue opere come riferimento iconografico per le loro realizzazioni (orario: 8.15-18.50, ingresso 11 euro, prenotazioni 055-294883).
Nella Sala Bianca di Palazzo Pitti (Galleria Palatina) è in corso fino al 27 aprile la mostra “Una volta nella vita. Tesori dagli archivi e dalle biblioteche di Firenze.  Nell’esposizione si possono ammirare, tra i 133 pezzi archivistici e librari presenti in mostra, tre documenti archivistici di Michelangelo; un disegno di Raffaello; la registrazione del battesimo di Leonardo da Vinci e un altro testo che reca le sue postille; due lezioni di Galileo su Dante e sul suo Inferno; opere di Andrea Mantegna, Alessandro Allori e Giovanni Stradano; autografi di Girolamo Savonarola, Poliziano, Cosimo I de’ Medici, Joachim Winckelmann, Ugo Foscolo, Giuseppe Pelli Bencivenni, Giovanni Fabbroni, Pietro Vieusseux, Eugenio Barsanti, Vasco Pratolini, Eduardo De Filippo e Dino Campana, del Premio Nobel Eugenio Montale, presente anche con due inediti acquerelli (orario: 8.15-18.50, ingresso 13 euro, prenotazioni 055-294883).
Sempre in Galleria Palatina, ma nella sala delle Nicchie, è ospitata una particolare esposizione di sei dipinti dal titolo “La bellezza e il mito”, opere del pittore parigino Jean-Marc Nattier, del nizzardo Charles van Loo e del veneto Antonio Bellucci, curata da Daniele Rapino. L’esposizione propone, tutti insieme, tre dipinti permanentemente in mostra nella Sala Verde degli Appartamenti Reali, e altri tre conservati nei depositi della Galleria Palatina e poco noti. L’occasione nasce dalla presentazione del recente restauro, di cinque di essi, finanziato con fondi del Polo Museale fiorentino, dove protagoniste sono figure femminili, nella giornata dedicata alle donne. Parallelamente è previsto un programma di visite introduttive all’esposizione a cura del personale interno della Galleria; durante questo weekend queste si tengono il sabato e la domenica alle 10.30, alle 12.30, alle 15 e alle 17 (orario: 8.15-18.50, ingresso 13 euro, prenotazioni 055-294883).
Infine la Galleria del Costume di Palazzo Pitti, con la mostra “I cappello tra arte e stravaganza”, apre le porte ad un manufatto destinato a non passare inosservato. Si tratta della mostra monografica dedicata al cappello, le cui collezioni, patrimonio del museo – ascrivibili alla generosità di molti donatori – ammontano a oltre mille unità custodite solitamente nel deposito, di cui soltanto una parte sarà destinata alla mostra (orario: 8.15-18.50, ingresso 10 euro, prenotazioni 055-294883).

Visite guidate nei musei

Si fa sempre più ricco il carnet delle visite guidate nei musei del Polo Fiorentino – sia guidate o semplicemente accompagnate – che offrono ai visitatori un‘opportunità in più di conoscenza e apprezzamento del patrimonio custodito. Alcuni appuntamenti proseguono in forma più ampia, mentre altri si stanno per aggiungere al carnet delle offerte, talvolta insieme a degli spettacoli. Ecco di seguito un riepilogo dei programmi in alcuni dei musei del Polo Fiorentino.

Uffizi – Collezione Contini Bonacossi
La Direzione della Galleria degli Uffizi rende noto che sono ancora disponibili le prenotazioni per le visite guidate gratuite alla Collezione Contini Bonacossi che proseguono fino al prosimo 29 aprile. Le visite (per gruppi formnati al massimo da 25 persone), programmate ogni martedì alle 10.30 e alle 15, sono in lingua italiana e il ritrovo è fissato alla sala divani (all’ingresso delle cosidette “sale blu”) presso lo sbarco ascensori del Piano Nobile degli Uffizi. Le visite sono comprese nel prezzo del biglietto d’ingresso della Galleria degli Uffizi e soggette a prenotazione; il servizio di prenotazione, del costo di € 4,00 a persona, verrà effettuato dal Concessionario dei servizi di biglietteria, Firenze Musei, telefonando allo 055-294883 dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, e il sabato dalle 8.30 alle 12.30. Si tratta di un’eccezionale opportunità per ammirare i capolavori di questa straordinaria raccolta con la competente illustrazione degli assistenti alla vigilanza della Galleria degli Uffizi. La collezione di Alessandro Contini Bonacossi si annovera tra le più importanti costituitesi nel Novecento. Lo Stato ne ha potuto acquisire una parte nel 1969, con destinazione alla Galleria degli Uffizi. Si tratta di una cinquantina di opere esposte in alcuni ambienti allestiti appositamente e situati tra via Lambertesca e chiasso Baroncelli. Vi si possono ammirare mobili, ceramiche e capolavori della pittura e della scultura europea dal Trecento al Settecento, con opere di Andrea del Castagno, Giovanni Bellini, Girolamo Savoldo, El Greco, Bernini, Velasquez e Goya.

Ville medicee
Prosegue In occasione della XXV Giornata Internazionale della Guida Turistica, l’Associazione Guide Turistiche della Toscana – Sezione di Firenze e provincia (AGT Firenze) propone per domani 22 febbraio alcune visite guidate gratuite in luoghi prescelti fra i meno noti della città e del territorio circostante, ma non per questo meno belli e affascinanti. Si tratta della Villa medicea della Petraia, con gli affreschi del Volterrano, e della Villa medicea di Cerreto Guidi, con il Museo Storico della Caccia e del Territorio. I partecipanti si ritroveranno alla Petraia alle ore 9.45 e alla villa di Cerreto Guidi alle ore 15.

Galleria del costume
La Direzione della Galleria del Costume di Palazzo Pitti organizza nelle date del 5, del 12 e del 19 marzo visite guidate al museo e alla mostra, curata da Simona Fulceri e Katia Sanchioni, dal titolo “Il cappello tra arte e stravaganza”. Il servizio è previsto dalle 14 alle 16 e le persone interessate si dovranno presentare nell’area del bookshop della Galleria qualche minuto prima delle 14.

Galleria d’arte moderna
Prosegue alla Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti il percorso di accoglienza corredato da informazioni per i visitatori con un itinerario museale che spazia dall’arte toscana della fine del Settecento fino alle esperienze dei primi decenni del Novecento. Le visite si svolgono in gruppi di 20 persone il venerdì mattina con i seguenti orari: alle ore 10 si svolgerà la visita alla Galleria d’arte moderna e alle ore 12.30 la visita agli Appartamenti della Duchessa d’Aosta, normalmente chiusi al pubblico. È possibile prenotarsi per entrambe le visite oppure per una sola delle due, scrivendo sempre all’indirizzo e-mail eventi.gam@polomuseale.firenze.it.

Museo di San Marco
Fino alla fine del mese di marzo 2014 – il mercoledì in orario antimeridiano (ore 10, 11 e 12) e il sabato in orario pomeridiano (ore 14.30 e 15.30) – proseguono le visite guidate ai Chiostri del Museo, con apertura straordinaria del Chiostro di San Domenico, normalmente non accessibile al pubblico, a cura del personale del Museo di San Marco. Le visite sono comprese nel costo del biglietto d’ingresso al Museo. La prenotazione per la partecipazione alle visite e il punto di ritrovo per i gruppi, composti al massimo da 12 persone, si effettuano presso l’ingresso del Museo.

Uffizi – Corridoio Vasariano
La Direzione della Galleria degli Uffizi comunica che le prenotazioni per le visite guidate nel Corridoio vasariano (comprese nel prezzo del biglietto d’ingresso nel museo, più la prenotazione) sono esaurite.

Febbraio nei musei fiorentini

Il polo museale fiorentino ha reso noto gli appuntamenti di febbraio nei musei fiorentini concernenti spettacoli e visite guidate.
Le visite nei musei del Polo Fiorentino – sia guidate o semplicemente accompagnate – offrono ai visitatori un‘opportunità in più di conoscenza e apprezzamento del patrimonio custodito. Alcuni appuntamenti proseguono in forma più ampia, mentre altri si stanno per aggiungere al carnet delle offerte, talvolta insieme a degli spettacoli. Ecco di seguito un utile riepilogo dei programmi in alcuni dei musei del Polo Fiorentino.

http://www.hotelfree.it/itinerari_Toscana/img/palazzo_pitti.jpgCorridoio Vasariano
La Direzione della Galleria degli Uffizi propone una serie di visite guidate (comprese nel prezzo del biglietto d’ingresso nel museo, più la prenotazione) dal 7 febbraio al 30 aprile 2014. Le visite si terranno nelle giornate di mercoledì (alle 14.30 e alle 15), di giovedì (alle 10.30 e alle 11) e di venerdì (alle 14.30 e alle 15) con ritrovo all’ingresso del Vasariano (nel terzo Corridoio degli Uffizi). Per ogni visita sarà ammesso un massimo di 25 visitatori e la durata prevista è di 75 minuti. A cura di Firenze Musei, le prenotazioni (tel. 055-294883) verranno raccolte da lunedì 3 febbraio.

Galleria d’arte moderna
La Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti ha inaugurato un nuovo percorso di accoglienza corredato da informazioni per i visitatori con un itinerario museale che spazia dall’arte toscana della fine del Settecento fino alle esperienze dei primi decenni del Novecento. Le visite si svolgono in gruppi di 20 persone il venerdì mattina e dal mese di febbraio gli orari sono i seguenti: alle ore 10 si svolgerà la visita alla Galleria d’arte moderna e alle ore 12.30 la visita agli Appartamenti della Duchessa d’Aosta, normalmente chiusi al pubblico. È possibile prenotarsi per entrambe le visite oppure per una sola delle due, scrivendo sempre all’indirizzo e-mail eventi.gam@polomuseale.firenze.it.
Da segnalare che, nell’ambito della manifestazione “Franz Liszt, viaggiatore e musicista a Firenze, 1838/1886” (che coinvolge il Conservatorio Cherubini, la Galleria d’arte moderna e la Casa della Memoria Studio di Piero Bargellini), martedi 4 febbraio alle ore 11 Gregorio Nardi, curatore dell’iniziativa, effettuerà una visita guidata alla Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti per illustrare le opere del museo che sono in relazione con il percorso musicale di Liszt; quindi sabato 8 febbraio, alle ore 11,30 nel Saloncino delle Statue della stessa Galleria, Gregorio Nardi terrà un concerto per pianoforte con musiche di Liszt.

Museo di San Marco
A partire da mercoledì 5 febbraio fino alla fine del mese di marzo 2014 il mercoledì, in orario antimeridiano, e il sabato, in orario pomeridiano, saranno effettuate, a cura del personale del Museo di San Marco, delle visite guidate ai Chiostri del Museo, con apertura straordinaria del Chiostro di San Domenico, normalmente non accessibile al pubblico. Le visite saranno comprese nel costo del biglietto d’ingresso al Museo. La prenotazione per la partecipazione alle visite e il punto di ritrovo per i gruppi, composti al massimo da 12 persone, saranno presso l’ingresso del Museo. L’orario sarà il seguente: mercoledì alle ore 10, 11 e 12; il sabato alle ore 14.30 e 15.30.

Museo di Palazzo Davanzati
Anche il Museo di Palazzo Davanzati, oltre all’ordinaria apertura mattutina, riaprirà al pubblico straordinariamente nei pomeriggi del 19 febbraio, 19 marzo e 16 aprile dalle ore 14,30 alle ore 17,30.  Durante queste aperture pomeridiane sarà possibile la visita libera del museo ai piani terreno, primo e secondo e due visite guidate al terzo piano ed eccezionalmente all’altana  alle ore 15 e alle ore 15, 30 (massimo 30 persone a visita; possibile prenotare gratuitamente presso il museo telefonando al numero. 055 2388610 oppure scrivendo un’email all’indirizzo museo.davanzati@polomuseale.firenze.it). A seguire, nel cortile alle ore 16,30, sono previsti appuntamenti teatrali o musicali. In particolare mercoledì 19 febbraio si potrà assistere a Collodi e Rodari a braccetto per Carnevale, letture di brani e poesie a cura di Donatella Russo; il 19 marzo a cura della Compagnia delle Seggiole andrà in scena lo spettacolo Sussi e Biribissi di Collodi Nipote, lettura radiofonica drammatizzata, adattamento e regia di Claudio Spaggiari; infine il 16 aprile è previsto il concerto La Primavera con l’Ensemble Musica Ricercata che proporrà un programma musicale dedicato alla primavera con canzoni (mottetti, ballate, villanelle, maggiolate, ecc.) dal XII al XVIII secolo. Per le visite guidate e gli spettacoli l’ingresso è con il biglietto del museo fino ad esaurimento dei posti disponibili (biglietteria fino alle ore 17,10).