Musei Civici Fiorentini: ingresso gratuito per donne l’8 marzo

Musei Civici Fiorentini: ingresso gratuito per donne l’8 marzo

Domani, 8 marzo, i musei civici fiorentini saranno gratuitamente aperti a tutte le donne come omaggio per la loro festa.

Questi gli orari:

Museo di Palazzo Vecchio, Piazza Signoria

ore 9.00 – 19.00

Torre di Arnolfo

Ore 10.00 – 17.00

(ultimo ingresso 1 ora prima chiusura museo)

Santa Maria Novella, Piazza S. Maria Novella e Piazza Stazione 4

ore 11.00 – 17.30

(ultimo ingresso ore 16.45)

Cappella Brancacci, Piazza del Carmine 14

ore10.00 – 17.00

Prenotazione consigliata info@muse.comune.fi.it

Museo Novecento, Santa Maria Novella 10

ore 11.00 – 19.00

(ultimo ingresso 1 ora prima chiusura museo)

Museo Stefano Bardini, Via dei Renai, 37

ore 11.00 – 17.00

(ultimo ingresso ore 16.30)

L'articolo Musei Civici Fiorentini: ingresso gratuito per donne l’8 marzo proviene da www.controradio.it.

L’8 marzo al Museo Novecento

L’8 marzo al Museo Novecento

Al Museo Novecento una giornata di eventi che va dal concerto del gruppo Musica Antiqua del Maggio Musicale Fiorentino al reading di poesie al femminile dell’associazione culturale La Stanza dell’attore fino alla performance di Cristina Palandri “A Fragmented Deity” e alla mostra per il decimo anniversario del gemellaggio con Mauthausen promossa dall’associazione Aned. Ingresso gratuito al museo per le donne.

L’8 marzo al Museo Novecento è una giornata sfaccettata. E se da una parte prendono vita una serie di appuntamenti dedicati alla Festa della donna dall’altra verrà presentata al pubblico la mostra fotografica La memoria ha un futuro di pace organizzata in collaborazione con Aned (Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti) in occasione del 10° anno del patto di fratellanza con Mauthausen.

Per celebrare la Festa della donna il museo propone, oltre all’ingresso gratuito per tutte le signore, un programma di iniziative legate alle tema del femminile. Alle 17:30 in programma il concerto Note al Museo del gruppo Musica Antiqua del Maggio Musicale Fiorentino, che vedrà i violinisti Anna Noferini e Luigi Cozzolino, interpretare la Sonata in Fa maggiore RV 70 di Antonio Vivaldi, la Gulliver Suite di Georg Philipp Telemann e La Follia di Arcangelo Corelli.

Alle 18 Cristiana Palandri, Pietro Dossena e Sahba K. Amiri proporranno la performance A Fragmented Deity, ispirata a Molly Bloom, “divinità frammentata” dell’ultimo capitolo dell’Ulisse di James Joyce. La protagonista di A Fragmented Deity si relaziona con le parole che pronuncia come se fossero esterne a sé, segmentandole e censurandole mediante l’interazione fisica con i comandi di un registratore a cassette. Il nastro magnetico custodisce la dimensione più intima della performance: il ricco mondo sonoro del Femminile, considerato nella sua dimensione a-verbale e pre-culturale.

Alle 19 infine le studentesse dell’associazione culturale La Stanza dell’attore, sotto la guida del regista Giovanni Micoli, proporranno il reading “Poesia, il tuo nome è femmina” di brani scelti dai testi di alcune delle più grandi poetesse della storia.

A partire dalle 17, sotto il loggiato esterno, sarà inoltre possibile prendere visione della mostra fotografica “La memoria ha un futuro di pace” organizzata dal Museo Novecento in collaborazione con Aned in occasione del 76° Anniversario della deportazione verso i campi di concentramento nazisti di centinaia tra operai, impiegati, professionisti e semplici cittadini, vittime di rastrellamenti indiscriminati a Firenze e dintorni dopo l’ondata di scioperi avvenuti in tutta la Toscana nel 1943 e del 10° anniversario del Patto di Fratellanza fra i comuni di Firenze e Mauthausen.

L'articolo L’8 marzo al Museo Novecento proviene da www.controradio.it.

Firenze, musei civici gratuiti per Domenica Metropolitana

Firenze, musei civici gratuiti per Domenica Metropolitana

La Domenica Metropolitana di  (3) marzo offre un ricco programma di visite e attività nei musei cittadini. Giovani e adulti potranno fruire delle visite dedicate alla famiglia Medici in Palazzo Vecchio e in Palazzo Medici Riccardi ma anche dei percorsi guidati in Santa Maria Novella, alla Cappella Brancacci e alla Fondazione Salvatore Romano, alla mostra ‘Solo. Medardo Rosso’ (Museo Novecento) e a quella dedicata a Luca Pignatelli (Museo Stefano Bardini).

Si affiancano poi le iniziative sulla Memoria della Grande Guerra e le visite proposte nell’ambito del progetto AMIR / Accoglienza Musei Inclusione Relazione.

Inoltre, nell’ambito delle celebrazioni per la nascita di Cosimo e Caterina de’ Medici (1519-2019), si segnala la prima Sunday Lecture dedicata a Cosimo I de’ Medici e ai suoi discendenti, a cura di Stefano Corazzini.

Alle famiglie con bambini sono invece dedicate il racconto ‘Per fare una città ci vuole un fiore’, la ‘Favola della tartaruga con la vela’ e gli atelier d’arte in Palazzo Vecchio, il percorso ‘A casa Medici’ in Palazzo Medici Riccardi e l’attività ‘Io e te, l’arte del ritratto’ al Museo Novecento.

Sono inoltre in programma le visite accompagnate al Museo del Bigallo alle ore 10 e alle ore 12 (Piazza San Giovanni 1, prenotazione obbligatoria, tel. 055-288496) e la visita guidata, ore 15.30,  al Museo della Misericordia (Piazza Duomo 19, prenotazione obbligatoria, tel. 055-239393).

Si segnala anche l’accesso gratuito al Museo Zeffirelli-Centro internazionale per le Arti dello Spettacolo, dalle ore 10 alle 18 (Piazza San Firenze 5, non è necessaria la prenotazione).

Si ricorda che le visite guidate e le attività sono gratuite  ma che è necessaria la prenotazione.

Non c’è  bisogno di  prenotazione per la semplice visita ai Musei Civici Fiorentini che presentano i seguenti orari di apertura.

Museo di Palazzo Vecchio, ore 9-19
Torre di Arnolfo, ore 10-17
Santa Maria Novella, ore 13-17,30
Museo Stefano Bardini, ore 11-17
Cappella Brancacci (S. Maria del Carmine), ore 13-17
Fondazione Salvatore Romano, P.zza Santo Spirito, ore 13-17
Museo Novecento, P.zza Santa Maria Novella, ore 11-19
Museo del Ciclismo Gino Bartali, via Chiantigiana 175 (Ponte a Ema), ore 10-16
Palazzo Medici-Riccardi, via Cavour, ore 9-19

INFO:

055.2768224, 055.2768558

info@muse.comune.fi.it

 www.musefirenze.it

L'articolo Firenze, musei civici gratuiti per Domenica Metropolitana proviene da www.controradio.it.

Museo Novecento: Saretto Cincinelli in dialogo con artisti mostra

Museo Novecento: Saretto Cincinelli in dialogo con artisti mostra

In occasione della mostra Il Disegno del Disegno (visitabile al Museo Novecento fino al 28 febbraio) venerdì 22 febbraio alle 18 il curatore Saretto Cincinelli “dialoga” con alcuni degli artisti coinvolti nel progetto.

Il talk consentirà di approfondire la riflessione sul disegno, inteso non come progetto ma come processo. In linea con il concept della mostra, l’incontro non intende modellare una prospettiva dello sguardo, ma condurre in primo piano, oltre al “verbo essere” delle singole produzioni di ciascun artista, l’accadere plurale di un evento.

Il Disegno del Disegno riunisce in un’unica esposizione i giardini ‘stagionali’ di Massimo Bartolini, le sinopie ‘postume’ di Antonio Catelani, l’affiorare delle figure nel gesto formante delle terrecotte di Emanuele Becheri, le duplicazioni evocanti un cortocircuito tra ciò che è scomparso e ciò che non smette di riaffiorare di Andrea Santarlasci, le infinite, minute segnature delle pagine marmoree di Massimiliano Turco, tracciati di un divenire che mostra il senso di una ripetizione mutante.

A questi si affiancano le sculture incorporanti il disegno della propria genesi materiale di Daniela De Lorenzo, gli autoritratti tracciati senza mai posare lo sguardo sul foglio di Chiara Camoni, le presentazioni extra-rappresentative dei Senza titolo (Chiasmi) e delle Prosopopee di Carlo Guaita, l’Atlas di Margherita Moscardini che, tramite un inedito display performativo, mostra moltitudini aggregate in uno spazio pubblico da cui sono sottratte le architetture e, infine, le fotografie in bianco e nero di Paolo Meoni e Giulia Cenci, sorta di disegni istantanei che nella loro platitude restituiscono l’astratto ritmo interno di uno scenario naturale o svolgono il ruolo di annotazioni e schizzi preparatori evocanti opere a venire.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti. L’ingresso non prevede l’accesso al percorso museale.

L'articolo Museo Novecento: Saretto Cincinelli in dialogo con artisti mostra proviene da www.controradio.it.

Museo Novecento: Saretto Cincinelli in dialogo con artisti mostra

Museo Novecento: Saretto Cincinelli in dialogo con artisti mostra

In occasione della mostra Il Disegno del Disegno (visitabile al Museo Novecento fino al 28 febbraio) venerdì 22 febbraio alle 18 il curatore Saretto Cincinelli “dialoga” con alcuni degli artisti coinvolti nel progetto.

Il talk consentirà di approfondire la riflessione sul disegno, inteso non come progetto ma come processo. In linea con il concept della mostra, l’incontro non intende modellare una prospettiva dello sguardo, ma condurre in primo piano, oltre al “verbo essere” delle singole produzioni di ciascun artista, l’accadere plurale di un evento.

Il Disegno del Disegno riunisce in un’unica esposizione i giardini ‘stagionali’ di Massimo Bartolini, le sinopie ‘postume’ di Antonio Catelani, l’affiorare delle figure nel gesto formante delle terrecotte di Emanuele Becheri, le duplicazioni evocanti un cortocircuito tra ciò che è scomparso e ciò che non smette di riaffiorare di Andrea Santarlasci, le infinite, minute segnature delle pagine marmoree di Massimiliano Turco, tracciati di un divenire che mostra il senso di una ripetizione mutante.

A questi si affiancano le sculture incorporanti il disegno della propria genesi materiale di Daniela De Lorenzo, gli autoritratti tracciati senza mai posare lo sguardo sul foglio di Chiara Camoni, le presentazioni extra-rappresentative dei Senza titolo (Chiasmi) e delle Prosopopee di Carlo Guaita, l’Atlas di Margherita Moscardini che, tramite un inedito display performativo, mostra moltitudini aggregate in uno spazio pubblico da cui sono sottratte le architetture e, infine, le fotografie in bianco e nero di Paolo Meoni e Giulia Cenci, sorta di disegni istantanei che nella loro platitude restituiscono l’astratto ritmo interno di uno scenario naturale o svolgono il ruolo di annotazioni e schizzi preparatori evocanti opere a venire.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti. L’ingresso non prevede l’accesso al percorso museale.

L'articolo Museo Novecento: Saretto Cincinelli in dialogo con artisti mostra proviene da www.controradio.it.