‘The Smashing Pumpkins’ a Firenze Rocks

‘The Smashing Pumpkins’ a Firenze Rocks

Ci saranno anche The Smashing Pumpkins tra gli ospiti di Firenze Rocks: il concerto è in programma il 13 giugno, nella prima giornata del festival in programma fino al 16 giugno al Visarno arena.

Sempre il 13 giugno, oltre a The Smashing Pumpkins,  ci saranno i Tool, Ed Sheeran il 14 e The Cure il 16 giugno.

Vincitori del Grammy Award, acclamati pionieri dell’alternative-rock, The Smashing Pumpkins sono in procinto di pubblicare il loro nuovo album, Shiny and oh so bright, vol.1/ Lp: No Past. No future. No sun il prossimo 16 novembre.

Il disco, registrato agli Sangri La Studios di Malibu (California) col produttore Rick Rubin e il chitarrista Jeff Schroeder, è il primo lavoro della band in oltre 18 anni che riunisce i membri fondatori Billy Corgan, James Iha e Jimmy Chamberlin

L'articolo ‘The Smashing Pumpkins’ a Firenze Rocks proviene da www.controradio.it.

Disco della Settimana: J Mascis “Elastic Days”

Disco della Settimana: J Mascis “Elastic Days”

E’ uscito il 9 Novembre su Sub Pop Records/Audioglobe Elastic Days il nuovo album di J Mascis dei Dinosaur Jr, una delle vere e proprie leggende della scena alternativa statunitense.

Alla realizzazione dell’album hanno collaborato Mark Mulcahy e Pall Jenkins dei Black Heart Procession e Zoë Randell dei Luluc. L’album è stato registrato nel suo studio di Bisquiteen nel Massachusetts.
Il precedente album solista di J Mascis, “Tied to a star” è stato pubblicato nel 2014 sempre dalla Sub Pop Records. Nel 2016, con i Dinosaur Jr., ha pubblicato un nuovo album, “Give a Glimpse of What Yer Not”.
35 anni fa J Mascis è stato il fondatore dei Dinosaur Jr una delle più rappresentative formazioni della scena indie rock americana degli anni ottanta assieme a band come Hüsker Dü, Minutemen, Sonic Youth e Pixies.

Il nuovo album, lontano dalle ondate noise della sua produzione con i Dinosaur Jr, inanella una sequella di ballate “alla Neil Young”, intense e malinconiche ma incredibilmente “intime”. La formula è sicuramente già nota, ma il risultato è ai massimi livelli.

L'articolo Disco della Settimana: J Mascis “Elastic Days” proviene da www.controradio.it.

Musica dei Popoli festa finale con Baro Drom Orkestar e Fanfara Station alla Flog di Firenze

Musica dei Popoli festa finale con Baro Drom Orkestar  e Fanfara Station alla Flog di Firenze

L’Auditorium Flog di Firenze diventa il set di un grande party in occasione della chiusura dell’edizione 2018 del Festival Musica dei Popoli: protagoniste due band, BARO DROM Orkestar e FANFARA STATION, che della contaminazione, del ritmo e della ricerca musicale hanno fatto la loro cifra stilistica. Sabato 10 novembre dalle 21.30

Con più di 400 concerti in Europa, tra festival, teatri e club, con tre dischi all’attivo e tantissime collaborazioni la BARO DROM è una delle più belle realtà nel panorama della world music. Il quartetto nato con la passione per le ritmiche infuocate dell’est Europa e per le melodie del Mediterraneo, ha negli anni sviluppato un proprio linguaggio originale. Nelle nuove composizioni si possono scovare sonorità brasiliane, echi di musica mongola e ritmiche africane. Ascoltare strumenti ancestrali come il berimbau o l’udu amalgamarsi con le melodie della fisarmonica e del violino, sentire vecchi farfisa e un contrabbasso distorto cadenzare il passo di danze ipnotiche. Un mondo sonoro inedito che non tradisce però l’energia e lo stile che ha sempre contraddistinto la band.
BARO DROM Orkestar presenta in occasione della Festa di sabato 10 novembre il nuovo disco “Nisba”, produzione che vedetante prestigiose collaborazioni: l’oud di Achref Argui, il liuto cantabile di Mauro Palmas, il flauto di Massimo Giuntini e la tromba di Nicola Cellai, oltre alla neonata collaborazione con Andrea Locci, che ha impreziosito l’artwork dell’album con le sue visionarie opere d’arte.


FANFARA STATION è caratterizzato da uno stile musicale meno ‘tradizionale’, con tre musicisti e due loop station usate per sovraincidere le tracce e manipolare i suoni acustici ed elettronici. Sono solo 3 sul palco, ma rendono la forza di un’orchestra di fiati, mixandola a elettronica e ritmi e canti del Maghreb. FANFARA STATION celebra l’epopea delle culture musicali della diaspora africana e dei flussi che da sempre uniscono il Medio Oriente al Maghreb, all’Europa e alle Americhe.
Il progetto è composto da Marzouk Mejri, cantautore e polistrumentista tunisino considerato uno dei migliori percussionisti sulla scena italiana, il trombettista e manipolatore elettronico statunitense Charles Ferris, esperto delle diverse tradizioni musicali del mondo e Marco Dalmasso, DJ e produttore torinese che negli anni ha sviluppato uno stile assai personale, partendo dall’elettronica e contaminandola col blues, il jazz e il folk.

Una festa di ritmi e suggestioni tra tradizione, nuances esotiche e sonorità contemporanee tutta da ballare, per chiudere in bellezza il Festival MUSICA DEI POPOLI che da sempre promuove il melting pot musicale e la scoperta di nuove commistioni musicali

Segue Dj Set con FOLIE A DEUX a ingresso libero – ingresso ai 2 concerti € 8

L'articolo Musica dei Popoli festa finale con Baro Drom Orkestar e Fanfara Station alla Flog di Firenze proviene da www.controradio.it.

Dalla Svizzera i Peter Kernel in concerto al Glue di Firenze

Dalla Svizzera i Peter Kernel in concerto al Glue di Firenze

Peter Kernel il duo svizzero – canadese, composto dal graphic designer Aris Bassetti e la film maker Barbara Lehnhoff, per la prima volta a Firenze! Sabato 10 novembre al Glue di Firenze

La band svizzera dei Peter Kernel arriva in Italia in tour a supportare il disco “The Size Of The Night” (uscito nel marzo scorso). Il duo sarà venerdì 9 novembre al Cox 18 di Milano, sabato 10 al Glue di Firenze (per la prima volta in città), domenica 11 al Resonanz di Loreto (AN), giovedì 13 dicembre al Moog di Ravenna, venerdì 14 al Mattatoio di Carpi (MO) infine sabato 15 al Twiggy di Varese.

Negli ultimi due anni la band ha suonato più di 600 concerti tra Europa e Canada includendo festival prestigiosi come il Montreaux Jazz Festival, il Milano Fashion Week, il Paleo Festival, HMV Forum London e The Great Escape. Nel 2016 sono stati nominati per lo Swiss Music Grand Prix.

 

Glue Alternative Concept Space – Viale Manfredo Fanti, 20 – Firenze

INFO

L'articolo Dalla Svizzera i Peter Kernel in concerto al Glue di Firenze proviene da www.controradio.it.

Al Tenax arriva Micheal Mayer, uno dei nomi di punta della dance tedesca

Al Tenax arriva Micheal Mayer, uno dei nomi di punta della dance tedesca

Sabato 10 novembre nuovo appuntamento con Nobody’s Perfect . Al Tenax arriva Micheal Mayer, uno dei nomi di punta della dance tedesca. In apertura in consolle Matteo Zarcone aka Zee

È uno dei nomi fondamentali per la musica elettronica mondiale: fondatore della Kompakt Records, dj produttore e remixer dal gusto impeccabile e dalla tecnica sopraffina, Michael Mayer è lo special guest di sabato 10 novembre al Tenax (apertura porte ore 22:30 – ingresso 10/12/15 € – vietato ai minori di 18 anni).
La sua carriera lo ha portato a suonare sui palchi di tutto il mondo di fronte a milioni di persone. È il fondatore della Kompakt, celebre etichetta tedesca, e ha remixato per artisti quali Pet Shop Boys, Depeche Mode, Foals e Rufus Wainwright.
Nato nel 1971 nella Foresta Nera, Michael Mayer è entrato in contatto con il mondo del djing da ragazzino grazie a un suo vicino di casa che dj e light designer che gli passava mixtapes e lo faceva entrare di nascosto nei club.
“L’immagine di una persona dietro la consolle è incisa nella mia memoria. Ho capito fin da subito che quello era ciò che volevo fare!”. Distribuisce giornali, si mette da parte i soldi e a 14 anni si compra i suoi primi piatti e un mixer. Poco dopo diventa il beniamino delle feste della scuola e all’età di 18 anni comincia a suonare in locali veri e propri anche se il suo gusto non lo rende così digeribile per i gusti commerciali dell’epoca e comincia ad esplorare progetti più underground.
Per quanto rimanga fedele al 4/4 Michel Mayer non è certamente un integralista della techno e cerca costantemente di allargarne i confini e di andare sempre più in profondità. Il suo amore per la club culture, la sua passione per la musica e la sua dedizione all’arte del djing e della produzione lo pongono in una categoria a cui pochi professionisti riescono ad accedere: “Come dj sento la responsabilità di combinare più generi e più epoche. Tutto è volto a far divertire il pubblico ma al contempo non bisogna sotto-stimolarlo o affaticarlo troppo. E inoltre si deve anche essere sovversivi e suonare musica che mai uno si sarebbe neanche sognato di ballare. Un dj deve essere entrambe le cose: un intrattenitore e un educatore”.
In apertura un dj producer molto apprezzato fra le mura del Tenax, ovvero ZEE aka Matteo Zarcone.  Dj, produttore e batterista in questi ultimi 10 anni ha suonato nei più prestigiosi club italiani dividendo il palco con artisti di di fama internazionale, dei veri big della scena house.
Tenax – via pratese 46, 50145 Firenze – PARCHEGGIO: si consiglia la clientela di parcheggiare l’auto nell’aerea custodita e gratuita in via Palagio degli Spini a soli 400 metri dal Tenax

L'articolo Al Tenax arriva Micheal Mayer, uno dei nomi di punta della dance tedesca proviene da www.controradio.it.