Teho Teardo “Music for Wilder Mann”

Teho Teardo “Music for Wilder Mann”

Teho Teardo all’Alfieri di Firenze con un progetto ispirato alle immagini di Charles Fréger. Mercoledì 23 gennaio 2019 alle ore 21.00

“Il Gioiellino”, “Il Divo”, “La Ragazza del lago”, “Una vita tranquilla”, “Gorbaciof”, “L’amico di famiglia”, “Lavorare con lentezza”… Sono solo alcune delle pellicole a cui Teho Teardo ha prestato le proprie musiche, imponendosi tra i nuovi fuoriclasse delle colonne sonore.
Il compositore si accosta ora ad un altro tipo di immagini, le fotografie di Charles Fréger. Il progetto “Music for Wilder Mann” che porta in scena mercoledì 23 gennaio allo Spazio Alfieri di Firenze trae ispirazione dalle immagini contenute nel libro “Wilder Mann, la figura dellʼUomo Selvaggio”.

La collaborazione tra il compositore e il fotografo francese è incentrata sulla ricerca musicale e fotografica della figura dellʼuomo selvaggio, angelo o demone, personificazione dei nostri desideri o difetti. Una necessità che scava nelle nostre più profonde aspirazioni e palpitazioni, uomini che anelano al primitivo, ad istinti arcaici forse mai del tutto assopiti, nonostante l’era moderna della tecnologia, delle troppe parole da leggere e troppe immagini da guardare, nellʼassedio dei dati a cui siamo sottoposti.

Sprofondare nella commozione e misurarne con il suono i riflessi che lascia in noi, questo è “Music For Wilder Mann”. Le apparizioni dei Wilder Mann, i mostri fotografati da Charles Fréger nel libro omonimo che è già divenuto un classico, generano un turbamento che la musica di Teho Teardo ci restituisce in termini sonori. Biglietto posto unico 13,90 euro. Prevendite: www.boxofficetoscana.itwww.ticketone.it (tel. 892 101)
Info tel. 055.667566 – 055.5320840 – www.bitconcerti.it

L'articolo Teho Teardo “Music for Wilder Mann” proviene da www.controradio.it.

Tiromancino: parte dal Teatro Verdi di Firenze il “Fino A Qui – Tour 2019”

Tiromancino: parte dal Teatro  Verdi di Firenze il “Fino A Qui – Tour 2019”

“Fino A Qui” ultimo lavoro dei Tiromancino, insieme a molti brani del loro repertorio, in una veste unica e rivisitata che vede la straordinaria partecipazione dell’Ensemble Symphony Orchestra. Lunedì 21 gennaio 2019, ore 20.45, Teatro Verdi Firenze

I Tiromancino sono pronti a regalare al pubblico un imperdibile spettacolo presentando live, in una versione unica e originale, il loro ultimo progetto discografico “Fino a qui”, prodotto da Trident Music, ed eseguendo molti celebri brani del loro repertorio.
Per la prima volta, infatti, Federico Zampaglione e la sua band saranno accompagnati dall’Ensemble Symphony Orchestra, una delle orchestre più conosciute nel panorama artistico nazionale che vanta anche la collaborazione con numerosi artisti di fama internazionale (Sting, Kylie Monogue, Robbie Williams, Sam Smith, Luis Bacalov e molti altri). L’orchestra è diretta dal Maestro Giacomo Loprieno.
Inoltre, per il concerto di Bologna, previsto il 26 gennaio al Teatro Manzoni, salirà sul palco il cantautore Luca Carboni che ha duettato con Federico Zampaglione nel brano “Imparare Dal Vento”, contenuto del disco “Fino A Qui”.

Sul palco: Federico Zampaglione (voce e chitarra), Antonio Marcucci (chitarra elettrica), Francesco “Ciccio” Stoia (basso), Marco Pisanelli (batteria e percussioni) e Fabio Verdini (pianoforte e tastiere).

I biglietti (posti numerati da 25 a 46 euro) sono disponibili nei punti Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel. 055.210804) e online su www.ticketone.it (tel. 892.101). Info tel. 055.667566 – 055.212320  – www.bitconcerti.it,www.tridentmusic.it.

L'articolo Tiromancino: parte dal Teatro Verdi di Firenze il “Fino A Qui – Tour 2019” proviene da www.controradio.it.

Amici della Musica con Jordi Savall, Hespèrion XXI e Brentano String Quartet

Amici della Musica con Jordi Savall, Hespèrion XXI e Brentano String Quartet

La Stagione Concertistica degli Amici della Musica di Firenze porta alla Pergola uno dei concerti più attesi: Jordi Savall ed Hespèrion XXI che sabato 19 gennaio alle 16 proporranno il concerto “L’Europa Musicale dal Rinascimento al Barocco”. Domenica 20 gennaio alle 21, protagonisti al Saloncino il Brentano String Quartet

La Stagione Concertistica degli Amici della Musica di Firenze porta alla Pergola uno dei concerti più attesi: Jordi Savall ed Hespèrion XXI che sabato 19 gennaio alle 16 proporranno il concerto “L’Europa Musicale dal Rinascimento al Barocco”.Nel 1974, a Basilea, Jordi Savall e Montserrat Figueras, proprio con Lorenzo Alpert e Hopkinson Smith fondarono il gruppo Hespèrion XX, un gruppo di musica antica che intendeva recuperare e diffondere il ricco e affascinante repertorio musicale anteriore al XIX secolo a partire da nuove premesse: i criteri storici e gli strumenti originali. Il suo nome, Hespèrion, significa “originario di Esperia”, che nell’Antica Grecia era la denominazione delle penisole più occidentali d’Europa: quella iberica e quella italiana. Era anche il nome che riceveva il pianeta Venere quando compariva ad Occidente. Fin dagli inizi, Hespèrion XXI assunse una direzione artistica chiara e innovativa che finirà per fare scuola nel panorama mondiale della musica antica, perché concepiva e concepisce la musica antica come strumento di sperimentazione musicale, con cui si ricerca la massima bellezza e l’espressività delle interpretazioni. Qualsiasi interprete di musica antica è in debito con lo spirito originale di ciascun’opera e bisogna imparare a collegarcisi attraverso lo studio dell’autore, degli strumenti dell’epoca, dell’opera in sé e delle sue circostanze concrete.

Il repertorio di Hespèrion XXI include, tra le varie cose, opere di repertorio sefardita, romanze castigliane, pezzi del Secolo d’Oro Spagnolo e l’Europa delle Nazioni. Alcuni dei loro programmi di concerti più celebrati sono stati Il canzoniere di Santa Maria di Alfonso X il Saggio, La Diaspora Sefardita, le musiche di Gerusalemme, di Istanbul, dell’Armenia o le Folías Criollas. Ha pubblicato più di sessanta CD e in questo momento tiene concerti in tutto il mondo e partecipa abitualmente ai grandi Festival Internazionali della Musica Antica.

Domenica 20 gennaio alle 21, protagonisti al Saloncino del Teatro della Pergola Mark Steinberg e Serena Canin ai violini, Misha Amory alla viola e Nina Maria Lee al violoncello. Il Brentano String Quartet, che prende il nome da Antonie Brentano, che alcuni studiosi considerano l‘Amata Immortale di Beethoven, eseguirà musiche di Haydn, Aucoin, Carter e Mendelsshon. Fin dalla sua fondazione nel 1992, il Quartetto Brentano si è contraddistinto per la brillantezza tecnica, la raffinata percezione musicale e l’estrema eleganza stilistica. Nel giro di un anno, ha ricevuto nomination a importanti premi come Naumburg Chamber Music Award e Martin E. Segal Award. In occasione della sua prima apparizione alla Wigmore Hall di Londra, il Quartetto è stato premiato con il Royal Philharmonic Society Music Award come debutto di maggior successo (1997). Il Quartetto è diventato il primo “quartet in residence” dell’Università di Princeton nel 1999. Nel 1995 è stato scelto dalla Chamber Music Society del Lincoln Center per partecipare alla stagione inaugurale della Chamber Music Society Two, dedicata ad artisti e musicisti da camera emergenti. Il repertorio del Quartetto spazia dalla musica antica a quella contemporanea: negli anni, ha collaborato assiduamente con compositori quali Elliot Carter (1908-2012) e György Kurtág, e ha eseguito opere commissionate a Milton Babbitt, Chou Wen-Chung, Charles Wuorinen, Bruce Adolphe, Steven Mackey e Jonathan Dawe.

Biglietti concerti da 17 a 28 euro. Tutte le info e il programma completo della stagione su www.amicimusicafirenze.it.

L'articolo Amici della Musica con Jordi Savall, Hespèrion XXI e Brentano String Quartet proviene da www.controradio.it.

Dalla Metrocittà Firenze un milione e 400 mila euro per il Maggio Metropolitano

Dalla Metrocittà Firenze un milione e 400 mila euro per il Maggio Metropolitano

Nardella: “Iniziativa di altissimo profilo, che coinvolge tutti i comuni del territorio fiorentino, con un mix di tradizione e sperimentazione”.

La Città Metropolitana di Firenze ha assegnato alla Fondazione Maggio Musicale Fiorentino un contributo di 1.400.000,00 Euro per la realizzazione del progetto del “Maggio Metropolitano”, edizione 2019.

“Un’iniziativa di altissimo profilo – commenta il sindaco Dario Nardella – con professionisti della musica che costruiscono un ponte con le diverse realtà locali, grazie a un programma diffuso sul territorio metropolitano fiorentino che tocca ciascuno dei nostri comuni”.

I Comuni della Città Metropolitana sono coinvolti come partner strategici in un’ottica di valorizzazione dei luoghi e delle iniziative culturali del territorio, in una prospettiva che comprende sia intrattenimento che promozione culturale e attività didattico-divulgative. Con il programma presentato alla Metrocittà, viene articolata un’offerta in grado di rispondere alle esigenze di tutti i cittadini e di intercettare pubblici eterogenei per cultura, interessi, formazione, età e ceto sociale, tra sperimentazione e tradizione.

Il cartellone ampio e variegato del progetto prevede dunque dei concerti dell’Orchestra e del Coro del Maggio Musicale Fiorentino, concerti di musica da camera, concerti di cantanti e pianisti dell’Accademia del Maggio, spettacoli espressamente dedicati ai bambini e ai giovanissimi (The Wam Game –  Il gioco di Mozart e Rossini Game) messi in scena in modo interattivo per coinvolgerli e divertirli con le musiche dei due grandi compositori.

Non mancheranno le prove aperte in esclusiva di opere e concerti al Teatro del Maggio, il pubblico metropolitano coinvolto avrà anche numerosissime occasioni di approfondimento culturale con le conversazioni musicali, ascolti guidati di presentazione delle opere e dei concerti del Maggio Musicale Fiorentino e percorsi tematici su compositori e temi specifici.
La relativa delibera è stata approvata all’unanimità dal Consiglio Metropolitano, insieme ad un ordine del giorno, presentato dai gruppi consiliari, che impegna a confermare reperire risorse da destinare a progetti culturali presentati dalle associazioni.

L'articolo Dalla Metrocittà Firenze un milione e 400 mila euro per il Maggio Metropolitano proviene da www.controradio.it.

Il cammino della Cumbia, il nuovo romanzo a fumetti di Davide Toffolo al Buh di Firenze

Il cammino della Cumbia, il nuovo romanzo a fumetti di Davide Toffolo al Buh di Firenze

Il cammino della Cumbia, il nuovo romanzo a fumetti di Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti venerdì 18 gennaio al Buh! Di Firenze.

Il 2019 del BUH! riparte con la presentazione del libro del frontman dei dei Tre allegri ragazzi morti. Un romanzo a fumetti sulla musica migrante nata in Colombia costruito su un viaggio lungo 8.500 chilometri che l’autore ha realizzato fra gennaio e febbraio scorso. Un evento tutto dedicato alla riscoperta di un genere musicale autentico e popolare.

Nel novembre 2018 Davide Toffolo è uscito con “Il cammino della cumbia”, pubblicato dalla casa editrice Oblomov-La nave di Teseo (216 pagine a colori).
Il libro, che sarà presentato venerdì 18 gennaio al BUH! in un evento tutto dedicato alla riscoperta della Cumbia, è paragonabile ad altri lavori di auto fiction quali “Pasolini”, “Il Re bianco” e lo stesso “Graphic novel is dead”, tutti firmati da Toffolo.  Una ricognizione che parte da Buenos Aires e arriva a Cartagena, in Colombia, dove la Cumbia è nata. Più di 100 musicisti incontrati, avventure, cultura e storia di un’America popolare e tenuta assieme da un ballo. La Cumbia, appunto. Alla presentazione si aggiungerà un dj set proposto dall’autore, per raccontare il contenuto musicale del libro. Un viaggio musicale in giro per il Sudamerica, dove Toffolo affiancato da Nahuel Martinez aka Paquiano, porterà il pubblico alla riscoperta della propria “selva interiore”.
Prima del dj set, il live degli Americanto. Gruppo di riferimento per la comunità latina a Firenze gli Americanto sono degli eroi locali. Il loro repertorio attraversa tutto il continente latinoamericano: dalle ritmiche amazzoniche, alla cumbia,  ai canti rituali Inca delle Ande.
Ad accompagnare l’evento anche una cena curata dall’associazione Anelli Mancanti alla scoperta di piatti tipici sudamericani.
Apertura porte ore 20
Contributo d’ingresso all’attività culturale 5 €
BUH Circolo culturale urbano  si trova in Via Panciatichi 16, Firenze e da quest’anno si arriva anche con la Tramvia (Fermata consigliata Dalmazia).  Il venerdì e il sabato il servizio si conclude alle 2 di notte. Da Dalmazia ultima corsa verso il centro ore 1:44

L'articolo Il cammino della Cumbia, il nuovo romanzo a fumetti di Davide Toffolo al Buh di Firenze proviene da www.controradio.it.