Jack Savoretti in concerto a Firenze. Acoustic Night al Teatro Verdi di Firenze

Jack Savoretti in concerto a Firenze. Acoustic Night al Teatro Verdi di Firenze

Jack Savoretti venerdì 25 maggio al Teatro Verdi per un’altra attesissima tappa fiorentina, stavolta nell’ambito dell’Acoustic Nights Live, il nuovo tour del cantautore italo-inglese.

Il progetto nasce dal successo di “Sleep No More – special edition”, doppio album nato da una costola dell’incensato “Sleep No More”, aggiungendo inedite versioni acustiche di suoi brani.
Da qui l’idea di un live acustico ambientato nei teatri storici italiani, circondati dall’arte e dalle atmosfere vellutate di questi luoghi. Jack Savoretti suonerà in quartetto insieme a al fidato Nikolaj Torp Larsen al pianoforte e, direttamente dalla band di Paolo Conte, a Piergiorgio Rosso al violino e Francesca Gosio al violoncello.

Jack Savoretti anglo-italiano, è tra le nuove star del pop-rock internazionale. Premiato come “miglior nuova proposta internazionale” agli Onstage Awards 2015, è nato a Londra nel 1983. È cresciuto a Lugano, dove ha iniziato a scrivere musica, per poi trasferirsi al college a San Francisco nel 2001. Rientrato a Londra con la ferma intenzione di fare musica sul serio, ha i suoi primi riconoscimenti nel 2012 con il suo brano “Hate and Love”, in duetto con Sienna Miller, diventato la colonna sonora del serial “The Vampires diaries”. In questi ultimi anni ha aperto il concerto di Bruce Springsteen all’Hard Rock Calling Festival di Londra e quello di Neil Young a Hyde Park, Paul Mc Cartney lo ha cercato per il suo videoclip “Queenie eye”

(inizio spettacolo ore 20,45 – ingresso dalle ore 19)

Info concerto Savoretti Firenze
Teatro Verdi – via Ghibellina, 99 – Firenze
Tel 055.667566 – 055.212320 – #savorettifi18

Biglietti posti numerati (esclusi diritti di prevendita)
1° settore platea 43 euro
2° settore platea, galleria e palchi I-II-III ordine 35 euro
3° settore palchi IV-V-VI ordine 28 euro

L'articolo Jack Savoretti in concerto a Firenze. Acoustic Night al Teatro Verdi di Firenze proviene da www.controradio.it.

Album della settimana: Arctic Monkeys

Album della settimana: Arctic Monkeys

Gli Arctic Monkeys ritornano con il loro sesto album intitolato Tranquility Base Hotel & Casino. Prodotto da James Ford e Alex Turner, l’album è stato registrato tra Los Angeles, Parigi e Londra e segna un punto di svolta nella carriera della band.

Tranquility Base Hotel & Casino, il loro primo album dopo AM del 2013, vede la band continuare ad esplorare nuovi territori musicali. Il nuovo album alza la posta in gioco; è un album introverso e audace, che riflette più di altri la visione creativa del solo Turner, un lavoro che mette da parte le chitarre taglienti e i riff granitici per trasportarci in un ovattato futuribile universo vagamente bowiano più vicino alle atrosfere toccate da Turner con i Last Shadow Puppets. Quasi superfluo dire che l’uscita ha diviso fan ed estimatori della band tra perplessi ed entusiasti.

L’LP esce con una copertina apribile, contiene i testi dei brani, un booklet fotografico ed in esclusiva sullo store ufficiale della band, in vinile color argento. E’ disponibile anche in edizione standard su CD, vinile e digitale.

A maggio la band partirà per un tour mondiale che toccherà l’Italia per tre date già completamente sold-out, il 26/27 maggio a Roma e il 4 giugno al Forum di Assago (MI)

Così accoglie il lavoro Rockol:

Presto! Qualcuno corra ad aggiornare Wikipedia et similia, prima che scoppi qualche incidente diplomatico. L’ignaro curioso che si avvicinasse agli Arctic monkeys pescando nel mare magnum del sapere in salsa Wiki, infatti, leggerebbe che suonano garage punk, post punk, indie rock e alternative rock… peccato che nemmeno mezza di queste definizioni calzi per descrivere il nuovo – e decisamente coraggioso – lavoro in studio del gruppo di Sheffield. Anzi. Un confronto con quanto pubblicato prima avrebbe lo stesso (non) senso di comparare uno smarthpone con un rasoio elettrico: proprio non è possibile. Cosa è successo? Immaginate una sorta di spaesamento non dissimile a quello che potrebbe avervi colto ascoltando per la prima volta “Boarding House Reach” di Jack White. Vi aspettavate qualcosa che non arriva nella forma prevista; anzi, in questo caso è sostituito da elementi spiazzanti, inediti, tanto da farvi pensare di avere sbagliato disco, che forse non è questo l’ultimo degli Arctic Monkeys (“il mouse sarà rotto, clicca dove vuole” oppure “mi hanno dato un cd difettoso!”). Ma no, i vostri mouse vanno benissimo e il cd è quello corretto. Semplicemente Turner e i suoi hanno cambiato radicalmente registro, mood, texture e modalità espressive. Oltre ad avere prepotentemente scoperto il suono del piano, che insieme alla voce è il vero signore e padrone dell’album.
Bye-bye chitarre e sezione ritmica tonante, insomma. Le sei corde, in particolare, fanno cucù raramente e per break brevissimi, a dirla tutta. E il tiro, l’esuberanza, il rock (indie, alt o altro) sono stati chirurgicamente eliminati. Siamo immersi, piuttosto, in un caldo liquido amniotico fatto di lounge music scura e malinconica, con suggestioni futuristiche. Ecco: immaginate un jazz bar anni Quaranta (con tanto di crooner resident) piazzato in un cratere lunare e al bancone è appoggiato un tipo stile Philip Marlowe, ma con un giubbotto di pelle che cade a pezzi. Insomma, una visione distopica che frulla familiarità e straniamento. Non è un disco facile e non è garantito che piaccia a tutti. Soprattutto, occorrono più ascolti per annusarlo, entrarci, penetrare l’atmosfera febbrile lounge dark, da musical malato e bohemienne. “Volevo solo essere uno degli Strokes, e adesso guarda che casino che mi hai fatto combinare / Faccio l’autostop con la valigia in mano, a miglia di distanza da qualunque autostrada immaginaria”: sono le prime parole pronunciate da Alex Turner nel disco. Sta a noi provare a seguirlo in questo viaggio a sorpresa, che ha a priori il pregio di non essere prevedibile, scontato o banale.

Così Sentireascoltare:

Sono trascorsi cinque anni dall’esplosivo AM, dichiarazione d’intenti per gli Arctic Monkeys che dopo qualche anno di stanca annunciavano il proprio ritorno rock scomodando i fasti del britpop più prestigioso (sponda Blur), ma rivestendolo di una patina tipicamente americana (tra Jack White e Foo Fighters) in modo da non dare adito a equivoci sulla vena espressiva di una band ormai pienamente consapevole della propria identità (e in questo senso andava interpretato il titolo serrato di quel disco). Nell’anno domini 2018, e con alle spalle la seconda uscita discografica dei suoi Last Shadow Puppets, Alex Turner cambia nuovamente rotta e organizza per le sue scimmie artiche una piccola rivoluzione che non ha paura di scomodare i grandi monumenti musicali del passato. Impossibile, infatti, non tornare con la mente alla potenza sconvolgente di un disco come Pet Sounds dei Beach Boys, al quale il nuovo Tranquility Base Hotel & Casino è ovviamente ispirato, sia in termini musicali che produttivi, o al Revolver dei conterranei Beatles. Piccolo antefatto: nel 2016, Alex Turner riceve da un amico uno Steinway Vertegrand per il suo 30° compleanno. La mente, quindi, torna alla sua infanzia, quando per qualche anno prese lezioni di pianoforte, il cui unico risultato fu quello di riuscire a pizzicare i tasti in maniera improvvisata e anche un po’ comica. Decide allora di approfondire e dopo giorni interi passati davanti al pianoforte inizia a concepire le prime melodie. L’atmosfera è delle più rilassate, quasi fossimo proprio all’interno di un mini-club hollywoodiano, con luce soffusa e il fumo di qualche sigaro clandestino che si diffonde attraverso il locale. È un colpo di fulmine inaspettato. Il ritrovato amore per quello strumento a lungo accantonato in un angolo della propria memoria, spinge Turner in una direzione inedita che porta alla composizione di questi undici brani dalla forma e la struttura precisissima, la cui impressione iniziale potrebbe portare qualcuno a parlare di maniera, ma che a un ascolto attento finirà per ricordare essenzialmente la parola architettura. Già, perché proprio come la scultura rappresentata sul fronte di copertina, Tranquility Base Hotel & Casino è un lavoro concepito per stupire, dalle forme ora sinuose ora arzigogolate, che alla fine della giostra regala un senso di appagamento derivante dalla perfetta alchimia tra tutte le parti chiamate in causa. E proprio come nel già citato Pet Sounds, è come se un milione di suoni vibrantissimi si fossero messi d’accordo per risuonare armonicamente all’unisono, ciascuno col proprio delicato compito: imboccare una strada del tutto inedita per la storia del gruppo. Ci pensa benissimo quindi Star Treatment a dettare le linee guida di una discesa nell’anima più dolce del suo cantautore, che con un enfasi malinconica ricorda i primi sintomi di una malattia musicale pronta a diffondersi in ogni parte del suo corpo («I just wanted to be one of the Strokes, now look at the mess you made me make / Hitchhiking with a monogrammed suitcase, miles away from any half-useful imaginary highway») per poi incalzare con One Point Perspective, aggiornamento wilsoniano del pop più aggraziato che ha più di qualche punto in comune con i recenti Grizzly Bear (riff al piano compreso). Un’indole causticamente politica si affaccia alla nuova visione – al netto della consueta dolcezza dell’incedere – come in Golden Trunks, tra Presidenti wrestler innamorati della propria immagine e la noia abitudinaria da social network («The leader of the free world reminds you of a wrestler wearing tight golden trucks / My virtual reality mask is stuck on ‘Parliament Brawl’ / Emergency battery pack just in time for my weekly chat with God on Videocall»). Ci accomodiamo, invece, come all’interno di una sala cinematografica per assistere al cambiamento in atto di questa band che pure non dimentica le proprie radici, il passato recente o i binari paralleli (la title-track è un pescare a piene mani dal futuro, ma con uno sguardo sottile all’esordio solista, Submarine, mentre Four Out of Five servirà da ciambella d’emergenza per coloro che avevano amato alla follia AM). The World’s First Ever Monster Truck Front Flip ci riporta alla vena squisitamente beachboysiana dell’album, con quell’andamento che cita a più riprese Let’s Go Away for Awhile. Nella parte conclusiva del disco emergono prepotenti le influenze beatlesiane che qui è là avevano già fatto in capolino in passato; così, She Looks Like Fun appare come la sintesi ragionata tra l’animo da poeta rivoluzionario di Lennon, la prosa malinconica di McCartney e l’inconfondibile riff harrisoniano alla chitarra. A Batphone e The Ultracheese viene lasciato il compito di chiudere in maniera drastica questo ritorno entusiasmante: all’impatto devastante dell’incipit è legata una chiusa altrettanto improvvisa e inaspettata, rimandando a un eventuale prossimo capitolo cui spetterà il compito di stabilire se gli Arctic Monkeys rinati di Tranquility Base Hotel & Casino siano stati solo una parentesi geniale oppure l’inizio di un nuovo e accattivante corso tutto da scoprire.

Così, tra le fila dei “perplessi”, Ondarock:

L’avrete già letto ovunque: gli Arctic Monkeys non sono più gli stessi e ora scrivono canzoni al pianoforte. Sarebbe sciocco negare l’evidente verità su cui si basa quest’affermazione, se non fosse per il tono di rimprovero che questa porta con sé, unito al chiaro sentimento di delusione derivante da un supposto “tradimento” compiuto dalla band di Alex Turner nei confronti dei suoi stessi fan. Sono convinto che se questo “Tranquility Base Hotel & Casino” fosse uscito come album solista di Turner, tutti, fan integralisti compresi, l’avrebbero salutato come un coraggioso cambio di stile. Invece, il disco è accreditato a nome Arctic Monkeys, gli stessi dei riff di chitarra incendiari e iconici, gli stessi di “Do I Wanna Know?” e di “AM”, album che ha decuplicato la fanbase delle Scimmie di Sheffield, catapultandole in vetta allo stardom del rock mondiale. E insomma, così non va bene.
In realtà, la prima nota positiva è proprio questa: la scrollata di spalle che questo lavoro rappresenta nei confronti del disco precedente, un blockbuster che cinque anni fa lasciò in eredità una sovraesposizione mediatica scomoda da gestire per lo schivo frontman. Conclusasi l’esperienza Last Shadow Puppets dopo un secondo album e un tour mondiale nel 2016, in difficoltà nel cogliere nuovi stimoli creativi dalla tanto amata chitarra, Alex ha preferito ripiegare sullo Steinway Vertegrand regalatogli dal manager in occasione dei suoi trent’anni, trovando sui tasti di questo una nuova linfa compositiva. E il risultato delle nuove sessioni di scrittura e composizione, avvenute nella casa di Turner a Los Angeles, è proprio il disco che ci troviamo ad ascoltare, prodotto al solito assieme al fido James Ford. Ma com’è, quindi, “Tranquility Base Hotel & Casino”? 
A scanso di equivoci, è bene sottolinearlo subito: stiamo parlando di un disco abbastanza deludente. Se le premesse erano buone e la scelta di mettersi in gioco stravolgendo i propri canoni stilistici è certamente da premiare, non lo è però il risultato, che ci consegna una band, o sarebbe meglio dire un autore, decisamente fuori fuoco. “Tranquility Base Hotel & Casino” è talmente Turner-centrico da esserne dipendente, a partire dagli arrangiamenti, tutti vicini a un blando piano-rock privo di particolari guizzi, ma finalizzato solo ad accompagnare le parole e la voce di Alex, a questo giro vagamente Bowie-ana nell’impostazione. Quest’ultima, un po’ come le trame armoniche su cui poggia, spesso si slancia in strutture che si dilungano eccessivamente, finendo con l’annoiare invece che avvolgere. Lo stesso frontman, inoltre, sembra non cantare più per il pubblico, né per se stesso, ma per il sé allo specchio: lo si riesce quasi a vedere, compiacersi delle sue pose e delle sue espressioni facciali, crooner narciso della sua vita privilegiata. I testi che intona, poi, sono deliri un po’ patetici da star incompresa, i quali, più che stimolare empatia, generano distacco e disinteresse.
L’idea alla base degli arrangiamenti sarebbe quella di ambientare queste composizioni nella Hollywood malinconica e decadente di qualche decennio fa, sulla scia, per intenderci, dei recenti lavori di Lana Del Rey e Tobias Jesso Jr. L’estetica da piano bar, la patina raffinata e la veste volutamente rétro di queste canzoni, però, appaiono piatte e stereotipate, forse anche perché sfavorite dall’essere al servizio di composizioni piuttosto modeste. L’album – fa strano scriverlo per quelli che sono i suoi protagonisti – funziona più come prodotto lounge-pop che come opera da cui lasciarsi coinvolgere e emozionare. Come musica d’accompagnamento, si fa apprezzare discretamente, ma è un po’ avvilente che una band come gli Arctic Monkeys, appartenente all’Olimpo del rock contemporaneo, sia oggi schiava dei vezzi del leader e non riesca a proporre qualcosa di più stimolante.
Dai riffoni punk’n’roll degli esordi alle vampe stoner di “Humbug”, passando per le morbidezze californiane di “Suck It And See” e in ultima istanza al muscolare hip-hop-rock di “AM”, gli album degli Arctic Monkeys hanno sempre dimostrato una qualità che in questo disco manca: la solidità, l’organicità di fondo che permetteva all’intero di superare la somma delle sue parti e soprassedere sui piccoli passi falsi in cui incappavano certe volte questi lavori. In “Tranquility Base Hotel & Casino”, invece, a salvare dalla completa delusione sono proprio i singoli episodi: il passo cadenzato e gli impasti vocali di “Four Out Of Five” non avrebbero sfigurato in “Humbug” (il loro migliore per chi vi scrive); l’elegante art-pop di “The World’s First Ever Monster Truck Front Flip” farebbe la gioia dei Grizzly Bear; i saliscendi psych-pop di “Golden Trunks” e “She Looks Like Fun” oscurano da sole tutto l’ultimo mediocre dei Last Shadow Puppets; la conclusiva e lennoniana “Ultracheese”, seppur legata ad alcuni cliché melodici, è ottima come romantico congedo. Ma sono solo piccoli lampi di luce in un disco per lo più nebbioso e monocolore, un’opera composta secondo l’autoritario gusto di Alex Turner, ma che non fa che evidenziarne l’attuale confusione e carenza di idee.
In questo, davvero, gli Arctic Monkeys sembrano non essere più gli stessi, nell’aver perso la lucidità di fondo, la chiarezza alla base della loro scrittura e del loro lavoro. “Tra cinque anni la domanda sarà/ Chi diavolo sono gli Arctic Monkeys?”, cantavano le stesse Scimmie nel 2006. E cinque anni dopo, soddisfacente o meno, una risposta chiara arrivò con “Suck It And See”. Oggi, invece, alla questione non sapremmo cosa rispondere. La chiave potrebbe averla lo stesso artista che formulò la domanda, ma l’impressione è che non lo sappia nemmeno lui, e che forse, innamorato di sé e assorto nel suo mondo, non abbia nemmeno voglia di pensarci.

 

L'articolo Album della settimana: Arctic Monkeys proviene da www.controradio.it.

Secondo appuntamento del Girone Jazz con “Piero Borri & Friends”

Secondo appuntamento del Girone Jazz con “Piero Borri & Friends”

Una serata speciale, che unirà sullo stesso palco cinque grandi musicisti, punti di riferimento del jazz italiano. Piero Borri alla batteria, Stefano Cocco Cantini al sax, Nico Gori al clarinetto, Kalmàn Olàh al piano e Ares Tavolazzi al contrabbasso. Martedì 22 maggio alle 21.30 presso il Circolo Arci Il Girone di Firenze (via Aretina 24)

Saranno il batterista Piero Borri, insieme ai musicisti Stefano Cocco Cantini al sax, Nico Gori al clarinetto, Kalmàn Olàh al piano e Ares Tavolazzi al contrabbasso, punti di riferimento del jazz italiano, i protagonisti del concerto di martedì 22 maggio alle 21.30 presso il Circolo Arci Il Girone di Firenze (via Aretina 24).  L’evento “Piero Borri & Friends” è il secondo appuntamento della rassegna Girone Jazz, giunto alla 14/ma edizione, a cura de Nuovi Eventi Musicali, Il Girone e Eventi Music Pool, che fino al 29 maggio, proporrà appuntamenti per esplorare tutte le sfumature del jazz, in compagnia delle stelle del panorama jazzistico italiano e straniero (ingresso 12 euro, 10 il ridotto).

“Sono molto contento di partecipare a questa nuova edizione del Girone Jazz” – dichiara il batterista Piero Borri – perché c’è sempre stato un ottimo riscontro sia con l’organizzazione che con il pubblico che ci ascolta. In questa occasione ho scelto di avere al mio fianco degli artisti che sono quelli a me più cari, bravi e vicini. A parte Kalmàn Olàh, che viene da Budapest, abbiamo tutti suonato insieme da tanti anni e tutti si conoscono reciprocamente. È la prima volta che suoniamo in questa formazione e sono convinto che sarà un’ottima occasione per mescolare le carte, sperimentare nuove combinazioni e mettersi alla prova”.

Durante il live Piero Borri & Friends proporranno un repertorio di brani originali dei singoli componenti del gruppo ma anche dei pezzi standard anni ’70 “ricercando quelle sonorità tipiche che mi ricordano il periodo in cui iniziai a suonare, un ritorno un po’ romantico” – aggiunge Borri.

Il Girone jazz si chiuderà il 29 maggio con i Dinamitri Jazz Folklore. Prezzi: ingresso unico 12€ intero, 10€ ridotto per soci Arci, giovani fino 25 anni per le date del 22 e 29 maggio

L'articolo Secondo appuntamento del Girone Jazz con “Piero Borri & Friends” proviene da www.controradio.it.

Nella corte del ristorante Quinoa c’è “Classica”: martedì concerto di fisarmoniche con l’ensemble del Conservatorio Cherubini

Nella corte del ristorante Quinoa c’è “Classica”: martedì concerto di fisarmoniche con l’ensemble del Conservatorio Cherubini

Nella corte del ristorante Quinoa c’è “Classica”: domani, martedì 22 maggio, ore 19.00 concerto di fisarmoniche con l’ensemble del Conservatorio Cherubini

La musica classica dei giovani studenti del Conservatorio Cherubini nella corte più animata del centro di Firenze, quella del ristorante gluten free Quinoa. Ci saranno sax, fisarmoniche e pianoforte che daranno nuovo colore a capolavori senza tempo. Si chiama  “Classica” ed è la rassegna musicale dedicata a chi ama il genere e non trova mai troppa scelta in città, ma soprattutto a chi non conosce bene questo tipo di musica ed è pronto a farsi sorprendere.

Domani,  martedì 22 maggio, serata dedicata alla  fisarmonica con l’ensemble del Conservatorio di Firenze: Victor Chistol, Antonio Zappavigna e Xu Fengwen. La pluripremiata formazione, nata da un’iniziativa del Maestro Ivano Battiston, ci propone un viaggio che dalla Francia ci porta ai Balcani, accompagnati dalle note di Yann Tiersen ne “Il fantastico mondo di Amelie”, poi Piazzola e Kramer.

La magia della note che si rincorrono tra le piante e i fiori dell’orto urbano si accenderà ogni martedì all’ora dell’aperitivo, dalle 19 in poi.

Prossimo appuntamento, martedì 29 maggio con “In-canto al tramonto”: la musica da camera invaderà la corte del vicolo di  Santa Maria Maggiore. Jade Lin, soprano, Giuseppe Surace, tenore, e Daniele Galli al pianoforte eseguiranno musiche di Gounod, Schumann, Donizetti, Bellini, Rossini, Tosti e Verdi

L'articolo Nella corte del ristorante Quinoa c’è “Classica”: martedì concerto di fisarmoniche con l’ensemble del Conservatorio Cherubini proviene da www.controradio.it.

Il nuovo album di Jaka: “Il suono dell’isola”

Il nuovo album di Jaka: “Il suono dell’isola”

“Il suono dell’isola” è il nuovo album di Jaka, un concentrato di influenze musicali che potrai trovare nei migliori negozi di dischi e digital store. Dalla prossima settimana in rotazione sulle frequenze di Controradio

“Il suono dell’isola” è il nuovo album di Jaka, arricchito da diverse influenze musicali e da ospiti importanti. Realizzato tra Sicilia, Jamaica, Inghilterra, e Isole Canarie, l’album vede il giramondo Jaka nella veste di cantautore, rapper e reggae man.

Un disco maturo ed esplosivo, al passo con i tempi, e prodotto da Princevibe, con la partecipazione di artisti come Admiral Bailey, Dennis Al Capone e Roberto Cacciapaglia, segnano un nuovo coinvolgente capitolo nella storia musicale dell’artista Siciliano.

La cover e il Booklet del disco sono opera dall’artista Paola Selene Fiorino. Dall’ 11 maggio sarà disponibile nei migliori negozi di dischi e digital store… “stay tuned vi aspetta un estate al sapore di Reggae”.

“Music Paradise” è il titolo del nuovo video e singolo tratto dal nuovo album di Jaka “Il suono dell’isola”.  Il brano è un omaggio ai grandi autori della musica Rock, Reggae, Hip Hop, Jazz, Blues, e Musica italiana, un omaggio a 360 gradi ai grandi del passato che hanno lasciato un segno sulla musica di oggi e un invito ai più giovani a scoprire questo grande patrimonio musicale e culturale. In “Music Paradise” Jaka sfodera le sue rime Rap su una base Reggae-Trap prodotta da Princevibe, con il pianoforte di Roberto Cacciapaglia e  i cori di Annamaria Sotgiu. La regia del video è affidata a Serena Catanzaro. 

BIOGRAFIA :

Siciliano, residente a Firenze per tanti anni, giamaicano d’adozione e giramondo di indole, è uno dei pionieri della musica “in levare” italiana. Nel Febbraio del 2017 vieni eletto dagli ascoltatori di TeleSud “ Personaggio più rappresentativo della Provincia di Trapani” per il suo lavoro culturale e artistico di promozione del territorio. Negli anni si è esibito in tutti i più importanti festival nazionali fino ad arrivare a prestigiosi palchi di tutto il mondo come a Kingston, New York, Londra, Parigi, Kiev, Barcellona.
Una straordinaria carica live, energica e coinvolgente, ha fatto di lui uno dei più affermati cantanti e musicisti reggae d’Italia.

Durante la sua carriera si è conquistato la stima e il rispetto di grandi artisti internazionali quali Alton Ellis, Max Romeo, Morgan Heritage, Michael Franti, Luciano, Eek a Mouse, Sergent Garcia, Mad Professor e tantissimi altri che lo hanno invitato a cantare con loro durante le loro esibizioni. Nel corso degli anni, ha aperto i tour italiani di Capleton, Buju Banton, Piero Pelù e Shaggy.
Jaka si è esibito di recente come special guest nei live di Alborosie, Dub-Fx , 99Posse, Africa Unite, BoomdaBash .

Negli anni Jaka ha firmato pagine di storia del reggae italiano esordendo con l’EP “Della Parola Armati”, per poi uscire con “Memorabile” – “Love to The People” – “Mettiamo a Fuoco” – “Spiritual R-Evolution” – “Forza Originaria”  “ Invincible Soul”, pubblicando la sua musica sia con majors quali Universal, Wea, Virgin sia con etichette indipendenti come Macrobeats , Flying, One Love, Wide, e la sua personale, recentemente fondata, JakaLion Records.
Alcuni suoi singoli come “Ragga Soldati” – “GanJah & Tè Bancha” – “Reggae a Matina” – “A Erice” sono diventati la colonna sonora di più di una generazione e le sue produzioni continuano ad attrarre sempre nuovi fans.

Alla fine del 2016 conclude con successo la sua campagna di Crowdfunding sul sito di Music Raiser raggiungendo il 120 % dell’obiettivo, per finanziare il progetto discografico “ Il suono dell’Isola”.  Nei suoi album hanno cantato tante stars internazionali e nazionali come Luciano, Macka B, Brinsley Forde, Max Romeo, Sud Sound System, Roy Paci, Seed, Brusco, Mama Marjas..
Tra le tante esibizioni sul main stage del Rototom Reggae Sunsplash, sempre davanti a decine di migliaia di persone, nell’edizione 2007 una giuria composta dai più importanti organizzatori europei gli assegna l’Italian Reggae Award come miglior artista e performer. 
In parallelo alla sua attività di cantante è conduttore di Bongoman, (programma reggae della storica emittente fiorentina Controradio- Popolare Network) oltre ad essere stato uno dei Djs di Popolare Network che ogni anno trasmetteva in diretta nazionale il Rototom Sunsplash (di cui per tanti anni è stato anche presentatore ed MC Ufficiale sul Main Stage ad introdurre con la sua energia artisti di fama mondiale).
Jaka è anche Resident Dj dell’Auditorium Flog di Firenze dove è creatore e co-direttore artistico della serata “Vibranite – il tempio del Reggae”. 
Un suo spettacolo, live o Dancehall, è un ottima occasione di assistere ad uno dei più energici e coinvolgenti show del panorama musicale italiano.

SITO UFFICIALE

L’articolo Il nuovo album di Jaka: “Il suono dell’isola” proviene da www.controradio.it.