MILLE SUONI PER IL CONGO

MILLE SUONI PER IL CONGO, concerto di beneficenza venerdì 20 dicembre al Teatro Everest di Firenze,via Volterrana, 4/B,
con la partecipazione delle CLASSI DI CANTO della Prof.ssa Filomena Menna,del CORO DI VOCI BIANCHE DI FIRENZE E SCANDICCI diretti dal Maestro Lucia De Caro e del CORO ACADEMY SINGERS diretto dal Maestro Gianni Mini.

Concerto per i profughi siriani

Concerto per i profughi sirianiUn concerto lirico con musiche di Giuseppe Verdi per i bambini profughi della Siria. Ad organizzarlo, giovedì 19 dicembre al Teatro la Pergola (ore 17, ingresso gratuito), è l’associazione Temin Chianti Lirica in collaborazione con l’Unicef (comitato provinciale di Firenze), la commissione Cultura del Comune e il contributo dell’Ente Cassa di Risparmio. L’idea è anche quella di presentare giovani promesse della lirica.

File:Teatro alla pegola 11.JPG

Sono giovani dai 25 ai 30 anni con voci importanti che si affacciano alla ribalta in un momento di crisi profonda che attraversa la cultura. “Dal 2006 – spiega la presidente di chianti Lirica Grazia Carapelli- l’associazione propone, nei circoli Arci e Cattolici di Impruneta e San Casciano V.P., una suggestiva anteprima degli spettacoli che prevede non solo la spiegazione della vita dell’autore e della storia dell’opera, ma anche l’esecuzione dal vivo, da parte di cantanti professionisti, delle aree più famose (sono state presentate Tosca, Turandot, Il Barbiere di Siviglia, Carmen, Il Trovatore, Un ballo in maschera, Madama Butterfly, Boheme, ecc…)” Con la collaborazione del Polo Museale fiorentino, TeMin Chianti Lirica ha organizzato concerti nei luoghi più prestigiosi della città: dal cortile dell’Ammannati in Palazzo Pitti al Museo degli Argenti, dal Museo Nazionale del Bargello a Palazzo Davanzati. E il 30 giugno 2011 ha presentato in prima assoluta in Italia, al Teatro ex Saschall l’opera “Treemonisha” di Scott Joplin nel centenario della sua prima pubblicazione in America nel 1911. “Ancora una volta – ha detto il presidente della commissione Cultura Leonardo Bieber- Chianti Lirica si conferma un associazione in grado di coniugare la cultura e la musica con la beneficienza e l’attualità, visto che il ricavato delle offerte andrà interamente all’Unicef per le gravi condizioni in cui vivono i bambini profughi siriani” Sul palco della Pergola giovedì saliranno Giselle Baulch (soprano), Kamelia Kader (mezzosoprano), Leonardo Sgroi (tenore), Alessandro Petruccelli (baritono), Marta Rostro (pianista). “

Concerto di Natale del Maggio Musicale

Concerto di Natale del Maggio Musicale. Venerdì 13 dicembre, alle ore 20.30, presso l’Auditorium di Santo Stefano al Ponte, il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre alla città un concerto di Natale con il violinista e direttore Stefano Montanari sul podio dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, a eseguire alcuni capolavori del repertorio barocco, di cui Stefano Montanari è esecutore apprezzato a livello discografico e concertistico.


Il concerto si apre con The Arrival of the Queen of Sheba, sinfonia da Solomon HWV 67 di Georg Friedrich Händel e prosegue con un alternarsi di brani noti e suggestivi, soprattutto consoni al periodo natalizio: dal Concerto grosso n. 5 in re minore di Alessandro Scarlatti, al Concerto in fa minore per violino, archi e continuo di Carlo Alessio Razetti, dal Concerto grosso in re maggiore op. 6 n. 1 di Arcangelo Corelli (a terminare l’anno in cui si sono ricordati i 300 anni dalla morte), al Concerto grosso in si bemolle maggiore sempre di Georg Friedrich Händel, dal Concerto in re maggiore per violino, archi e continuo RV 208 Grosso Mogul di Antonio Vivaldi, al Concerto grosso in sol minore op. 6 n. 8 fatto per la notte di Natale di Giovanni Battista Sammartini e alla Suite (Ouverture) n. 1 in do maggiore BWV 1066 di Johann Sebastian Bach.Il Coro del Maggio Musicale Fiorentino diretto da Lorenzo Fratini offrirà uno speciale ‘fuoriprogramma’, unendosi nello spirito augurale della serata.
Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Mozart nel Salone dei Cinquecento

Mozart nel Salone dei Cinquecento. Si rinnova l’appuntamento con l’Omaggio a Mozart organizzato dall’assessorato alla cultura del Comune di Firenze e dall’Orchestra da Camera Fiorentina, in occasione dell’anniversario della morte del compositore salisburghese.
L’anno, passato, alla sua prima edizione, l’evento registrò il tutto esaurito.Oggi, mercoledì 4 dicembre, le note dell’imponente “Messa di Requiem” mozartiana torneranno quindi a risuonare nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. L’inizio del concerto è fissato per le 21, ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

File:Firenze-palazzo vecchio 24.jpg
Oltre all’Orchestra da Camera Fiorentina e al Coro Harmonia Cantata, questa seconda edizione dell’Omaggio a Mozart vede la straordinaria partecipazione del direttore greco-americano Peter Tiboris, bacchetta di grande esperienza proveniente dalla Carnegie Hall di New York e da quasi trent’anni a capo delle più note formazioni internazionali, sinfoniche e liriche.
Maestro del coro è Raffaele Puccianti, mentre tra le voci soliste spicca il soprano finlandese-canadese Eliana Lappalainen, da tempo al centro di un’intensa attività a livello internazionale, a cui si affiancano il mezzo soprano Patrizia Scivoletto (già Grimgerde nella “Walkure” della Fura dels Baus al Maggio Musicale Fiorentino), il tenore Giampaolo Franconi e il baritono Paolo Pecchioli.
“La musica di Mozart – ha commentato l’assessore alla cultura Sergio Givone – troverà un perfetta location di esecuzione nel Salone dei Cinquecento, cuore della cultura e della politica fiorentina, che per una sera diventerà teatro delle note del compositore austriaco. Fa piacere che Palazzo Vecchio possa aprirsi anche a eventi originali come questo e l’amministrazione è pronta a collaborare con il maestro Giuseppe Lanzetta per iniziative analoghe che valorizzino la musica e coinvolgano i cittadini”.
Composta da Mozart poco prima della scomparsa, la “Messa di Requiem” rappresenta il confronto dell’uomo con una delle sue più grandi angosce, la morte. In un canto che si eleva al cielo, si fondono – e si scontrano – così l’immagine della perdita con la potenza magnanima di Dio. Mozart, stremato dalle fatiche, lasciò l’opera incompiuta. A terminarla fu uno dei suoi allievi prediletti, Xaver Süssmayr.

Scandicci festeggia il nuovo centro città

Scandicci festeggia il nuovo centro città. Street band, voci bianche, trampolieri, street food e visite al nuovo Auditorium sabato 30 novembre 2013 a partire dalle 16,30 fino a tutta la sera in piazza della Resistenza a Scandicci, per l’inaugurazione del nuovo Centro della città a tre anni e quindici giorni dalla posa della prima pietra (era il 15 novembre 2010). Alla festa partecipano il progettista Richard Rogers, il Sindaco Simone Gheri e il Presidente di Scandicci Centro Massimo Mucci Beltrami.

Il taglio del nastro sarà collettivo, all’imbrunire, con la contemporanea accensione delle luci del nuovo Centro. Durante la festa a partire dalle 17,30 i partecipanti possono visitare l’Auditorium, dove viene proiettato un video con l’evoluzione del cantiere dalla prima pietra fino alla conclusione dei lavori. Il Sindaco ha rivolto l’invito all’inaugurazione a tutti i cittadini, con particolare riguardo agli alunni e agli studenti delle scuole.
Fin dalla sua apertura piazza della Resistenza è wifi free ed è dotata di un sistema di amplificazione wireless per musica e messaggi, alimentato con pannelli fotovoltaici, offerto dalla ditta produttrice Powersoft di Scandicci.
Durante la festa si esibiscono il Coro delle voci bianche di Scandicci e di Firenze, l’orchestra della scuola media Fermi di Scandicci, la Sound street band, cantiere Ikrea con l’animazione di strada, i Gogmagog con la lettura di testi sul tema della città, la filarmonica Bellini, una cover band dei Beatles e a seguire un dj set in piazza.
Per il nuovo Centro di Scandicci Richard Rogers ha progettato la stazione della tramvia, la nuova piazza della Resistenza, l’Auditorium, un edificio di 31 metri per uffici, palazzi per la residenza e negozi (una galleria commerciale con 15 esercizi e 60 nuovi occupati già inaugurata lo scorso 3 ottobre). L’area è interamente pedonalizzata. A realizzare il progetto è stata l’associazione d’imprese Scandicci Centro srl che si è aggiudicata il bando europeo per il project financing, indetto dal Comune di Scandicci. Il costo di costruzione è stato di 33.950.000 euro. Nel nuovo Centro sono stati costruiti spazi residenziali per 7258 metri quadri (per 80 appartamenti), ambienti per il commercio per 2363 mq, superfici direzionali per 3962 metri quadri e 2697 metri quadri per l’Auditorium.