Poesia senza fine il nuovo film di Alejandro Jodorowsky.

Poesia senza fine il nuovo film di Alejandro Jodorowsky.

Al cinema Odeon di Firenze il nuovo lavoro di Alejandro Jodorowsky. Applauditissimo a Cannes, l’autobiografia sugli anni giovanili del grande maestro cileno. Giovedì 18 gennaio alle ore 21.00 e sabato 20, domenica 21, lunedì 22 Gennaio (ore 16, 18.30,21)

il Cinema Odeon di Firenze presenta, in esclusiva assoluta per Firenze e la Toscana, POESIA SENZA FINE (versione originale con sottotitoli in italiano), il nuovo film di Alejandro Jodorowsky. A 87 anni lo scrittore, drammaturgo, fumettista e regista di classici come “El Topo” e “La Montagna Sacra”, ci regala un film meraviglioso pieno di vita ed emozioni: POESIA SENZA FINE è il secondo capitolo autobiografico dell’artista di origini cilene e comincia proprio dove si interrompe il precedente “La danza della realtà”, cronaca dell’infanzia dell’autore.

Presentato con successo al Festival di Cannes, dove è stato applauditissimo, POESIA SENZA FINE è ambientato nel fermento della capitale cilena degli anni Quaranta e Cinquanta, dove Alejandrito Jodorowsky, ventenne, decide di diventare poeta contro la volontà della famiglia. Immerso nel mondo artistico e bohémien dell’epoca, fa la conoscenza di Enrique Lihn, Stella Diaz, Nicanor Parra e molti altri giovani scrittori che diventeranno maestri della letteratura moderna sudamericana. Circondato da quest’universo di intellettuali e di sperimentazione poetica, vivrà una vita come pochi hanno osato vivere: sensualmente, autenticamente, liberamente, follemente.

POESIA SENZA FINE è un’ode alla vita e all’amore che fa ridere e commuove Sesso, amore, amicizia, passione, famiglia, religione, morte, tutto quello che fa una vita, si ritrova raccontato da Jodorowsky con quel suo linguaggio surreale e psichedelico che da sempre ci incanta e ipnotizza. Una vena ironica e divertente serpeggia nel film che, sovraccarico di sentimento e lirica, riesce a tenere viva l’attenzione dello spettatore regalando momenti di puro cinema.

Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze Tel. 055214068 Biglietto: euro 10

L'articolo Poesia senza fine il nuovo film di Alejandro Jodorowsky. proviene da www.controradio.it.

In anteprima nazionale all’Odeon Darkest Hour – L’ora più buia

In anteprima nazionale all’Odeon Darkest Hour – L’ora più buia

Sabato 30 Dicembre alle ore 21 un evento speciale al Cinema Odeon di Firenze, che in collaborazione con Universal Pictures e British Institute of Florence, presenta in anteprima nazionale uno dei film più attesi del nuovo anno, Darkest Hour – L’ora più buia (in versione originale con sottotitoli in italiano), alla presenza del montatore, il fiorentino Valerio Bonelli

L’ora più buia cui fa riferimento il titolo del film (che uscirà nella sale italiane il prossimo 18 Gennaio) è il momento cruciale della scelta, da parte del Primo Ministro britannico Winston Churchill (Gary Oldman), tra l’armistizio con la Germania nazista e il proseguimento nel conflitto armato. Di fronte all’avanzata dell’esercito tedesco e all’imminente invasione della Gran Bretagna, Churchill è chiamato a decidere tra la tutela del Paese in nome di una pace apparente e temporanea e la difesa dei propri ideali di autonomia e libertà. Accanto a lui, indaffarate nel dietro le quinte della storia, la moglie Clementine (Kristin Scott Thomas) e la segretaria personale Elizabeth Nel (Lily James). Nel cast anche Ben Mendelsohn nei panni dell’amato sovrano Re Giorgio VI, e Ronald Pickup in veste di Primo ministro uscente, Neville Chamberlain.

Il fiorentino Valerio Bonelli, che da molti anni vive a Londra, è tra i più importanti montatori emergenti del cinema internazionale. Dopo aver lavorato a Hollywood in numerosi film, tra cui Hannibal Lecter – Le origini del male (2007), si è poi trasferito in Inghilterra, dove è diventato collaboratore di fiducia di un grande maestro come Stephen Frears, per il quale ha montato i suoi ultimi grandi successi: Philomena (2013), The Program (2015), Florence (2016).

INFO: Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze – Biglietto: euro 10 Tel. 055-214068 – www.odeonfirenze.com

L'articolo In anteprima nazionale all’Odeon Darkest Hour – L’ora più buia proviene da www.controradio.it.

La notte di capodanno all’Odeon con il film Wonder

La notte di capodanno all’Odeon con il film Wonder

Anche quest’anno si rinnova l’ormai tradizionale appuntamento al Cinema Odeon di Firenze per tutti quegli appassionati che vorranno aspettare l’arrivo del nuovo anno in compagnia di un bel film. Domenica 31 Dicembre – ore 21.45 –  proiezione speciale del film Wonder (versione originale con sottotitoli in italiano), al cui termine verrà offerto a tutti gli spettatori in sala spumante e panettone.

Tratto dall’omonimo bestseller che ha commosso il mondo, Wonder vede il giovane Jacob Trembley nel ruolo del protagonista August “Auggie” Pullman, bambino affetto dalla Sindrome di Treacher Collins in procinto di frequentare la quinta elementare in una scuola pubblica locale. Costretto precedentemente a studiare a casa a causa dei numerosi interventi chirurgici al viso, è la prima volta che August si unisce a una classe di coetanei, mangia alla mensa della scuola o parte in campeggio coi compagni. Nonostante le preoccupazioni di mamma Isabel (Julia Roberts) e papà Nate (Owen Wilson) sostiene gli sguardi curiosi e diffidenti degli studenti con fierezza e dignità, facendo il suo ingresso nella scuola pubblica come un supereroe, o piuttosto come un astronauta deciso a piantare la sua bandiera in un mondo distante e inesplorato. Mentre la famiglia, i nuovi compagni di classe e tutti quelli intorno a lui si sforzano per accettarlo, lo straordinario viaggio di Auggie li unirà tutti dimostrando che “non puoi omologarti quando sei nato per distinguerti”

Domenica 31 Dicembre – ore 21.45 –  proiezione speciale del film Wonder (versione originale con sottotitoli in italiano)

Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze

Biglietto adulti (film + spumante e panettone): euro 16

Biglietto bambini fino a 12 anni (film + spumante e panettone): euro 10

Tel. 055-214068

www.odeonfirenze.com

L'articolo La notte di capodanno all’Odeon con il film Wonder proviene da www.controradio.it.

Cinema Odeon l’evento finale del British 100 Film Festival: ‘Assassinio sull’Orient Express’

Cinema Odeon l’evento finale del British 100 Film Festival: ‘Assassinio sull’Orient Express’

Cinema Odeon presenta l’evento finale del British 100 Film Festival, con la proiezione (in versione originale con sottotitoli in italiano) di ASSASSINIO SULL’ORIENT-EXPRESS, il nuovo adattamento di uno dei più celebri romanzi della regina del giallo, Agatha Christie con il pubblico in dress code anni 20.

Il film di Kenneth Branagh tratto dal romanzo di Agatha Christie da mercoledì 6 in versione originale con sottotitoli. Il film con un cast stellare oltre a Branagh prevede anche Judi Dench, Michelle Pfeiffer, Penelope Cruz, Johnny Depp, Willem Dafoe. 

Sarà una serata speciale anche per il pubblico: tutti quelli che indosseranno un capo d’abbigliamento o un accessorio in stile anni ’20 potranno partecipare all’estrazione di molti premi messi in palio dal Cinema Odeon (3 carnet di 10 biglietti omaggio valido per tutti i film e un set di eleganti quaderni in edizione limitata), dal British Institute (corso intensivo di inglese, durata tre settimane, per adulto o bambino a giugno o luglio del 2018; corso di italiano di quattro settimane da usufruire entro il 30 giugno 2018; corso di una settimana di storia dell’arte “100 Treasures in Florence” dal 19-24 marzo 2018; adesione gratuita per un anno alla biblioteca, la dotatissima Harold Acton Library) e dall’Odeon Bistro (una cena per due). In sala sarà allestito anche un fotoset, a cura dell’associazione Clavisomni, per tutti gli spettatori che vorranno farsi fotografare con il loro abiti e accessori anni ’20.

Dai finestrini delle carrozze del Simplon Orient Express non si vede altro che neve, un’immensa distesa bianca che inonda i binari e arresta la corsa del treno diretto a Calais. La premessa della nuova versione cinematografica di Assassinio sull’Orient Express è quella tradizionale del giallo corale firmato da Agatha Christie negli anni trenta. Gli illustri passeggeri a bordo del convoglio, riuniti nel lussuoso vagone ristorante, apprendono che un atroce omicidio si è consumato durante la notte: un distinto gentiluomo americano di nome Ratchett (Johnny Depp) è stato pugnalato nel suo scompartimento. Tra i presenti si fa largo il sospetto che l’assassino, bloccato dalla neve, non abbia mai lasciato il treno e si nasconda ancora tra i viaggiatori dell’Orient Express. A orchestrare gli interrogatori, perquisire le valigie e le cabine, raccogliere indizi e calmare gli animi, interviene il miglior detective sulla piazza, per caso a bordo dello stesso treno, il carismatico Hercule Poirot (Kenneth Branagh). Il grassoccio investigatore belga nato dalla penna della Christie, ascolta uno dopo l’altro i reticenti testimoni, annuendo e arricciandosi i baffi a ogni menzogna o tentativo di sviare le indagini. Il suo intuito non lo tradisce mai e la soluzione del caso è più vicina di quanto non sembri.

Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze Biglietto: euro 10 Tel. 055-214068 www.odeonfirenze.com

L'articolo Cinema Odeon l’evento finale del British 100 Film Festival: ‘Assassinio sull’Orient Express’ proviene da www.controradio.it.

Al cinema Odeon l’omaggio a Zygmunt Bauman con due film

Al cinema Odeon l’omaggio a Zygmunt Bauman con due film

Martedì 21 Novembre (ore 20.30) il Cinema Odeon di Firenze presenta un tributo alla figura del grande sociologo polacco Zygmunt Bauman, recentemente scomparso, con due film: l’inedito LAWNSWOOD GARDENS: A PORTRAIT OF ZYGMUNT BAUMAN e a seguire LA TEORIA SVEDESE DELL’AMORE. Due documentari per riflettere sulle idee  del grande sociologo polacco recentemente scomparso.

 

LAWNSWOOD GARDENS (Polonia, 60′) di Paweł Kuczyński (versione originale con sottotitoli in italiano) è primo film realizzato su uno dei più importanti e celebrati sociologi europei, padre del concetto di “modernità liquida” e nasce durante quattro giorni della primavera 2010 passati da Bauman, nella sua casa a Leeds in Gran Bretagna, discutendo e confrontandosi con un collega professore di filosofia e un amico artista. I loro dialoghi affrontano in modo appassionante tanto le questioni più profonde quanto apparenti banalità, senza mai perdere l’approccio informale, ma sempre coinvolgente, preferito da Bauman. Il documentario esplora anche, attraverso analisi e testimonianze, i legami tra il suo fondamentale Modernità e Olocausto e Inverno nel mattino, memoriale del ghetto di Varsavia scritto dalla moglie Janina.

LA TEORIA SVEDESE DELL’AMORE (Svezia, 70′) di Erik Gandini (versione italiana) è l’ultimo film del regista italo-svedese (già autore del controverso “Videocracy”): il documentario nasce da una riflessione sul manifesto proposto dal parlamento svedese nel 1972, “La famiglia del futuro”. Il concetto è che ogni relazione umana autentica si basa sull’indipendenza: una donna dal marito, gli adolescenti dai genitori, gli anziani dai figli. Il risultato a distanza di 40 anni: metà della popolazione vive sola, privata degli affetti di base, e sempre più donne diventano madri single con l’inseminazione artificiale. Perché una vita indipendente, sicura e protetta può rivelarsi tanto insoddisfacente? Una possibile risposta è affidata proprio a Bauman, che dimostra perché una vita priva di problemi non è necessariamente una vita felice. INFO

L'articolo Al cinema Odeon l’omaggio a Zygmunt Bauman con due film proviene da www.controradio.it.