Florence Queer Festival al cinema Odeon

Continua la 50 giorni di cinema internazionale di Firenze   con l’undicesima edizione del Florence Queer Festival che si terrà dal 6 al 12 novembre. Cultura queer e cinematografia LGBTI nei lungometraggi, corti e documentari per un totale di trenta titoli, due linee di concorso -Videoqueer e Se hai testa fai il test-, eventi di letteratura, teatro e arte contemporanea. Tra le anteprime il Festival presenterà il debutto da regista della performer electro-rock Peaches in Peaches does herself, viaggio musicale nei momenti più salienti della sua carriera eccentrica e trasgressiva, e Lost in Paradise di Vu Ngoc Dang, primo film vietnamita a presentare l’amore omosessuale in modo esplicito e sotto una luce positiva. A 50 anni dalla morte di Jean Cocteau, Opium di Arielle Dombasle, film onirico e musicale ispirato al suo diario e ai suoi disegni che ne racconta l’amore disperato con Raymond Radiguet.

Post Pic

Il Florence Queer Festival è cresciuto, sino a diventare uno dei più seguiti sulla scena fiorentina e una delle più importanti rassegne LGBTI italiane.
Nato nel 2003 con una piccola rassegna di 4 giorni al Teatro Puccini ha ampliato costantemente la programmazione, gli eventi e il pubblico, passando dal cinema Alfieri e poi lo Spazio Uno, per approdare all’Odeon, la piu prestigiosa sala fiorentina, all’interno della 50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze. Cinema e video, teatro e fotografia, letteratura e costume, sono al centro del percorso che il FQF propone per raccontare l’universo gay, lesbico, bisex,trans e intersex, un’identita queer in continuo movimento e mutamento, che intende superare gli stereotipi nei quali e stata a lungo costretta: una cultura oggi sganciata da uno stretto legame identitario, che sappia parlare a tutti, e racconti storie nelle quali l’identita sessuale sia uno degli elementi all’interno della narrazione.
All’ interno del FQF trova spazio VIDEOQUEER, concorso dedicato a giovani videomaker, che propongono cortometraggi, dalla durata massima di 3 minuti. 180 secondi per raccontare il presente, tra quotidianita’ e voglia di affermazione, desideri e fantasie, stimolare il confronto interculturale tra condizioni e punti di vista diversi.

AFRICAN DIASPORA CINEMA FESTIVAL

Oggi 4 novembre al cinema Odeon, African Diaspora Cinema Festival,una rassegna di film africani degli ultimi anni,che fa parte di un progetto di valorizzazione delle culture di cittadini e comunità straniere residenti in Toscana.

FILM_An_African_Election

Il programma (ingresso libero) prevede alle 18.30 An African Election di Jarrett Merz ( Svizzera, Usa, Ghana,  2011) – 89’ –  v.o. sott. ita
Ghana 2008. Il paese vota per eleggere il nuovo presidente. I candidati dei due principali partiti si affrontano in una campagna elettorale molto accesa e sembrano disposti a tutto pur di vincere. Malgrado qualche intoppo, il processo democratico procede regolarmente fino al giorno del voto, quando un inaspettato testa a testa tra i candidati minaccia di far precipitare il paese nella violenza e nel caos.
Alle 20,50 Last Flight to Abuja di Obi Emelonye (Nigeria,  2012) – 81′ –  anteprima italiana – v.o. sott. ita
Basato su un fatto realmente accaduto. Un gruppo di viaggaitori nigeriani viaggia come ogni giorno sul volo della compagnia Fliamingo Airways da Lagos alla città di Abuja un venerdì del 2006. L’aeroplano raggiunge tranquillamente la quota ed è in perfetto orario. Improvvisamente succede qualcosa, fra l’errore umano e il guasto tecnico, che provoca una sventura. La situazione precipita e l’aereo comincia a ballare fino a cadere. Durante la corsa il pilota cerca di salvare l’aereo dal disastro. Tutti i passeggeri, durante questi attimi, vivono, in un flashback, le situazioni della vita che avrebbero voluto vivere. Giovani amanti, coppie di anziani, manager e sportivi, che hanno quasi raggiunto il loro successo, tutti sono catapultati nel loro immaginario e nella dimensione del vivere i loro ultimi attimi di vita. Ciò accade a tutti .. meno che ad uno! Di che cosa è a conoscenza?
Chiuderà la rassegna alle 22.30 Otelo burning di Sara Blecher (Sud Africa, 2011) – 97’ – v.o. sott. ita
1989, al culmine della lotto contro l’apartheid, Otelo, 16 anni, suo fratello minore, Ntwe, e il suo migliore amico, New Year, sono invitati nella casa al mare dove lavora il nuovo compagno della madre. Lì vedono il loro amico Mandla cavalcare le onde: la scoperta del surf rivela ai ragazzi un nuovo mondo, il rovescio del sobborgo in cui vivono, che è costantemente minacciato da violenti contrasti politici.

 

FRANCE ODEON (31 OTTOBRE – 3 NOVEMBRE)

France Odeon, giunto alla 5° edizione,a cui dovremmo sommare anche le 23 edizioni del predecessore France Cinema, si svolgerà nella storica sala del cinema Odeon dal 31 Ottobre al 3 Novembre. Il programma di quest’ anno , è il frutto della selezione effettuata tra gli oltre 200 film prodotti in Francia nel 2013. Ci saranno opere provenienti dai Festival di Cannes, Berlino, Venezia e Toronto. Molti film saranno anteprime per l’Italia e in tre casi la presentazione a Firenze precederà l’uscita nelle sale francesi. Come di consueto France Odeon punta su un ventaglio di 12 titoli che rappresentino la varietà e la ricchezza del cinema francese.
L’apertura del festival (giovedì 31 ottobre alle ore 18.30) sarà dedicata a Marine Vacth la bellissima protagonista di Jeune & Jolie (Giovane e bella) realizzato da François Ozon (di prossima uscita in Italia con la Bim che da sempre distribuisce la miglior cinematografia francese). Alla giovane attrice – in presenza dell’Ambasciatore di Francia, Alain Le Roy – sarà consegnato il premio L’Essenza del Talento che, a partire da questa edizione, France Odeon e Salvatore Ferragamo attribuiranno ogni anno all’astro nascente del cinema francese sia esso regista, attore, sceneggiatore, produttore…
Sempre nella giornata inaugurale (ore 20.45), Edouard Waintrop, direttore della Quinzaine des Réalisateurs, presenterà la scoppiettante e originale commedia Les Garçons et Guillaume, à table! di Guillaume Gallienne (distribuzione Italia Eagle Pictures) applauditissimo a Cannes proprio nella sezione degli autori. A rappresentare invece Daniel Auteuil, che ha diretto ben due film del programma, Marius e Fanny – ispirati all’opera di Marcel Pagnol – ci sarà l’attrice protagonista di entrambi, Victoire Bélézy, (venerdì 1 e domenica 3 Novembre ore 17.30). Mentre Nicole Garcia, che aveva chiuso l’edizione 2011 del festival insieme a Toni Servillo, tornerà a Firenze (sabato 2 novembre ore 19.30) per presentare Un beau dimanche, (Toronto Film Festival 2013) tra i cui interpreti segnaliamo un’intensissima ed elegante Dominique Sanda. Il pubblico fiorentino potrà assistere anche all’anteprima dell’irresistibile film di Roman Polanski, La Vénus à la fourrure, (01 Distribution) con Emmanuelle Seigner e Mathieu Amalric (sabato 2 Novembre ore 22.00). In un evento speciale, realizzato in collaborazione con AIPD e Trisomia 21 Firenze, si affronterà il tema delle disabilità partendo da Henri di Yolande Moreau, interpretato da Pippo Delbono che salirà sul palco dell’Odeon, sabato 2 Novembre alle ore 15.45, per presentare il film e testimoniare la sua costante attenzione per garantire le pari opportunità alle persone disabili.
La giornata di domenica inizierà con una matinée in collaborazione con il Festival dei Popoli (alle ore 10.30) che vedrà protagonista il grande documentarista Nicolas Philibert e il suo ultimo lavoro La maison de la radio con il quale ha saputo tradurre in immagini l’invisibilità della radio, senza cancellarne la magia. Seguirà un incontro sul sistema radiofonico francese con lo stesso regista, il direttore di Radio Rai, Bruno Socillo e altri esperti. A chiudere il festival insieme alla regista Rebecca Zlotowski (alle ore 20.00) sarà Tahar Rahim (già interprete di Un prophète) protagonista insieme a Léa Seydoux di Grand Central. Il film, ambientato in una delle più grandi centrali nucleari di Francia, parla del più pericoloso e radioattivo dei sentimenti: l’amore.

Festival Internazionale di Cinema e Donne

Il Festival Internazionale di Cinema e Donne,giunto alla trentacinquesima edizione, presenterà, in sei giornate dal 25 al 30 ottobre al cinema Odeon, circa 50 film, tra medi, corti e lungometraggi; divisi in 8 sezioni tematiche, incontri con le registe ed eventi legati ai film selezionati; quattro Premi; due Focus su “Appunti per una storia del cinema delle donne” e “Confini invisibili: Polonia e Repubblica Ceca”. Per festeggiare i 35 anni, è stato scelto il titolo/tema Volver, nessuna nostalgia, ma una ottima occasione da cogliere per raccontare la storia della relazione tra cinema e donne negli ultimi trent’anni. Ricostruire l’atmosfera degli inizi e capire quali siano le tappe e i luoghi dell’innovazione femminile. Si tratta di entrare nella densità di movimenti e teorie, in anni di grandi cambiamenti: quelli che stiamo attraversando oggi. Volver verso un momento decisivo della nostra storia recente. Ciò che era o poteva sembrare l’utopia solo di un momento storico e di una sola generazione, diventa la concretissima richiesta di parità e libertà creativa delle giovani registe di tutto il mondo. Una storia che continua oggi, in modo diverso, in tutto il pianeta.

Per il programma completo vi rimandiamo al sito http://www.laboratorioimmaginedonna.it.

50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze

Si terrà dal 25 ottobre al 15 dicembre 2013 la settima edizione della “50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze”, che si può definire il festival dei festival ospitando in successione ben  9 festival internazionali, rassegne di cinematografie europee e extraeuropee insieme a  premi, anteprime, incontri con gli autori.
Si parte il 24 Ottobre con un evento dedicato a celebrare le donne nel cinema: proprio nell’anno in cui si parla in modo sempre più preoccupante e insistente di casi di violenza sulle donne, la rassegna vuole dare il proprio contributo per ribadire la centralità del ruolo femminile, nella società come nel cinema.L’inaugurazione  sarà un evento dedicato a una grande – anche se non popolare – regista della seconda metà del ’900: Barbara Loden, della quale verrà presentato il film Wanda, del 1970, nella versione restaurata grazie alla collaborazione tra Gucci e The Film Foundation di Martin Scorsese. Wanda è sicuramente uno dei debutti alla regia più straordinari del cinema indipendente.

Il programma vedrà poi il 25 – 30 Ottobre il Festival Internazionale di Cinema e Donne,il 31 Ottobre – 3 Novembre France Odeon erede dello storico France cinema,il 6 – 12 Novembre Florence Queer Festival,il 13 – 17 Novembre Lo Schermo dell’Arte Film Festival,il 22 – 28 Novembre River to River – Florence Indian Film Festival,il 30 Novembre – 7 Dicembre Festival dei Popoli-la rassegna del film documentario giunta alla 54 edizione,il 8 – 11 Dicembre Una Finestra sul Nord – Dialoghi nel cinema ugrofinnico,il 12 – 13 Dicembre Balkan Florence Express,il 13 – Dicembre Premio N.I.C.E. città di Firenze, il 14 – 15 Dicembre Immagini e Suoni del Mondo – Festival del Film Etnomusicale.

La 50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze arricchisce la sua proposta cinematografica: per tutta la durata della manifestazione sarà possibile assistere online ad una ricca selezione di film disponibili in streaming sulla piattaforma MYMOVIESLIVE! Il progetto nasce dalla collaborazione tra Quelli della Compagnia di Fondazione Sistema Toscana e la più accreditata testata di cinema online a livello nazionale, allo scopo di incrementare il pubblico e la portata della rassegna cinematografica più lunga d’Italia, estendendo ad Internet i confini di fruizione dei film. La proposta streaming si caratterizza per l’alto valore artistico e culturale delle opere, con un’attenzione particolare nei confronti del tema del rispetto della donna, fil rouge di questa edizione. La sala web della “50 Giorni” ospita fino a 500 utenti per ciascuno dei titoli proposti. Ogni sera sarà possibile accedere gratuitamente alla visione in streaming di un film in modalità multicast programmato su Internet contemporaneamente alla proiezione in sala. Il medesimo titolo, successivamente all’evento LIVE!, sarà poi disponibile anche on demand, per 24 ore al prezzo di 4 €.
Per arricchire la programmazione digitale e rafforzare il ruolo di mediapartner, MYmovies.it dedicherà alla rassegna uno speciale editoriale, che permettrà al pubblico di seguire day by day il programma e gli eventi attraverso news quotidiane, aggiornamenti, interviste esclusive e recensioni dei film. Per assistere gratuitamente alla visione dei titoli della “50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze” basta collegarsi alla pagina www.mymovies.it/live registrarsi e attivare un abbonamento OPEN. I film di MYMOVIESLIVE! simulano fedelmente le visioni in sala: iniziano a un preciso orario e non è possibile fermare la riproduzione. Inoltre sarà possibile acquistare on demand alcuni film della programazione del Festival fino a un numero limitato di streaming.