Inaugurato il Coventino caffè letterario

Inaugurato il Coventino caffè letterario

Questa mattina è stato inaugurato il Conventino Caffè letterario a Firenze, in via Giano della Bella. Presente il sindaco Dario Nardella. Il caffè è stato ristrutturato in un complesso storico che accoglie artisti e artigiani per vocazione e identità. Il recupero del complesso vede anche la restituzione al quartiere di un giardino pubblico inedito grazie al progetto del caffè letterario (che ha anche la funzione di una edicola). “Felice di continuare a lavorare per il mio quartiere nel ricostituirne la peculiare identità”, ha dichiarato l’ideatrice e curatrice del progetto Olivia Turchi.

Nato alla fine dell’Ottocento come monastero di suore di clausura di Santa Teresa delle Carmelitane Scalze, il Conventino ospita dal 2016 il progetto ‘Officina creativa‘ di Artex che vede la presenza di 29 realtà artigiane. Esse includono sia l’artigianato artistico locale che le maestranze internazionali, laboratori artigianali e atelier d’artista.
“Dopo gli artigiani, il caffè letterario aiuterà a portare giovani, residenti del quartiere, visitatori e a rendere questo posto sempre più vivo, del resto l’obiettivo era questo”, ha detto Nardella. Inoltre, il sindaco ha rivelato di “lavorare con l’assessore Giorgetti per realizzare un parcheggio di medie dimensioni, sotterraneo, all’altezza di porta Romana”.
“La casa dell’artigianato artistico fiorentino – ha affermato il presidente di Artex Giovanni Lamioni – diventa più ricca e aperta, grazie a questo nuovo progetto. L’Officina creativa di Artex e i suoi bravissimi artigiani hanno contribuito a ridare un’anima ad un luogo già splendido, con il loro lavoro e la loro passione artistica”.
A margine del taglio del nastro, Nardella ha dichiarato che l’obiettivo dell’iniziativa è quello di “vendere i quotidiani nei musei”. Infatti, all’interno del Conventino Caffè letterario è presente un punto in cui sono acquistabili i quotidiani. “Se le norme lo consentissero potremmo prevedere la vendita dei quotidiani nei bookshop dei nostri musei comunali. Sarebbe anche questo un bel segnale perché la stampa è sinonimo di pluralismo, di democrazia ed è lo strumento con cui si attua, insieme a tanti altri, il principio della libertà di informazione”, ha sottolineato il primo cittadino.
Gimmy Tranquillo ha intervistato il presidente di ARTEX, Giovanni Lamioni ed il sindaco di Firenze Dario Nardella

L'articolo Inaugurato il Coventino caffè letterario proviene da www.controradio.it.

L’Officina Creativa ospita laboratorio Albero del Bradipo

L’Officina Creativa ospita laboratorio Albero del Bradipo

Mongolfiere con orchestre volanti o innamorati sognanti, libri di legno che sono “sculture narrative” e reinterpretano capolavori della letteratura per bambini come il Piccolo Principe o Alice nel Paese delle Meraviglie: l’Officina Creativa di Artex ospita il laboratorio dell’Albero del Bradipo e la creatività e la fantasia di Mieke Verbert. L’inaugurazione del nuovo laboratorio al Vecchio Conventino di via Giano della Bella, Firenze, è in programma sabato 9 marzo dalle 16 alle 18,30.

“Sogno di dipingere e poi dipingo il mio sogno. Se dovessi riassumere in una frase lo spirito che muove la mia arte, lo farei con questo aforisma di Van Gogh”, dice Mieke Verbert, artigiana fiorentina di origine belga, ex operatrice fiscale, che ha deciso di cambiare vita e ha scelto di fare del suo sogno il suo mestiere: creare opere in cartapesta, reinventando questa antica tradizione attraverso tecniche innovative e utilizzando materiali di recupero. Mieke ha chiamato la sua attività “L’Albero del Bradipo” “perché – spiega – in una società dove tutto deve essere efficiente, veloce e sempre perfetto, l’immagine del Bradipo stravolge queste fondamenta e ti insegna a vivere accettando con un sorriso le tue imperfezioni e i tuoi ritmi interiori. Mentre per coniugare efficienza e lentezza, concretezza e fantasia, è necessario aspirare ad essere come un Albero, con radici ben piantate nel terreno e la chioma alta tra le nuvole”.

Tra le varie esperienze, oltre ad aver partecipato a esposizioni internazionali quali la Mostra dell’Artigianato, Mieke è arrivata tra i finalisti del “Premio Cambiamenti 2018”, concorso nazionale promosso dal CNA e rivolto alle migliori imprese italiane che con la loro attività sono riuscite a rappresentare il meglio del nostro Paese, rendendolo competitivo.

“L’Albero del Bradipo” (www.lalberodelbradipo.it) è la seconda new entry del 2019 all’Officina creativa. Segue infatti l’arrivo al Conventino di Woo Class, brand che nasce da un’idea di Jochen Andreas Zeh e Lisa Gabellini e dal progetto di “costruire occhiali nel modo più naturale possibile”. I due artigiani designer portano avanti un percorso che coinvolge le montature in legno e l’occhialeria sartoriale.

“La comunità di Officina Creativa si amplia ancora in questi primi mesi del 2019 con due brand che sono simbolo di un artigianato vivo, innovativo, di qualità – dice Giovanni Lamioni, presidente di Artex, Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana – L’Officina accoglie una comunità unica nel suo genere, un luogo di incontro, di lavoro, di scambio di conoscenze, tecniche e culture. L’artigianato diventa qui un momento di confronto delle identità di fronte alla sfida della globalizzazione”.

“Gli spazi del Vecchio Conventino vengono assegnati tramite un bando – aggiunge l’assessora allo sviluppo economico del Comune di Firenze, Cecilia del Re – Nella struttura di Officina Creativa, curata da Artex, gli artigiani, gli artisti, i professionisti dell’industria creativa possono muovere i primi passi delle proprie start up per trovare la propria strada. Un vero centro propulsore del nostro artigianato locale che si confronta costantemente con tradizione e innovazione”.

Bradipo

L'articolo L’Officina Creativa ospita laboratorio Albero del Bradipo proviene da www.controradio.it.