Oltrarno: Nardella fotografa i pusher e li fa arrestare

Oltrarno: Nardella fotografa i pusher e li fa arrestare

Il Sindaco di Firenze ha fatto un giro notturno in Oltrarno. Dopo avere fotografato tre spacciatori in Santo Spirito ha chiamato i carabinieri.

Lo spaccio nelle zone di Santo Spirito e di piazza Santa Croce ha ripreso vigore in assenza dei presidi fissi delle forze dell’ordine. Il primo cittadino – secondo quanto riporta Il Corriere Fiorentino – ha deciso di fare un tour notturno per testare direttamente la situazione denunciata quotidianamente sui social e tramite lettere indirizzate all’amministrazione comunale. Giovedì scorso sarebbe andato di persona a fare un giro in Oltrarno e passando in Santo Spirito avrebbe fotografato dalla macchina tre presunti spacciatori all’angolo della piazza. Per chi abita in quella zona o ha un’attività commerciale è infatti noto che l’angolo con via del Mezzetta sia postazione privilegiata dello spaccio con pusher che di notte, ma bellamente anche di giorno, si ritrovano lì, aspettando tranquillamente che i clienti li avvicinino. Un ‘angolo’ di Oltrarno che periodicamente, dopo le retate e controlli, si rianima di queste figure e dello spaccio, tra passeggini diurni e bicchieri di vino della movida.

Sono in molti a chiedersi perché, essendo luogo ‘conosciuto’, le forze dell’ordine non intervengano in maniera più presente e costante così da stroncare questa quotidiana illegalità. A dare una scossa a questa routine di impunità è stato lo stesso Sindaco che tornando a casa dalla Festa de l’Unità, “vedendo chiari movimenti sospetti,  ha scattato una foto dalla macchina e l’ha inviata ai carabinieri”.

Dopo un breve inseguimento, sono stati poco dopo fermati tre giovani tunisini clandestini, già colpiti da obbligo di espulsione. Trovati in possesso di hashish e cocaina e di 900 euro in contanti, ritenuti incasso dell’attività di spaccio.

L'articolo Oltrarno: Nardella fotografa i pusher e li fa arrestare proviene da www.controradio.it.

Oltrarno fiorentino il quartiere più cool per Lonely Planet

Oltrarno fiorentino il quartiere più cool per Lonely Planet

Firenze – Secondo la celebre guida turistica, a Firenze c’è uno dei quartieri più più “cool” del mondo. Borgo San Frediano viene in particolare ‘premiato’ e considerato da visitare assolutamente.

Dalle botteghe artigiane, quelle rimaste e quelle rinate, ma anche i nuovi locali e gli spazi di aggregazione contemporanei. Secondo Lonely Planet, la celebre guida turistica, l’Oltrarno è uno dei quartieri più più “cool” del mondo.

San Frediano, e in particolare la strada di Borgo San Frediano è stato infatti incoronato sia per la sua storia e tradizione artigiana e per lo “spirito hipster” che si respira.

Nella classifica  Borgo San Frediano è segnalato come primo degli spazi urbani di tendenza e da visitare assolutamente.

“Il quartiere di San Frediano sta ridando una nuova vita all’Oltrarno – scrive Georgette Juper, scrittrice americana che vive a Firenze da 10 anni  – conosciuta più per le sue botteghe artigiane che per il suo spirito hipster. Con le sue strette stradine e piccoli marciapiedi, tutto si racchiude tra una delle antiche porte della città e Borgo San Frediano”.

L'articolo Oltrarno fiorentino il quartiere più cool per Lonely Planet proviene da www.controradio.it.

Visite alla Cappella Brancacci e a Santo Spirito

Alla scoperta dei grandi complessi religiosi d’Oltrarno

Dopo il grande successo di qualche anno fa, i Musei Civici Fiorentini e l’Associazione MUS.E – in collaborazione con il Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno – presentano un nuovo ciclo di appuntamenti alla scoperta della Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine, della Fondazione Romano e della basilica di Santo Spirito.

La proposta scaturisce dalla volontà di favorire la conoscenza di due pregevoli tesori d’Oltrarno, ovvero il complesso agostiniano di Santo Spirito e il complesso carmelitano di Santa Maria del Carmine: le visite consentiranno così di apprezzare grandi capolavori del Rinascimento ma anche di intessere una riflessione più ampia sulla storia della città, nel cui impianto urbanistico i conventi religiosi hanno giocato un ruolo determinante.

Il ciclo prevede una prima visita alla Cappella Brancacci, i cui affreschi con le storie di San Pietro – opera di Masolino, di Masaccio e di Filippino Lippi – sono a buon titolo noti in tutto il mondo: sarà quindi possibile leggere le diverse scene, coglierne i tratti salienti dal punto di vista storico-artistico, comprendere le ragioni del ciclo e della committenza, nel quadro dell’evoluzione architettonica e artistica della basilica e del convento.

Seguirà poi la visita del complesso di Santo Spirito, grazie alla quale sarà possibile ammirare la raffinata collezione dell’antiquario Salvatore Romano – donata alla città di Firenze e custodita nell’antico cenacolo del convento agostiniano – e l’annessa basilica, patrimonio del fondo Edifici di Culto e scrigno a sua volta di preziose opere: un esempio per tutti, il Crocifisso di Michelangelo Buonarroti.

Questo il calendario degli appuntamenti:

  • Sabato 10 dicembre h10.00 Cappella Brancacci e h11.30 Santo Spirito
  • Sabato 14 gennaio h10.00 Cappella Brancacci e h11.30 Santo Spirito 
  • Sabato 28 gennaio h10.00 Cappella Brancacci e h11.30 Santo Spirito 
  • Sabato 11 febbraio h10.00 Cappella Brancacci e h11.30 Santo Spirito 
  • Sabato 25 febbraio h10.00 Cappella Brancacci e h11.30 Santo Spirito 
  • Sabato 11 marzo h10.00 Cappella Brancacci e h11.30 Santo Spirito 
  • Sabato 25 marzo h10.00 Cappella Brancacci e h11.30 Santo Spirito 
  • Sabato 8 aprile h10.00 Cappella Brancacci e h11.30 Santo Spirito

 

I costi per partecipare a entrambe le visite nella stessa giornata sono i seguenti:
Adulti: €11,00 (residenti città metropolitana) – €15,00 (non residenti città metropolitana)
Giovani 18-25 anni: €9,00 (residenti città metropolitana) – €13,00 (non residenti città metropolitana)
Minori di 18 anni: €4,00 (residenti città metropolitana), €8,00 (non residenti città metropolitana)

Qui di seguito invece i dettagli delle visite singole, per chi desiderasse partecipare alla visita guidata della sola Cappella Brancacci o della sola Fondazione Romano con Santo Spirito:
Adulti: €9,00 (residenti città metropolitana) – €11,00 (non residenti città metropolitana)
Giovani 18-25 anni: €7,00 (residenti città metropolitana) – €9,00 (non residenti città metropolitana)
Minori di 18 anni: €2,00 (residenti città metropolitana), €4,00 (non residenti città metropolitana)

Prenotazione obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni:
Tel. 055-2768224 055-2768558

Piazza del Carmine festeggia la pedonalizzazione

Piazza del Carmine festeggia la pedonalizzazione. Domenica 11 gennaio 2015, dalle ore 10.00 alle ore 20.00, festa in Piazza del Carmine a Firenze per festeggiare con tutti i cittadini la pedonalizzazione della Piazza. Per animare la giornata sono previsti in programma spettacoli, animazione, laboratori per bambini, musica, libri e stand gastronomici degli esercenti dell’oltrarno.

http://www.edfirenze.eu/wp-content/uploads/2015/01/oltr_festa-carmine.jpg

Domenica 11 gennaio 2015, dalle ore 10.00 alle ore 20.00, festa in Piazza del Carmine a Firenze per festeggiare con tutti i cittadini la pedonalizzazione della Piazza. Per animare la giornata sono previsti in programma spettacoli, animazione, laboratori per bambini, musica, libri e stand gastronomici degli esercenti dell’oltrarno.

Torna al Menu della Rubrica

Capodanno in tramvia

Capodanno in tramvia. Ztl no stop e chiusure delle zone dove si svolgeranno gli eventi, ad iniziare da piazza del Carmine e dal piazzale del Re alle Cascine. Ma anche la tramvia in servizio tutta la notte, tre linee Ataf fino alle 22 e cinque navette per raggiungere il centro e le aree dei concerti dai parcheggi esterni.

Sono queste le principali novità in materia di circolazione e di trasporto pubblico predisposte dall’ufficio mobilità in occasione delle iniziative per il Capodanno che, rispetto agli anni scorsi, vede il debutto di due nuove location rispettivamente in Oltrarno (piazza del Carmine) e nel parco delle Cascine (piazzale del Re). Niente concerto invece alla stazione di Santa Maria Novella, che nel recente passato ha ospitato l’evento clou dei festeggiamenti.
Entrando nel dettaglio, viene confermata la prosecuzione della Ztl no stop fino alle 8 di giovedì 1 gennaio (con prosecuzione dalle 19.30 di mercoledì 31 dicembre) mentre i primi provvedimenti in Oltrarno scatteranno dalle 7 di martedì 30 dicembre, in specifico divieti di sosta, in piazza del Carmine (nella porzione dell’area di parcheggio al centro della piazza, fronte numeri civici 20 e 21, lato piazza Piattellina) e in piazza Piattellina (su tutta l’area). Dalla stessa ora di mercoledì 31 dicembre i divieti di sosta si amplieranno su tutta la piazza del Carmine mentre dalle 13 sarà la volta di via Santa Monaca, Borgo Stella e via d’Ardiglione (tratto via Santa Monaca-Borgo Stella). Alle 18 scatteranno i divieti di transito in piazza del Carmine (direttrice Santa Monaca-Piattellina) e in piazza Piattellina (intera piazza) mentre alle 20.30 sarà la volta della chiusura di via Santa Monaca (tratto via d’Ardiglione-via dei Serragli). In Borgo Stella, nel tratto compreso fra via d’Ardiglione e via dei Serragli, sarà istituito il senso unico in direzione via dei Serragli.
Per quanto riguarda il Parco delle Cascine, i primi provvedimenti che prenderanno il via sono i divieti di sosta sul piazzale delle Cascine (il 27 e il 31 dicembre). Mercoledì alle 8 scatteranno i divieti di sosta anche in via Tartini (da piazza Puccini fino al numero civico 1/A), via del Quercione, viale della Tinaia mentre dalle 15 sarà la volta dei divieti di sosta in viale degli Olmi e piazzale Jefferson (su tutta la rotonda). Dalle 20 saranno istituiti i divieti di transito in via del Fosso Macinante, via del Visarno (tratto via del Fosso Macinante-piazzale Jefferson), piazzale Jefferson, viale degli Olmi, piazzale delle Cascine, via delle Cascine (da via Paisiello a piazzale delle Cascine), via dell’Aeronautica (tratto piazzale delle Cascine-viale del Pegaso (tratto viale dell’Aeronautica-via del Barco), via del Barco. La passerella dell’Isolotto sarà riservata ai soli pedoni: né biciclette né motorini neanche condotti a mano.
Previsti inoltre, dalle 19.30 di mercoledì 31 dicembre divieti di sosta in via Paolieri (fino alle 8 del 1° gennaio).
Per quanto riguarda il trasporto pubblico, la tramvia funzionerà no stop per tutta la notte sull’interna linea (da Villa Costanza alla stazione di Santa Maria Novella) invece di fermarsi come gli scorsi anni alla Leopolda. Novità anche per quanto riguarda i bus dell’Ataf: il servizio non cesserà completamente alle 20, tre linee continueranno a circolare fino alle 22 su percorsi limitati per permettere a cittadini e visitatori di raggiungere le aree dove si svolgono gli eventi. Si tratta della linea 17 (da Coverciano arriverà fino a piazza Puccini dove sarà il capolinea), della 14 (dal capolinea di via della Ripa, zona via Aretina, fino a Careggi) e la 22 (da Novoli fino alla Stazione di Santa Maria Novella dove farà capolinea). Per questi bus sarà necessario il biglietto. Saranno invece gratuite le cinque navette che, fino alle 2, collegheranno le zone esterne, e in particolar modo i parcheggi, al centro e ai luoghi dove si svolgono gli eventi. In dettaglio la prima collegherà il parcheggio del Parterre a piazza San Marco; la seconda il parcheggio della Calza a piazza Stazione; la terza la zona di Sorgane e il parcheggio di viale Europa a piazza Stazione; la quarta da via Novelli (zona Coverciano) a piazza Stazione passando dai parcheggi di piazza Alberti e piazza Beccaria. La quinta navetta è invece a servizio del concerto al parco delle Cascine e collegherà piazzale Jefferson (la fermata della tramvia) a piazzale delle Cascine e piazza Puccini