Accoltellamento a Firenze: grave giovane, aggressore arrestato

Accoltellamento a Firenze: grave giovane, aggressore arrestato

Un giovane di 23 anni, è stato accoltellato all’addome intorno alle 14.00 in via Fiume, nonlontano dalla stazione centrale di Santa Maria Novella a Firenze.

Il 23enne, secondo quanto appreso originario del Bangladesh, è stato subito soccorso dai sanitari del 118 e trasferito all’ospedale di Careggi in codice rosso. Secondo le prime informazioni l’aggressore, un suo connazionale, sarebbe anche un collega di
lavoro.

L’uomo, subito dopo aver ferito il giovane, è stato bloccato da un allievo maresciallo dei carabinieri libero dal servizio, e poi arrestato.

Sarebbe stato ferito con 3 coltellate all’addome il giovane, portato subito in sala operatoria e sottoposto a un delicato intervento chirurgico che è ancora in corso.
Secondo le prime informazioni l’aggressore, un uomo di 28 anni, anche lui del Bangladesh, avrebbe agito per motivi legati alla gelosia.
Gli agenti delle volanti, e non della squadra mobile come appreso in un primo momento, hanno arrestato il 28enne con l’accusa di tentato omicidio. Sequestrata anche l’arma usata, un grosso coltello da cucina.

L’articolo Accoltellamento a Firenze: grave giovane, aggressore arrestato proviene da www.controradio.it.

Firenze, uomo aggredisce infermiera a Careggi

Firenze, uomo aggredisce infermiera a Careggi

L’uomo, ai domiciliari, era in ospedale per una visita specialistica quando avrebbe prima aggredito prima a parole e poi fisicamente l’infermiera. E’ stato poi denunciato

Un uomo di 45 anni è stato denunciato dalla polizia per interruzione di pubblico servizio, lesioni personali e minacce per aver aggredito un’infermiera in servizio all’hospice delle Oblate nel complesso di Careggi.

Il 45enne, che era agli arresti domiciliari, si era recato nel nosocomio fiorentino per una visita specialistica ma, improvvisamente, sarebbe andato in escandescenza aggredendo la donna. Secondo una prima ricostruzione l’uomo avrebbe prima aggredito verbalmente l’infermiera e poi le avrebbe tirato i capelli. Nella colluttazione la donna avrebbe graffiato al viso l’aggressore.

L’articolo Firenze, uomo aggredisce infermiera a Careggi proviene da www.controradio.it.

Firenze, uomo aggredisce infermiera a Careggi

Firenze, uomo aggredisce infermiera a Careggi

L’uomo, ai domiciliari, era in ospedale per una visita specialistica quando avrebbe prima aggredito prima a parole e poi fisicamente l’infermiera. E’ stato poi denunciato

Un uomo di 45 anni è stato denunciato dalla polizia per interruzione di pubblico servizio, lesioni personali e minacce per aver aggredito un’infermiera in servizio all’hospice delle Oblate nel complesso di Careggi.

Il 45enne, che era agli arresti domiciliari, si era recato nel nosocomio fiorentino per una visita specialistica ma, improvvisamente, sarebbe andato in escandescenza aggredendo la donna. Secondo una prima ricostruzione l’uomo avrebbe prima aggredito verbalmente l’infermiera e poi le avrebbe tirato i capelli. Nella colluttazione la donna avrebbe graffiato al viso l’aggressore.

L’articolo Firenze, uomo aggredisce infermiera a Careggi proviene da www.controradio.it.

Firenze, primo chirurgo robot a Careggi per impianto protesi anca

Firenze, primo chirurgo robot a Careggi per impianto protesi anca

Il nuovo robot, il primo di tipo chirurgico ortopedico di Asl Toscana Centro, opererà in sinergia con i professionisti di Asl. Promette maggiore precisione e minori tempi di recupero

E’ attivo all’ospedale fiorentino di Careggi il primo robot chirurgico ortopedico del territorio dell’Asl Toscana centro, che comprende i territori di Firenze, Prato e Pistoia, in grado di aumentare la precisione negli interventi per l’impianto di protesi di ginocchio e anca.

Come già avviene per i robot chirurgici multidisciplinari, attivi al padiglione San Luca di Careggi, anche il nuovo robot ortopedico, installato al Cto, sarà utilizzato in sinergia con i professionisti dell’Asl Toscana centro. Il sistema è costituito da un braccio meccanico che aumenta la precisione della mano del chirurgo.

E’ programmato in base alla Tac dell’osso su cui intervenire e ed è quindi in grado di limitare anche minime imprecisioni nella preparazione della superficie dove innestare la protesi. Il robot è utilizzato per le protesi di anca e nell’impianto di femore artificiale e di ginocchio, in questo caso consentendo la sostituzione delle cartilagini distrutte dall’artrosi con placchette di metallo. La maggior precisione permette non solo l’utilizzo di protesi più piccole e meno invasive, ma anche una ridotta asportazione di tessuto osseo, oltre a un recupero più rapido dall’intervento e nella riabilitazione.

L’articolo Firenze, primo chirurgo robot a Careggi per impianto protesi anca proviene da www.controradio.it.