Ru486 torna ad essere somministrata ad Empoli

Ru486 torna ad essere somministrata ad Empoli

Torna all’ospedale di Empoli la somministrazione della RU486. Il percorso ambulatoriale applica il protocollo nazionale e regionale

Torna all’Ospedale di Empoli la somministrazione della RU486 per le donne che ne faranno richiesta. Da ieri (martedì 23 ottobre) è nuovamente applicato il protocollo che prevede l’aborto farmacologico, come previsto dalle normative nazionali e regionali.

La somministrazione avverrà settimanalmente, nel poliambulatorio, in ambienti dedicati e riservati, e non contigui con le altre attività svolte nell’area materno- infantile.

 

Il percorso di somministrazione del farmaco è stato reso possibile attraverso l’integrazione tra strutture territoriali ed ospedaliere, in particolare è nato dalla stretta collaborazione tra il dipartimento materno-infantile, l’unità funzionale consultoriale, l’ostetricia professionale e la direzione sanitaria del San Giuseppe. E’ stato messo a disposizione personale appositamente formato e preparato: ginecologi, ostetriche e infermieri.

 

Il sindaco di Empoli, Brenda Barnini, ha così commentato l’avvio del servizio: “Bene che siano state ripristinate le condizioni per garantire un diritto delle donne, sancito e riconosciuto dalla legge dello Stato. Nessuna donna – ha sottolineato il Sindaco -affronta con leggerezza o superficialità questo percorso, ma è compito delle strutture pubbliche garantire il diritto di scelta sulla gravidanza alle donne. E nessun problema logistico o strutturale può dare adito a pensare che ci sia invece un arretramento dalla tutela della libertà femminile”.

 

La sospensione della RU486 nell’ospedale di Empoli, uno dei primi ospedali a farne uso, era stata dettata dalla riduzione degli spazi e non per volontà degli operatori. Le difficoltà logistiche, prima fra tutte la necessità del ricovero delle donne, avevano impedito la somministrazione: ora la procedura viene ripresa regolarmente con l’impostazione ambulatoriale in regime di day hospital.

L’oggettiva difficoltà è stata, quindi, definitivamente superata con una nuova organizzazione.

 

Nel periodo in cui al San Giuseppe la somministrazione della RU486 non è stata possibile alle donne residenti nel territorio empolese il farmaco veniva comunque garantito a Firenze, al presidio ospedaliero Piero Palagi, il cui protocollo operativo, con i necessari adeguamenti territoriali, è stato praticamente adottato anche all’ospedale di Empoli.

 

L'articolo Ru486 torna ad essere somministrata ad Empoli proviene da www.controradio.it.

Meningite Pneumococcica: il Sindaco di San Miniato invita alla vaccinazione

Meningite Pneumococcica: il Sindaco di San Miniato invita alla vaccinazione

Meningite da pneumococco, un caso all’Ospedale di Empoli. Le condizioni cliniche del paziente sono stabili. Non è necessaria la profilassi ai contatti

Sono stabili le condizioni cliniche del paziente di 75 anni, ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Empoli, al quale è stata diagnosticata una meningite pneumococcica.

L’unità funzionale igiene pubblica e nutrizione dell’area empolese conferma che si tratta di una forma non epidemica, per la quale non è prevista la profilassi dei contatti.

“Lo pneumococco –spiega il dottor Paolo Filidei- oggi è la causa più frequente di meningite batterica, e colpisce prevalentemente i bambini più piccoli o gli anziani. La malattia può essere favorita da fattori predisponenti quali, ad esempio, diabete, malattie immunosoppressive e mancanza della milza. Dal punto di vista preventivo, – prosegue il medico- disponiamo di vaccini efficaci che sono inseriti nel calendario vaccinale, sia per i bambini che per alcune categorie di adulti. La vaccinazione dei bambini ha drasticamente ridotto l’incidenza della malattia in questa fascia di età, per cui prevalgono i casi in soggetti anziani”.

“Appena sono stato informato del caso, ho contattato il direttore del Presidio Ospedaliero di Empoli, il dottor Luca Nardi, che mi ha rassicurato – spiega il sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini -: non si tratta di un ceppo contagioso, perciò non è necessaria alcuna profilassi. Tuttavia colgo l’occasione di questo nuovo caso sul territorio per invitare la cittadinanza a rivolgersi al proprio medico di famiglia e verificare circa la necessità di vaccinarsi, soprattutto per le categorie considerate a rischio”.

Per gli adulti il vaccino è gratuito per i soggetti con fattori di rischio e per coloro che compiono 65 anni. Per il 2018, possono essere vaccinati gratuitamente i nati nel 1953, con recupero dei soggetti nati negli anni 1950-51-52.

Il vaccino può essere somministrato assieme all’antinfluenzale, presso gli ambulatori dei medici di famiglia.

L'articolo Meningite Pneumococcica: il Sindaco di San Miniato invita alla vaccinazione proviene da www.controradio.it.

Incidenti sul lavoro: cade in azienda a Spicchio, grave 58enne

Incidenti sul lavoro: cade in azienda a Spicchio, grave 58enne

Un uomo di 58 anni ha riportato un trauma cranico cadendo dall’alto, questa mattina intorno alle 8, mentre si trovava a lavoro in un’aziena di Spicchio, una frazione nel comune di Vinci (Firenze).

Le circostanze dell’infortunio non sono ancora chiare. Subito soccorso dal 118 con automedica e ambulanza, è stato accompagnato in codice rosso all’ospedale di Empoli. Sul posto stanno operando i tecnici della prevenzione luoghi sul lavoro dell’Asl Toscana Centro.

L'articolo Incidenti sul lavoro: cade in azienda a Spicchio, grave 58enne proviene da www.controradio.it.

Bambina di 5 anni morta nel Fiorentino, verifiche Asl in corso

Bambina di 5 anni morta nel Fiorentino, verifiche Asl in corso

Una bambina di cinque anni residente a Cerreto Guidi (Firenze) è morta la scorsa notte all’ospedale di Empoli (Firenze) dove era stata ricoverata d’urgenza.

La notizia è confermata da fonti sanitarie. Secondo quanto si apprende la piccola avrebbe accusato febbre molto alta e successivamente avrebbe perso conoscenza. I genitori l’hanno accompagnata subito al pronto soccorso empolese dove le sono state praticate alcune manovre di rianimazione, ma non c’è stato niente da fare. L’Asl Toscana centro ha disposto accertamenti medici sul corpo della bambina per stabilire le cause del decesso.

(Notizia in aggiornamento)

L’articolo Bambina di 5 anni morta nel Fiorentino, verifiche Asl in corso proviene da www.controradio.it.

Pisa, operaio si schiaccia le gambe sotto macchinario, è grave

Pisa, operaio si schiaccia le gambe sotto macchinario, è grave

L’incidente è avvenuto in un’azienda di Castelfranco di Sotto. L’uomo è stato portato con urgenza all’ospedale di Empoli

Un uomo, di cui non sono state rese note ancora le generalità, si è infortunato sul lavoro in un’azienda di Castelfranco di Sotto (Pisa) che si occupa di smerigliatura di pellami. L’operaio, per cause in corso di accertamento, avrebbe riportato un trauma da schiacciamento alle gambe mentre stava operando con un macchinario. Il 118 lo ha soccorso sul posto e accompagnato in ambulanza all’ospedale di Empoli (Firenze). Le sue condizioni sono giudicate gravi ma stabili. Del caso si stanno occupando i tecnici della prevenzione infortuni nei luoghi di lavoro della Asl Toscana Centro.

L’articolo Pisa, operaio si schiaccia le gambe sotto macchinario, è grave proviene da www.controradio.it.