MOTOMONDIALE, LA CARICA DEI CENTOMILA

Motomondiale

Firenze- Vertice in Prefettura per il Motomondiale in programma il prossimo 4 giugno. Novità rispetto alla scorsa edizione.

Sono previsti centomila spettatori per il Gran Premio d’Italia di Motociclismo che si svolgerà all’Autodromo del Mugello il 4 giugno. Questo è quanto emerge dalla prevendita dei biglietti che al momento registra un venti per cento in più rispetto alla passata edizione. Lo ha annunciato  l’amministratore delegato  del circuito, Paolo Poli, intervenuto al comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito ieri a Palazzo Medici Riccardi. Il tavolo, presieduto dal prefetto Alessio Giuffrida, si è riunito per fare il punto sulla manifestazione sportiva che richiama un così gran numero di appassionati, che ha un notevole impatto su tutta l’area mugellana e che richiede l’attivazione di una complessa macchina operativa e un grande impegno da parte di tutti gli enti interessati. Inoltre quest’anno i giorni delle prove e delle gare, che fanno da corollario al Moto GP, si svolgono nel ponte del 2 giugno e questo fa ritenere un afflusso anticipato di pubblico.

Sicurezza degli spettatori, viabilità principale e alternativa, arrivo e deflusso dei veicoli, soccorsi, parcheggi, concomitanza con altri eventi. Molte le questioni esaminate nel consiglio provinciale. Il dispositivo che sarà messo in campo è ormai rodato, ma ogni anno richiede di essere affinato per garantire una sempre migliore riuscita dell’avvenimento. Uno degli aspetti più critici è il deflusso degli spettatori e dei mezzi, concentrato in poche ore al termine della gara. Per questo viabilità e traffico sono da tempo “osservati speciali” in Prefettura.  Saranno intensificati tutti i servizi di controllo da parte delle forze dell’ordine e dalle polizie municipali.

Quest’anno un aiuto sul fronte della circolazione verrà anche dal nuovo casello autostradale di Firenzuola. Sensi unici di marcia saranno disposti sulle strade provinciali, dove saranno presenti i prefiltraggi, in modo da favorire lo scorrimento dei veicoli. La polizia stradale curerà anche l’incanalamento dei mezzi verso i parcheggi che sono stati aumentati e nei quali saranno presenti numerosi addetti e volontari che li presidiano 24 ore su 24 e che hanno seguito degli appositi corsi di formazione. Sensi obbligati per l’uscita dai posteggi in modo da convogliare il traffico verso determinate direttrici. Segnaletica ad hoc orienterà gli automobilisti. Bus navetta collegheranno l’abitato di Scarperia al circuito.

L’Autodromo aprirà giovedì 1° giugno alle ore 9. Gli organizzatori hanno rafforzato i servizi al pubblico, nella quantità e nella qualità, in modo da mantenere un alto livello di efficienza in tutte e quattro le giornate. E’ allo studio, ed è una novità di quest’anno, l’ipotesi di istituire per i camper un “obbligo di dimora” fino alle ore 20 in modo da dilazionare la loro uscita dall’area dell’Autodromo e intralciare meno la circolazione. Resta comunque confermata la possibilità per i veicoli di rimanere all’interno del circuito fino alla successiva mattina di lunedì.

Sul fronte della sicurezza e dell’ordine ordine pubblico vigilerà la sala GOS che svolgerà anche un attento controllo anti-scavalco lungo la recinzione dell’autodromo. Le telecamere sono state aumentate e consentono il controllo dell’85% dell’area del circuito. Ci saranno poi i servizi antidroga da parte dei carabinieri e della guardia di finanza che opererà anche contro l’abusivismo commerciale e il bagarinaggio.

Il piano sanitario è già pronto, sarà rinforzata tutta la rete,  potenziate le sale operative, aggiunte ambulanze, allertati gli ospedali di Careggi e di Borgo San Lorenzo. Due le piazzole per elisoccorso all’interno dell’Autodromo il cui centro medico permanente è attrezzato come un pronto soccorso ospedaliero, ha a disposizione un elicottero sanitario ed è in contatto con 118 e Misericordia.

Replicata, infine, l’ordinanza del prefetto per limitare l’uso dell’alcol e vietare l’introduzione, all’interno del circuito, di contenitori in vetro. Il provvedimento sarà consultabile sul sito della prefettura www.prefettura.it/firenze.

Insieme all’ad Paolo Poli, alla riunione hanno partecipato i vertici provinciali delle forze dell’ordine, la polizia stradale, i vigili del fuoco, il consigliere della Città Metropolitana Angelo Bassi con la polizia provinciale, Ufficio Associato di Protezione Civile del Centro Intercomunale Mugello, il sindaco di Scarperia e San Piero Federico Ignesti anche in rappresentanza degli altri comuni mugellani, i comandanti delle diverse polizie municipali e il Servizio Emergenza 118 dell’ASL Firenze.

The post MOTOMONDIALE, LA CARICA DEI CENTOMILA appeared first on Controradio.

MOTOMONDIALE, LA CARICA DEI CENTOMILA

Motomondiale

Firenze- Vertice in Prefettura per il Motomondiale in programma il prossimo 4 giugno. Novità rispetto alla scorsa edizione.

Sono previsti centomila spettatori per il Gran Premio d’Italia di Motociclismo che si svolgerà all’Autodromo del Mugello il 4 giugno. Questo è quanto emerge dalla prevendita dei biglietti che al momento registra un venti per cento in più rispetto alla passata edizione. Lo ha annunciato  l’amministratore delegato  del circuito, Paolo Poli, intervenuto al comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito ieri a Palazzo Medici Riccardi. Il tavolo, presieduto dal prefetto Alessio Giuffrida, si è riunito per fare il punto sulla manifestazione sportiva che richiama un così gran numero di appassionati, che ha un notevole impatto su tutta l’area mugellana e che richiede l’attivazione di una complessa macchina operativa e un grande impegno da parte di tutti gli enti interessati. Inoltre quest’anno i giorni delle prove e delle gare, che fanno da corollario al Moto GP, si svolgono nel ponte del 2 giugno e questo fa ritenere un afflusso anticipato di pubblico.

Sicurezza degli spettatori, viabilità principale e alternativa, arrivo e deflusso dei veicoli, soccorsi, parcheggi, concomitanza con altri eventi. Molte le questioni esaminate nel consiglio provinciale. Il dispositivo che sarà messo in campo è ormai rodato, ma ogni anno richiede di essere affinato per garantire una sempre migliore riuscita dell’avvenimento. Uno degli aspetti più critici è il deflusso degli spettatori e dei mezzi, concentrato in poche ore al termine della gara. Per questo viabilità e traffico sono da tempo “osservati speciali” in Prefettura.  Saranno intensificati tutti i servizi di controllo da parte delle forze dell’ordine e dalle polizie municipali.

Quest’anno un aiuto sul fronte della circolazione verrà anche dal nuovo casello autostradale di Firenzuola. Sensi unici di marcia saranno disposti sulle strade provinciali, dove saranno presenti i prefiltraggi, in modo da favorire lo scorrimento dei veicoli. La polizia stradale curerà anche l’incanalamento dei mezzi verso i parcheggi che sono stati aumentati e nei quali saranno presenti numerosi addetti e volontari che li presidiano 24 ore su 24 e che hanno seguito degli appositi corsi di formazione. Sensi obbligati per l’uscita dai posteggi in modo da convogliare il traffico verso determinate direttrici. Segnaletica ad hoc orienterà gli automobilisti. Bus navetta collegheranno l’abitato di Scarperia al circuito.

L’Autodromo aprirà giovedì 1° giugno alle ore 9. Gli organizzatori hanno rafforzato i servizi al pubblico, nella quantità e nella qualità, in modo da mantenere un alto livello di efficienza in tutte e quattro le giornate. E’ allo studio, ed è una novità di quest’anno, l’ipotesi di istituire per i camper un “obbligo di dimora” fino alle ore 20 in modo da dilazionare la loro uscita dall’area dell’Autodromo e intralciare meno la circolazione. Resta comunque confermata la possibilità per i veicoli di rimanere all’interno del circuito fino alla successiva mattina di lunedì.

Sul fronte della sicurezza e dell’ordine ordine pubblico vigilerà la sala GOS che svolgerà anche un attento controllo anti-scavalco lungo la recinzione dell’autodromo. Le telecamere sono state aumentate e consentono il controllo dell’85% dell’area del circuito. Ci saranno poi i servizi antidroga da parte dei carabinieri e della guardia di finanza che opererà anche contro l’abusivismo commerciale e il bagarinaggio.

Il piano sanitario è già pronto, sarà rinforzata tutta la rete,  potenziate le sale operative, aggiunte ambulanze, allertati gli ospedali di Careggi e di Borgo San Lorenzo. Due le piazzole per elisoccorso all’interno dell’Autodromo il cui centro medico permanente è attrezzato come un pronto soccorso ospedaliero, ha a disposizione un elicottero sanitario ed è in contatto con 118 e Misericordia.

Replicata, infine, l’ordinanza del prefetto per limitare l’uso dell’alcol e vietare l’introduzione, all’interno del circuito, di contenitori in vetro. Il provvedimento sarà consultabile sul sito della prefettura www.prefettura.it/firenze.

Insieme all’ad Paolo Poli, alla riunione hanno partecipato i vertici provinciali delle forze dell’ordine, la polizia stradale, i vigili del fuoco, il consigliere della Città Metropolitana Angelo Bassi con la polizia provinciale, Ufficio Associato di Protezione Civile del Centro Intercomunale Mugello, il sindaco di Scarperia e San Piero Federico Ignesti anche in rappresentanza degli altri comuni mugellani, i comandanti delle diverse polizie municipali e il Servizio Emergenza 118 dell’ASL Firenze.

The post MOTOMONDIALE, LA CARICA DEI CENTOMILA appeared first on Controradio.

Non Luogo in mostra a Palazzo Medici Riccardi

Non Luogo in mostra a Palazzo Medici Riccardi. Scatti rubati negli ex manicomi nel mirino della macchina fotografica di un grande campione di tiro a segno.Non luogo di Luca Tesconi a Palazzo Medici Riccardi, sala Barducci 15 febbrario – 9 marzo 2014

Luca Tesconi JO London.jpg

Un luogo dove l’inizio e la fine convergono, in una spirale di tensione e angoscia. Un “Non luogo” come annuncia già dal titolo l’esposizione fotografica di Luca Tesconi, vincitore della prima Medaglia d’Argento alle Olimpiadi di Londra nel 2012. Sono quattordici scatti, immagini rubate dalle finestre di manicomi abbandonati, chiusi dopo l’entrata in vigore della legge Basaglia; squarci spettrali, oggi deserti, che sanno raccontare di vite, di abbandoni e di speranze. Dal reportage fotografico di Luca Tesconi emergono nitidamente segnali di claustrofobia fisica e mentale dei pazienti ricoverati nelle strutture, dove demoni e paure segnano e riempiono gli spazi. Non a caso la mostra è allestita proprio all’interno di un labirinto realizzato dagli architetti Andrea Guidi ed Emilinao Diotaiuti. Il tiratore di Pietrasanta ha indagato prima che fotografato gli ex manicomi di Toscana, Lazio, Emilia Romagna. Intrufolandosi dalle finestre rotte, arrampicandosi sui balconi, ha scattato, immortalato per sempre il dolore di questi non luoghi, appunto. E proprio come un campione di tiro a segno che spara e mira l’obiettivo, Luca Tesconi scatta fotografia precise, angoscianti, che parlano e impongono una riflessione. Dopo la prima esposizione a Pietrasanta, il reportage fotografico di Tesconi arriva dunque a Firenze nella sala Barducci, di Palazzo Medici Riccardi, fino al 9 marzo, aperto tutti i giorni con orario 9 – 18, escluso il mercoledì.

CAVALCATA DEI MAGI

CAVALCATA DEI MAGI. Ogni anno il 6 gennaio un solenne corteo in costume, ispirato al celebre affresco di Benozzo Gozzoli nella Cappella dei Magi in Palazzo Medici Riccardi, percorre le strade del centro di Firenze per celebrare la festa dell’Epifania, in ricordo della visita dei tre Re Magi a Gesù Bambino.

La “Cavalcata dei Magi” trae origine sin dal 1400 come festosa rappresentazione,durante la quale venivano fatti sfilare per le vie cittadine tre diversi cortei, che si riunivano davanti al Battistero, dove con canti e preghiere veneravano Gesù Bambino.Oggi la Cavalcata dei Magi è costituita da un corteo storico di 500 figuranti, con la partecipazione di gruppi storici provenienti da varie parti d’Italia. Il corteggio parte da piazza Pitti intorno alle 14 del 6 gennaio e, dopo aver attraversato il Ponte
Vecchio, arriva in piazza della Signoria,unendosi al Corteo Storico della Repubblica Fiorentina, per poi proseguire per via Calzaiuoli fino a raggiungere piazza del Duomo, dove i Magi consegnano le offerte a Gesù Bambino nel Presepe vivente allestito a fianco del sagrato di S. Maria del Fiore.

Vive Bolivia

Far conoscere al grande pubblico il pluralismo culturale e linguistico che contraddistingue la Bolivia. È questo l’intento della mostra “Vive Bolivia” che sarà inaugurata il 20 novembre 2013 alle ore 18, presso la Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi, alla presenza di Andrea Barducci, Presidente della Provincia di Firenze, e di Antolin Ayaviri Gomez, Ambasciatore dello Stato Plurinazionale di Bolivia in Italia.

La mostra, visibile al pubblico fino al 24 novembre dalle ore 9 alle 18, è organizzata da “Vive Bolivia” Centro de Idiomas y Culturas Bolivianas e propone una serie di fotografie del territorio e dei popoli boliviani, oltre a materiale testuale sulla storia del Paese.

I popoli nativi, le diverse etnie e le comunità pluriculturali che vivono in Bolivia sono depositarie di valori, spiritualità, visioni del mondo, miti, storie orali e scritte. Il loro linguaggio si esprime attraverso pratiche e industrie culturali proprie, ricche di saperi, conoscenze e tecnologie dalle origini ancestrali. Il centro de Idiomas y Culturas Bolivianas è la prima agenzia boliviana specializzata nell’insegnamento delle lingue ufficiali del Paese sudamericano (Spagnolo, Aymara, Quechua e Guarani) e promuove nel mondo la ricchezza culturale e naturale di questo Paese, con i popoli nativi, le etnie e le comunità pluriculturali che lo abitano. Il pubblico può così avvicinarsi alla conoscenza e al riconoscimento di questo molteplicità culturale e linguistica.