YTALIA: 2 giugno – 1 ottobre 2017

Firenze, 2 giugno – 1 ottobre 2017

Si chiamerà “YTALIA. Energia Pensiero Bellezza” la grande mostra di arte contemporanea promossa dal Comune di Firenze e organizzata da MUS.E. L’esposizione avrà come sede principale il Forte di Belvedere ma coinvolgerà altre importanti sedi museali cittadine, tra cui le Gallerie degli Uffizi, Palazzo Vecchio, Palazzo Pitti, il Giardino di Boboli, la basilica di Santa Croce, il Museo Novecento, il Museo Marino Marini.

Gli artisti presentati saranno Giovanni Anselmo, Marco Bagnoli, Domenico Bianchi, Alighiero Boetti, Gino De Dominicis, Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Mario Merz, Nunzio, Mimmo Paladino, Giulio Paolini e Remo Salvadori.

“Ytalia” è un grande e ambizioso progetto che vive Firenze come un unico grande e diffuso sistema di arte contemporanea, per mettere in scena un dialogo tra patrimonio storico artistico di conclamata bellezza con i segni e le forme dell’arte del secondo Novecento e del presente: realtà quotidiana e metafisica, elementi naturali e nuove mitologie, tutti temi che si ritrovano nella poetica e nelle opere degli artisti selezionati.

Una “invasione” nella città del Rinascimento che mira a riportare all’attenzione del grande pubblico internazionale l’arte contemporanea italiana.

La mostra è ideata e curata da Sergio Risaliti (già direttore artistico di mostre come quelle personali di Giuseppe Penone, Antony Gormley, Jan Fabre e Alighiero Boetti).

 

Incontro con l’Elettrice Palatina

Incontro con l’Elettrice PalatinaIl 18 febbraio 2017 nella Sala di Bona della Galleria Palatina, a Palazzo Pitti, speciale rievocazione del personaggio storico.

Risultati immagini per Elettrice Palatina

In occasione dell’anniversario della morte di Anna Maria Luisa (1677-1743), ultima del ramo granducale dei Medici, il Comune di Firenze e le Gallerie degli Uffizi propongono un suggestivo evento di rievocazione del personaggio storico in collaborazione con l’Associazione MUS.E. Il suo grande merito ha fondamento nella stesura di un atto giuridico, noto come Patto di Famiglia, grazie al quale l’ultima erede della dinastia vincola allo Stato – il Granducato di Toscana – tutto il complesso dei beni che facevano parte delle collezioni medicee: «…Gallerie, Quadri, Statue, Biblioteche, Gioje ed altre cose preziose […] a condizione espressa che di quello è per ornamento dello Stato, per utilità del Pubblico e per attirare la curiosità dei forestieri, e non ne sarà nulla trasportato e levato fuori dalla Capitale e dello Stato del Gran Ducato». Si deve dunque a Lei la permanenza in Firenze di un patrimonio culturale senza eguali.

Il pubblico avrà l’occasione di incontrare Anna Maria Luisa de’ Medici a Palazzo Pitti (nella Sala di Bona della Galleria Palatina), uno dei luoghi per lei più significativi. Qui l’Elettrice soggiorna prima nella sua giovinezza e poi dal 1717, dopo una parentesi di 26 anni trascorsi a Düsseldorf al fianco dell’Elettore Palatino Johan Wilhelm, portando nei suoi appartamenti – così come in città –, il raffinato gusto dell’arte coltivato già in Germania.

L’incontro con il personaggio, seguito da un dibattito con il pubblico, sarà l’occasione per meglio comprendere i tratti della figura e per immergersi nel contesto della Firenze del XVIII secolo, avviando un inedito e coinvolgente dialogo con la storia.

Gli incontri si svolgeranno in Sala Di Bona – previsti in tre repliche alle h15.00, h16.00 e h17.00 – sono gratuiti e sono riservati solo a coloro che si prenoteranno ai contatti 055-2768224 e 055-2768558, a partire dal giorno 8 febbraio 2017, fino a esaurimento posti; la partecipazione all’incontro è gratuita ma non comprende l’ingresso alla Galleria Palatina di Palazzo Pitti, che resta a pagamento. Si ringraziano Bottega Filistrucchi e Sartoria Teatrale Fiorentina.

 

Il Suonatore di liuto di Salviati alla Galleria Palatina

Ccambio Jacquemart-André/Palazzo Pitti: Il Suonatore di liuto di Salviati alla Galleria Palatina.Frutto di uno scambio tra Parigi e Firenze, da oggi giovedì 2 aprile fino al 20 luglio 2015 il Suonatore di liuto di Francesco Salviati del Musée Jacquemart-André sarà esposto nella Sala delle Statue della Galleria Palatina di Palazzo Pitti.

L’iniziativa nasce dall’intesa tra i due musei: al Musée Jacquemart-André di Parigi è stato infatti concesso in prestito l’Amorino dormiente del Caravaggio, delle collezioni della Galleria Palatina, per la mostra “De Giotto à Caravage – Les Passions de Roberto Longhi” (27 marzo-20 luglio 2015), e pertanto è stato conseguentemente concordato lo scambio temporaneo con lo splendido dipinto del Salviati che, eseguito probabilmente negli anni ’30 del Cinquecento, per l’alta qualità dell’esecuzione e il sottile cromatismo, costituisce una delle più riuscite creazioni artistiche del XVI secolo, ed è oggi una delle maggiori attrazioni del museo parigino.

Sarà possibile ammirare l’opera, una tavola dipinta di 96 x 77 centimetri, durante gli orari d’apertura della Galleria Palatina, e sarà compresa nel prezzo del biglietto d’ingresso; la sua esposizione sarà accompagnata da un paio di pannelli esplicativi.

Dolci trionfi e finissime piegature

Dolci trionfi e finissime piegature Sculture in zucchero e tovaglioli per le nozze fiorentine di Maria de’ Medici alla Galleria Palatina di Palazzo Pitti da domani 10 marzo al 7 giugno.

cid:image002.jpg@01D055C2.9798E320

Dolci trionfi e finissime piegature Sculture in zucchero e tovaglioli per le nozze fiorentine di Maria de’ Medici,

avrà luogo lunedì 9 marzo alle ore 12.00presso la Sala Bianca della Galleria Palatina di Palazzo Pitti

L’idea della mostra – proposta nella circostanza dell’Expo 2015 - prende avvio dal banchetto tenutosi in Palazzo Vecchio la sera del 5 ottobre 1600 per le nozze fiorentine di Maria de’ Medici con Enrico IV di Francia.  Di questo storico evento – fondamentale anche per gli esiti della musica e della drammaturgia moderne – siamo a conoscenza grazie alla puntuale Descrizione che ne dette Michelangelo Buonarroti il Giovane.  Ci sono noti tutti gli allestimenti progettati dall’architetto Bernardo Buontalenti per la tavola regia e per quelle degli ospiti e da Jacopo Ligozzi circa il mobile a forma di giglio di Francia, realizzato per presentare circa duemila pezzi del tesoro mediceo. La documentazione archivistica relativa alla cerimonia ha inoltre messo in evidenza il ruolo cardine avuto sia dalle sculture realizzate per l’occasione in zucchero, ‘alimenti decorativi’ concepiti come vere e proprie opere  d’arte, sia quello delle virtuosistiche piegature di tovaglioli, ugualmente proposte alla meraviglia dei partecipanti.


Aperture dei musei del Polo Fiorentino

Per una fortunata coincidenza, il visitatore che decida di recarsi nella Galleria degli Uffizi in questo periodo, fino al 6 gennaio ha l’opportunità di ammirare non solo il museo, ma anche tre mostre che si stanno svolgendo. A tale scopo gioverà ricordare che fino al giorno dell’Epifania, la Galleria resterà chiusa solo il 25 e il 29 dicembre e per Capodanno, aprendo straordinariamente lunedì 5 gennaio. Di seguito una breve sintesi delle tre mostre aperte in contemporanea.

Puro semplice e naturale nell’arte a Firenze tra Cinque e Seicento
Ultimi giorni (chiude infatti il 6 gennaio) per la mostra “Puro semplice e naturale nell’arte a Firenze tra Cinque e Seicento” che punta ad illustrare l’identità dell’arte fiorentina, attraverso un ricco e serrato contrappunto tra pittura e scultura, articolato in nove sezioni che raggruppano circa ottanta opere e trentacinque artisti. Dopo una scenografica ouverture dedicata a due protagonisti emblematici, Andrea del Sarto e Santi di Tito (sezione 1), e dopo un omaggio al disegno dal vero come strumento di conoscenza (sezione 2), nella prima parte della mostra (sezioni 3-6) si segue in senso diacronico la persistenza di piacevole chiarezza e quieta grandezza di questo corso dell’arte fiorentina, restituendo così, accanto ai maestri fondatori, un più adeguato ruolo ai Della Robbia e ai Sansovino, a Franciabigio, Bugiardini e Sogliani, artisti ‘mediatori’ verso Bronzino, Poggini, Giovanni Bandini e la più tarda generazione di Ciampelli, Tarchiani, Vannini e Antonio Novelli. Nella seconda parte (sezioni 7-9), si può verificare, in un confronto diretto incentrato su tre temi (l’espressione degli affetti, l’evidenza degli oggetti quotidiani, la nobile semplicità degli eventi sacri), l’effettiva consistenza di questo particolare lascito culturale.

L’Amico rivisitato. Disegni di Amico Aspertini e di altri bolognesi
Fino all’8 febbraio 2015 nella sala Detti del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi prosegue la mostra di originali dal titolo “L’Amico rivisitato. Amico Aspertini e altri bolognesi”. Si tratta di un’interessante rassegna di disegni dell’articsta bolognese avente una sorta di catalogo online che si sviluppa all’interno del Progetto Euploos, programma interdisciplinare volto alla rivisitazione critica dell’intera collezione di disegni del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi. La recente analisi del vasto nucleo di fogli attribuiti storicamente ad Amico Aspertini (Bologna, 1473/75-1552) ha consentito una ricostruzione filologicamente coerente delle opere di sicura autografia, concorrendo a illustrare alcuni aspetti della sua poliedrica ricerca grafica caratterizzata da diverse tecniche artistiche. Esse spaziavano dall’uso dell’inchiostro diluito, della biacca e di pigmenti colorati, per ottenere effetti pittorici destinati progressivamente a sfaldare le forme; all’adozione della penna, sottile o larga e declinata in molteplici modi (dalla linea a puro contorno, al tratteggio parallelo, al vigoroso tratto incrociato, quest’ultimo in parte assimilabile al segno silografico).

Ieri. I musei. Allestimenti storici dei Musei fiorentini nelle immagini del Gabinetto Fotografico
Nella sala del Camino, al Piano Nobile degli Uffizi, fino al 1° febbraio 2015 è in corso la mostra “Ieri. I musei. Allestimenti storici dei Musei fiorentini nelle immagini del Gabinetto fotografico”. La mostra vuole fornire un contributo alla documentazione delle mutazioni avvenute nell’esposizione delle opere d’arte nei musei, prendendo le mosse da un gruppo di fotografie realizzate ai primi del Novecento. Si tratta di fotografie del Gabinetto Fotografico, scattate dai suoi operatori interni nei primi anni di attività del medesimo (fu fondato nel 1904, raccogliendo anche materiale realizzato in anni precedenti). L’indagine documenta i cambiamenti di percorsi espositivi, di allestimenti e di fruizione del museo come contenitore di opere d’arte e come promotore culturale, cambiamenti che la fotografia aiuta molto a evidenziare.Di particolare richiamo una fotografia del dicembre 1913 che mosyra La Gioconda di Leonardo da Vinci in esposizione nella Sala degli autoritratti della Galleria, a due anni dal suo furto nel Museo del louvre di Parigi.

Gli altri Musei tra Natale e l’Epifania
Anche la Galleria dell’Accademia – dove è stato appena presentato il nuovo allestimento delle tre sale “bizantine” – osserverà il turno di chiusura il 25 e il 29 dicembre e per Capodanno, aprendo invece straordinariamente lunedì 5 gennaio.
In occasione delle prossime festività Natalizie e diinizio anno, il Museo Nazionale del Bargello prolungherà l’orario di apertura. Più in dettaglio: da venerdì 26 dicembre 2014 a martedì 6 gennaio 2015 compresi (esclusi i giorni di chiusura programmata, e cioè il 1° e il 5 gennaio) il Bargello aprirà come di consueto alle 8.15, ma chiuderà alle 17 invece che alle 14. Da sottolineare che la giornata festiva del 26 dicembre l’offerta sarà particolarmente invitante poiché è prevista l’apertura continuata dalle 8,15 alle 21; infatti alle 17 il museo non chiuderà i battenti, ma sarà possibile l’ingresso fino alle ore 19,00 quando, grazie all’iniziativa ministeriale di apertura del venerdì sera, l’orario di visita sarà prolungato fino alle ore 21.
Infine le Cappelle Medicee: anche il mausoleo di Piazza Madonna degli Aldobrandini da venerdì 26 dicembre 2014 a martedì 6 gennaio 2015 prolungherà l’orario di apertura al pubblico dalle 8:15 alle 16:50.
Infine, da segnalare che anche durante i giorni di festa sarà possibile prenotare le visite nei musei del Polo Fiorentino collegandosi al sito web www.firenzemusei.it.
_______