A PALAZZO VECCHIO MARATONA MUSICALE NOTTURNA DEDICATA A BACH

bachpuzzler-654653379664a8f0fcc6ef6b90ca648f4c6b6e7d-s900-c85

Estate fiorentina – L’event “Bach in Black. Solstizio d’estate 2017″ partirà alle 19 di stasera e terminerà alle 3 di domattina.

Otto ore no stop di musiche di Bach nel Salone dei Cinquecento a Firenze: è la speciale Maratona Bach dal titolo ‘Bach in Black. Solstizio d’estate 2017’, che si terrà questa notte. La maratona musicale, diretta dal compositore Mario Ruffini, vedrà la partecipazione dei solisti Monica Leone, Sabrina Lanzi, Roberto Carnevale, Andrea Bacchetti, Alice Michahelles, Katja Todorow, Chiara Morandi.

A mezzanotte in punto la musica tacerà e, col suono di un violoncello come unico sottofondo di Emilio Pischedda con la Suite in Do maggiore BWV 1009 per violoncello solo, lo scrittore Marco Vichi – anzi il suo Commissario Bordelli – interrogherà Johann Sebastian Bach in un dialogo a due voci liberamente tratto dai suoi romanzi.

Per la prima volta in Italia saranno proposti tutti insieme gli otto concerti per pianoforte e orchestra BWV 1052-1059/integrale; i tre concerti per due pianoforti e orchestra BWV 1060-1062/integrale e le sonate e partite per violino solo BWV 1001-1006/integrale.
L’evento si chiuderà con uno ‘Speciale giovani’, dove sarà dato spazio ai giovani musicisti, con un momento musicale che prevederà l’esecuzione di un’ampia scelta di Preludi e Fughe del clavicembalo ben temperato, con Tommaso Filippi e Alessandra Esposito.

Il progetto curato dall’associazione onlus “La Pasqua di Bach” e realizzato in collaborazione con CR Firenze arriva dopo il grande successo internazionale del ‘World Bach-Fest 2012’, della ‘Notte Bianca 2015’ e del ‘Bach in Black’ a Sollicciano (2016). L’appuntamento è a ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Per tutte le info sull’evento: https://estatefiorentina.it/2017/06/17/solstizio-destate-bach-in-black-maratona-bach/

Ascolta l’intervista di R. Palumbo al maestro Ruffini

Mario Ruffini – Bellavista – 21 06 17 (1)

The post A PALAZZO VECCHIO MARATONA MUSICALE NOTTURNA DEDICATA A BACH appeared first on Controradio.

FIRENZE, ROLAND TORNA A ‘COLPIRE’: MANGIA E BEVE GRATIS

 

Roland mangia e beve gratis

Per Roland, l’uomo di origine tedesca, è stata chiesta una nuova misura cautelare. Due episodi ieri e un’episodio stamani.

E’ tornato a colpire Roland, l’uomo di origine tedesca che da qualche settimana riesce a mangiare e, soprattutto, a bere senza pagare il conto in bar e ristoranti del centro storico di Firenze. Due volte ieri e uno stamani gli episodi che le forze dell’ordine si augurano siano gli ultimi, anche perché alla fine i locali dovranno essere un po’ più previdenti: polizia e carabinieri hanno infatti chiesto per lui l’aggravamento della misura cautelare.

Dopo l’arresto di due giorni fa a Greve in Chianti, per l’uomo era già stato disposto il divieto di dimora in Toscana. Ieri mattina, intorno alle 10, in un bar in piazza Santa Maria Maggiore dopo aver mangiato tre schiacciate e bevuto due birre Roland si è alzato per andarsene senza pagare. Il proprietario ha chiamato il 113 e gli agenti lo hanno nuovamente denunciato per insolvenza. Nel tardo pomeriggio, intorno alle 19.30, questa volta al caffè interno a Palazzo Strozzi, ha bevuto per una cifra complessiva di 85 euro.

Anche qui, alla fine, discussione con il cameriere e intervento delle volanti. Infine oggi, verso l’ora di pranzo, Roland ha pensato bene di bere tre birre al bar di Palazzo Vecchio per poi rifiutarsi di pagare il conto. Il titolare, questa volta, non ha sporto querela ma visto che non ha ottemperato all’obbligo di divieto di dimora, per lui scatterà un’ulteriore richiesta di aggravamento della misura.

The post FIRENZE, ROLAND TORNA A ‘COLPIRE': MANGIA E BEVE GRATIS appeared first on Controradio.

FIRENZE, TRAMVIA: OK P.VECCHIO ESTENSIONE LINEE

 tramvia

La delibera, che adesso dovrà passare al vaglio del consiglio comunale, prevede nel programma triennale dei lavori pubblici 2017-2019 la realizzazione della Linea 4 della tramvia (Leopolda-Piagge) e il prolungamento della Linea 2 dall’aeroporto al Polo Scientifico di Sesto Fiorentino

Via libera in giunta comunale a Firenze ad una variazione di bilancio in cui sono inseriti gli investimenti per l’estensione delle tramvie. La delibera, che adesso dovrà passare al vaglio del consiglio comunale, prevede nel programma triennale dei lavori pubblici 2017-2019 la realizzazione della Linea 4 della tramvia (Leopolda-Piagge) e il prolungamento della Linea 2 dall’aeroporto al Polo Scientifico di Sesto Fiorentino.
In particolare nella delibera dell’assessore al bilancio Lorenzo Perra si specifica che per la Linea 4, già presente a bilancio per 24 milioni di euro finanziati con il fondo europeo
per lo sviluppo e la coesione, si aggiungano 95 milioni dallo Stato (Sblocca Italia) nei prossimi 2 anni e 47 milioni nel 2018, da finanziare con un project financing. In merito al prolungamento della Linea 2 fino a Sesto invece sono stati inseriti in bilancio 20 milioni e 200 mila euro in arrivo dal fondo europeo per lo sviluppo e la Coesione, e 80 milioni nel 2018 finanziato Por Creo dell’Unione Europea. Sempre per il 2018
sono stati inseriti in bilancio 50 milioni e 900 mila euro da finanziare con project financing.
La delibera contiene anche altri importanti investimenti: la realizzazione dello svincolo terminale di Peretola (nuovo ramo di accesso all’aeroporto) per 1,3 milioni, il completamento  dell’auditorium della scuola Guicciardini per 2,5 milioni e il
rifacimento del campo di calcio di Peretola con la realizzazione del manto sintetico per mezzo milione di euro.

The post FIRENZE, TRAMVIA: OK P.VECCHIO ESTENSIONE LINEE appeared first on Controradio.

Living history: l’incontro fra Napoleone e il Granduca Ferdinando III di Lorena

1796: Napoleone a Firenze

L’incontro fra il Generale Bonaparte e il Granduca Ferdinando III di Lorena 

Salone dei Cinquecento, Museo di Palazzo Vecchio, domenica 11 giugno h11 e h12.30

 

Il 30 giugno 1796 il generale Bonaparte giunge a Firenze per incontrare il Granduca Ferdinando III di Lorena chiedendogli la neutralità della Toscana. L’Europa è infatti scossa da qualche anno dal forte scontro tra la Francia rivoluzionaria e l’Impero, con il quale si sono schierati i principali paesi del continente.  Sebbene la Toscana, insieme alle antiche Repubbliche italiane, si dichiari inizialmente neutrale, viene obbligata nel 1793 ad aderire alla coalizione antifrancese nell’operazione Toulon, che si chiude tuttavia con la conquista della città da parte dei soldati rivoluzionari: la vittoria è opera di un giovane capitano d’artiglieria dell’armata francese di nome Napoleone Bonaparte. Tre anni dopo le truppe di Parigi entrano in Italia proprio sotto il comando del generale Bonaparte, che piega il Piemonte e la Lombardia alla resa per poi scendere verso la Toscana occupando il porto di Livorno, presidio dei mercanti inglesi. Qualche giorno dopo il Generalissimo arriva a Firenze: e, come ricorda la Gazzetta Universale di quei giorni, “molto popolo si trasferì nel dopo pranzo verso la Porta a San Frediano, per dove proveniente da Livorno doveva arrivare…ed ebbe il piacere di osservare l’Eroe che in breve spazio di tempo ha saputo in sé stesso riunire i lauri di moltiplicate vittore e conquiste.”

Napoleone e il Granduca si incontrano la mattina del primo di luglio 1796; all’evento ufficiale presenziano, oltre alla Granduchessa Luisa Maria di Napoli e Sicilia, la corte granducale in tutto il suo fasto da una parte e  gli ufficiali francesi in rigida uniforme militare dall’altra. Un incontro storico di grande portata che anche il pubblico di oggi avrà l’occasione di rivivere grazie all’evento organizzato dall’Associazione MUS.E con la direzione artistica di Margarita Martinez, esperta di rievocazioni storiche di teatro in costume, e la collaborazione dello storico Ben Townsend. La mattina di domenica 11 giugno andrà infatti in scena nel Salone dei Cinquecento un incredibile appuntamento con la storia: sull’Udienza sarà riproposto lo storico incontro tra Napoleone e il Granduca alla presenza di decine e decine di comparse, appassionati di storia granducale e napoleonica e provenienti da tutto il mondo, che vestiranno i panni dei cortigiani lorenesi e dei soldati francesi con abiti d’epoca filologici. Protagonisti della pièce – che si svolgerà in italiano, inglese e francese – saranno il Granduca Ferdinando III (Francesco Gori), la Granduchessa Luisa Maria (Brigitte Guenczler) il Generale Bonaparte (Mark Schneider), accompagnati dal sapiente racconto di Alberto Galligani e Giaele Monaci.

 

Per chi: per tutti
Quando: domenica 11 giugno h11 (prima replica) e h12.30 (seconda replica)
Dove: Museo di Palazzo Vecchio
Costi: la partecipazione all’evento è inclusa nel biglietto di ingresso del museo: intero €10,00, ridotto 18-25 anni e studenti universitari €8,00; gratuito 0-18 anni, socio ICOM, ICOMOS, ICCROM, disabili e accompagnatori, guide turistiche e interpreti.

 

Foto by Coltrane Koh photography

A PALAZZO VECCHIO NESSUN RICORDO PER BARGELLINI: MANCA INTESA

bargellini Consiglio comunale Firenze

Non c’è stato in Consiglio comunale momento di ricordo per leader Movimento per la casa Bargellini: manca l’intesa. Sinistra: “ce lo aspettavamo, addio ad un uomo giusto e coerente.”

Per mancanza di un accordo comune tra i gruppi politici di Palazzo Vecchio non è stato svolto in Consiglio comunale di Firenze un momento di ricordo di Lorenzo Bargellini, leader del Movimento di lotta per la casa, scomparso ieri. In sede di conferenza dei capigruppo, secondo quanto appreso, non sarebbe stata trovata un’intesa tra le varie forze politiche, in particolare tra Fi, Fdi e M5s, sullo svolgimento del ricordo in Aula, che sarebbe dovuto essere affidato a una comunicazione della presidenza del Consiglio comunale.

“Grandissimo dispiacere ma nessuna sorpresa per il mancato ok, da parte di alcuni gruppi consiliari, alla comunicazione in ricordo di Lorenzo Bargellini, venuto a mancare ieri. Nessuna sorpresa perché Lorenzo era per molti un avversario temibile”. Lo affermano i consiglieri comunali di Firenze riparte a sinistra (Frs) Tommaso Grassi, Giacomo Trombi e Donella Verdi. “È però grandissimo il dispiacere – aggiungono in una nota – perché Lorenzo era un uomo giusto, con la G maiuscola, sempre dalla parte degli ultimi, dei reietti, dei senza casa della nostra e della sua città di Firenze, senza fare distinzioni di alcun tipo, che praticava con coerenza assoluta ed estrema il proprio perseguire la giustizia”.

I consiglieri annunciano la loro adesione “alle manifestazioni che verranno organizzate in ricordo di Lorenzo”, ed “essendo venuta a mancare la doverosa comunicazione istituzionale del consiglio comunale di Firenze, ci riserveremo di ricordare Lorenzo con una nostra comunicazione nel prossimo consiglio comunale del 12 giugno. Addio, Lorenzo, ci mancherai”, concludono.

The post A PALAZZO VECCHIO NESSUN RICORDO PER BARGELLINI: MANCA INTESA appeared first on Controradio.