Parco Mediceo di Pratolino-Villa Demidoff

File:Appennino.jpg

Sulla Via Bolognese a Pratolino nel comune di Vaglia si trova il Parco di Villa Demidoff.

Francesco I de’ Medici acquistò nel 1568 la tenuta di Pratolino ed incaricò il Buontalenti di farne un luogo di meraviglie per Bianca Cappello. Le trovate ed i giochi d’acqua del Buontalenti sia nella villa stessa che nel giardino, caddero poi in decadenza, furono pesantemente rimaneggiate per incarico del Granduca Ferdinando III di Lorena, e solo nel secolo scorso il Principe Paolo Demidoff acquistò il complesso, trasformando in villa quella che era la Paggeria, dato che la villa originale era stata distrutta. Anche il parco fu ripristinato, dopo essere stato trasformato in giardino all’inglese dai Lorena.

Dal 1981 il complesso è di proprietà dell’Amministrazione Provinciale di Firenze ed è destinato a parco pubblico.Il parco è magnifico, con tracce di grotte artificiali e fontane: dell’impianto rinascimentale sono giunte a noi soltanto la colossale statua del Gigante dell’Appennino del Giambologna con il laghetto prospiciente, la statua del Mugnone, la Cappella esagonale, retta da 14 colonne di pietra con cupola di laminato in piombo, progettata dal Buontalenti, la grande pietra detta meta di Spugna, il viale degli Zampilli, la fontana di Giove e la Grande Voliera (entrambe modificate)