Servizio Allerta Antifascista di Rifondazione Comunista

Servizio Allerta Antifascista di Rifondazione Comunista

🔈Firenze, il Partito della Rifondazione Comunista ha deciso di istituire un Servizio Allerta Antifascista, in cui raccogliere le segnalazioni di episodi marcatamente anticostituzionali e provvedere a coordinarne la denuncia a chi dovrebbe intervenire e alla pubblica opinione.

“La città è attraversata dalla deturpazione degli spazi, con scritte e manifesti abusivi inneggianti all’odio, alla guerra tra poveri e all’intolleranza – hanno detto i rappresentanti di Rifondazione in una conferenza stampa in una libre via Maragliano – Abbiamo scelto la zona di San Jacopino non solo per la sua storia recente di tensioni, legati alla sede di CasaPound lí presente, ma anche perché è un quartiere con una forte anima popolare, multietnica ed antifascista.il

Gimmy Tranquillo ha intervistato il segretario provinciale di Rifondazione Comunista, Dimitrij Palagi:

L'articolo Servizio Allerta Antifascista di Rifondazione Comunista proviene da www.controradio.it.

‘Potere al Popolo’: “Il vero volto delle politiche di Rossi”

‘Potere al Popolo’: “Il vero volto delle politiche di Rossi”

Potere al Popolo: “il vero volto delle politiche di Rossi”

Firenze presentata dal Partito della Rifondazione Comunista della Toscana la campagna di ‘Potere al Popolo’ “Il trasformista”, iniziativa a puntate “per svelare il vero volto delle politiche di Rossi e della Giunta Toscana”.

“Basta con chi mette al primo posto la propria convenienza politica e dice tutto il contrario di quello che fa – dicono il segretario nazionale PRC Maurizio Acerbo ed il segretario Regionale PRC Alessandro Favilli – i primi a rimetterci e ad accorgersene saranno i cittadini. Il futuro chiede una svolta concreta e coerente”.

Si legge nella  a firma del Partito della Rifondazione Comunista della Toscana diffusa in occasione della conferenza stampa:

“Sono favorevolissimo al contratto a tutele crescenti (…) giro moltissimo la Toscana e incontro centinaia di lavoratori (…) nessuno mi parla dell’articolo 18”. E’ Renzi che parla? No è l’attuale presidente della Regione Toscana Enrico Rossi poco più di due anni fa, autorevole esponente di Liberi e Uguali, che oggi dice – fra le altre cose – di voler reintrodurlo e di abolire il Jobs act. A dire il vero il programma di LeU mantiene ambiguità perché, dopo i proclami a favore dell’articolo 18, propone che per tre anni ci sia il contratto a tutele crescenti. Insomma Enrico Rossi è davvero “un programma politico vivente” della sua lista di riferimento.  Rossi rilascia dichiarazioni contro riforme inique e oltretutto del tutto inefficaci portate a casa dal suo ex partito, il PD, ma col PD continua a governare la Toscana, con un patto di ferro per altro rilanciato ultimamente in forma pubblica”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Alessandro Favilli e Maurizio Acerbo:


L’articolo ‘Potere al Popolo’: “Il vero volto delle politiche di Rossi” proviene da www.controradio.it.