Migranti: commenti e reazioni su fatti di Capriglia

Migranti: commenti e reazioni su fatti di Capriglia

Rossano Rossi (Cgil Lucca): “crediamo sia il momento di riportare la discussione nell’alveo della normalità e dell’applicazione della legge”. Critici i circoli PD della zona: “vuote e sterili le parole di condanna del gesto di chi ha soffiato sul fuoco della polemica, anziché pensare a gestire responsabilmente la situazione”. Replica Mazzoni (ex vicesindaco Pietrasanta): “le dichiarazioni di alcuni esponenti Pd vogliono far trapelare una qualche responsabilità di politici locali”.

Commenti e reazioni nel territorio della provincia di Lucca dopo che ieri a Capriglia, frazione di Pietrasanta (Lucca), ignoti hanno lanciato bottiglie incendiarie contro una struttura destinata ad accogliere migranti.

Ferma condanna arriva dal segretario della Cgil di Lucca Rossano Rossi: “Dopo la raccolta delle firme e il movimentato sit in dei residenti davanti alla struttura di accoglienza, dopo le molotov che avrebbero potuto incendiare l’edificio – dice -, crediamo sia il momento di riportare la discussione nell’alveo della normalità e dell’applicazione della legge”. Secondo il segretario, “la situazione è degenerata durante gli ultimi mesi ma non possiamo non ricordare anni di dichiarazioni irresponsabili degli esponenti della passata amministrazione”.

Il Pd della Versilia esprime “sdegno per il vile atto. Al contempo rileviamo, purtroppo, come tale gesto criminoso tragga alimento dalla campagna di odio e di intolleranza, fomentata da talune aree del centrodestra e dalle esternazioni di autorevoli esponenti di quello schieramento che, pur deprecando l’episodio, muovono degli inquietanti distinguo”.

Critico anche il Pd di Pietrasanta secondo il quale “suonano vuote e sterili le parole di condanna del gesto da parte di chi per mesi, anche ricoprendo ruoli istituzionali e amministrativi, ha soffiato sul fuoco della polemica, anziché pensare a gestire responsabilmente la situazione”.

Ferma condanna poi dalla sezione Anpi di Pietrasanta che parla di “un gesto grave che non può trovare giustificazione alcuna, i cui autori, per ora ignoti, ci auguriamo siano presto individuati e assicurati alla giustizia”. A replicare, l’ex vicesindaco di Pietrasanta Daniele Mazzoni: secondo cui “non c’è giustificazione alla violenza e agli atti intimidatori” e critica “le dichiarazioni di alcuni esponenti Pd che vogliono far trapelare una qualche responsabilità di politici locali, presunti fomentatori delle folle e di odio”.

L'articolo Migranti: commenti e reazioni su fatti di Capriglia proviene da www.controradio.it.

Bilancio consolidato, giovani Pd Massa chiedono provvedimenti contro assenti

Bilancio consolidato, giovani Pd Massa chiedono provvedimenti contro assenti

I Giovani Democratici: “hanno contribuito ad infangare il senso più alto del fare politica, prendere seri provvedimenti”. La mancanza del numero legale aveva fatto saltare, tra le altre cose, il piano di assunzioni.

Sdegno e disappunto dei Giovani democratici di Massa Carrara per come il Pd ha gestito la questione dell’approvazione del bilancio consolidato 2016, a cui era legato il piano assunzioni.

“Intendiamo esprimere una severa critica nei confronti di quei consiglieri del Pd che per ben 5 volte consecutive non si sono presentati in consiglio e così facendo hanno contribuito ad infangare il senso più alto del fare politica, quello del mettersi al servizio dei cittadini”, scrivono in una nota.

“Chiediamo quindi al partito regionale – continuano i i giovani democratici – di prendere seri provvedimenti”. “Riteniamo vergognoso – concludono – che in un paese come il nostro, dove la disoccupazione è altissima, e in un comune come quello di Massa che ha risentito più di altri della crisi economica, ci siano consiglieri comunali, eletti per rappresentare i cittadini, che si permettono di giocare con la vita e il lavoro di 11 famiglie per fare dei tatticismi politici”.

I consiglieri del Pd assenti durante l’ultima seduta di consiglio erano quattro, su un gruppo di 12 (compreso il sindaco).

L'articolo Bilancio consolidato, giovani Pd Massa chiedono provvedimenti contro assenti proviene da www.controradio.it.

Rossi (LeU): “Ai delusi del Pd dico costruiamo nuova casa sinistra”

Rossi (LeU): “Ai delusi del Pd dico costruiamo nuova casa sinistra”

Il presidente della regione Toscana, in un post su Fb: “costruire un movimento forte per riuscire a riaprire dialogo con Pd”

“Ai tanti delusi del Pd, io dico che noi, Liberi e Uguali, li aspettiamo per costruire insieme la nuova casa della sinistra”. Lo dice su Fb il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, esponente di LeU.

“Il Pd sta prendendo colpi ferali sulla vicenda Banca Etruria. Mi chiedo – prosegue Rossi – se dentro quel partito, tra i fondatori e i compagni, ci sia chi trova la forza di reagire, di riaprire una dialettica interna e, fuori, con noi di Liberi e Uguali, e con le forze sociali, sindacati e movimenti, che vogliono un cambiamento profondo. Noi, più diventeremo forti più potremo aiutare chi dentro il Pd proverà a fare questo tentativo. Ai tanti elettori Pd, amici e compagni delusi, noi diciamo di esserci e di attenderli, pronti a festeggiare il loro arrivo per costruire insieme la nuova casa della sinistra”.

L'articolo Rossi (LeU): “Ai delusi del Pd dico costruiamo nuova casa sinistra” proviene da www.controradio.it.

Renzi: “Prossima Leopolda si intitolerà ‘Lotto per…’ “

Renzi: “Prossima Leopolda si intitolerà ‘Lotto per…’ “

Il segretario del Pd nella sua newsletter: “Altro che mollare”. Giro, viceministro degli esteri: “tema ozioso, ci sono già state primarie. Doveroso riflettere su risultato siciliano”

“Qui non si molla di un centimetro. E anzi l’Ottava edizione della Leopolda avrà come simbolo L8: lotto per… iniziate a scrivere se sarete con noi dal 24 al 26 novembre e per cosa lottate voi. L8, lotto per… altro che mollare”. Lo scrive il segretario del Pd Matteo Renzi nella sua newsletter Enews.

E a riguardo della questione della leadership, il viceministro degli Esteri Mario Giro ha detto:”Questo tema della leadership è un tema che non interessa alle persone: è tutto interno a un partito della maggioranza, il partito maggiore della maggioranza adesso. Ed è chiaro che è un tema ozioso; ci sono state le primarie, punto. Non si discute il fatto che Renzi ha vinto le primarie”. Così Giro ha risposto a Firenze, a margine dell’evento Unity in diversity, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento alle affermazioni del capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato, secondo il quale anche Paolo Gentiloni, oltre a Matteo Renzi, potrebbe essere un nome spendibile per Palazzo Chigi. “In ogni caso – ha aggiunto Giro – il fare continue polemiche su questo tema, ‘allora non Renzi, mettiamo un altro, ecc.’, sono tutte questioni di politica politicante che la gente neanche vuole sentire'”.

“Certamente essere arrivati terzi in Sicilia per la compagine di governo non è una buona notizia, anche se la Sicilia ha sempre le sue peculiarità: è sempre stata governata dal centrodestra, a parte l’ultima volta nel 2012 quando il centrodestra si presentò diviso”. Ha continuato il viceministro degli Esteri. “Però i dati siciliani, così come quelli di Ostia, dimostrano che la gran maggioranza delle persone rimangono a casa – aggiunge il viceministro – Questo accade perchè questa politica tutta presa dalle polemiche interne ha stufato la parte temperata del nostro elettorato: la parte sia di sinistra e se volete anche di centrodestra non si reca più alle urne perchè non apprezza questo tipo di polemiche al calor bianco, quindi si è disaffezionata. Quelli che vanno a votare sono i militanti, di una parte e dell’altra”.

“Dobbiamo fare tutti una riflessione – ha proseguito ancora Giro – perchè penso che ci sia bisogno di un ritorno di ragionevolezza: la gente non solo vuol sentire parlare dei problemi reali ma soprattutto vuole sentirne parlare in un certo modo. Non si possono utilizzare i problemi reali come delle clave, invece di cercare soluzioni ragionevoli. E questo riguarda tutti”.

L'articolo Renzi: “Prossima Leopolda si intitolerà ‘Lotto per…’ “ proviene da www.controradio.it.

Renzi: “Prossima Leopolda si intitolerà ‘Lotto per…’ “

Renzi: “Prossima Leopolda si intitolerà ‘Lotto per…’ “

Il segretario del Pd nella sua newsletter: “Altro che mollare”. Giro, viceministro degli esteri: “tema ozioso, ci sono già state primarie. Doveroso riflettere su risultato siciliano”

“Qui non si molla di un centimetro. E anzi l’Ottava edizione della Leopolda avrà come simbolo L8: lotto per… iniziate a scrivere se sarete con noi dal 24 al 26 novembre e per cosa lottate voi. L8, lotto per… altro che mollare”. Lo scrive il segretario del Pd Matteo Renzi nella sua newsletter Enews.

E a riguardo della questione della leadership, il viceministro degli Esteri Mario Giro ha detto:”Questo tema della leadership è un tema che non interessa alle persone: è tutto interno a un partito della maggioranza, il partito maggiore della maggioranza adesso. Ed è chiaro che è un tema ozioso; ci sono state le primarie, punto. Non si discute il fatto che Renzi ha vinto le primarie”. Così Giro ha risposto a Firenze, a margine dell’evento Unity in diversity, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento alle affermazioni del capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato, secondo il quale anche Paolo Gentiloni, oltre a Matteo Renzi, potrebbe essere un nome spendibile per Palazzo Chigi. “In ogni caso – ha aggiunto Giro – il fare continue polemiche su questo tema, ‘allora non Renzi, mettiamo un altro, ecc.’, sono tutte questioni di politica politicante che la gente neanche vuole sentire'”.

“Certamente essere arrivati terzi in Sicilia per la compagine di governo non è una buona notizia, anche se la Sicilia ha sempre le sue peculiarità: è sempre stata governata dal centrodestra, a parte l’ultima volta nel 2012 quando il centrodestra si presentò diviso”. Ha continuato il viceministro degli Esteri. “Però i dati siciliani, così come quelli di Ostia, dimostrano che la gran maggioranza delle persone rimangono a casa – aggiunge il viceministro – Questo accade perchè questa politica tutta presa dalle polemiche interne ha stufato la parte temperata del nostro elettorato: la parte sia di sinistra e se volete anche di centrodestra non si reca più alle urne perchè non apprezza questo tipo di polemiche al calor bianco, quindi si è disaffezionata. Quelli che vanno a votare sono i militanti, di una parte e dell’altra”.

“Dobbiamo fare tutti una riflessione – ha proseguito ancora Giro – perchè penso che ci sia bisogno di un ritorno di ragionevolezza: la gente non solo vuol sentire parlare dei problemi reali ma soprattutto vuole sentirne parlare in un certo modo. Non si possono utilizzare i problemi reali come delle clave, invece di cercare soluzioni ragionevoli. E questo riguarda tutti”.

L'articolo Renzi: “Prossima Leopolda si intitolerà ‘Lotto per…’ “ proviene da www.controradio.it.