Firenze, Nardella presenta i candidati Pd

Firenze, Nardella presenta i candidati Pd

Tra i 36 nomi dei candidati presenti anche 5 under 30, tra cui la capolista Letizia Perini. Nardella:”Una buona lista, giusto mix tra novità ed esperienza”.

“Abbiamo una squadra affidabile. È una buona lista, molto competitiva, un giusto mix tra novità ed esperienza – dichiara Dario Nardella, attuale sindaco di Firenze – ci sono molti assessori uscenti che in questo modo possono far valere il grande lavoro fatto in questi anni, ma abbiamo anche tanti giovani e tante donne. Ho apprezzato molto la decisione che la Direzione del Partito ha preso all’unanimità di individuare come capolista la più giovane candidata e di avere una lista di persone che sanno di cosa parlano. In questa campagna elettorale dove si sentono cose assurde, improvvisate e senza alcun fondamento, noi abbiamo una lista di persone serie, competenti, che conoscono la città. Questo vale tanto per la lista per il Consiglio comunale quanto per le liste nei consigli di quartiere. E a proposito dei Quartieri abbiamo quattro conferme e una novità, una candidata presidente donna. Ricordo che l’elezione diretta del presidente del quartiere è una novità che noi abbiamo voluto e che abbiamo portato fino in fondo”.

“Sarà una partita di squadra, un gruppo affiatato – aggiunge Leonardo Bieber, coordinatore della campagna elettorale del PD – con tanti nuovi volti, pieno di persone responsabili e modello di buona amministrazione. Questa lista è frutto del voto unanime della Direzione del Partito ed è stata chiusa anche prima della scadenza di legge, fatto mai avvenuto prima. La scelta del luogo in cui l’abbiamo presentata, in piazzetta dello Sprone, non è casuale: questo posto è stato oggetto di un progetto di riqualificazione urbana. Un piccolo esempio di ciò che ha fatto questa amministrazione: dalla rinascita di una piazzetta a due passi dal Ponte Vecchio, alla Manifattura Tabacchi che sarà la più grande operazione di rigenerazione urbana dei prossimi anni. La nostra comunità è piena di ottimi amministratori, in grado di realizzare un modello di città, esportabile anche a livello nazionale, e che guarda al progresso e al futuro”.

Candidati al Consiglio Comunale Cecilia Del Re, Massimo Fratini, Sara Funaro, Federico Gianassi e Andrea Vannucci, pezzi chiave della Giunta uscente. Ma anche l’ex deputato Paolo Beni, l’attuale segretario cittadino del Pd Massimiliano Piccioli e l’ex vicepresidente a livello metropolitano Lorenza Giani, che si misurano per la prima volta con le amministrative.

A capitanare la lista è la più giovane, Letizia Perini, 25 anni. Tra gli under 30 anche Ursula Bassi, Francesca Calì, entrambe in corsa per la prima volta a Palazzo Vecchio, Laura Sparavigna, reduce da un mandato al Q4, e Petra Taddei, proveniente dal Consiglio di Quartiere 2. I candidati più esperti sono Susanna Della Felice e Fabrizio Ricci, classe 1951. Tra le new entry Francesca Merz, 35 anni, libera professionista nei beni culturali, Francesco Romano, ricercatore del CNR impegnato nella semplificazione dei rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione, Donata Bianchi, tra le fondatrici dell’associazione Artemisia contro la violenza sulle donne, Enrico Conti, ricercatore Irpet (Regionale Programmazione Economica Toscana), Francesco Pastorelli, avvocato e segretario di circolo. Provengono dai consigli di quartiere, tra gli altri, Patrizia Bonanni, Leonardo Calistri, Barbara Felleca, Ornella Grassi, Alessandra Innocenti, Franco Nutini, Renzo Pampaloni, Mirco Ruffilli.

In cerca di conferma Benedetta Albanese, Nicola Armentano, l’ex vicepresidente del Consiglio comunale Susanna Della Felice, Stefano Di Puccio, Fabio Giorgetti, Maria Federica Giuliani, Cosimo Guccione, Luca Milani, Francesca Paolieri. In pista per la presidenza dei cinque quartieri quattro candidati uscenti, Maurizio Sguanci al Q1, Michele Pierguidi al Q2, Mirko Dormentoni al Q4, Cristiano Balli al Q5, e l’ex consigliera comunale Serena Perini, che a questo giro si giocherà la presidenza del Q3.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il coordinatore della campagna elettorale del PD Leonardo Bieber:

L'articolo Firenze, Nardella presenta i candidati Pd proviene da www.controradio.it.

Di Giorgi: “Col Pd mix di esperienza e innovazione per governare Firenze”

Di Giorgi: “Col Pd mix di esperienza e innovazione per governare Firenze”

La deputata e membro della direzione PD, Rosa Maria Di Giorgi, è intervenuta riguardo alle elezioni amministrative fiorentine del 26 maggio.

“La lista del Partito Democratico che andrà ad affiancare il nostro candidato Dario Nardella è frutto di un lavoro accurato, e di una grande capacità di sintesi che restituisce alla città le migliori energie politiche ed amministrative espresse dal territorio”, ha affermato Rosa Maria Di Giorgi.

“Un mix equilibrato di esperienza ed innovazione – sottolinea la deputata-, di rappresentanza e proposta, che saprà essere un solido collante per la campagna elettorale che ci apprestiamo a vivere. Sono convinta che i Fiorentini sapranno dare fiducia ai nostri candidati perché sono persone che in questi anni hanno sempre dimostrato massima apertura verso le istanze della società civile, unita ad un grandissimo senso dell’appartenenza ad una storia grande come quella del Partito Democratico.”

“Un partito che – aggiunge Di Giorgi -, come dimostrato dall’affollatissimo incontro di sabato a San Bartolo a Cintoia, con la guida di Nicola Zingaretti sta decisamente voltando pagina, tornando ad essere, come gli ultimi sondaggi dimostrano, un punto di riferimento vero per tutti coloro che si sentono abbandonati dalla politica, ed in balia della china pericolosa cui il governo Gialloverde sta condannando il nostro Paese.”

“Ora sotto con il lavoro che ci attende, affinché  da Firenze riparta  quella stagione di riscossa del centrosinistra che tutti auspichiamo”, conclude Di Giorgi.

L'articolo Di Giorgi: “Col Pd mix di esperienza e innovazione per governare Firenze” proviene da www.controradio.it.

Troupe Rai aggredita a Prato, Salvini: “Solidale, ora sgombero”

Troupe Rai aggredita a Prato, Salvini: “Solidale, ora sgombero”

Solidarietà e condanna da vari politici, tra cui il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che dice “troppe volte gli operatori dell’informazione sono sottoposti a pressioni indebite che minano alla base una delle funzioni fondamentali della democrazia”.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha affermato “Solidarietà ai giornalisti, mi impegno ad essere presto a Prato per fare lo sgombero e mettere ordine” dopo che una troupe della Rai è stata aggredita da alcuni nomadi a Prato mentre documentava la presenza di una discarica abusiva accanto a un accampamento.

Solidarietà anche del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. La vicinanza del governatore va anche ai residenti della zona coinvolti nell’aggressione. Per Rossi il lavoro giornalistico va sempre e comunque tutelato. “Troppe volte – ha detto – gli operatori dell’informazione sono sottoposti a pressioni indebite che minano alla base una delle funzioni fondamentali della democrazia”.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella, invece, esprime “solidarietà massima alle due giornaliste per questa aggressione inaccettabile, vergognosa e meschina”. “I responsabili – ha continuato il sindaco – siano individuati e paghino per quello che hanno fatto. La legalità è un valore centrale e irrinunciabile e non possiamo ammettere nelle nostre città zone franche dove degli individui, a prescindere dalla loro etnia, possano aggredire indisturbati delle donne mentre fanno il loro lavoro”.

Il sindaco di Prato Matteo Biffoni ha espresso “massima solidarietà alla troupe del Tgr Rai della Toscana: l’aggressione di stamane è una cosa che non deve accadere. Spero che le forze dell’ordine arrestino i delinquenti”. “Lì non c’è un campo nomadi – specifica il sindaco Biffoni – ma insediamenti su cui siamo intervenuti più volte. L’operazione che si è svolta ieri è stata fatta grazie ai droni della polizia municipale che hanno passato il materiale alla procura”.

Secondo Rosa Maria Di Giorgi, parlamentare e membro della Direzione Pd, la violenza è sempre intollerabile, ma quando viene esercitata su giornalisti che stanno  documentando con il loro lavoro notizie di interesse pubblico, assume un carattere  ulteriormente odioso e preoccupante. Per questo, nell’esprimere massima solidarietà alle vittime, chiedo che le autorità competenti assicurino quanto prima alla giustizia gli autori dell’aggressione.

Susanna Ceccardi, commissaria della Lega della Toscana, ha detto “Solidarietà, assolutamente, alla troupe dei giornalisti che è stata aggredita: è un altro esempio di come le nostre città devono cambiare”. “Molte città sono già cambiate, hanno cambiato passo, in altre città restano ancora altre cose da fare – ha aggiunto Ceccardi a margine di una iniziativa a Firenze coi consiglieri regionali per presentare una proposta legge sulla ‘tolleranza zero’ -. Tra l’altro, oggi sono qui presenti tutti i nostri consiglieri regionali, ma ne manca all’appello una: Luciana Bartolini, che stava venendo qua ed è stata derubata del portafoglio, proprio qui vicino, a Firenze. Un segnale di come le città debbano cambiare passo, debbano cambiare volto: soprattutto Firenze, Prato, dove è successa l’aggressione, e Livorno”.

Alessandro Morelli, deputato e responsabile editoria della Lega, ha detto che “davanti a episodi come quello di Prato dovrebbe esserci una condanna unanime da parte dei giornali, certi episodi non devono passare inosservati. Una troupe che stava svolgendo il servizio pubblico è stata aggredita dai nomadi nello svolgimento del proprio lavoro, mi aspetto una condanna globale davanti a certi episodi: la violenza contro i reporter va ripudiata in massa, sia a destra che a sinistra, senza eccezioni né schieramenti di bandiera. Confido presto, così come annunciato dal ministro Salvini, in un intervento per sgomberare progressivamente i campi rom dalle nostre città, punti di ritrovo per attività illecite e criminali”.

L'articolo Troupe Rai aggredita a Prato, Salvini: “Solidale, ora sgombero” proviene da www.controradio.it.

Regionali Basilicata, Di Giorgi: “PD c’è, ma tanta strada da fare”

Regionali Basilicata, Di Giorgi: “PD c’è, ma tanta strada da fare”

Rosa Maria Di Giorgi, parlamentare e membro della direzione PD, si è espressa sulle elezioni regionali in Basilicata, che hanno visto vincere la coalizione di centrodestra.

“La vittoria del centrodestra in Basilicata ci convince a lavorare con ancora maggiore lena sulla strada del rinnovamento del Partito Democratico. Rispetto alle politiche 2018 infatti il PD tiene,  ma non riesce a far fronte all’avanzata della Lega. Pesano sicuramente un passato prossimo ancora non digerito, la divisione sulle candidature e le troppe indecisioni degli ultimi mesi”.
Questo il commento del risultato delle regionali in Basilicata di Rosa Maria Di Giorgi, parlamentare e componente della Direzione Nazionale PD, che spiega: “Il Pd ha bisogno di rinnovarsi profondamente per dare risposte ai problemi del Paese, a cominciare dal Sud dove da anni non riusciamo ad esprimere una classe dirigente e delle strategie politiche efficaci. Di sicuro peggio del Pd sta il Movimento 5 Stelle che dimezza in un solo anno i propri voti, confermandosi in caduta libera. Cresce anche la partecipazione al voto e questo è un dato positivo. Così come positivo è il civismo che il Pd riesce ad attrarre. Ma non basta – conclude Di Giorgi- : in vista delle prossime amministrative e delle europee serve un cambio di passo ancor più deciso. E siamo certi che Nicola Zingaretti lavorerà in questo senso “

L'articolo Regionali Basilicata, Di Giorgi: “PD c’è, ma tanta strada da fare” proviene da www.controradio.it.

Pisa, Ciampi (Pd): ‘Campagna Lega scortata da forze dell’ordine’

Pisa, Ciampi (Pd): ‘Campagna Lega scortata da forze dell’ordine’

26 i comuni nel Pisano in vista delle elezioni amministrative. Lucia Ciampi, deputata Pd, ha detto che le forze dell’ordine impiegate per la scorta leghista ‘verranno distolte dalla tutela dell’ordine pubblico’.

“E’ inaccettabile e gravissimo che venga militarizzata la provincia di Pisa per scortare la campagna elettorale della Lega, tenendo impegnati decine di agenti delle forze dell’ordine che non potranno quindi essere impiegati per altre importanti e necessarie azioni di pubblica sicurezza”. Lo denuncia la deputata del Pd Lucia Ciampi, che ha presentato un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“Il questore di Pisa su indicazione del prefetto – riferisce la parlamentare dem – in vista delle prossime elezioni amministrative che riguardano nella provincia ben 26 comuni, ha infatti disposto, a quanto sappiamo per Giuliano Terme e Calcinaia, ma molto probabilmente anche per tutti gli altri territori interessati dal voto, una capillare e continua assistenza solo alle iniziative promosse dalla Lega”. Per Ciampi, “volantinaggi, banchetti e gazebo saranno quindi ‘protetti’ da non si sa bene quale minaccia in luoghi pacifici dove non si sono mai registrati particolari episodi di violenza causati dalle differenti ideologie politiche”.

“Un utilizzo così massiccio non solo di agenti di polizia e carabinieri ma anche di polizia locale e guardia di finanza – osserva ancora l’esponente Pd -, non potrà essere impiegato in altre operazioni a sostegno dell’ordine pubblico e per assicurare sicurezza e tutela, quelle vere, ai cittadini”.

“Forse Salvini e i suoi seguaci hanno paura che i presidi della Lega possano essere anche oggetto di civili e pacate contestazioni – conclude Ciampi – visti i disastri che il governo nazionale sta causando e il massiccio uso delle forze dell’ordine, proprio come nei regimi autoritari, viene utilizzato come deterrente per sconsigliare qualsiasi tipo di dissenso”.

L'articolo Pisa, Ciampi (Pd): ‘Campagna Lega scortata da forze dell’ordine’ proviene da www.controradio.it.