Alla canoista Costanza Bonaccorsi il Pegaso per lo sport 2016

FIRENZE - E' la canoista Costanza Bonaccorsi, campionessa europea e mondale assoluta nella difficile specialità della discesa per il secondo anno consecutivo, la sportiva toscana dell'anno. Oggi a Spazio reale a Campi Bisenzio alla ventenne atleta dei Canottieri Comunali Firenze è stato consegnato il Pegaso per lo sport 2016 dall'assessore a sport, sociale e diritto alla salute Stefania Saccardi. Insieme a lei sul podio toscano, un altro giovane talento, Cristina Berti, campionessa di pattinaggio artistico su rotelle, medaglia d'argento ai campionati mondiali e campionessa italiana, seconda a pari merito con una squadra, la Fiorentina Bxc-Baseball per ciechi, che si è aggiudicata il titolo di campione d'Italia e quello di Coppa Italia.

A consegnare i premi, insieme all'assessore Saccardi, sono intervenuti anche Massimo Porciani, presidente del Cip toscano (Comitato Italiano paralimpico) e il presidente del gruppo cronisti toscani Ussi Franco Morabito. Salvatore Sanzo, presidente del Coni toscano, ha mandato un saluto via video.

 

Il Pegaso per lo sport, giunto alla 18esima edizione, è il massimo riconoscimento che la Regione Toscana. in collaborazione col Gruppo toscano giornalisti sportivi Ussi, il Cip Toscana e il Coni Toscana assegna ogni anno ad un atleta toscano (di nascita o di adozione) o ad una società che nel corso della precedente stagione abbiano conseguito risultati particolarmente significativi e che si siano resi protagonisti anche per etica e fair play, e nell'impegno contro la violenza nello sport.

 

"Una scelta non facile, perché sono tanti gli atleti e le squadre toscane che nel 2015 hanno raggiunto ottimi risultati nel panorama dello sport nazionale e internazionale – ha detto l'assessore Saccardi - Ma incoronare 'sportiva toscana dell'anno' Costanza Bonaccorsi ci fa particolarmente piacere: significa premiare un'atleta speciale, che dà lustro alla Toscana col suo palmarès invidiabile, nonostante la giovane età, di ben 18 medaglie di cui 5 ori, 1 argento e 4 bronzi vinti ai campionati mondiali senior e junior. Importanti anche gli altri due piazzamenti, Cristina Berti, anche lei con un profilo sportivo e un medagliere invidiabile, e la squadra campione d'Italia di baseball giocato da ciechi, la Fiorentina BXC, forte di un impegno collettivo che ha portato a risultati importanti".

Nel corso della cerimonia a Spazio reale sono stati premiati anche gli atleti – circa 200- che sono stati segnalati dalla varie Federazioni sportive. "Una bella occasione quella di oggi – ha detto ancora Saccardi - che riunisce il meglio dello sport toscano, e dà visibilità e un giusto riconoscimento a tutti gli atleti che con il loro lavoro, disciplina e anche sacrificio sono riusciti a portare ai massimi livelli lo sport, toscano e nazionale. Per noi non contano solo i risultati agonistici ma anche il fair play, la generosità, il rispetto dell'avversario e gli altri valori positivi che lo sport deve diffondere e che sono alla base della Carta etica dello sport cui ci ispiriamo. Anche per questo la Toscana ha investito e continua ad investire molto sullo sport ".

Un altro momento chiave di questa festa dello sport toscano è stato la consegna del Premio Speciale Pegaso per lo sport 2016 alla Fiorentina della stagione 1955-56, che sessant'anni fa vinse il primo scudetto viola. "Sono particolarmente lieta di questo riconoscimento, e un po' emozionata di vedere riunita in questa occasione una bella rappresentanza di quella squadra vittoriosa, da Sarti a Magnini a Orzan. A loro e ai parenti degli altri calciatori, dirigenti e tecnici intervenuti oggi la nostra gratitudine per l'esempio che ci hanno dato di un grande impegno e risultato di squadra".

 

Agli atleti, tecnici e dirigenti delle società di calcio Us Capraia e Limite e Virtus Gambassi è stato consegnato il premio Fair Play. L'8 novembre 2015, nel corso della partita del campionato, uno dei ragazzi fu colpito da un forte malore e fu ricoverato d'urgenza all'ospedale. Le due squadre interruppero di comune accordo la partita per accertarsi delle condizioni di salute del compagno.

Il Pegaso per lo sport 2015 all’Azzurra San Casciano Volley

FIRENZE  - Va alle ragazze dell'Azzurra Volley San Casciano, Il Bisonte Firenze, la statuetta del Pegaso alato. La squadra di pallavolo femminile di San Casciano Val di Pesa (Fi), vincitrice della Coppa Italia di serie A2 nel 2014 e promossa in A1 al termine di una stagione esaltante, è arrivata tra i tre finalisti della 17a edizione del Pegaso per lo sport della Regione Toscana ed ha ricevuto il premio dalla vicepresidente Stefania Saccardi. Gli altri due finalisti sono stati l'atleta paralimpico campione della canoa Pieralberto Buccoliero e la coppia campione della vela Ettore Botticini e Lorenzo Gennari, giunti ex aequo.

Alla serata finale del riconoscimento creato dalla Regione per omaggiare tutti i campioni toscani della passata stagione agonistica, la vicepresidente Stefania Saccardi è stata affiancata dal presidente Ussi Gruppo Toscano giornalisti sportivi Franco Morabito, che ha via via consegnato i vari premi. In totale sono stati oltre 150, tra società e atleti, i premiati. Come nella passata edizione la serata conclusiva si è tenuta a Spazio Reale, San Donnino, Campi Bisenzio (FI).

"Anche quest'anno la nostra scelta è stata difficile - ha sottolineato la vicepresidente Saccardi - perché sono tanti gli atleti toscani che hanno raggiunto ottimi risultati nel panorama dello sport nazionale e internazionale. La nostra scelta è caduta su una squadra, l'Azzurra San Casciano Volley, per premiare l'impegno collettivo e il risultato di tutto un gruppo. Comunque anche gli altri due finalisti sono atleti di cui la toscana è fiera. Il Pegaso per lo sport non tiene infatti conto solo delle qualità sportive, ma anche del fairplay, della generosità, del rispetto dell'avversario e degli altri valori positivi ed etici che lo sport deve diffondere e che sono alla base della carta etica dello sport cui ci ispiriamo".

Dopo la presentazione dei 10 finalisti (quest'anno Regione, Coni Toscana e Ussi hanno deciso di tenere segreto il nome dei tre finalisti fino all'ultimo) ed un'esibizione di un gruppo di bambini di Spazio Reale, via alla consegna delle prime medaglie: campioni dell'automobilismo, di arrampicata, di bocce, di baseball e softball, di canottaggio, di golf, di hockey su prato. Alcuni ballerini, campioni mondiali di salsa e merengue, hanno regalato una prima esibizione e subito dopo spazio ancora alle premiazioni con gli allenatori toscani vincitori di titoli in varie discipline, quindi judo e karate, pesca, rugby, tiro a volo, equitazione, tennis tavolo, tennis, motociclismo, tiro con l'arco e tiro a segno.

Dopo che alcuni veterani azzurri hanno letto gli articoli della Carta Etica dello sport sono stati svelati e premiati i tre finalisti. Quindi, dopo una seconda esibizione di campioni di danza sportiva, conclusione della serata con la consegna dei premi agli atleti e società di danza sportiva, hockey e pattinaggio su pista, nuoto e pallanuoto, ginnastica, canoa, pugilato, scherma, wakeboard, atletica e vela. Durante la serata premi sono stati consegnati anche a due giovani studenti per gli ottimi risultati conseguiti nello studio e nello sport.

Nelle risorse correlate l'elenco completo dei premiati, la storia del Pegaso per lo sport e una galleria fotografica della premiazione

Lo speciale sul sito della Regione

Il sito dell'Azzurra San Casciano Volley 

 

Pegaso per lo sport, dal 1996 la Regione premia i suoi campioni

FIRENZE – É dal 1996 che la Regione premia i suoi campioni sportivi. L'albo d'oro del Pegaso per lo sport, arrivato all'edizione numero 17, comprende campioni di fama nazionale ed internazionale (Yuri Chechi, Fiona May, Franco Ballerini, Cristiano Lucarelli, Aldo Montano) ma anche atleti meno conosciuti ma pur sempre in grado di portare in alto i colori italiani grazie alle proprie imprese sportive.

Il primo Pegaso per lo sport venne consegnato nel 1996, ai 10 medagliati toscani (2 ori, 4 argenti e 4 bronzi) alle Olimpiadi di Atlanta. Due anni dopo, nel 1998, vennero premiati nove atleti e tre società considerate più attive nella diffusione dello sport di base. Nel 2000 la terza edizione, con 64 premi: ai medagliati di Sidney e ad alcuni atleti disabili che parteciparono alle Paralimpiadi. Nel 2001 fu creato il titolo di 'Sportivo toscano dell'anno' ed il primo ad aggiudicarselo fu Franco Ballerini. Premi anche ad altri 35 atleti (tra i quali ancora una volta Fiona May oltre a Paolo Bettini e Fabrizio Mori).

Nel 2002 l'assegnazione venne fatta attraverso il sondaggio telefonico e a vincere fu il fiorettista pisano Simone Vanni davanti a Baldini, Bettini, Chiacig e Collina. Per la prima volta venne consegnato anche il premio 'Fair play' al capitano della Fiorentina Angelo Di Livio. 51 gli atleti premiati, tra i quali Mario Cipollini e Francesca Piccinini.

Nel 2003 il più votato fu l'allenatore del Siena Calcio Giuseppe Papadopulo, alle sue spalle Pettinari, Bianco, Pancani e Riganò. 76 in tutto le medaglie consegnate. Nel 2004 sfida tra gli olimpionici di Atene: primo Montano, seguito da Benelli, Bettini, Gigli, Vanni e Sanzo. 'Fair play' a Yuri Chechi, 92 in tutto le medaglie. Nel 2005, edizione numero 8, primo Cristiano Lucarelli. Sul podio anche Sanzo e Toni. A seguire l'allenatore Somma e la canoista fiorentina Stefania Cicali. 'Fair play' all'ex ct della Nazionale di ciclismo Alfredo Martini. 120 le medaglie consegnate. Nel 2006 largo ai giovani con la vittoria di Elena Gigli, portiere del Setterosa di pallanuoto. Secondo Andrea Baldini, terzo Alessandra Sensini e quarto Marcello Lippi. 'Fair play' a Paolo Bettini.

Nel 2008 (dopo lo stop del 2007) la decima edizione, con una formula rinnovata. I premi consegnati furono due: uno, deciso da una giuria composta da giornalisti sportivi, assegnato alla campionessa di marcia Milena Megli; l'altro, stabilito in base ai voti degli sportivi, al tecnico delle giovanili della Mens Sana Siena Lorenzo Bicchi. Nel 2009 primo posto per Luca Agamennoni, davanti a Daniele Bennati e Alessandra Sensini. A seguire Giulia Quintavalle, Sebastien Frey, Salvatore Sanzo e Simone Pianigiani. Premio speciale a Cesare Prandelli. I voti complessivi furono oltre 10 mila, i premi consegnati più di 160.

Dal 2010 la scelta del vincitore spetta a una commissione di giornalisti specializzati. Fiorentina prima su una rosa iniziale di 10 candidati, successivamente ridotta a 5. Gli altri quattro finalisti furono Leonard Bundu, Rinaldo Nocentini, Angelica Savrayuk e la squadra di rugby de I Cavalieri Prato. Più di 100 i riconoscimenti. Nel 2011 il Pegaso è andato a Giulia Fornai, atleta grossetana campionessa europea juniores di pattinaggio artistico. Gli altri quattro finalisti: Niccolò Campriani, Claudio Stecchi, Edoardo Gori e Simone Faggioli. Nel 2012 è stata la volta della pluri scudettata Mens Sana Siena basket. Matteo Betti, Marta Pagnini e la Primavera della Fiorentina calcio gli altri finalisti. Nel 2013 Pegaso alla medaglia olimpica Luca Tesconi, ex aequo per Sara Turrini e Tau Altopascio calcio. Un anno fa l'ha spuntata l'atleta paralimpica, campionessa mondiale di dressage (equitazione), Sara Morganti, davanti al pugile fiorentino Fabio Turchi e alla squadra femminile del Circolo Tennis Prato.

Il 'Pegaso straordinario per lo sport'. É un premio istituito per meriti sportivi particolari, finora assegnato due volte: nel 2000 al team di Luna Rossa, vincitore della Louis Vuitton Cup e finalista in Coppa America, in virtù del fatto che la barca venne costruita in Maremma e per la presenza di molti toscani nell'equipaggio; e nel 2002 alla Ferrari, per il legame con la Toscana, dato che la scuderia di Maranello spesso prova i propri bolidi nel circuito del Mugello, di sua proprietà.

Albo d'oro

1996 medagliati toscani ad Atlanta '96

1998 nove atleti

2000 medagliati toscani a Sydney '00

2001 Franco Ballerini

2002 Simone Vanni ('Fair play'a Angelo Di Livio)

2003 Giuseppe Papadopulo ('Fair play' alla società di calcio Cappiano Romaiano)

2004 Aldo Montano ('Fair play' a Yuri Chechi)

2005 Cristiano Lucarelli ('Fair play' a Alfredo Martini)

2006 Elena Gigli ('Fair play' a Paolo Bettini)

2008 Elena Megli (premio giuria), Lorenzo Bicchi (premio web)

2009 Luca Agamennoni (Pegaso speciale a Cesare Prandelli)

2010 Acf Fiorentina (6 premi speciali)

2011 Giulia Fornai (6 premi speciali, 1 premio speciale alla memoria)

2012 Mens Sana Basket Siena

2013 Luca Tesconi

2014 Sara Morganti

2015 Azzurra Volley San Casciano Il Bisonte Firenze

Pegaso per lo sport 2015, premiazione domani a Spazio Reale

FIRENZE - Il pugile Angelo Ardito, il paracanoista Pier Alberto Buccoliero, i nuotatori Gabriele Detti e Chiara Masini Luccetti, la fiorettista Martina Batini, la pattinatrice Giada Cavataio, il maratoneta Daniele Meucci, il velista Ettore Botticini, il coach di basket Paolo Moretti e la squadra di volley femminile de Il Bisonte Firenze. Sono questi i 10 finalisti del Pegaso per lo sport 2015, quelli tra i quali i presidente della Regione Enrico Rossi, nella cerimonia di premiazione di domani, lunedì 26 gennaio, sceglierà l'atleta toscano dell'anno.

Come un anno fa la fase finale della 17a edizione del Pegaso per lo sport si terrà a Spazio Reale, San Donnino, Campi Bisenzio (FI). L'inizio è previsto per le 16.30 e l'ingresso è aperto a tutti.

Durante la serata conclusiva il gruppo dei 10 concorrenti (che partiva da 18 elementi) si ridurrà a 3 e tra questi verrà eletto il vincitore o vincitrice al quale verrà assegnata la statuetta che raffigura il cavallo alato simbolo della Regione. Saranno consegnati anche altri riconoscimenti speciali a personaggi e società toscane che si sono distinti per meriti o attività particolari. Un premio verrà inoltre assegnato a tutti i vincitori di medaglie nelle varie competizioni europee e mondiali e ad i campioni italiani assoluti 2014.

La mattina di domani, 26 gennaio, a partire dalle ore 9.30 sempre a Spazio Reale, la premiazione sarà preceduta da un convegno dal titolo "Progetto Sporthabile, guardando al futuro", introdotto dalla vicepresidente Stefania Saccardi. Interverranno, fra gli altri, Mario Papani, dirigente Inail Toscana, Massimo Porciani, presidente Comitato italiano paralimpico della Toscana, Umberto Spinelli, dirigente di Special Olympics Toscana e Marco Borzacchini, vicepresidente nazionale del CIP e presidente nazionale della FISIDIR (Federazione italiana sportiva disabilità intellettiva relazionale).

Nell'occasione saranno consegnate le targhe di abilitazione al Progetto Sporthabile.

Anche la partecipazione al convegno è libera.

Pegaso per lo sport 2015, premiazione lunedì 26 gennaio a Spazio Reale

FIRENZE - Il pugile Angelo Ardito, il paracanoista Pier Alberto Buccoliero, i nuotatori Gabriele Detti e Chiara Masini Luccetti, la fiorettista Martina Batini, la pattinatrice Giada Cavataio, il maratoneta Daniele Meucci, il velista Ettore Botticini, il coach di basket Paolo Moretti e la squadra di volley femminile de Il Bisonte Firenze. Sono questi i 10 finalisti del Pegaso per lo sport 2015, quelli tra i quali i presidente della Regione Enrico Rossi, nella cerimonia di premiazione di lunedì 26 gennaio, sceglierà l'atleta toscano dell'anno.

Come un anno fa la fase finale della 17a edizione del Pegaso per lo sport si terrà a Spazio Reale, San Donnino, Campi Bisenzio (FI). L'inizio è previsto per le 16.30 e l'ingresso è aperto a tutti.

Durante la serata conclusiva il gruppo dei 10 concorrenti (che partiva da 18 elementi) si ridurrà a 3 e tra questi verrà eletto il vincitore o vincitrice al quale verrà assegnata la statuetta che raffigura il cavallo alato simbolo della Regione. Saranno consegnati anche altri riconoscimenti speciali a personaggi e società toscane che si sono distinti per meriti o attività particolari. Un premio verrà inoltre assegnato a tutti i vincitori di medaglie nelle varie competizioni europee e mondiali e ad i campioni italiani assoluti 2014.

La mattina del 26 gennaio, a partire dalle ore 9.30 sempre a Spazio Reale, la premiazione sarà preceduta da un convegno dal titolo "Progetto Sporthabile, guardando al futuro", introdotto dalla vicepresidente Stefania Saccardi. Interverranno, fra gli altri, Mario Papani, dirigente Inail Toscana, Massimo Porciani, presidente Comitato italiano paralimpico della Toscana, Umberto Spinelli, dirigente di Special Olympics Toscana e Marco Borzacchini, vicepresidente nazionale del CIP e presidente nazionale della FISIDIR (Federazione italiana sportiva disabilità intellettiva relazionale).

Nell'occasione saranno consegnate le targhe di abilitazione al Progetto Sporthabile.

Anche la partecipazione al convegno è libera.