Mostro di Firenze, i familiari delle vittime chiedono l’avocazione dell’indagine

Mostro di Firenze, i familiari delle vittime chiedono l’avocazione dell’indagine

Perugia, una richiesta di avocazione da parte della procura generale di Firenze delle indagini sul ‘Mostro di Firenze’ è stata depositata stamani dall’avvocato Valter Biscotti, del foro di Perugia, che rappresenta alcuni familiari delle vittime.

“Alla luce di quanto accaduto a seguito di alcune decisioni della procura di Firenze che di fatto impedisce ai difensori delle persone offese di svolgere indagini difensive relative agli otto duplici omicidi siamo costretti ad agire di conseguenza” ha spiegato l’avvocato Biscotti, legale dei familiari di alcune delle vittime del ‘mostro di Firenze, secondo cui “sussistono tutti i requisiti di legge per potersi chiedere l’avocazione prevista dall’articolo 412 del codice di procedura penale per la fuga di notizie sulle relazioni Minervini, le mancate risposte alle legittime istanze dei difensori, di accesso agli atti di processi definiti con sentenze dibattimentali da più di venti anni, la violazione dei termini di durata previsti dall’art. 407, la violazione degli adempimenti imposti dall’art. 407 comma 3 bis del codice, la mancata messa a disposizione della Corte di assise degli atti del fascicolo per il dibattimento del processo Pacciani nella loro integrità e completezza”.

“Negli atti del processo Pacciani e in quello sui compagni di merende c’è la chiave per la soluzione del caso”: l’avvocato Valter Biscotti, commenta così la richiesta di avocazione dell’indagine avanzata dalla procura generale del capoluogo toscano. Lo fa in una dichiarazione all’ANSA. “Poiché ritengo discutibilissimi gli esiti di quei processi – sostiene l’avvocato Biscotti – ho la sensazione che ci vogliono impedire di accedere a quegli atti. Si pensi solo alla storia del proiettile trovato nel giardino di Pacciani Una perizia (Minervini) mette in forte discussione ‘il ritrovamento’. Noi vogliamo vedere tutti gli atti perché li c’è la verità degli otto duplici omicidi, verità a mio giudizio che non ha nulla a che vedere con istruttorie e sentenze fino ad ora conosciute”.

L'articolo Mostro di Firenze, i familiari delle vittime chiedono l’avocazione dell’indagine da www.controradio.it.

Bimbo di un anno ricoverato: madre indagata per maltrattamenti

Bimbo di un anno ricoverato: madre indagata per maltrattamenti

Perugia – La Procura di Perugia ha incaricato un medico legale di svolgere accertamenti “urgenti e irripetibili” per chiarire le cause delle lesioni trovate sul corpo del bimbo di un anno ricoverato al Meyer.

E’ stata indagata per maltrattamenti, lesioni e abbandono di minore la madre del bimbo di un anno nei giorni scorsi trasportato all’ospedale di Perugia in arresto cardio-circolatorio e poi ricoverato in gravi condizioni al Meyer di Firenze. La notizia è riportata dai giornali locali. La Procura di Perugia ha incaricato un medico legale di svolgere accertamenti “urgenti e irripetibili” per chiarire le cause delle lesioni trovate sul corpo del piccolo. Non è chiaro se l’iscrizione nel registro degli indagati sia legata a elementi emersi dall’indagine in corso o sia stata disposta per permettere alla giovane, di origini straniere, di nominare un proprio consulente e partecipare agli esami.

Gli inquirenti hanno acquisito anche il telefono cellulare della madre e dei vestiti del piccolo. Gli esami clinici compiuti dai medici dell’ospedale di Perugia dopo avere rianimato il bambino avevano portato alla luce una frattura “pregressa” dell’omero destro, in seguito alla quale era stato ricoverato nello stesso ospedale di Perugia il 24 marzo scorso, una frattura alla testa e una tumefazione sempre al capo. La giovane avrebbe sostenuto che il figlio stava mangiando un biscotto quando aveva rischiato di soffocare. Avrebbe quindi cercato di rimuovere il cibo gettandogli poi addosso dell’acqua fredda nel tentativo di farlo riprendere.

L'articolo Bimbo di un anno ricoverato: madre indagata per maltrattamenti da www.controradio.it.

Meyer, bimbo di un anno ricoverato: indagini in corso per possibili maltrattamenti

Meyer, bimbo di un anno ricoverato: indagini in corso per possibili maltrattamenti

Meyer – Gli investigatori indagano su possbili maltrattamenti o incuria nei confronti del bimbo di un anno che resta ricoverato in gravi condizioni.

Stanno esaminando testimonianze e varia documentazione, anche medica, gli investigatori della squadra mobile di Perugia impegnati nell’indagine per chiarire le cause delle lesioni riscontrate su un bimbo di un anno giunto domenica in arresto cardio-circolatorio all’ospedale di Perugia e ora ricoverato in gravi condizioni al Meyer di Firenze.

Le ipotesi al vaglio rimangono quelle che il piccolo possa avere subito dei maltrattamenti o che quanto successo sia riconducibile a incuria. Sul corpo del bimbo quando è stato rianimato dai medici, è stata riscontrata una frattura pregressa dell’omero destro, per cui fu ricoverato lo scorso 24 marzo 2022, fratture alla testa e una tumefazione alla fronte. La causa delle fratture è tutta da chiarire. L’indagine sarebbe al momento ancora a carico di ignoti ma sugli accertamenti in corso viene mantenuto il massimo riserbo.

Nel frattempo, come detto, il bimbo al momento è in condizioni cliniche stabili, ma sempre molto gravi. Il bambino è ancora ricoverato nel reparto di rianimazione del Meyer dove è arrivato alle 15 di ieri, lunedì 16 maggio 2022, ed è in coma farmacologico. La prognosi resta sempre riservata.

L'articolo Meyer, bimbo di un anno ricoverato: indagini in corso per possibili maltrattamenti da www.controradio.it.