‘Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!’

‘Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!’

‘Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano’: manifestazione in solidarietà alle donne stuprate a Firenze e a tutte le vittime di violenza di genere. Appuntamento per stasera, sabato 16 settembre, alle ore 20,30 al Piazzale Michelangelo.

‘Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano’ è una manifestazione di solidarietà per tutte le vittime di violenze di genere. Diversi i motivi che vogliono essere ribaditi, sottolineati e messi in luce con questo evento:

–       Non si tratta dell’emergenza dell’ultimo minuto ma che la cultura dello stupro esiste ovunque si dica che la vittima “se l’è cercata” o “chissà se è vero”.

–       Tutte le vittime di violenza devono essere credute ed hanno un grande coraggio.

–       Le donne non vogliamo essere sorvegliate e controllate, in piena logica paternalista, dagli stessi, sindaco incluso, che impongono codici di comportamento e di abbigliamento.

–       Le donne non vogliono essere strumentalizzate da razzisti quando a stuprare è lo straniero.

–       Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano e ciascun@ conquista la propria libertà, giorno per giorno, lottando contro violenze fuori e dentro casa.

–       Dire che sono le donne, colpevoli, a provocare è come dire che gli uomini, tutti, sarebbero naturalmente predisposti allo stupro. Sappiamo che non è così.

–       Le donne vogliono potersi difendere da sole e investire su se stesse, sulla loro capacità di fare rete, di valorizzare l’esperienza di ciascuna.

L'articolo ‘Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!’ proviene da www.controradio.it.

Denuncia stupro: Firenze, domani corteo di solidarietà con studentesse Usa

Denuncia stupro: Firenze, domani corteo di solidarietà con studentesse Usa

Iniziativa a Piazzale Michelangelo alle 20,30 organizzata dalla rete nazionale “NonunadimenoFirenze”.

Corteo, domani sera a Firenze, in solidarietà con le due studentesse Usa che hanno denunciato di essere state stuprate da due carabinieri. A lanciarlo sui social, annunciandolo per le 20,30, il gruppo Facebook “NonunadimenoFirenze”: l’iniziativa, che sulla pagina conta già svariate centinaia di aderenti, partirà domani sera dal piazzale Michelangelo, vicino al locale dove è avvenuto l’incontro tra i carabinieri e le ragazze.
“Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano”, e’ lo slogan del corteo, al quale i partecipanti, dalla pagina facebook, sono invitati a non portare bandiere e manifesti di altro tipo se non “antisessista”.
“Si scende in piazza per ribadire che quanto è avvenuto non è emergenza dell’ultimo minuto – si legge sul sito -. La cultura dello stupro esiste ovunque si dica che la vittima “se l’è cercata” o “chissà se è vero”. Tutte le vittime di violenza devono essere credute ed hanno un grande coraggio. Le donne non vogliono essere sorvegliate e controllate, in piena logica paternalista, dagli stessi, sindaco incluso, che impongono codici di comportamento e di abbigliamento. Le donne non vogliono essere strumentalizzate da razzisti quando a stuprare è lo straniero.”
Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano – si legge ancora sull’evento – e ciascuna conquista la propria libertà, giorno per giorno, lottando contro violenze fuori e dentro casa. Dire che sono le donne, colpevoli, a provocare è come dire che gli uomini, tutti, sarebbero naturalmente predisposti allo stupro. Sappiamo che non è così. Le donne vogliono potersi difendere da sole e investire su sè stesse, sulla loro capacità di fare rete, di valorizzare l’esperienza di ciascuna“.

L'articolo Denuncia stupro: Firenze, domani corteo di solidarietà con studentesse Usa proviene da www.controradio.it.

Flower al Piazzale, Nardella giovedì su alberi, tramvia, moschea a migranti

Flower al Piazzale, Nardella giovedì su alberi, tramvia, moschea a migranti

Proseguono gli appuntamenti del Flower, lo spazio estivo sulla terrazza panoramica di Firenze. Giovedì talk show al Piazzale con il sindaco Dario Nardella. Venerdì  gli stati generali dell’artigianato con l’assessore Cecilia Del Re

Una settimana tra musica e talk show al piazzale Michelangelo: proseguono gli appuntamenti del Flower, lo spazio estivo adagiato sulla terrazza panoramica di Firenze.

Domani, martedì 5 settembre, sul palco del Flower saliranno invece i Sinedades, band toscana dall’anima sudamericana. La voce di Erika Boschi e la chitarra di Agustin Cornejo si intrecciano, componendo melodie e raccontando storie. In un’atmosfera di intima essenzialità, si fondono i continenti delle loro origini e le rispettive tradizioni sonore: il folk europeo si mescola con i ritmi sudamericani. I testi, in spagnolo, sono accomunati da temi ricorrenti: la connessione con la natura, l’amore, la fantasia, il sogno, l’approfittare del tempo, il viaggio. Il progetto si è qualificato come primo classificato del Progetto “Toscana100Band” di Regione Toscana, bando che premiava i migliori progetti musicali regionali. Inizio concerto ore 21.30.

Mercoledì 6 settembre alle ore 21 si parte per un viaggio nella storia del rock con lo spettacolo “Rock Tales: Transgression”, prodotto da Arno Klein e Manipolo Fiorentino e scritto da Cristiano Burgio e Giulia Rosini. Lo stesso Burgio (prosa), con Iacopo Meille (canto) e Federico Piras (chitarre, loop e cori), daranno vita a un personaggio che condurrà il pubblico indietro nel tempo, dalla metà degli anni ’50 alla fine degli anni ’70, facendo emergere gli aspetti musicali e storici che hanno tratteggiato la nascita e l’affermarsi del rock. “Alla fine degli anni ’50, dopo la sconvolgente esibizione tv di Elvis Presley all’Ed Sullivan Show – racconto gli autori – un deputato presentò al Congresso un disegno di legge per bandire la musica rock dagli Stati Uniti e per vietarne l’esecuzione e l’ascolto. Il puritanesimo, la tradizione, i poteri conservatori si sentivano minacciati. Ci siamo immaginati un processo in cui il personaggio, grottesco e surreale, compie un’arringa finale contro il rock stesso. Le musiche e i brani, parallelamente, accompagnano il pubblico fino al verdetto, con un’inaspettata conclusione”.

Giovedì 7 settembre, “This is Florence” porta al piazzale Michelangelo il sindaco Dario Nardella, per una chiacchierata che spazierà dal destino del patrimonio arboreo allo stato dell’arte sulle due linee di tranvia in costruzione, dalla questione della moschea a quella del nuovo stadio della Fiorentina, dalle piazze che fanno discutere alla questione delle periferie, fino alle recenti prese di posizione sul decreto Minniti sugli immigrati e alla questione sicurezza e anti terrorismo. L’appuntamento è alle ore 21.

Venerdì 8 settembre (ore 21) ancora protagonista l’anima più profonda della città, con la serata dal titolo “Artigiani, un tesoro fiorentino”. Agli stati generali dell’artigianato fiorentino prenderanno parte alcuni dei protagonisti del tessuto economico cittadino, tra cui Alessandro Sorani (Presidente Confartigianato), Bianca Guscelli (Brandimarte), Gabriele Maselli (Cornici), Alessandro Penco (Penco Orefice), Riccardo Bianchi (pittore restauratore), in aperto dialogo con l’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re.

Chiude la settimana la perfomance live di Lucille Dj, con una sessione di ascolto meditato per la rassegna Flower Power Groove, domenica 10 settembre dalle ore 21.

Tutti gli incontri sono a ingresso libero, i talk show sono ascoltabili anche in diretta sulle frequenze di Controradio (93.600 Mhz FM per le province di Firenze, Prato e Pistoia, 98.900 Mhz FM per le province di Pisa, Lucca e Livorno) e in streaming su www.controradio.it e sulla pagina Facebook Controradio Firenze.

 

L'articolo Flower al Piazzale, Nardella giovedì su alberi, tramvia, moschea a migranti proviene da www.controradio.it.

Flo’ Lounge Bar da Giovedì 14 Maggio

Anteprima SUMMER 2015 OPENING PARTY >> 14 Maggio 2015

Flo’ Lounge Bar da Giovedì 14 Maggio Il mio nome è FLO’ e sono l’estate.Con questo claim, si presenta tirato a lucido il panoramico locale adiacente al Piazzale Michelangelo.

Al nastro di partenza infatti la nuova stagione estiva di Flò Lounge Bar, la terrazza modaiola affacciata su Firenze, che come ogni anno accende l’estate con nuove serate, aperitivi ed eventi sempre più cool.

Con la sua programmazione di 7 giorni su 7, Flò riconferma il suo allure tipico, forte della suggestiva location in cui è immerso e dei suoi arredi di design. Sospesi in un quadro unico, aperitivo, happy hour ed after dinner si fondono ogni giorno in un appuntamento informale, che vuole rendere la gente protagonista sullo scenario mozzafiato di una Firenze illuminata dai bagliori del tramonto.

Come programma, quest’anno la direzione artistica di Otel (a firma Mirko Francalanci) ha ideato un fitto carnet di eventi per tutti i gusti, scommettendo su un giovedì a marchio “Bootleg” che si annuncia come il nuovo party VIP dell’estate.

La settimana inizierà lunedì con “Latin Flò”, la notte in cui i ritmi latini fanno da padroni. Salsa cubana e portoricana, reggaeton ed altri balli caraibici coloreranno i lunedì notte d’estate.
Il martedì sarà “Strepitoso”, notte dedicata agli operatori della movida fiorentina ed agli studenti universitari in visita a Firenze. Un’occasione per riunirsi in allegria sulle note commerciali ed hip-hop proposte dal dj di turno.
Mercoledì dal titolo “Let’s Flò Party”, con una serata per rivivere a tratti gli anni d’oro della discomusic ’70 e ’80 con i live set delle migliori band toscane dal sapore retrò. Dalle 23 via dj set con happy e oldschool music.
Ma – come anticipato – è il giovedì che Flò indosserà il suo abito migliore con una new entry da tutto esaurito. Si chiamerà “Bootleg” e sembra annunciarsi come la one-night di Firenze per eccellenza. Il jet set toscano, la Club House music selezionata da un roster di djs nazionali ed internazionali (il resident Marco Bertani in prima linea) e tante partnership con i più esclusivi locali d’Italia, oltre ad uno staff di animazione da togliere il fiato. Waiting for…
Venerdì sarà “GLAM”, con musica soulful e glam house per una notte dai tratti chìc e metropolitani costellata da un set di lady vocalist.
La febbre del sabato scorre invece con “FLOVE”. La formula? aperitivo con live set, brindisi ed a seguire musica R’n’B, animazione sui cubi ed un proseguo happy-house dal sapore cosmopolita. FLOVE, per un Flò tutto da amare.
Domenica sarà invece “AperItalia”: serata al cento per cento tricolore, costruita su un gran buffet arricchito da live music e dj set italian style. Special performers occasionali Walter & Dido.

Inaugurazione fissata per Giovedì 14 Maggio con un party che riunirà la top nightlife con i migliori djs della penisola e live session.

Flo’ Lounge Bar
Aperto dal Lunedì alla Domenica
INGRESSO LIBERO
Viale Michelangelo, 82, 50125 Firenze
Info-Prenotazioni: 055 650791 | info@otelvariete.com
www.flofirenze.com

Scalone delle Cinque Paniere

Sono terminati i lavori di restauro dello Scalone delle Cinque Paniere di piazzale Michelangelo. L’intervento, resosi necessario a causa della rottura di uno scalino, ha interessato l’intera scalinata che è stata sottoposta a lavori di messa in sicurezza, di trattamento delle pietre malmesse e di impermeabilizzazione per evitare che le infiltrazioni d’acqua potessero danneggiare le barre di ferro sottostanti, nonché la sostituzioni delle barre arrugginite.

File:Floransa.jpg
Lo scalone sarà quindi riapert odomani sabato 21 dicembre. Rimarranno montate le protezioni del cantiere sui lati perché le ringhiere in ferro battuto, prima non presenti ma concordate in occasione del restauro con la soprintendenza per garantire una maggiore sicurezza ai visitatori, non sono ancora pronte. Il montaggio è infatti previsto a metà gennaio quando lo scalone tornare ad essere completamente fruibile.
“Questo intervento si inserisce in un pacchetto di lavori di ripristino e restauro delle scalinate in zona San Niccolò-piazzale Michalengelo – sottolinea l’assessore alla mobilità Filippo Bonaccorsi – che ha visto anche la ripulitura e sistemazione della scalinata di San Salvatore a Monte, effettuata a fine agosto, e che presto vedrà la soluzione anche della questione del pilastro di Poggio Imperiale”. Si tratta di un parapedonale in pietra sul quale poggia la catena di delimitazione del giardino nella parte superiore del viale (lato San Felice a Ema) che qualche tempo fa è stato abbattuto da un camion. Gli uffici comunali hanno predisposto il progetto per il ripristino del pilastro i cui lavori partiranno ad anno nuovo.