Progetto T-VedO

Nei musei statali fiorentini  si amplia la dotazione di opere per la lettura tattile, destinate ai visitatori ipo e non vedenti.
Il 17 gennaio prossimo, alle ore 9.30, nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Firenze, in Piazza S. Marco, 4, saranno presentati i risultati del progetto T-VedO finanziato dalla Regione Toscana .


Il progetto T-VedO (Ricostruzione Tridimensionale per non VEDenti di Opere d’arte pittoriche) e sviluppato dal Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’università di Firenze, ha avuto come obiettivo quello di sviluppare un metodo computerizzato in grado di trasformare dipinti ed affreschi in modelli 3D esplorabili con il tatto al fine di consentire la fruizione di opere d’arte pittoriche anche a persone affette da disturbi alla vista (non vedenti ed ipovedenti).
Per la definizione della metodologia sviluppata hanno collaborato al progetto alcuni membri della sezione Unione Italiana Ciechi di Firenze ed il presidente della stessa, Antonio Quatraro.
T-VedO si è concluso con la messa a punto di una serie di tool per la realizzazione assistita dal calcolatore di bassorilievi tattili a partire da immagini digitali e con la realizzazione di alcuni prototipi quali l’Annunciazione del Beato Angelico (che sarà esposto al Museo di San Marco proprio venerdì 17 prossimo) e la Guarigione dello Storpio e Resurrezione di Tabita di Masolino da Panicale che sarà esposto nella Basilica del Carmine sempre a Firenze.
Il progetto è stato coordinato dalla professoressa Monica Carfagni e ha visto l’apporto attivo da parte dei ricercatori Lapo Governi, Rocco Furferi e Yary Volpe, dei dottorandi Luca Puggelli e Niccolò Vanni e di Giovanna Tennirelli.
Le “letture tattili” negli altri musei del Polo
All’inizio dello scorso mese di dicembre, agli Uffizi si è ampliato il percorso tattile nel complesso vasariano, aumentando fino a 27 il numero delle opere da leggere con le mani, posizionate in sette diversi spazi della Galleria e della Sala del Cavallo, al piano terra del lato di ponente del museo.
Ma anche in altri musei del Polo Fiorentino i visitatori ipo e non vedenti hanno la possibilità di effettuare visite tattili alle varie opere:
a Palazzo Davanzati si possono toccare arredi e suppellettili della casa fiorentina antica;
al Museo Nazionale del Bargello, si possono conoscere materiali e forme nella scultura dal XIV al XVI secolo;
all’interno di Orsanmichele dove, dal 2009 è possibile toccare architetture e opere scultoree in un percorso guidato, anche grazie alla collaborazione dell’Associazione Amici dei musei;
al Cenacolo di Andrea del Sarto che, dal 2007, accoglie le riproduzioni in rilievo di sei capolavori pittorici (destinati all’esplorazione tattile dei non vedenti), tutti della Galleria degli Uffizi: la Madonna del Cardellino di Raffaello, il Ritratto del Duca di Urbino di Piero della Francesca, il Ritratto dell’uomo con la medaglia di Botticelli, il Ritratto di Cosimo il Vecchio di Pontormo, il Ritratto di Giovanni de’ Medici bambino e il Ritratto di Bia de’ Medici entrambi di Bronzino.