Poesia nella città

Si intitola “Poesia nella città” ed è “un itinerario di poesia, musica, scultura e danza dedicato a Mario Luzi nei luoghi di Michelangelo Buonarroti”.
In occasione del centenario della nascita del grande poeta fiorentino, è stato messo a punto un progetto a cura del Comitato del Centenario Mario Luzi 1914-2014, ideato dall’“Associazione Mendrisio Mario Luzi Poesia del Mondo”.

http://www.polomuseale.firenze.it/areastampa/files/53d78e192964454c0f000029/POESIA%20NELLA%20CITTA.jpg

Si tratterà di un appuntamento composito di arte, musica, poesia e danza di cui sarà protagonista Versiliadanza, che in collaborazione con Edizioni della Meridiana, Comitato del Centenario Mario Luzi 1914-2014, Liceo Artistico Statale di Porta Romana di Firenze, e il Polo Museale Fiorentino, promuove cinque eventi dedicati alla scrittura di Mario Luzi nei luoghi di Michelangelo Buonarroti, tre dei quali riguardano musei del Polo Fiorentino.
Il primo è previsto il 2 agosto alle 11.30 nel Chiostro di Sant’Antonino del Museo di San Marco; il secondo è programmato il 5 agosto alle 19.30 e alle 20.45 alla Galleria dell’Accademia; il terzo sarà il 12 settembre alle 19.30 nel Museo delle Cappelle Medicee. Gli utlimi due sono in scaletta il 18 settembre alle 10.30 nella Gipsoteca del Liceo Artistico Statale di Porta Romana e il 25 settembre alle 19.30 alla Basilica di San Miniato al Monte.

Di Michelangelo Buonarroti ricorrono quest’anno i 450 anni dalla morte e pochi artisti hanno lasciato un segno così profondo e duraturo nella storia dell’arte della nostra città. Nel 2014 ricorre anche il centenario della nascita di Mario Luzi, poeta fiorentino tra i più amati e figura indiscussa della poesia del Novecento. Pochi sanno che tra il 1975 e il 1976 Mario Luzi cura un’edizione delle “Rime” di Michelangelo Buonarroti per Giunti-Nardini Editore.
Attraverso un itinerario che ripercorra alcuni luoghi e opere di Michelangelo che spostandosi dal Chiostro di Sant’Antonino nell’ex-convento di San Marco, oggi museo, limitrofo al mediceo Giardino di San Marco dove il giovane Michelangelo studiò la statuaria classica, alla Galleria dell’Accademia, per giungere al Complesso della Basilica di San Lorenzo nei meravigliosi luoghi delle Cappelle Medicee fino a salire alla Basilica di San Miniato al Monte senza tralasciare la Gipsoteca dell’ex-Istituto Statale d’Arte di Firenze (con un evento appositamente studiato in orario curriculare per gli Studenti) che conserva i calchi di gesso degli originali del David e altre sculture michelangiolesche, costruiremo un viaggio/intreccio nella scrittura di Mario Luzi, le Rime di Michelangelo, le sue opere scultoree e architettoniche attraverso il linguaggio della poesia accompagnato dalla musica dal vivo e dalla danza. Poesia, musica, danza, scultura e architettura sono legate da un’affinità particolare. La danza si lega alla scultura e all’architettura facendosi carne di quella “proiezione” del movimento avvolto nel silenzio e nella materia eterna. La poesia s’incarna attraverso la parola e la voce. La musica incastona il tempo e fonde ogni forma d’arte.  I luoghi diventano architettura vivente, memoria di ciò che vi accade.
Il progetto si conclude e culmina alla Basilica di San Miniato al Monte per la quale Mario Luzi scrisse Siamo qui per questo, con l’Omaggio a Mario Luzi, cittadino di Firenze e del mondo, curato dal Comitato del Centeranio Mario Luzi 1914-2014. L’evento e’ ideato dall’”Associazione Mendrisio Mario Luzi Poesia del Mondo”, presieduta e diretta da Paolo Mettel, e prevede un momento di interventi a cura di docenti, giornalisti, poeti a cui seguirà la lettura di un adattamento di Marco Marchi (docente universitario) dell’Opus Florentinum.

Scarpe rosse: 8 marzo alla Coop

Scarpe rosse: 8 marzo alla Coop Gavinana. Scarpe rosse, questo il titolo dell’installazione con performance di arte collettiva all’aperto, per fare rete contro la violenza sulle donne, a cura dell’artista fiorentina Alessandra Borsetti Venier, dell’associazione MultiMedia 91, che l’8 marzo sarà allestita in piazza Bartali a Firenze, accanto al Centro Gavinana.


Oltre quattrocento paia di scarpe femminili dipinte di rosso, raccolte con l’aiuto di associazioni, scuole, biblioteche e cittadini, in modo da formare il numero 130, il numero dei femminicidi avvenuti in Italia nel 2013.Video, performance, letture di poeti, studenti e cittadini, e le sculture di Giampiero Poggiali Berlinghieri. In prima fila fra i lettori ci saranno le sezioni soci Coop di Firenze Sud Est, Nord Est e Bagno a Ripoli che hanno promosso gli eventi; accanto a loro, i ragazzi delle scuole del territorio, i volontari delle Bibliocoop, i dipendenti di Unicoop Firenze, numerosi poeti fiorentini e tutti quelli che, per caso e per scelta, assisteranno all’evento.

Tra desiderio e sogno

“Tra desiderio e sogno”, domani a Palazzo Vecchio le letture della poetessa Roberta Degl’Innocenti e i dipinti del Maestro Giancarlo Ferruggia.Domani, venerdì 14 febbraio, alle 16.30 nella Sala della Miniatura a Palazzo Vecchio, il presidente del Consiglio comunale Eugenio Giani presenta “Tra desiderio e sogno”, un incontro con la poesia di Roberta Degl’Innocenti e i dipinti del Maestro Giancarlo Ferruggia.
Interverranno: Lia Bronzi, Presidente della Camerata dei Poeti, Roberto Cellini, Presidente del Centro d’Arte Modigliani, Duccia Camiciotti, Vice Presidente della Camerata dei Poeti, Carmelo Consoli, Segretario della Camerata dei Poeti.
L’incontro, dopo il saluto istituzionale del presidente Giani e la presentazione da parte del Consiglio Esecutivo della Camerata dei Poeti e di Roberto Cellini, Presidente del Centro d’Arte Modigliani (del quale la Degl’Innocenti è Vice Presidente Emerita), si svolgerà con letture dell’autrice e di Andrea Pericoli.
Nel corso del pomeriggio esposizione di alcuni dipinti del maestro Giancarlo Ferruggia con la medesima tematica e relativi a Firenze.
L’opera omnia di Roberta Degl’Innocenti (narrativa e poesia: nove libri) era stata presentata a maggio 2012 in Palazzo Vecchio.
BIOGRAFIA
Roberta Degl’Innocenti vive e opera a Firenze.
Poetessa, scrittrice, critico letterario.
Ha pubblicato quattro libri di racconti: “Il Venditore di Palloncini e altre storie” (Ibiskos, 1995/97), “L’Azalea” (Ibiskos, 1998), “Donne in fuga” (Sassoscritto, 2003), “La Luna e gli Spazzacamini” (Fiabe per Grandi e Piccini), Edizioni Del Leone, 2007) e cinque raccolte di poesia: “Il Percorso” (Accademia Vittorio Alfieri, 1997), “Colore di donna”, (Chegai, 2000), “Un vestito di niente” (Edizioni Del Leone, 2005), “D’aria e d’acqua le parole” (Edizioni Del Leone, 2009). “I graffi della luna” (Edizioni Del leone, 2012). Ha vinto importanti e prestigiosi primi premi, sia per l’edito che per l’inedito, tra i quali Formica Nera, Rabelais, Giuseppe Caprara, Cesare Orsini, Calliope, più volte Il premio Cenacolo Accademico Europeo Poeti nella Società Delegazione Svizzera Tedesca e tanti altri. E’ presente in tantissime antologie. Molte le testimonianze espresse su di lei. Membro di giuria in concorsi di poesie e narrativa. E’ presentatrice presso il Caffè Storico Letterario Giubbe Rosse, nelle più importanti librerie e nelle sedi delle associazioni presso le quali opera. Nel 2010 è stata conferenziera ad un Convegno Internazionale all’Università di Lettere e Filosofia di Roma 3, dal titolo La parola e l’immagine. Dal suo intervento, relativo ai quadri del pittore Ferruggia e la corresponsione con i testi di Lawrence, Flaubert, Pasternàk e Giacomo Casanova, ha scritto poi un saggio (2° premio saggistica Priamar Savona). Altri saggi sono seguiti con conferenze su Sergio Corazzini e Gorrado Govoni. E’ stata presente a serate ricordo per Alda Merini ed ha lei stessa operato in tal senso in due diversi momenti in Firenze ed a Tavarnelle VP. Presso la libreria Chiari, ora Salvemini, ha organizzato e condotto tante serate collettive di poesia a tema e presentato singoli autori. La sua opera poetica è stata presentata alla Stanza della poesia, presso il Palazzo Ducale di Genova. Gli ultimi quattro libri, pubblicati con Edizioni Del Leone, sono stati tutti presentati a Firenze presso il Palagio di Parte Guelfa dal noto scrittore e poeta Paolo Ruffilli, autore delle prefazioni, e da Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Comunale e scrittore, quest’ultimo ha presentato, insieme a Lia Bronzi, Presidente della Camerata dei Poeti, la sua opera omnia in Palazzo Vecchio nel 2012. Roberta Degl’Innocenti è Vice Presidente Emerita del Centro D’Arte Modigliani. Fa parte del Consiglio Esecutivo della Camerata dei Poeti, del Consiglio Direttivo dell’Associazione Giglio Blu. E’ socia di Pianeta Poesia, dell’Accademia Vittorio Alfieri, del Circolo Iplac con il quale è stato presentato I Graffi della luna alla Libreria Rinascita di Roma. I graffi della luna è stato presentato anche a Padova e nel Golfo dei Poeti, prossimo appuntamento a Napoli in febbraio. Moltissime le testimonianze espresse su di lei con recensioni e saggi. E’ presente nell’Atlante Letterario Italiano (www.literary.it).

D’Annunzio al Museo Casa Martelli

Una giornata per d’Annunzio al Museo  Casa Martelli(via Zannetti 8, Firenze), dove il 28 novembre sarà celebrato il centocinquantenario della nascita di Gabriele d’Annunzio. Il programma dell’iniziativa prevede una giornata di studio e un concerto.


Alle 16, dopo le introduzioni del Soprintendente Cristina Acidini, del Direttore dei Casa Martelli, Monica Bietti, e del Vice presidente dell’Ente Cassa di Risparmio, Pierluigi Rossi Ferrini, promotore e sostenitore dell’iniziativa, si susseguiranno gli interventi di Carlo Sisi (Consigliere dell’Ente Cassa di Risparmio), di Claudio Paolini (Sprintendenza Beni Architettonici) che parlerà de “La Capponcina: un arredo in forma di romanzo”; di Marco Marchi (Università di Firenze) che tratterà de “Lo sguardo e i simboli. Con d’Annunzio alla Capponcina”; quindi lo storico dell’arte Andrea Baldinotti parlerà su “Gabriele d’Annunzio, Camillo Biondi, la Manifattura di Signa. Da un epistolario inedito”; a seguire Simona Costa (Università di Roma Tre) chiuderà gli interventi parlando de “Il mago della Capponcina: tra parola e musica, verso un’arte totale”.
La seconda parte della giornata, che prenderà il via alle 20.45, è caratterizzata da un concerto – con Daniela Costa al pianoforte e Silvia Regazzo mezzosoprano – che prevede romanze di Francesco Paolo Tosti (1846-1915) su liriche di Gabriele d’Annunzio, fra le quali Visïone!… e le Quattro canzoni d’Amaranta, e di Reynaldo Hahn (1875-1947) con testi selezionati, fra gli altri, da Les feuilles blessées. La prima melo­dia, Visïone!…, dà il titolo al concerto e comprende il momento più creativo del giovane Tosti; alla sua collaborazione con d’Annunzio, sviluppatasi prima (1880-1892) e a conclusione dei fecondi anni fio­rentini (1906), si deve la fama europea del musicista quale autore di romanze, fra cui le Quattro canzoni d’Amaranta, e di canzoni napoletane. L’iniziativa è a ingresso libero, fino a esaurimento dei posti disponibili.