“Un’ora d’aria per i bambini”: anche a Milano petizione di genitori e cittadini

“Un’ora d’aria per i bambini”: anche a Milano petizione di genitori e cittadini

“Perché i cani sì e i bambini no?”,  intervista con MADDALENA, un a delle promotrici dell’appello

“Siamo consapevoli della situazione drammatica che c’è a Milano, ma se i genitori sono  in grado di fare la spesa ordinatamente e mantenendo le distanze, perché sono ritenuti così irresponsabili da non saper badare ai propri figli?”

ASCOLTA L’INTERVISTA

L'articolo “Un’ora d’aria per i bambini”: anche a Milano petizione di genitori e cittadini proviene da www.controradio.it.

“Riaprire l’Italia?” E’ polemica dopo appello Renzi

“Riaprire l’Italia?” E’ polemica dopo appello Renzi

Ascolta l’intervista al deputato di Italia Viva GABRIELE TOCCAFONDI

“Riapriamo. Perché non possiamo aspettare che tutto passi. Perché se restiamo chiusi la gente morirà di fame. Perché la strada sarà una sola: convivere due anni con il virus”: è l’appello a far ripartire al più presto le attività in Italia lanciato da Matteo Renzi in un’intervista ad Avvenire. “Serve un piano per la riapertura e serve ora. Le fabbriche devono riaprire prima di Pasqua. Poi il resto. I negozi, le scuole, le librerie, le Chiese. Serve attenzione, serve gradualità. Ma bisogna riaprire”, ha chiesto il leader di Italia Viva.

ASCOLTA L’INTERVISTA 

L'articolo “Riaprire l’Italia?” E’ polemica dopo appello Renzi proviene da www.controradio.it.

Regionali:Fattori candidato governatore ‘Toscana a sinistra’

Regionali:Fattori candidato governatore ‘Toscana a sinistra’

“Toscana a Sinistra è il nuovo nome del progetto che – spiega Fattori – è ancora più largo che nel 2015”, sostenuto da “alcune liste di cittadinanza tra cui Firenze Città Aperta, Una Città in Comune di Pisa, Buongiorno Livorno e da altre forze della sinistra come Rifondazione Comunista e Potere al Popolo”.

Tommaso Fattori, capogruppo in Consiglio regionale di ‘Sì Toscana a sinistra’ è il candidato presidente della Regione Toscana alle prossime regionali per una coalizione che riunisce varie sigle di sinistra tra cui Rifondazione comunista e Potere al popolo: il nome è stato annunciato nel corso di una videoconferenza in cui sono state presentate proposte per affrontare l’emergenza Coronavirus.
“Toscana a Sinistra è il nuovo nome del progetto che – spiega Fattori – è ancora più largo che nel 2015”, sostenuto da “alcune liste di cittadinanza tra cui Firenze Città Aperta, Una Città in Comune di Pisa, Buongiorno Livorno e da altre forze della sinistra come Rifondazione Comunista e Potere al Popolo”.
“Unanimemente – ha detto Fattori – è stato proposto il mio nome e ne sento tutta la responsabilità, a maggior ragione in questo momento. Sarà un’assemblea regionale a ratificare questa scelta, non appena sarà possibile convocarla”.

L'articolo Regionali:Fattori candidato governatore ‘Toscana a sinistra’ proviene da www.controradio.it.

Coronavirus: Sì Toscana, istituire reddito di quarantena

Coronavirus: Sì Toscana, istituire reddito di quarantena

Il reddito di ‘quarantena’ o di emergenza per chi non può lavorare, è stato spiegato, potrebbe essere introdotto con la creazione di un fondo regionale, ad integrazione delle misure nazionali”

Un piano per la requisizione di attività produttive per la produzione di mascherine e di altri beni essenziali, e anche di grandi immobili privati adatti ad accogliere le persone in quarantena, insieme allo stop delle alienazioni del patrimonio immobiliare delle Asl regionali e l’introduzione di misure di sostegno economico per chi è in difficoltà a causa dell’emergenza Coronavirus prevedendo un reddito di ‘quarantena’. Sono alcune delle proposte avanzate in una videoconferenza dai consiglieri regionali di Sì Toscana a sinistra Tommaso Fattori (capogruppo) e Paolo Sarti insieme a esponenti di Potere al popolo, Rifondazione comunista Toscana e liste di cittadinanza. Il reddito di ‘quarantena’ o di emergenza per chi non può lavorare, è stato spiegato, potrebbe essere introdotto con la creazione di un fondo regionale, ad integrazione delle misure nazionali, per dare una continuità salariale alle categorie prive di tutela e di un fondo straordinario per dare un sostegno a coloro che non riescono a pagare l’affitto. “Si tratta di oltre 20 proposte concrete e abbastanza minuziose” ha detto Fattori per il quale dopo la fine dell’emergenza Coronavirus “occorre voltare pagina, tutto andrà bene se non tornerà tutto come prima, cioè se chiuderemo la stagione delle privatizzazioni, del definanziamento del sistema sanitario nazionale, se abbandoneremo le politiche di precarizzazione del lavoro, se rafforzeremo le politiche del sistema sanitario pubblico”.

L'articolo Coronavirus: Sì Toscana, istituire reddito di quarantena proviene da www.controradio.it.

Mascherine: Nursind deposita esposto contro Regione Toscana

Mascherine: Nursind deposita esposto contro Regione Toscana

Si contesta la violazione di norme sulla sicurezza sul lavoro “per non aver fornito agli infermieri dispositivi di protezione idonei al rischio biologico da affrontare”. Rossi: “fatto tutto il possibile”

Il sindacato degli infermieri Nursind della Toscana rende noto di aver depositato oggi in procura a Firenze un esposto contro la Regione Toscana. Si contesta la violazione di norme sulla sicurezza sul lavoro, spiega il segretario toscano Giampaolo Giannoni, “per non aver fornito agli infermieri dispositivi di protezione idonei al rischio biologico da affrontare e in particolare per aver imposto l’utilizzo di mascherine prive del marchio Ce e di adeguati livelli di schermatura rispetto al virus”.
L’esposto chiede che “venga valutata ogni eventuale responsabilità penale” rispetto alle condotte dal governatore Enrico Rossi, dell’assessore alla sanità Stefania Saccardi e di Piero Paolini, direttore dipartimento maxiemergenze della Regione. Quest’ultima, spiega Giannoni, “ha emesso un’ordinanza per limitare l’uso delle mascherine idonee a proteggere dal Covid-19 unicamente ai reparti di terapia intensiva, esponendo al rischio contagio tutti gli altri operatori. Una presa di posizione inaccettabile e incomprensibile”.

“Oggi distribuiamo più di 300.000 mascherine: ci sarà anche qualche elemento di dispersione per queste mascherine, qualche problema di distribuzione, ma insomma mi sembra che rispetto ad un quadro generale noi veramente abbiamo fatto tutto il possibile”. Lo ha affermato Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, parlando delle misure di contrasto al coronavirus in collegamento con ‘Mi manda Raitre’. “Nelle aree Covid garantiamo le mascherine Ffp2 – ha aggiunto Rossi – quelle che sono più rinforzate. Ci sembra di far fronte alla situazione, anche se di mascherine non ce ne sono mai abbastanza”. Per quanto riguarda le mascherine in tessuto non tessuto, che la Regione equipara alle mascherine chirurgiche, “noi abbiamo un sistema produttivo ormai che è intorno a 200.000 mascherine che autoproduciamo con i confezionatori della filiera della moda, e anche con i grandi marchi della moda che producono in Toscana, Prada, Céline, Gucci e non vorrei dimenticarne nessuno, un giorno lì ringrazierò in modo pa

L'articolo Mascherine: Nursind deposita esposto contro Regione Toscana proviene da www.controradio.it.