Elezioni Firenze: Forza Italia contro Nardella, in piazza Signoria con Pinocchio

Elezioni Firenze: Forza Italia contro Nardella, in piazza Signoria con Pinocchio

Il sindaco di Firenze Dario Nardella “non ha mantenuto niente di quello che aveva promesso”. Lo ha detto Marco Stella, vicepresidente del Consiglio regionale toscano e coordinatore cittadino di Forza Italia, nel corso di un incontro con la stampa in piazza della Signoria.

Stella ha associato Nardella alla figura di Pinocchio, tanto da andare poi in Palazzo Vecchio con in mano il burattino e con una lista delle “mancate promesse”.
“Dalla bugia sull’azzeramento dell’Irpef per tutti, – ha detto – a quella sulla costruzione del nuovo stadio nell’area Mercafir”. Nella lista anche “la bugia sulla creazione di 20mila
posti di lavoro in cinque anni, la pedonalizzazione di viale Paoli, la riqualificazione del Parco delle Cascine, la costruzione di 22 nuovi parcheggi in cinque anni”. E, ha continuato, “potremmo andare avanti per ore, a elencare quello che non è stato fatto nel programma che aveva presentato Nardella cinque anni fa”.
“Non ho capito – ha concluso – perché dobbiamo dare un voto ad un sindaco che non è stato credibile e non si capisce perché i fiorentini dovrebbero credere alle promesse annunciate da Nardella se non ha mantenuto quelle che aveva fatto cinque anni fa. C’è solo una possibilità per cambiare questa città” ovvero quella “di votare il 26 maggio Forza Italia e Ubaldo Bocci sindaco”.

L'articolo Elezioni Firenze: Forza Italia contro Nardella, in piazza Signoria con Pinocchio proviene da www.controradio.it.

Firenze, Nardella presenta i candidati Pd

Firenze, Nardella presenta i candidati Pd

Tra i 36 nomi dei candidati presenti anche 5 under 30, tra cui la capolista Letizia Perini. Nardella:”Una buona lista, giusto mix tra novità ed esperienza”.

“Abbiamo una squadra affidabile. È una buona lista, molto competitiva, un giusto mix tra novità ed esperienza – dichiara Dario Nardella, attuale sindaco di Firenze – ci sono molti assessori uscenti che in questo modo possono far valere il grande lavoro fatto in questi anni, ma abbiamo anche tanti giovani e tante donne. Ho apprezzato molto la decisione che la Direzione del Partito ha preso all’unanimità di individuare come capolista la più giovane candidata e di avere una lista di persone che sanno di cosa parlano. In questa campagna elettorale dove si sentono cose assurde, improvvisate e senza alcun fondamento, noi abbiamo una lista di persone serie, competenti, che conoscono la città. Questo vale tanto per la lista per il Consiglio comunale quanto per le liste nei consigli di quartiere. E a proposito dei Quartieri abbiamo quattro conferme e una novità, una candidata presidente donna. Ricordo che l’elezione diretta del presidente del quartiere è una novità che noi abbiamo voluto e che abbiamo portato fino in fondo”.

“Sarà una partita di squadra, un gruppo affiatato – aggiunge Leonardo Bieber, coordinatore della campagna elettorale del PD – con tanti nuovi volti, pieno di persone responsabili e modello di buona amministrazione. Questa lista è frutto del voto unanime della Direzione del Partito ed è stata chiusa anche prima della scadenza di legge, fatto mai avvenuto prima. La scelta del luogo in cui l’abbiamo presentata, in piazzetta dello Sprone, non è casuale: questo posto è stato oggetto di un progetto di riqualificazione urbana. Un piccolo esempio di ciò che ha fatto questa amministrazione: dalla rinascita di una piazzetta a due passi dal Ponte Vecchio, alla Manifattura Tabacchi che sarà la più grande operazione di rigenerazione urbana dei prossimi anni. La nostra comunità è piena di ottimi amministratori, in grado di realizzare un modello di città, esportabile anche a livello nazionale, e che guarda al progresso e al futuro”.

Candidati al Consiglio Comunale Cecilia Del Re, Massimo Fratini, Sara Funaro, Federico Gianassi e Andrea Vannucci, pezzi chiave della Giunta uscente. Ma anche l’ex deputato Paolo Beni, l’attuale segretario cittadino del Pd Massimiliano Piccioli e l’ex vicepresidente a livello metropolitano Lorenza Giani, che si misurano per la prima volta con le amministrative.

A capitanare la lista è la più giovane, Letizia Perini, 25 anni. Tra gli under 30 anche Ursula Bassi, Francesca Calì, entrambe in corsa per la prima volta a Palazzo Vecchio, Laura Sparavigna, reduce da un mandato al Q4, e Petra Taddei, proveniente dal Consiglio di Quartiere 2. I candidati più esperti sono Susanna Della Felice e Fabrizio Ricci, classe 1951. Tra le new entry Francesca Merz, 35 anni, libera professionista nei beni culturali, Francesco Romano, ricercatore del CNR impegnato nella semplificazione dei rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione, Donata Bianchi, tra le fondatrici dell’associazione Artemisia contro la violenza sulle donne, Enrico Conti, ricercatore Irpet (Regionale Programmazione Economica Toscana), Francesco Pastorelli, avvocato e segretario di circolo. Provengono dai consigli di quartiere, tra gli altri, Patrizia Bonanni, Leonardo Calistri, Barbara Felleca, Ornella Grassi, Alessandra Innocenti, Franco Nutini, Renzo Pampaloni, Mirco Ruffilli.

In cerca di conferma Benedetta Albanese, Nicola Armentano, l’ex vicepresidente del Consiglio comunale Susanna Della Felice, Stefano Di Puccio, Fabio Giorgetti, Maria Federica Giuliani, Cosimo Guccione, Luca Milani, Francesca Paolieri. In pista per la presidenza dei cinque quartieri quattro candidati uscenti, Maurizio Sguanci al Q1, Michele Pierguidi al Q2, Mirko Dormentoni al Q4, Cristiano Balli al Q5, e l’ex consigliera comunale Serena Perini, che a questo giro si giocherà la presidenza del Q3.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il coordinatore della campagna elettorale del PD Leonardo Bieber:

L'articolo Firenze, Nardella presenta i candidati Pd proviene da www.controradio.it.

Firenze, l’architetto De Blasi è il candidato M5s per le comunali

Firenze, l’architetto De Blasi è il candidato M5s per le comunali

Si è svolta stamani la conferenza stampa di presentazione della candidatura di Roberto De Blasi. Sicurezza, urbanistica, cultura, viabilità e ambiente sono i cinque punti fondamentali del programma.

Sicurezza, urbanistica, cultura, viabilità e ambiente sono i cinque punti fondamentali del programma di Roberto De Blasi, candidato a sindaco di Firenze per il M5s, che ha illustrato oggi alla stampa la sua candidatura. “Roberto – ha spiegato Silvia Noferi, capogruppo uscente a Palazzo Vecchio – è stato il primo a inviare la lista qualche mese fa con tutti i documenti necessari, e ha partecipato con la sua squadra a Villaggio Rousseau, dove nessun altro candidato in lista per Firenze era presente”. Secondo De Blasi a Firenze c’è una “emergenza sicurezza” con “episodi criminosi all’ordine del giorno” che devono essere contrastati, mentre le opere da realizzare, infrastrutturali e non, devono essere inserite in una pianificazione urbanistica: ribadita la contrarietà al potenziamento dell’aeroporto, De Blasi ha espresso perplessità per il progetto di tramvia sui viali di circonvallazione, che avrebbe “un forte impatto sul tessuto urbano”, e invoca un’analisi più approfondita sul progetto di nuovo stadio, osservando che “fra Campi Bisenzio, Prato e Pontassieve ci sono comuni che possono ospitare la struttura senza creare disagi per la popolazione residente”.

“Non è previsto che ci siano dichiarazioni di voto in funzione del risultato” del ballottaggio, “ognuno potrà votare – ha aggiunto – secondo la propria coscienza. Io comunque lotterò fino alla fine per arrivare a un risultato che non mi metta in condizione di dover decidere per quale candidato votare: vorrei per Firenze un sindaco del M5s, sto coi piedi per terra ma siamo tenaci”.

“E’ necessario tentare di ricompattare gli animi per dare più forza e valore all’unità del Movimento 5 Stelle a Firenze”. “Ci deve essere – ha sottolineato De Blasi – una corrispondenza di dialogo: se c’è la volontà di aprire a rappresentanti degli altri gruppi, ci deve essere volontà da parte loro di partecipare al progetto che sto portando avanti. A breve chiuderemo la compilazione delle liste, ed è in corso un’attività di riavvicinamento delle persone che non hanno condiviso la scelta fatta nei miei confronti”. A tale proposito, il consigliere regionale M5s Andrea Quartini ha ricordato che c’è “grande apertura e disponibilità sia sul programma, sia per collaborare e integrare la lista con figure che si rendono disponibili e vogliono ‘giocare’ con il M5s. Chi non vuole giocare col M5s si deve assumere le sue responsabilità”.

Gimmy Traquillo ha intervistato Roberto De Blasi, candidato sindaco per Firenze, a proposito delle infrastrutture e dei trasporti della città:

L'articolo Firenze, l’architetto De Blasi è il candidato M5s per le comunali proviene da www.controradio.it.

Cascina, Ceccardi candidata europee, se eletta lascerà Comune

Cascina, Ceccardi candidata europee, se eletta lascerà Comune

Insieme a lei è stato scelto come candidato per le europee anche il consigliere regionale della Lega Jacopo Alberti ed Elena Vizzotto.

“L’ufficializzazione della mia candidatura alle prossime europee mi inorgoglisce e nel contempo mi responsabilizza ulteriormente, essendo consapevole che l’obiettivo è tra i più ambiziosi ed edificanti per un’esponente della Lega: riformare profondamente quest’Europa”. Lo ha detto il sindaco di Cascina (Pisa) e leader toscano del Carroccio Susanna Ceccardi, commentando la propria candidatura alle europee nella lista della Lega per l’Italia centrale.

“Mi impegnerò al massimo per far tornare centrali gli interessi dell’Italia e degli italiani nelle sedi europee – ha proseguito -. Tutta la mia tenacia e tutta l’esperienza che ho maturato negli anni da amministratore locale e a fianco del ministro Matteo Salvini, saranno al servizio della causa comune, per riformare un’Europa troppo pretenziosa e poco generosa nei confronti dell’Italia”.

In caso di elezione dunque Ceccardi, che è anche consigliere di Salvini per il programma di governo, opterebbe per il seggio all’europarlamento aprendo così la strada alle elezioni anticipate nel suo comune, il primo in Toscana a essere conquistato dalla Lega: “Sono fermamente convinta di poter far fruttare al meglio, nell’ambito del Parlamento europeo, la mia gratificante esperienza di sindaco. Inizia per me una nuova, intensa e appassionante campagna elettorale. A me le sfide piacciono – ha concluso – e sono, dunque, pronta a vivere intensamente questi 40 giorni che ci separano dal voto”.

“È un grande onore essere candidato alle europee – ha detto il consigliere regionale della Lega Jacopo Alberti -, ringrazio innanzi tutto i militanti che mi hanno scelto, facendo il mio nome in Toscana, e Matteo Salvini, per aver appoggiato questa scelta”. “Sarà una campagna elettorale impegnativa ma sono sicuro anche divertente e gratificante – aggiunge Alberti in una nota -, perché correrò insieme a due amiche, Susanna Ceccardi, che ringrazio per avermi voluto al suo fianco in questa sfida, e Elena Vizzotto. Una grande avventura che affronteremo insieme”.

Per Vizzotto, essere candidata “è per me motivo di orgoglio e senso di responsabilità. Ringrazio Matteo Salvini per aver scelto il mio nome. Insieme a Susanna Ceccardi e Jacopo Alberti faremo, ne sono certa, un ottimo lavoro con grinta e passione, a sostegno della Lega e della Toscana”.

L'articolo Cascina, Ceccardi candidata europee, se eletta lascerà Comune proviene da www.controradio.it.

Livorno, ‘Oltre l’Inceneritore’, Sorgente: “Mia posizione chiara: sì a economia circolare”

Livorno, ‘Oltre l’Inceneritore’, Sorgente: “Mia posizione chiara: sì a economia circolare”

“Il comitato “Oltre l’inceneritore” ha proposto al Comune un Referendum propositivo per la costruzione di nuovi impianti di gestione e trattamento dei rifiuti come possibile alternativa all’incenerimento. La trovo un’ottima notizia della quale sono contenta per almeno due motivi” così Stella Sorgente, vicesindaca di Livorno e candidata a sindaco per le prossime amministrative, in un post facebook.

“Il primo è di metodo – sottolinea Sorgente -. Grazie ai nuovi poteri di democrazia diretta introdotti nello Statuto del Comune di Livorno durante il nostro mandato, i cittadini hanno potuto presentare un referendum propositivo e il risultato di questo referendum vincolerà l’amministrazione a riguardo. Ricordiamo tutti cosa fu il referendum sull’Ospedale del 2013 e oggi una beffa di quel tipo, grazie alla nostra amministrazione, non potrebbe ripetersi”.
“Il secondo motivo per cui sono contenta di questo referendum è nel merito del quesito. Con molta chiarezza il Comitato Promotore indica proprio nella conversione all’economia circolare la strada per superare gli inceneritori. Questa è esattamente la mia posizione a riguardo: il nostro è un sì all’economia circolare, sì agli impianti di trattamento dei rifiuti, sì ai posti di lavoro in più e ad un miglioramento fondamentale dell’ambiente nei quartieri nord cittadini” puntualizza la candidata sindaca di Livorno.
“Per fare tutto questo dobbiamo trovare risorse – il solo impianto di trattamento meccanico biologico costa 15 milioni di euro – ma insieme ad alcuni esperti del settore che sono già nella nostra squadra sappiamo bene dove e come reperirle – sottolinea Stella Sorgente – e una parte importante viene proprio dalla valorizzazione dei rifiuti: con la creazione di nuove attività di trattamento dei rifiuti li trasformiamo in risorse, cosa che l’incenerimento non permette”.
“Questo referendum apre una fase di dibattito importante, sul quale sarà interessante misurare la posizione degli altri candidati – conclude la candidata sindaca di Livorno -. Per parte mia io ho già le idee molto chiare: sì all’economia circolare, no ad un modello di gestione dei rifiuti livornesi che include l’inceneritore”.

L'articolo Livorno, ‘Oltre l’Inceneritore’, Sorgente: “Mia posizione chiara: sì a economia circolare” proviene da www.controradio.it.