Alluvione Livorno, Rossi: “Chiederemo al Governo ulteriori fondi”

LIVORNO - "Con i 28 milioni di euro stanziati, la Regione ha già fatto un grosso sforzo economico. Ringrazio il Governo per la tempestività con cui ha disposto il primo stanziamento di 15,5 milioni di euro, ma gliene chiederemo altri. Entro 30 giorni dalla mia nomina presenterò l'elenco delle opere necessarie non a mettere in sicurezza assoluta questa area, cosa impossibile da raggiungere, ma certamente utile a ridurre il rischio idrogeologico".

Lo ha detto il presidente della Regione Toscana e Commissario per il post alluvione a Livorno, Enrico Rossi, nel corso della conferenza stampa che ha tenuto a fine mattinata presso i suoi uffici di via Nardini, presenti gli assessori regionali Federica Fratoni, Cristina Grieco e Stefano Ciuffo che compongono la sua squadra ,dedicata all'emergenza Livorno. Insieme a loro erano presenti anche gli amministratori dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo e il consigliere regionale Francesco Gazzetti.

"Utilizzeremo i 35,5 milioni a disposizione - ha precisato Rossi - per ridurre il rischio, le opere di miglioramento e risistemazione, così come per la rimozione degli ostacoli e delle superfetazioni che ancora permangono negli alvei dei corsi d'acqua. C'è poi la partita dei danni subiti dalle imprese per i quali il nostro referente è l'assessore Stefano Ciuoffo che ha già incontrato i rappresentanti della Camera di Commercio. Per la gestione degli 8 milioni dedicati ai cittadini danneggiati, il referente è lassessore Cristina Grieco".

Rossi ha osservato poi come per ottenere materialmente i fondi che il Governo stanzierà, imprese e cittadini dovranno attendere almeno un anno, perché "purtroppo sono questi i tempi burocratici previsti".

Il Commissario ha poi annunciato l'avvio di una campagna informativa rivolta alle imprese e ai liberi professionisti per informarli delle possibilità di accedere al microcredito da 20.000 euro a tasso zero rimborsabile in 10 anni e ai cittadini per illustrare le possibilità di ottenere da 5 a 8.000 euro a fondo perduto.

Altre informazioni sono reperibili sul sito della Camera di Commercio Maremma e Tirreno.

Alluvione Livorno, Riaperti i ponti di Limoncino e via Remota. Rossi: “Lavori a tempo di record”

FIRENZE - Il presidente Enrico Rossi, commissario delegato dal Governo per l'emergenza a Livorno, ha fatto un sopralluogo, in mattinata, ai ponti del Limoncino sul rio Maggiore e in via Remota sul rio Ardenza, riconsegnati formalmente proprio oggi, martedì 26 ottobre, dalla Regione Toscana al Comune di Livorno per l'utilizzo da parte della popolazione.

Gli interventi di ricostruzione dei ponti sono stati effettuati dalla Regione e da Rete ferroviaria italiana che ha messo a disposizione la tecnologia necessaria.

"I ponti sono stati ricostruiti a tempo di record", ha osservato il presidente Rossi al momento della firma dell'atto di consegna. "Stiamo tuttavia continuando a lavorare in tante altre località della zona di Livorno, in altre situazioni e sugli argini, per la ricostruzione di altri ponti e di strade".

L'atto di consegna è stato firmato, oltre che da Rossi, dall'assessore Giuseppe Vece del Comune di Livorno.

Alluvione Livorno: la Regione verso una legge speciale da 28 milioni di euro

LIVORNO - "Nella seduta di ieri della Giunta regionale abbiamo approvato una proposta di legge che abbiamo immediatamente trasmesso al Consiglio regionale per l'approvazione. Prevede lo stanziamento di 28 milioni di euro destinati a Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo. Venti serviranno per gli interventi di messa in sicurezza indifferibili ed urgenti, 8 per l'assistenza immediata alla popolazione. Prosegue così l'impegno della Regione verso la popolazione e le imprese di quest'area".

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che è anche Commissario per il post alluvione, annuncia, negli uffici che ha voluto aprire a Livorno, il provvedimento che insieme agli assessori regionali Federica Fratoni e Cristina Grieco ha portato in approvazione in Giunta.

"L'intera cifra – spiega poi Rossi – che comprende anche i 3 milioni di euro stanziati nell'immediatezza della tragedia, sarà nelle disponibilità del Commissario, così come i 15,5 milioni di euro stanziati finora dal Governo. Insomma con questo ulteriore intervento salgono a 43,5 i milioni di euro che utilizzeremo per aiutare la città e i suoi abitanti a rialzarsi dalla tremenda prova che hanno dovuto subire".

Reduce dalla consegna dei due ponti, quelli di via Remota sul rio Ardenza e quello di via delle Vallicelle sul rio Maggiore, posizionati a tempo di record e riaperti alla circolazione dei veicoli, Rossi si è poi incontrato, con gli amministratori locali e i rappresentanti della Camera di commercio.

Per la ricognizione dei danni subiti dalle attività economiche e produttive si avvarrà infatti del supporto della Camera di Commercio Maremma e Tirreno, sede di Livorno, che aiuterà anche alla diffusione delle informazioni relative alle opportunità e nella compilazione delle schede di ricognizione dei danni subiti.

"Mentre utilizzeremo – dice ancora – i 20 milioni della Regione insieme ai 15,5 stanziati dal Governo per gli interventi di messa in sicurezza, abbiamo deciso di utilizzare gli 8 milioni di euro di risorse regionali per l'assistenza immediata alla popolazione concedendo contributi a fondo perduto compresi tra i 5.000 e gli 8.000 euro, dipendentemente dal reddito degli aventi diritto. Si tratta di risorse aggiuntive, cumulabili con ulteriori eventuali contributi attivabili per effetto di provvedimenti nazionali. Insomma abbiamo inteso fornire un primo e pronto aiuto, in attesa che la burocrazia faccia il suo corso".

I moduli possono essere ritirati o presso gli uffici livornesi del Commissario in via Nardini, o presso i tre Comuni e poi dovranno essere riconsegnato entro la metà di ottobre in via Nardini per permettere una rapida rendicontazione da inviare alla Protezione civile nazionale.

Possono farlo tutti coloro che sono stati gravemente danneggiati dall'alluvione e il cui nucleo familiare ha un Indicatore della situazione economica (Isee) non superiore a 36.000 euro. In questo caso si può ottenere un contributo fino a 5.000 euro. Se invece si ha un Isee inferiore ai 20.000 euro il contributo può salire a 8.000 euro.

Il Commissario Rossi conta di poter erogare i contributi a fondi perduto riservati ai privati entro la fine dell'anno.

Alle 12.30 a Livorno il presidente Rossi presenta la proposta di legge speciale

FIRENZE – Alle 12.30, presso gli uffici del Commissario per il post alluvione, in via Aristide Nardini 33 a Livorno, si svolge la conferenza stampa del Commissario Enrico Rossi per illustrare la proposta di legge speciale per Livorno che la Giunta regionale ha approvato e che invierà al Consiglio Regionale per l'approvazione.

Si tratta, come recita il titolo, degli "interventi indifferibili ed urgenti per fronteggiare le conseguenze degli eccezionali eventi meteorologici dei giorni 9 e 10 settembre 2017 verificatisi nei territori dei comuni di Livorno, Rosignano Marittimo e Collesalvetti".