INCHIESTA CONSIP, MARRONI LASCIA: “SONO SERVITORE STATO”

Consip Marroni

L’annuncio al termine dell’incontro tra Marroni e presidente Anac Cantone: “Onorato lavorare per Stato e un’esperienza bellissima ma chiudo con assemblea 27 giugno.”

Luigi Marroni lascia Consip. L’Ad lo ha annunciato al termine di un incontro con il presidente dell’Anac Raffaele Cantone. “Il mio futuro? – ha detto – Non sarà certo in Consip, l’assemblea del 27 chiude un’esperienza bellissima per me”. “Sono un fedele servitore dello Stato – ha aggiunto – e faccio il mio lavoro fino in fondo. E’ stato un onore lavorare per lo Stato italiano.” L’amministratore delegato di Consip è un testimone chiave dell’inchiesta sulla centrale di acquisti della pubblica amministrazione e sulla fuga di notizie che ha azzoppato l’indagine. Ai magistrati della procura di Roma, in un’ audizione ad inizio giugno durata oltre sette ore, Marroni ha in sostanza confermato quando disse agli inquirenti napoletani lo scorso dicembre.

L’Ad di Consip raccontò di avere saputo da quattro diverse persone e in differenti occasioni che le sue utenze telefoniche erano sotto intercettazione. In particolare, oltre al nome di Luigi Ferrara – il presidente di Consip che si è dimesso nei giorni scorsi ed è indagato dalla procura di Roma per false informazioni ai pm – Marroni fece anche quelli di Filippo Vannoni, presidente di Pubbliacqua, municipalizzata di Firenze, del generale dei carabinieri Emanuele Saltalamacchia e dell’attuale ministro Luca Lotti. Fu invece lo stesso Ferrara, secondo Marroni, a raccontagli di aver saputo dell’inchiesta direttamente dal comandante generale dei Carabinieri Tullio Del Sette.

Quello di oggi con Cantone, ha detto ancora Marroni uscendo dalla sede dell’Anac, “è stato un incontro stabilito da un mese ed è diventato con l’occasione anche un incontro di saluto. Abbiamo fatto un buon lavoro riconosciuto dal Parlamento, abbiamo risparmiato miliardi e sono onorato di aver contribuito al benessere dei conti dello Stato italiano”

The post INCHIESTA CONSIP, MARRONI LASCIA: “SONO SERVITORE STATO” appeared first on Controradio.

Casa dell’Arno

Mercoledì 2 aprile, dalle ore 11.00, verrà inaugurata la Casa dell’Arno all’interno del Centro Visite del Parco delle Cascine (piazzale delle Cascine, 7 – Firenze).La Casa dell’Arno funzionerà come un circuito d’informazione-promozione-educazione che costruisce il “racconto dell’Arno” attraverso esperienze diversificate che si basano su modalità di comunicazione per promuovere l’immagine del fiume all’interno del tessuto insediativo di Firenze e per costruire un ritratto in progress dell’Arno, tra memoria e innovazione, Allo scopo di favorire una cultura dell’acqua come preziosa risorsa, Casa dell’Arno dedica una mostra alla conoscenza del servizio idrico integrato che garantisce acqua di qualità ai cittadini e acqua sicura da restituire all’ambiente. Il corso del fiume costituisce la colonna vertebrale su cui si snodano le principali infrastrutture dell’acquedotto. La Casa dell’Arno è stata pensata come luogo di informazione e di conoscenza della cultura dell’acqua come risorsa preziosa e ci conduce alla scoperta di una nuova cultura del fiume Arno, inteso non solo come corso d’acqua, ma soprattutto come significativa risorsa ambientale del territorio su cui si situa.L’iniziativa è frutto della collaborazione tra Publiacqua, Autorità Idrica Toscana, e il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze  insieme al Comune di Firenze.

Giornata Mondiale dell’Acqua

Una mattinata al Parco dell’Anconella per festeggiare la Giornata Mondiale dell’Acqua e l’erogazione di 100 milioni di litri erogati dai fontanelli alta qualità. L’appuntamento è venerdì 21 marzo dalle 9,30 alle 12,30 presso il parco vicino all’impianto (via Villamagna 39).

All’iniziativa, organizzata da Publiacqua insieme al Comune, parteciperanno il vicesindaco Dario Nardella, gli assessori Caterina Biti (Ambiente) e Cristina Giachi (Educazione), il presidente del Quartiere 3 Andrea Ceccarelli e la vicepresidente Cristina Giani, il presidente di Publiacqua Filippo Vannoni, il direttore generale dell’Autorità Idrica Toscana Alessandro Mazzei, il segretario generale Autorità di Bacino Gaia Checcucci, il presidente di Water Right Foundation Alessandro Mazzei,. Alla giornata sono invitati a partecipare sia gli alunni fiorentini che hanno preso parte al progetto Chiavi della Città, sia i cittadini. Per l’occasione saranno organizzati tre corner didattici. Il primo direttamente curato da Publiacqua sarà dedicato alla potabilizzazione dell’acqua. Il secondo, curato dall’associazione Raggi di Sole, sarà invece dedicato al cantiere dell’Emissario in Riva Sinistra d’Arno, mentre il terzo, a cura di Water Right Foundation, sarà dedicato all’impronta idrica. Per intrattenere i ragazzi l’associazione Ingegneria del Sollazzo, il Circo tascabile e la Sound Street Band hanno organizzato giochi e musica.

Publiacqua ricorda : i nostri tecnici non entrano in casa

A seguito dell’episodio avvenuto ieri 7 ottobre ad Agliana,dove una signora settantenne è stata aggredita dopo aver fatto entrare in casa due truffatori,Publiacqua ha diramato il seguente comunicato :
Attenzione alle truffe: i nostri tecnici non entrano in casa
08.10.2013
In merito alla truffa con rapina avvenuta ieri ad Agliana, Publiacqua ricorda a tutti i cittadini che il suo personale, di norma e salvo casi eccezionali, non effettua verifiche, controlli o manutenzione sugli impianti interni. La pertinenza di Publiacqua arriva, infatti, solo fino al punto di consegna che, nei condomini, si situa solitamente al contatore generale. Publiacqua invita, quindi, i cittadini a pretendere l’esibizione del tesserino di riconoscimento da chiunque si presentasse loro come nostro dipendente ed a segnalare prontamente alla nostra azienda o alle forze dell’ordine ogni episodio o richiesta sospetta.
Puoi inviare la tua segnalazione sulla questione inserendo un commento a questo articolo.