L’Eredità delle Donne, oltre 250 proposte dalla città di Firenze

L’Eredità delle Donne, oltre 250 proposte dalla città di Firenze

Firenze, dal centro alla periferia, i progetti selezionati per il festival “L’Eredità delle Donne” coinvolgeranno cinema, negozi, musei, librerie e interi quartieri, in un percorso diffuso dal 4 al 6 ottobre; inoltre saranno numerosi gli appuntamenti nei comuni limitrofi.

Spettacoli, reading, proiezioni di film, attività sportive, cooking show, trekking urbani alla scoperta della street art al femminile: raddoppia il calendario off dell’Eredità delle Donne, festival che si terrà a Firenze dal 4 al 6 ottobre, con la direzione artistica di Serena Dandini. I progetti saranno selezionati a partire dalle 250 proposte pervenute a seguito della call rivolta ai soggetti culturali cittadini.

Una risposta straordinaria quella alla call, che testimonia il forte desiderio di partecipazione dei fiorentini all’evento e che darà vita a un cartellone diffuso sul territorio: dal centro alla periferia, gli eventi coinvolgeranno cinema, negozi, musei, librerie e interi quartieri. Numerosi gli appuntamenti in programma nei comuni della Città Metropolitana.

Il festival, diretto da Serena Dandini su un progetto di Elastica e di Fondazione CR Firenze con partner Gucci e con la co-promozione del Comune di Firenze nell’ambito dell’Estate Fiorentina 2019, ha il sostegno di Intesa Sanpaolo, Tuscany – La bellezza della carta e Publiacqua SpA; possiede anche il patrocinio della RAI ed è in collaborazione con Scuola Holden, il media-partner è Radio Rai Tre.

“La città – dichiara Dario Nardella, sindaco di Firenze – ha subito risposto con incredibile entusiasmo alla call lanciata dal festival, segno che bene abbiamo fatto ad accogliere questa seconda edizione inserita nell’Estate Fiorentina. Ringraziamo Serena Dandini per aver voluto di nuovo portare a Firenze questo progetto e non vediamo l’ora che l’Eredità delle donne sollevi il sipario e che tutta la città si accenda di entusiasmo ‘al femminile'”.

Molteplici i soggetti che hanno risposto alla call: istituti scolastici, università, teatri, guide turistiche, artiste, musei, case editrici, biblioteche, associazioni di categoria, culturali e di promozione sociale. E svariati i format proposti, in grado di intercettare pubblici differenti grazie a linguaggi e modalità di fruizione diversificati: dalle mostre fotografiche alle visite guidate, dallo yoga ai laboratori di scrittura, fino all’apertura in esclusiva degli atelier di artisti e artigiani.

“È davvero motivo di grande soddisfazione – dichiara il Presidente di Fondazione CR Firenze Luigi Salvadori – l’entusiasta risposta delle istituzioni e delle associazioni cittadine alla call della seconda edizione del festival. Una conferma del gradimento diffuso che ha avuto lo scorso anno la manifestazione e del desiderio di partecipazione e di condivisione al progetto che emerge dalle realtà più vive del territorio”.

Durante la tre giorni dell’Eredità delle Donne sarà possibile visitare la Sinagoga e il Museo ebraico di Firenze, per scoprire oggetti rituali, antichi contratti matrimoniali e racconti di usanze e tradizioni, per un viaggio nel femminile nell’ebraismo, a cura di Società Cooperativa Culture, così come riflettere sulle lotte per i diritti civili, a partire da quella per il divorzio, segnata dal libro di Anna Franchi “Avanti il divorzio”, pubblicato nel 1902, 68 anni prima del famoso referendum (previste tre conferenze a cura della Società Dante Alighieri). O ancora: percorrere le strade cittadine alla scoperta delle Superdonne di Lediesis, otto icone rivisitate in chiave graffiti, comparse sui muri fiorentini lo scorso 8 marzo, in compagnia di Maria Paternostro di “Parla con i Muri”.

Diverse le attività avanzate da Confcommercio provincia di Firenze – gruppo Terziario Donna e gruppo Confguide, tra visite guidate, conferenze e reading, mentre il Teatro dell’Affratellamento si è proposto come organizzatore di una vera e propria rassegna dal titolo “L’Assorellamento”.

Fuori dalle mura cittadine, a Fucecchio, si terrà invece “Donne nell’ombra”, performance che ridarà voce ad alcune figure illustri femminili, vissute nell’ombra di più celebri compagni, mentre l’Istituto Calamandrei di Sesto Fiorentino ospiterà uno spettacolo sulla vita di Artemisia Gentileschi, rivista in chiave contemporanea dagli studenti.

Il programma completo del cartellone off dell’Eredità delle Donne sarà online a partire dal 16 settembre sul sito www.ereditadelledonne.eu.

L'articolo L’Eredità delle Donne, oltre 250 proposte dalla città di Firenze proviene da www.controradio.it.

Troupe aggredita a Prato, denunciati 4 nomadi

Troupe aggredita a Prato, denunciati 4 nomadi

I nomadi identificati e denunciati sarebbero tre donne e un uomo tra i 35 e i 45 anni.

Giovedì mattina, vicino al cimitero di Paperino alla periferia di Prato, due giornaliste del Tgr Rai sono state aggredite da alcuni nomadi mentre stavano realizzando un servizio giornalistico sul sequestro di una discarica abusiva. Gli aggressori avrebbero provato ad impossessarsi delle attrezzature per le riprese. All’arrivo degli agenti i protagonisti dell’aggressione si erano già allontanati.

Gli autori dell’aggressione sono stati identificati dalla squadra mobile di Prato e denunciati alla Procura della Repubblica per minacce. Si tratta di quattro persone, tre donne e un uomo, di età tra i 35 e i 45 anni. Una delle tre donne è stata denunciata anche per percosse.

L'articolo Troupe aggredita a Prato, denunciati 4 nomadi proviene da www.controradio.it.

Artigiani fiorentini in nuova fiction Rai, nel cast anche Castellitto e Panariello

Artigiani fiorentini in nuova fiction Rai, nel cast anche Castellitto e Panariello

Prenderanno il via lunedì 25 giugno fra Firenze e Prato le riprese di ‘Pezzi unici’ di Cinzia TH Torrini, sei puntate di cento minuti l’una, che l’anno prossimo andranno in onda in prima serata su Rai 1.

Una serie televisiva nazionale Rai, metterà al centro l’artigianato artistico di Firenze e la possibilità per gli artigiani autentici di entrare nelle scene della fiction renderà tutto ancora più realistico. Una storia di giovani e riscatto ambientata nel mondo dell’artigianato fiorentino.
La trama racconta di un artigiano del legno dell’Oltrarno, interpretato da Sergio Castellitto che, attraverso un percorso umano e professionale, risolve un giallo alla base della serie. Nel cast, fra gli altri, Giorgio Panariello e Irene Ferri.
Ma, al di là della storia, l’ambientazione offrirà la possibilità di raccontare le eccellenze dell’artigianato a iniziare dai quartieri di Santo Spirito e San Frediano. Per questo Camera di commercio di Firenze, con la collaborazione di Confartigianato Firenze e Cna Firenze, ha aperto un canale di collegamento diretto con la produzione della fiction.
Gli artigiani interessati, chi ha un’idea, un prodotto particolare da esporre o vuole saperne di più può inviare una segnalazione con i propri dati alla mail pezziunici@fi.camcom.it, sapendo che per le riprese – da lunedì fino al 21 luglio e dal primo al 20 ottobre – la coproduzione Rai Fiction, Indiana Production in collaborazione con Cassiopea si avvarrà della collaborazione degli artigiani per mettere in mostra le loro realizzazioni artistiche in vari momenti del film.
“Per dare risalto ai nostri artigiani non esiste miglior modo che far catturare la loro vera essenza alle telecamere grazie alla sapienza di una regista come Cinzia TH Torrini, che è cresciuta in Oltrarno e ancora porta questi luoghi e questa gente nel cuore”, ha sottolineato Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di commercio di Firenze.
L’artigianato artistico sarà anche il protagonista di alcune ‘pillole’ che la produzione realizzerà a margine della fiction e che potranno essere utilizzate per promuovere il nostro saper fare nel mondo.

L'articolo Artigiani fiorentini in nuova fiction Rai, nel cast anche Castellitto e Panariello proviene da www.controradio.it.

Lotta alla ludopatia

Lotta alla ludopatia, in proiezione allo Spazio Alfieri i vincitori del contest Corecom
conventinooltrarnoartigianato ludopatia

Sono in proiezione allo Spazio Alfieri gli spot vincitori del contest realizzato dal Corecom sul tema della lotta alla ludopatia. Obiettivo del progetto sensibilizzare i cittadini toscani su rischi e danni legati alla ludopatia e al gioco d’azzardo patologico. Le proiezioni dei primi tre classificati proseguiranno a rotazione prima di ogni spettacolo fino al 7 febbraio. La premiazione dei vincitori era avvenuta nel novembre scorso nella sede Rai Toscana alla presenza dell’assessore allo Sviluppo economico, che aveva sostenuto l’idea di proiettare gli spot nei cinema, partendo proprio dall’Alfieri. Attraverso il bando, il Comitato regionale per le comunicazioni presieduto da Enzo Brogi ha messo a disposizione complessivamente per i premiati 15mila euro. Questa la playlist con i video partecipanti e i tre vincitori