Carburanti: maxi evasione, indagini partite da Pescia

Carburanti: maxi evasione, indagini partite da Pescia

Una maxi evasione fiscale da 30 milioni di euro è stata scoperta dalla guardia di finanza di Pistoia e dall’Agenzia delle dogane nel settore della importazione e commercializzazione di carburanti, nell’ambito di un’operazione denominata ‘Gasoline free’.

Diciassette soggetti residenti in Toscana, Campania e Piemonte, che a seguito della maxi evasione scovata dalla Guardia di Finanza sono stati indagati per associazione a delinquere finalizzata alla commissione di frodi fiscali, hanno ricevuto provvedimenti di misura cautelare: 3 sono in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 11 sono sottoposti all’obbligo di dimora.

Sequestrati anche beni per un valore di 20 milioni e 11 società, 8 delle quali risultate fittizie, tutte operanti nel settore dell’importazione e della commercializzazione degli idrocarburi con sede in Toscana, Campania, Lazio ed Emilia Romagna.

Le indagini sono partite da una società di Pescia (Pistoia) considerata “terminale privilegiato” di altre aziende fittizie per evadere l’Iva.

L'articolo Carburanti: maxi evasione, indagini partite da Pescia proviene da www.controradio.it.

Tav Firenze, Nardella: “Governo non pensi solo a Piemonte”

Tav Firenze, Nardella: “Governo non pensi solo a Piemonte”

Dario Nardella, sindaco di Firenze, ha detto riguardo alla Tav fiorentina che “è uno scandalo vedere un cantiere abbandonato per il quale sono già stati spesi 700 milioni, tonnellate di cemento armato, operai mandati a casa, aziende in fallimento con il Governo silente”.

Il Governo sta “decidendo della Tav del Piemonte, che spero si faccia” ma pensi “anche a Firenze invece di trascurarla e abbandonarla a se stessa. Questo non ce lo meritiamo e non permetteremo che avvenga”. Lo ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella, intervenendo oggi a margine di un evento.

“E’ uno scandalo vedere un cantiere abbandonato – ha aggiunto Nardella – per il quale sono già stati spesi 700 milioni, tonnellate di cemento armato, operai mandati a casa, aziende in fallimento con il Governo silente, che non dice niente. Noi abbiamo un’emergenza a Firenze, che è quella di finire certe opere che sono state lasciate a metà sulle quali il governo non ha avuto il coraggio di dare una parola definitiva e positiva”. Nardella già questa mattina, nel corso della trasmissione ‘L’aria che tira’ su La7, era tornato sull’argomento parlando con Marco Ponti, autore dello studio costi-benefici sulla Tav con cui ha avuto un botta e risposta. Ponti ha affermato che “le grandi opere pubbliche e il cemento hanno un moltiplicatore occupazionale bassissimo rispetto ad altri tipi di spesa pubblica”, “il cemento è un gelato al veleno”. Nardella ha replicato: “Io faccio il sindaco – ha detto -. Lo venga a dire agli operai che vanno a casa, con le lacrime agli occhi, del moltiplicatore occupazionale. C’è gente che perde il lavoro”, e si parla “del moltiplicatore occupazionale”.

L'articolo Tav Firenze, Nardella: “Governo non pensi solo a Piemonte” proviene da www.controradio.it.

Decreto Sicurezza incostituzionale: Toscana presenta ricorso

Decreto Sicurezza incostituzionale: Toscana presenta ricorso

La Regione Toscana ha presentato ricorso alla Corte Costituzionale contro il Decreto Sicurezza. Lo stop al permesso di soggiorno umanitario ed il divieto di iscrizione all’anagrafe sarebbero incostituzionali.

La Toscana ha presentato ieri il ricorso alla Corte Costituzionale contro il decreto sicurezza. A motivare il ricorso, spiega una nota, il fatto che il decreto Salvini, poi convertito in legge, “ha cancellato il permesso di soggiorno per motivi umanitari con l’impossibilità di rinnovo per chi già ce l’aveva, ma ha anche vietato l’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo, oltre ad aver esteso il Daspo urbano a ospedali e presidi umanitari”. In particolare la Toscana ricorre contro l’articolo 1, decimo comma lettera B ed ottavo comma del decreto 113 del 2018, parlando a nome di oltre sessanta amministrazioni comunali.

Per il governatore Enrico Rossi, “è evidente come in questo modo si ostacoli il soddisfacimento di diritti fondamentali e universali che appartengono alla persona e già ribaditi da più sentenze”, e “c’è anche un problema di sicurezza, perché la cancellazione dei permessi umanitari creerà dei ‘fantasmi’ nella nostre città, visto che non si potranno certo espellere tutti poiché l’Italia non ha accordi di rimpatrio con i paesi di provenienza. Occorre integrare e garantire più diritti, altrimenti si creano tensioni. Facciamo una battaglia su un fondamento di civiltà e la facciamo a testa alta”.

Per l’assessore toscano alla presidenza, con delega all’immigrazione, Vittorio Bugli, con il Dl sicurezza “si ledono e si incide anche sulle competenze regionali e dei Comuni, limitando la possibilità di continuare ad erogare ad esempio servizi, che da questi enti dipendono, in materia sociale e sanitaria, di istruzione e formazione professionale in tutti questi anni erogati. Per questo ricorriamo”.

La Toscana, insieme ad altre Regioni come il Piemonte, l’Umbria e l’Emilia Romagna, aveva  già annunciato il ricorso poco tempo fa.

L'articolo Decreto Sicurezza incostituzionale: Toscana presenta ricorso proviene da www.controradio.it.