Coronavirus in Toscana, 290 nuovi casi. Sette decessi

Coronavirus in Toscana, 290 nuovi casi. Sette decessi

Firenze, in Toscana sono 281.024 i casi di positività al Coronavirus, 290 in più rispetto a ieri (278 confermati con tampone molecolare e 12 da test rapido antigenico).

L’età media dei nuovi positivi al Coronavirus odierni è di 37 anni circa (29% ha meno di 20 anni, 24% tra 20 e 39 anni, 30% tra 40 e 59 anni, 11% tra 60 e 79 anni, 6% ha 80 anni o più). Purtroppo si registrano 7 nuovi decessi: 4 uomini e 3 donne con un’età media di 82,9 anni.

I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 266.295 (94,8% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 8.035 tamponi molecolari e 13.734 tamponi antigenici rapidi, di questi l’1,3% è risultato positivo. Sono invece 6.884 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 4,2% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 7.594, -1,6% rispetto a ieri. I ricoverati sono 337 (11 in meno rispetto a ieri), di cui 49 in terapia intensiva (stabili).

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia di Coronavirus in regione.

Alle 12 di oggi sono state effettuate complessivamente 5.335.641 vaccinazioni, 20.190 in più rispetto a ieri (+0,4%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l’intera giornata. La Toscana è la 2° regione per % di dosi somministrate su quelle consegnate (il 91,9% delle 5.803.340 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 145.451 per 100mila abitanti (media italiana: 141.185 per 100mila).

Sono 162 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 69 nella Nord Ovest, 59 nella Sud est.

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (278 confermati con tampone molecolare e 12 da test rapido antigenico). Sono 77.920 i casi complessivi ad oggi a Firenze (80 in più rispetto a ieri), 26.037 a Prato (40 in più), 26.511 a Pistoia (36 in più), 14.721 a Massa (5 in più), 28.718 a Lucca (19 in più), 33.066 a Pisa (21 in più), 20.882 a Livorno (30 in più), 25.583 ad Arezzo (22 in più), 16.037 a Siena (24 in più), 10.994 a Grosseto (13 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

La Toscana si trova al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 7.661 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 7.853 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 10.169 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 9.116, Pisa con 7.940, la più bassa Grosseto con 5.031.
Complessivamente, 7.257 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (115 in meno rispetto a ieri, meno 1,6%).
Sono 15.766 (448 in più rispetto a ieri, più 2,9%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 7.037, Nord Ovest 6.050, Sud Est 2.679).

Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 337 (11 in meno rispetto a ieri, meno 3,2%), 49 in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri).
Le persone complessivamente guarite sono 266.295 (409 in più rispetto a ieri, più 0,2%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 266.295 (409 in più rispetto a ieri, più 0,2%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Purtroppo, oggi si registrano 7 decessi: 4 uomini e 3 donne con un’età media di 82,9 anni.

Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 5 a Firenze, 1 a Massa Carrara, 1 a Arezzo.

Sono 7.135 i deceduti dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus cosi ripartiti: 2.301 a Firenze, 629 a Prato, 654 a Pistoia, 533 a Massa Carrara, 685 a Lucca, 718 a Pisa, 424 a Livorno, 544 ad Arezzo, 350 a Siena, 205 a Grosseto, 92 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 194,5 x100.000 residenti contro il 220,4 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (280,8 x100.000), Prato (245,7 x100.000) e Firenze (233,4 x100.000), il più basso a Grosseto (93,8 x100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell’Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19

 

 

L'articolo Coronavirus in Toscana, 290 nuovi casi. Sette decessi da www.controradio.it.

Coronavirus in Toscana, oggi 334 nuovi casi. Due i decessi

Coronavirus in Toscana, oggi 334 nuovi casi. Due i decessi

Firenze, in Toscana sono 280.734 i casi di positività al Coronavirus, 334 in più rispetto a ieri (329 confermati con tampone molecolare e 5 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente.

I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 265.886 (94,7% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 7.945 tamponi molecolari e 8.809 tamponi antigenici rapidi, di questi il 2% è risultato positivoal Coronavirus. Sono invece 6.089 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 5,5% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 7.720, -0,8% rispetto a ieri. I ricoverati sono 348 (9 in meno rispetto a ieri), di cui 49 in terapia intensiva (2 in meno). Oggi si registrano 2 nuovi decessi: un uomo e una donna con un’età media di 82,5 anni.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia di Coronavirus in regione.

L’età media dei 334 nuovi positivi odierni è di 42 anni circa (21% ha meno di 20 anni, 23% tra 20 e 39 anni, 32% tra 40 e 59 anni, 15% tra 60 e 79 anni, 9% ha 80 anni o più).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (329 confermati con tampone molecolare e 5 da test rapido antigenico). Sono 77.840 i casi complessivi ad oggi a Firenze (128 in più rispetto a ieri), 25.997 a Prato (29 in più), 26.475 a Pistoia (46 in più), 14.716 a Massa, 28.699 a Lucca (28 in più), 33.045 a Pisa (28 in più), 20.852 a Livorno (13 in più), 25.561 ad Arezzo (21 in più), 16.013 a Siena (27 in più), 10.981 a Grosseto (14 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 203 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 69 nella Nord Ovest, 62 nella Sud est.

La Toscana si trova al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 7.653 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 7.847 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 10.153 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 9.104, Pisa con 7.935, la più bassa Grosseto con 5.025.
Complessivamente, 7.372 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (53 in meno rispetto a ieri, meno 0,7%).
Sono 15.318 (648 in più rispetto a ieri, più 4,4%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 6.911, Nord Ovest 5.743, Sud Est 2.664).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 348 (9 in meno rispetto a ieri, meno 2,5%), 49 in terapia intensiva (2 in meno rispetto a ieri, meno 3,9%).
Le persone complessivamente guarite sono 265.886 (394 in più rispetto a ieri, più 0,1%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 265.886 (394 in più rispetto a ieri, più 0,1%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Oggi si registrano 2 nuovi decessi: un uomo e una donna con un’età media di 82,5 anni.

Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 1 a Arezzo, 1 a Siena.

Sono 7.128 i deceduti dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus cosi ripartiti: 2.296 a Firenze, 629 a Prato, 654 a Pistoia, 532 a Massa Carrara, 685 a Lucca, 718 a Pisa, 424 a Livorno, 543 ad Arezzo, 350 a Siena, 205 a Grosseto, 92 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 194,3 x100.000 residenti contro il 220,3 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (280,2 x100.000), Prato (245,7 x100.000) e Firenze (232,9 x100.000), il più basso a Grosseto (93,8 x100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell’Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19

L'articolo Coronavirus in Toscana, oggi 334 nuovi casi. Due i decessi da www.controradio.it.

🎧 Festival Nazionale Economia Civile inaugura con Premio Oxfam

🎧 Festival Nazionale Economia Civile inaugura con Premio Oxfam

Firenze, combattere le diseguaglianze e gettare le basi per una società più generativa, solidale e unita sono alcuni degli obiettivi del Festival Nazionale dell’Economia Civile, arrivato quest’anno alla sua terza edizione.

L’avvio del Festival si è tenuto presso la Sala d’Arme di Palazzo Vecchio con l’assegnazione del Premio “Combattere le disuguaglianze, si può fare” ideato da Oxfam Italia, in collaborazione con Amici di Salvataggio – Associazione Alessandra Appiano e con il patrocinio di RAI per il Sociale.

In podcast l’intervista a Roberto Barbieri, direttore generale di Oxfam Italia e all’Assessora all’educazione e welfare del Comune di Firenze, Sara Funaro, a cura di Gimmy Tranquillo.

Il riconoscimento – un’opera originale donata dall’artista Stefano Bergamaschi, alias Steve Barney – è stato consegnato a Giuseppe Smorto Per la Calabria non c’è cura (Il Venerdì di Repubblica) e Antonio Nasso per il docufilm Calabria oltre il Covid, il deserto della sanità e le storie di chi resiste (Repubblica.it), nella sezione Raccontare la disuguaglianza. A il Tango dell’intercultura presentato da Cies onlus/MateMù, associazione vincitrice del premio nella sezione Affrontare la disuguaglianza. E a Princes Industrie Alimentari, che viene premiata nella sezione Costruire alternative alla disuguaglianza, per aver promosso – con il progetto Lavoro senza frontiere – condizioni di lavoro etico nella inquinata filiera del pomodoro, attraverso l’assunzione regolare di 11 migranti.

Menzione speciale, nella sezione Raccontare la disuguaglianza, a Vito Finocchiaro per il progetto fotografico Frank, la rotta mediterranea.

Il Festival Nazionale dell’Economia Civile – nato da un’idea di Federcasse (l’Associazione Nazionale delle Banche di Credito Cooperativo, Casse Rurali, Casse Raiffeisen) che lo promuove insieme a Confcooperative, organizzato e progettato con NeXt (Nuova Economia Per Tutti) e SEC (Scuola di Economia Civile) e con il contributo di Fondosviluppo – si è ormai accreditato come un evento di interesse nazionale e internazionale sullo sviluppo sostenibile, la rigenerazione dei territori e della comunità e la valorizzazione delle buone pratiche imprenditoriali, amministrative e formative.

Nello splendido “Salone dei Cinquecento” di Palazzo Vecchio, esponenti istituzionali, del mondo accademico, economico, imprenditoriale e sociale si confronteranno soprattutto sul percorso di ripresa post pandemia individuato dal Next Generation EU e dal PNRR italiano e i 3 assi condivisi a livello europeo: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica, inclusione sociale. Strumenti che possono concretamente contrastare la crescita delle disuguaglianze.

Tante le personalità di spicco che parteciperanno alla terza edizione del Festival, già presentata in un evento con il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli. Alla tre giorni di lavori prenderanno parte, tra gli altri, nomi di spicco a livello internazionale come Raghuram Rajan (Professore alla Booth School of Business dell’Università di Chicago), Angus Deaton (Premio Nobel per l’Economia 2015) e Jared Diamond (Professore di Geografia all’Università della California e Premio Pulitzer 1998).

Folta rappresentanza anche dal mondo politico con figure istituzionali come Andrea Orlando (Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali), Irene Tinagli (Presidente Commissione Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo), Patrizio Bianchi (Ministro dell’Istruzione), Stefania Giannini (ViceDirettrice Generale UNESCO per l’Educazione), Enrico Giovannini (Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili). E poi ancora interventi a tutto tondo con Mauro Berruto (Allenatore di pallavolo ed ex CT della nazionale italiana), Michela Spina (Portavoce dei Friday for Future Italia), Riccardo Di Stefano (Presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria) e tanti altri.

Il programma dell’edizione 2021 del Festival Nazionale dell’Economia Civile

L'articolo 🎧 Festival Nazionale Economia Civile inaugura con Premio Oxfam da www.controradio.it.

Nursind, stato di agitazione in Toscana

Nursind, stato di agitazione in Toscana

Firenze, “Di fronte all’ostinazione del preente della Regione Toscana Eugenio Giani, che di fatto si è rifiutato di sbloccare le assunzioni a tempo indeterminato, proclamiamo da oggi lo stato di agitazione”. Lo annuncia il sindacato autonomo degli infermieri Nursind al termine di una riunione del coordinamento regionale.

“Abbiamo trovato assurda l’uscita del presidente Giani di qualche giorno fa – dichiarano in una nota Giampaolo Giannoni e Mariarosa Chiasserini, rispettivamente coordinatore e vicecoordinatore regionale di Nursind Toscana -, quando ha dichiarato di avere nel cuore i sindacati ma di dover ripianare il bilancio della sanità: il presidente della Regione dovrebbe prima di tutto avere nel cuore i cittadini, a cui deve garantire una sicurezza a livello sanitario”.

Da tempo Nursind denuncia profonde lacune nell’organico del sistema regionale toscano della sanità, stimate in almeno 3000 infermieri in meno rispetto a quanto sarebbe raccomandato per assicurare gli standard del servizio. “La graduatoria Estar per le assunzioni a tempo indeterminato è bloccata – osserva il sindacato – la Regione continua a non autorizzare le richieste delle Aziende sanitarie. Una situazione destinata ad aggravarsi a causa dell’impossibilità di sostituire i lavoratori che vengono sospesi per la mancanza del vaccino. C’è il concreto rischio di chiudere i servizi”.

Giannoni e Chiasserini sottolineano che “dal momento della comunicazione dello stato di agitazione, avvenuta oggi, la prefettura ha sette giorni per convocare un tavolo di conciliazione con la Regione. Ma se non avremo risposte soddisfacenti siamo pronti a portare avanti la protesta, con tutti gli strumenti in nostro possesso, fino alla mobilitazione”.

L'articolo Nursind, stato di agitazione in Toscana da www.controradio.it.

Coronavirus in Toscana, oggi 304 nuovi casi, 40 anni l’età media. Sei i decessi

Coronavirus in Toscana, oggi 304 nuovi casi, 40 anni l’età media. Sei i decessi

Casi coronavirus in Toscana:  sono 280.400 i casi di positività, 304 in più rispetto a ieri (284 confermati con tampone molecolare e 20 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente.

I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 265.492 (94,7% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 8.190 tamponi molecolari e 9.992 tamponi antigenici rapidi, di questi l’1,7% è risultato positivo. Sono invece 6.686 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 4,5% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 7.782, -1,7% rispetto a ieri. I ricoverati sono 357 (15 in meno rispetto a ieri), di cui 51 in terapia intensiva (1 in più). Oggi si registrano 6 nuovi decessi: 3 uomini e 3 donne con un’età media di 78,8 anni.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

L’età media dei 304 nuovi positivi odierni è di 40 anni circa (26% ha meno di 20 anni, 26% tra 20 e 39 anni, 22% tra 40 e 59 anni, 18% tra 60 e 79 anni, 8% ha 80 anni o più).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (284 confermati con tampone molecolare e 20 da test rapido antigenico). Sono 77.712 i casi complessivi ad oggi a Firenze (97 in più rispetto a ieri), 25.968 a Prato (28 in più), 26.429 a Pistoia (37 in più), 14.716 a Massa (13 in più), 28.671 a Lucca (14 in più), 33.017 a Pisa (31 in più), 20.839 a Livorno (17 in più), 25.540 ad Arezzo (24 in più), 15.986 a Siena (29 in più), 10.967 a Grosseto (14 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 168 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 69 nella Nord Ovest, 67 nella Sud est.

La Toscana si trova al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 7.644 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 7.840 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 10.142 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 9.088, Pisa con 7.929, la più bassa Grosseto con 5.018.
Complessivamente, 7.425 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (117 in meno rispetto a ieri, meno 1,6%).
Sono 14.670 (2.443 in più rispetto a ieri, più 20%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 6.674, Nord Ovest 5.614, Sud Est 2.382).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 357 (15 in meno rispetto a ieri, meno 4%), 51 in terapia intensiva (1 in più rispetto a ieri, più 2%).
Le persone complessivamente guarite sono 265.492 (430 in più rispetto a ieri, più 0,2%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 265.492 (430 in più rispetto a ieri, più 0,2%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Oggi si registrano 6 nuovi decessi: 3 uomini e 3 donne con un’età media di 78,8 anni.

Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 2 a Firenze, 1 a Lucca, 1 a Pisa, 1 a Arezzo, 1 a Grosseto.

Sono 7.126 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 2.296 a Firenze, 629 a Prato, 654 a Pistoia, 532 a Massa Carrara, 685 a Lucca, 718 a Pisa, 424 a Livorno, 542 ad Arezzo, 349 a Siena, 205 a Grosseto, 92 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 194,3 x100.000 residenti contro il 220,2 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (280,2 x100.000), Prato (245,7 x100.000) e Firenze (232,9 x100.000), il più basso a Grosseto (93,8 x100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell’Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19

 

L'articolo Coronavirus in Toscana, oggi 304 nuovi casi, 40 anni l’età media. Sei i decessi da www.controradio.it.