Rossi: riprendo tessera Pd per unire l’opposizione

Rossi: riprendo tessera Pd per unire l’opposizione

Rossi lo ha detto a margine di un evento a Firenze, ai cronisti che gli chiedevano del suo rientro dentro il Pd ha risposto: “non chiedo niente”.

“Io penso che bisogna unire l’opposizione, dai liberali fino alla sinistra, e l’infrastruttura politica è il Pd nel quale ho militato per tanti anni, – ha specificato il governatore – e il fatto che dopo le elezioni possa riprendere la tessera e impegnarmi di nuovo lì mi riempie di entusiasmo e di passione politica”. Sempre lo stesso Rossi ha aggiunto: “non ho chiesto nulla, non ho chiesto posti, sono ancora qui, nel mio impegno quotidiano di presidente che oltretutto vuole intensificare questo impegno di governo per consentire un passaggio di testimone della Regione che sia in continuità con il governo che ha sempre caratterizzato a sinistra questa Regione”.

Riguardo ai commenti scaturiti dal suo annuncio di ritorno nel Pd, Rossi si è detto “colpito dal fatto che in negativo ce ne siano state poche, me ne aspettavo molte di più, e non sono state particolarmente aggressive, segno evidente che per tutti la scelta è stata considerata come una scelta naturale. Mi hanno colpito invece – aggiunge il governatore al termine della dichiarazione – tanti apprezzamenti, tante manifestazioni positive che ho avuto”.

L'articolo Rossi: riprendo tessera Pd per unire l’opposizione proviene da www.controradio.it.

Pistoia: sciopero e presidio dei lavoratori Hitachi Rail Italy

Pistoia: sciopero e presidio dei lavoratori Hitachi Rail Italy

Stamani sciopero e presidio davanti alla sede Inps di Pistoia dei lavoratori della Hitachi Rail Italy, la società italiana che opera nella produzione e commercializzazione di materiale rotabile, che non riescono a ottenere i benefici di legge (pensione anticipata) a seguito dell’esposizione all’amianto.

Secondo i sindacati si tratta di “intoppi burocratici, perché la legge c’è ma per applicarla l’Inps attende una mappatura nazionale di tutti i lavoratori esposti”. “I lavoratori della Hitachi Rail, ex Ansaldo Breda di Pistoia – ha spiegato Paolo Mattii, segretario provinciale Fiom-Cgil – che hanno presentato le domande nei tempi e nei modi previsti dalla legge e dalla circolare Inps che norma questa materia, sono in attesa della certificazione da parte dell’Inps nazionale per poter beneficare davvero e quindi per poter avere riconosciuto il proprio diritto. L’Inps nazionale, che è l’ente che deve rilasciare la certificazione a tutt’oggi non la rilascia perché aspetta che ci sia il monitoraggio a livello nazionale di tutte le domande. Noi diciamo che la burocrazia non può bloccare un diritto per il cittadino”.

“Questo è un percorso che è partito da Pistoia – aggiunge Jury Citera, segretario Fim-Cisl Alta Toscana – con l’appoggio di una parte politica, con una legge firmata da Caterina Bini e da Dario Parrini, una legge che per la prima volta ha dato giustizia ai lavoratori, noi non possiamo più attendere la burocrazia dell’Inps nazionale, abbiamo urgente bisogno di risposte nei confronti dei lavoratori, l’Inps ci parla di una mappatura nazionale, noi non siamo disposti ad attendere questa mappatura. Per giovedì 23 maggio abbiamo organizzato una manifestazione per le vie cittadine, andremo dal prefetto”.

L'articolo Pistoia: sciopero e presidio dei lavoratori Hitachi Rail Italy proviene da www.controradio.it.

Scandicci: Trovato incontra gli studenti del Russell-Newton

Scandicci: Trovato incontra gli studenti del Russell-Newton

Giovedì 23 maggio, presso l’Auditorium dell’Istituto Superiore Russell-Newton di Scandicci, durante l’incontro “Il Tribunale per i Minori e il comportamento responsabile degli adolescenti: un progetto di crescita e di consapevolezza”, gli studenti incontreranno il Presidente del Tribunale per i Minori della Toscana, il Dott. Luciano Trovato.

L’incontro con il Presidente rappresenta per gli studenti del Russel-Newton un momento di confronto importante per le testimonianze che emergeranno attraverso la relazione con il dott. Trovato, per la specificità di un Tribunale che si avvale di forze dell’ordine, ma anche di psicologi, psicoterapeuti, assistenti sociali, allo scopo di accompagnare gli adolescenti in percorsi di formazione, di rielaborazione, di riscatto e di crescita.

Il Presidente, occupandosi in particolare dell’analisi e della valutazione dei comportamenti degli adolescenti tra i 14 e i 18 anni, potrà confrontarsi con gli studenti di questa stessa fascia di età su alcuni atteggiamenti adottati, talvolta con scarsa consapevolezza e senza specifica intenzionalità, che risultano tuttavia dannosi  alla società e di pregiudizio alla crescita di cittadini responsabili e solidali.

Il Tribunale per i Minori della Toscana ha promosso quest’anno un progetto di avvicinamento ai giovani, che era già stato sperimentato in Calabria per volontà del Presidente Trovato allo scopo di condividere una cultura della legalità.

Una classe seconda del Liceo delle Scienze Umane, indirizzo Economico Sociale, del Russell Newton di Scandicci è infatti già entrata nelle aule del Tribunale per i Minori di Firenze, per ascoltare delle udienze dove sono stati incriminati dei minorenni a seguito di atti di bullismo e cyber bullismo.

L'articolo Scandicci: Trovato incontra gli studenti del Russell-Newton proviene da www.controradio.it.

Approvato piano di recupero, a Firenze rinasce l’ex Panificio Militare

Approvato piano di recupero, a Firenze rinasce l’ex Panificio Militare

E’ arrivata l’approvazione definitiva del piano di recupero dell’ex Panificio Militare di Firenze: dopo 50 anni di abbandono, l’intervento porterà alla trasformazione di un complesso chiuso e dismesso in un’area aperta ai cittadini con vocazione commerciale, ma fortemente caratterizzata dal verde pubblico con cinquemila metri quadri di giardino che saranno ceduti al Comune.

Il Comune di Firenze precisa in una nota che l’intervento di recupero dell’ex Panificio Militare sarà a ‘volumi meno di zero’ con una riduzione della superficie da ricostruire da diecimila a ottomila metri quadrati e un impegno complessivo dell’operatore privato di oltre 2,7 milioni di euro in opere di urbanizzazione per riqualificare la zona. Il piano di recupero, adottato il 28 dicembre 2018, ha avuto il via libera dalla giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore all’Urbanistica Giovanni Bettarini.

Un grande giardino, viali pedonali e parcheggio a uso pubblico lo renderanno ‘permeabile’ al quartiere in collegamento con la struttura commerciale disposta su due livelli. Secondo l’assessore Bettarini si tratta di “una trasformazione attesa da decenni che darà nuova vita e funzioni a un grande complesso abbandonato riqualificando tutta la zona”.

L'articolo Approvato piano di recupero, a Firenze rinasce l’ex Panificio Militare proviene da www.controradio.it.

Firenze, Villa dei Pini: indetto sciopero lavoratori per il 30/5

Firenze, Villa dei Pini: indetto sciopero lavoratori per il 30/5

ll cambiamento del contratto lavorativo è ciò che ha indotto la Fp Cgil e i lavoratori della casa di cura Villa dei Pini di Firenze, da poco acquisita dal gruppo Kos, a indire uno sciopero per il 30 maggio.

Il sindacato spiega che la ragione della proclamazione dello sciopero dei lavoratori di Villa dei Pini è da ricercarsi nella “scelta unilaterale della dirigenza di applicare dal primo giugno ai dipendenti un contratto di lavoro diverso” e “peggiorativo, con più ore di lavoro e retribuzioni più basse” da quello “che attualmente hanno i lavoratori della sanità privata”. La casa di cura, accreditata per 75 posti letto in regime ospedaliero, circa 50 i dipendenti, opera nei settori sanitari di psichiatria, disturbi alimentari, dipendenze della personalità in convenzione con l’Asl.

Il sindacato specifica che è “quindi impropria l’applicazione di un contratto di lavoro non coerente con l’attività prevalente svolta nella struttura, di evidente carattere sanitario” e chiede all’azienda “il mantenimento dei livelli occupazionali e l’applicazione del contratto nazionale della sanità privata ai lavoratori, l’unico adeguato alla situazione”.

I lavoratori della struttura sanitaria e la Fp Cgil avevano proclamato nei giorni scorsi lo Stato di agitazione, in seguito al fallimento in prefettura dei tentativi di conciliazione e raffreddamento.

L'articolo Firenze, Villa dei Pini: indetto sciopero lavoratori per il 30/5 proviene da www.controradio.it.