Nardella sindaco quasi primatista

Nardella sindaco quasi primatista. Dario Nardella, sull’onda del successo europeo del PD, fa centro diventando sindaco al primo turno sol 59,16 % dei voti, superando il risultato del 2009 e del 2004, con Renzi e Domenici costretti al ballottaggio, del 1999 con Domenici eletto al primo turno fermandosi però al 51,65 %.

 

Resiste di un soffio il risultato di Mario Primicerio che nel 1994, prima tornata elettorale con l’elezione diretta del sindaco, ottenne il 59,89% dei consensi

Nardella subito in testa

In corso da 90 minuti lo spoglio per le elezioni comunali fiorentine.

Dario Nardella parte dal 57,54 ottenuto dal PD alle europee per cercare il colpo dell’ elezione al primo turno che cinque anni fa non riuscì a Matteo Renzi. In  questo momento, con 7 sezioni scrutinate su 360, il vicesindaco è al 61,38%, mentre tra i competitor il migliore è Marco Stella al 12%.

G8 2017 a Firenze

G8 2017 a Firenze. “Una sfida storica che Firenze saprà affrontare ben preparata, accogliente ed efficiente”. Lo ha detto Dario Nardella, vicesindaco di Firenze, in merito alla possibilità, annunciata ieri dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, che il G8 del 2017 si svolga in città. Già stamani Nardella ha incontrato un pool di tecnici per capire le prime stime sull’evento e ha annunciato l’attivazione di una task force da giugno.


“Secondo quanto stimato in base alle cifre relative al G8 dell’Aquila – ha dichiarato Nardella – Firenze necessiterebbe di circa 200 milioni di investimenti in opere pubbliche: in particolare servono 100 milioni per il completamento del piano di recupero e valorizzazione della Fortezza da Basso, che ospiterà il cuore degli appuntamenti relativi al vertice; 5, 10 milioni per il Palazzo dei Congressi; una sessantina di milioni per l’auditorium da 1000 posti al nuovo teatro del Maggio (progetto finora accantonato come lotto eventuale); 15 milioni per strutture ricettive nelle ex Scuderie alle Cascine; e altri 15 milioni per una nuova rete di parcheggi scambiatori. Il piano si completerebbe con l’ampliamento delle strutture ricettive nella struttura del vecchio teatro comunale, che peraltro ha già questa destinazione d’uso”.
Intanto l’Irpet ha già previsto, collegati a questi lavori, in 2926 i nuovi posti di lavoro che nascerebbero a Firenze e in Toscana, cifra che salirebbe a 4475 se si considera il totale dei nuovi posti in Italia.
“Dal punto di vista delle procedure amministrative e amministrative – ha infine chiarito Nardella – starà allo Stato valutare le formule più idonee, rileviamo solo che in queste occasioni sono sempre state attivate misure ad hoc”.

Sindaco,primarie o no?

Sindaco,primarie o no? Nel giorno della fiducia della Camera al governo Renzi, Dario Nardella ha pronunciato ieri quello che potrebbe essere il suo ultimo discorso alla Camera prima delle dimissioni per poter fare il vicesindaco reggente a Firenze e poi candidarsi a sindaco.

Da sciogliere il nodo delle primarie del Pd a cui potrebbe partecipare Eugenio Giani (qualora non avesse incarichi romani). Nel fronte degli alleati del centosinistra potrebbero chiedere primarie di coalizione il segretario regionale Idv Giovanni Fittante e soprattutto Cristina Scaletti ,Centro Democartico, ex assessore regionale, rimossa da Enrico Rossi nel recente rimpasto di giunta.

Dario Nardella vicesindaco

Nel corso del consiglio comunale di commiato il sindaco Matteo Renzi ha nominato Dario Nardella  vicesindaco di Firenze.

Nardella subentra a Stefania Saccardi, che lascia Palazzo Vecchio per il nuovo incarico di vicepresidente della Regione Toscana. Nardella assumerà le deleghe di Welfare, Sport, Casa e Cooperazione internazionale. Naturalmente la nomina a vicesindaco è cista come un’ investitura di Nardella come prossimo sindaco di Firenze.