Resistenza: morto Meoni, unico sopravvissuto strage Montemaggio

Resistenza: morto Meoni, unico sopravvissuto strage Montemaggio

È scomparso ieri all’età di 96 anni Vittorio Meoni, partigiano e simbolo dell’antifascismo senese.

Unico sopravvissuto, anche se gravemente ferito, all’eccidio di Montemaggio del 18 marzo del 1944 dove persero la vita diciannove suoi compagni, è stato presidente dell’Istituto Storico della Resistenza Senese e dell’Anpi provinciale di Siena.

Nato l’11 dicembre del 1922 da una famiglia di insegnanti visse tra Colle Val d’Elsa, città del padre, Siena, Prato e Firenze per seguire gli studi all’Università di scienze politiche dove subì l’influenza di personaggi come Giorgio La Pira.

Più volte arrestato per aver manifestato i suoi ideali antifascisti anche dopo la notizia della caduta del fascismo, venne catturato e torturato a Villa Triste a Firenze per poi essere trasferito al carcere delle Murate.

Una volta libero, decise di darsi alla macchia, tornando a Colle Val d’Elsa per unirsi ai partigiani e compiere le sue azioni tra Casole d’Elsa e il Montemaggio. Meoni si arruolò come volontario nell’esercito di liberazione italiano prendendo parte al Gruppo di combattimento Cremona che operava in Romagna, a fianco dell’VIII Armata Britannica.

Vennero in seguito il trasferimento a Roma per partecipare alla Commissione di direzione nazionale del Pci, il rientro a Siena, le drammatiche giornate del ’48, i processi che la Resistenza senese dovette subire, la difficile scelta di non accettare la candidatura a sindaco.

L'articolo Resistenza: morto Meoni, unico sopravvissuto strage Montemaggio proviene da www.controradio.it.

RESISTENZA, E’ MORTA LA PARTIGIANA LAURA SEGHETTINI

Resistenza Laura Seghettini“E’ venuta a mancare una grande donna, una combattente per la libertà, un esempio per tutti noi”. Con queste parole il presidente della Toscana Enrico Rossi dà la notizia. “proteggere democrazia da rigurgiti fascismo.” Al via i lavori della “Campana della Pace” per ricordare eccidio di Sant’Anna.

E’ venuta a mancare Laura Seghettini, 95 anni, partigiana combattente prima nel Battaglione Guido Picelli, poi comandante di distaccamento e infine  vicecommissario politico della XII Brigata Garibaldi.

“Con Laura Seghettini – afferma Rossi – scompare un’altra voce di quelle donne e quegli uomini che più di settant’anni fa, con straordinaria generosità, misero a rischio le loro vite e diedero un decisivo contributo alla Liberazione dell’Italia dall’oppressione nazi-fascista”. “In tutta Italia – prosegue – assistiamo al ritorno di rigurgiti del fascismo: dalla spiaggia di Chioggia alle bancarelle con i cimeli del Duce, alle manifestazioni xenofobe di questi mesi. ‘La democrazia, come scrive Piero Ignazi, necessita di continua manutenzione per non farla scadere a ritualità’. Questo è il compito che la storia ci affida”.

Ed è iniziato da alcuni giorni, e si concludera nei primi giorni di agosto, il cantiere a Sant’Anna di Stazzema (Lucca), teatro della strage nazista del 12 agosto 1944 che costò la vita a 560 persone, per la collocazione della Campana della pace, opera dell’artista Romano Cosci scomparso alcuni anni fa, e voluta fortemente con una raccolta di fondi, durata alcuni anni, da Angelo Berretti e dall’Associazione Nuova Sant’Anna che nei giorni scorsi ha donato la campana al Comune di Stazzema. Le incisioni sopra riportate raffigurano alcuni dei luoghi e degli episodi più noti che riguardano la strage come la casa della Vaccareccia, dove si consumò il sacrificio di Genny Bibolotti Marsili che scagliò lo zoccolo contro il soldato tedesco per salvare il piccolo Mario e la piazza della Chiesa dove il parroco, don Innocenzo Lazzeri, offrì la propria vita per avere salva quella dei suoi fedeli.

The post RESISTENZA, E’ MORTA LA PARTIGIANA LAURA SEGHETTINI appeared first on Controradio.

Il gonfalone di Firenze a Sant’Anna di Stazzema

Il gonfalone di Firenze a Sant’Anna di Stazzema. La presidente del consiglio comunale Caterina Biti ha partecipato ieri, in rappresentanza del Comune di Firenze, alla commemorazione dell’eccidio nazista di Sant’Anna di Stazzema, dove il 12 agosto 1944 furono uccise 560 persone.


“E’ stato un privilegio ed una grande emozione – afferma Biti – oggi accompagnare il Gonfalone alle celebrazioni del 70esimo anniversario della strage di Sant’Anna di Stazzema. In un luogo così bello, silenzioso e tranquillo non è facile immaginare le drammatiche ore che si sono consumate 70 anni fa quando 560 persone, soprattutto bambini, donne e anziani, sono state barbaramente uccise senza alcun motivo. Proprio per questo è importante conoscere e ascoltare le parole di chi è sopravvissuto perché i racconti di quei tragici eventi tengano viva la nostra attenzione alle tante ‘Sant’Anna’ che anche in questi giorni si stanno consumando non così lontani dalla nostra città”

Commemorazione di Potente

Oggi 8 Agosto 2014  dalle ore 17.30 in Piazza S.Spirito festa Popolare per ricordare la liberazione d’Oltrarno dal Nazifascismo e la commemorazione della morte di Aligi Barducci “POTENTE” . Alle ore 19.30, è prevista la deposizione delle Corone di fiori sotto il monumento dedicato ad Aligi Barducci, detto “Potente”, comandante militare della “Divisione Arno”, gruppo partigiano che contribuì alla liberazione di Firenze. “Potente” morì due giorni prima della liberazione, dopo essere stato ferito mortalmente da una granta in piazza S. Spirito. In suo onore, la Divisione Arno venne rinominata “Divisione Potente”. Alla commemorazione partecipano anche il Sindaco Dario Nardella, il Presidente Regionale dell’ANPI Vittorio Meoni, il Presidente del Quartiere 1 Maurizio Sguanci e il Presidente ANPI “sez. Oltrarno” Alessandro Pini. Al tramonto viene, infine, proiettata la scena inedita del film “Villa Triste” che riguarda la morte di “Potente”. L’iniziativa ospita stand gastronomici e gazebo delle associazioni ANPI, Libera, Emergency e Astrofilm. Di seguito  il volantino dell’inziativa.

08 Agosto 2014 venerdi dalle ore 17.30 in Piazza S.Spirito festa Popolare per ricordare la liberazione d'Oltrarno...........

Firnze Liberata alle Oblate

In occasione del 70° Anniversario della Liberazione della città di Firenze, la Biblioteca delle Oblate in collaborazione con l’Associazione culturale la Nottola di Minerva presenta: 11 agosto 1944-2014 Firenze Liberata Ora e sempre resistenza.
L’iniziativa si svolgerà dalle ore 17.00 alle ore 20.00 presso la Biblioteca delle Oblate.
Presentazione del Progetto Nuova Radio Cora, con la partecipazione di ANPI e Istituto Storico della Resistenza in Toscana.
Recital: Passato da tutelare, Presente da costruire. Di e con Letizia Fuochi
Reading musicale: Dai boschi alle strade. Di e con Lorenzo Degli Innocenti