Anders vincono il premio Fse-Giovanisì, Rock Contest, Controradio

Anders vincono il premio Fse-Giovanisì, Rock Contest, Controradio

🔈Firenze, il premio Fse-Giovanisì del ‘Rock Contest – Computer age edition’ del 2020 è andato agli Anders, giovane gruppo fiorentino dal rock ruvido e graffiato nato meno di un anno fa.

Il premio è stato consegnato agli Anders durante una cerimonia avvenuta giovedì 14 gennaio, al Teatro della Compagnia di Firenze, alla presenza del presidente della Toscana Eugenio Giani, della cantante toscana Irene Grandi, che partecipò ad un Rock Contest molti anni fa, sia pur senza vincerlo, e dell’attrice fiorentina Gaia Nanni. I tre sono stati protagonisti di un talk show sul palco, moderato dal giornalista di Controradio Raffaele Palumbo, sulla libertà di espressione, la creatività e il protagonismo dei giovani.

“Manifestazione che davvero ci accompagna da più di 30 anni, durante i quali abbiamo visto valorizzare artisti e gruppi, come in questo caso gli Anders, che poi si sono affermati e sono stati simbolo della nostra regione – ha detto Giani parlando del Rock Contest – a me fa particolarmente piacere che sia stata oggi Irene Grandi a fare da testimonial a un impegno che vogliamo campo della creatività musicale per valorizzare i nostri giovani, i nostri talenti, coloro che possono guardare al futuro ma anche al presente perché indubbiamente, lo abbiamo visto, hanno una capacità di caratterizzare anche un identità non solo musicale ma di valori, in riferimento a Hong Kong, al personaggio che ci cala nella protesta generazionale contro chi vuole soffocare la creatività, che guarda lontano e da dei messaggi, che sono poi i messaggi di identità della nostra regione, la libertà, il senso di creatività, la possibilità di fare valorizzare il talento in un rapporto sinergico con le istituzioni e non soffocato, perché i giovani devono fare la gavetta”.

Presidente Giani lei c’era quando è nato il Rock Contest se lo ricorda?

“Me lo ricordo nel 1990, allora giovane consigliere comunale a Firenze, ed il Rock Contest era proprio all’insegna della cultura della creatività giovanile e Controradio era un po’ la voce, l’espressione di quella sensibilità”.

E giovani? Come sono cambiati?

“Ogni generazione, anche sul piano della musica porta una sua identità.  Oggi c’è anche il senso di una concretezza che i giovani chiedono. Allora era una musica che cercava una rottura generazionale forte, perché si interpretava una rivoluzione di costumi.  Adesso i giovani cercano il cambiamento, ma in una società in cui ci si sente integrati. Allora c’era il sogno di una società completamente da cambiare”.

L’intervista di Gimmy Tranquillo al presidente Eugenio Giani:

Irene Grandi, ancora ad un evento del Rock Contest, ma che cosa ti lega a questa manifestazione?

“Il primo amore non si scorda mai, e comunque il Rock Contest è una cosa così bella una manifestazione per le band per i giovani, diciamo ho iniziato io qua e poi fai conto la generazione successiva dei Grandi, mio nipote per esempio è stato anche lui al Rock Contest, tipo 3-4 anni fa, hanno vinto con il loro gruppo di Beyond The Garden, quindi come dire c’è qualcosa no: il filo non si spezza”.

L’intervista di Gimmy Tranquillo a Irene Grandi:

Gaia Nanni con i jeans strappati al ginocchio come i Ramones, te li sei strappati per il Rock Contest?

I jeans erano integri fino a via dei Servi, poi ho detto ragazza però, c’è un Giovanisi, Regione Toscana giovani, io non sono più di primo pelo, ho detto attrezziamoci un po’, bisogna stare al passo con questa gente qui, perché se no ci asfaltano

L’intervista di Gimmy Tranquillo a Gaia Nanni:

Il premio Fse- Giovanisì viene assegnato all’interno del Rock Contest dal 2017 ed è stato istituito per premiare il brano che meglio ha saputo interpretare sensibilità e immaginari del mondo giovanile. Durante l’ultima edizione del concorso, otto serate tutte trasmesse in streaming, è stata promossa anche la campagna “Giovanisì, il talento è un bene comune”: un bene comune da mettere al centro del motore della ripresa e della crescita del Paese.

Gli Anders sono stati premiati per il testo “Joshua- Mi sento più al sicuro qui” dedicato allo studente Joshua Wong, tra i leader della rivoluzione degli ombrelli di Hong Kong nel 2014, ma anche appello ad una generazione affinché ritrovi la parola  e la volontà di incidere nella società.

Il premio richiama non casualmente – oltre a Giovanisì, che dal 2010 è il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani – anche il Fondo Sociale Europeo (Fse).

Attraverso queste risorse europee, nella programmazione 2014-2020, sono stati investiti sui giovani 293 milioni di euro, il 39 per cento dell’intero fondo. Sono stati utilizzati per facilitare il loro ingresso nel mercato del lavoro, per l’orientamento nell’ambito scolastico, formativo ed universitario, per l’alternanza scuola-lavoro, per l’impiego, i tirocini, assegni di ricerca, percorsi di istruzione e formazione e il servizio civile.

L'articolo Anders vincono il premio Fse-Giovanisì, Rock Contest, Controradio proviene da www.controradio.it.

Rock Contest 2020, Giani consegnerà premio FSE/GiovaniSì agli Anders

Rock Contest 2020, Giani consegnerà premio FSE/GiovaniSì agli Anders

Giovedì 14 gennaio il presidente della Regione Eugenio Giani consegnerà agli Anders, partecipanti del Rock Contest 2020, il Premio Fondo Sociale Europeo, sarà l’occasione di un talk su “Libertà di espressione e creatività giovanile” con lo stesso Giani, Irene Grandi e l’attrice Gaia Nanni, condotto da Raffaele Palumbo e Giustina Terenzi di Controradio.

E’ all’insegna della “Libertà di espressione e creatività giovanile” il premio Fse/Giovanisì del Rock Contest 2020 che il presidente della Regione Eugenio Giani consegnerà alla band vincitrice giovedì 14 gennaio, alle 15.30, al Cinema La Compagnia, in via Cavour 50/R a Firenze. All’evento, che potrà essere seguito unicamente dalla stampa, oltre agli Anders, il gruppo vincitore, parteciperanno la cantante Irene Grandi e l’attrice Gaia Nanni. A presentare saranno Raffaele Palumbo e Giustina Terenzi di Controradio.


La band, al termine della premiazione, suonerà due canzoni tra cui quella per cui hanno vinto il premio “Joshua. Mi sento più al sicuro qui”, dedicata a Joshua Wong. A seguire il punto con la stampa.

Il premio è promosso da Regione Toscana (Giovanisì e Fondo Sociale Europeo) e Controradio. Il Rock Contest 2020 si è svolto in una speciale edizione online, la “Computer Age Edition”, ottenendo uno straordinario successo con più di 500.000 visualizzazioni.

L'articolo Rock Contest 2020, Giani consegnerà premio FSE/GiovaniSì agli Anders proviene da www.controradio.it.

Bob And The Apple, l’intervista

Bob And The Apple, l’intervista

L’intervista ai vincitori dell’ultima edizione del Rock Contest 2020, i Bob And The Apple. A cura di Giustina Terenzi

Trentini ma divisi tra Parigi, Londra e Berlino i Bob And The Apple si muovono fra psichedelia sognante ed elettronica ambient. In decisa controtendenza rispetto alle dinamiche contemporanee della musica prodotta in Italia, sorprendono per la sofisticata padronanza dei mezzi e dei linguaggi musicali con la quale si prefiggono di rivolgersi ad un pubblico internazionale. Se fossero un gruppo inglese li troveremmo sulle prime pagine dei giornali specializzati.

ASCOLTA L’INTERVISTA (a cura di Giustina Terenzi)

 

Mini bio della band: la formazione ha all’attivo una intensa attività live ed alcuni ep prodotti con Ricky Damian (Grammy Award  per il brano “Uptown Funk” di Mark Ronson feat. Bruno Mars) ormai parte integrante del progetto. Si muovono fra psichedelia sognante ed elettronica ambient.

Guarda il video di “Strangers” – brano con cui hanno partecipato al Rock Contest (Directed and animated by s.qui.s (Sara Quijano S.) Editing and motion – Riwad Salim From the album, Wanderlust I – II )

L'articolo Bob And The Apple, l’intervista proviene da www.controradio.it.

“Best of Rock Contest” lo speciale con tutti gli ospiti

“Best of Rock Contest” lo speciale con tutti gli ospiti

A una settimana dalla finalissima, lunedì 28 dicembre puntata speciale con il meglio del Rock Contest. Con i  finalisti, gli ospiti e il saluto di Appino degli Zen Circus.

Tutto quello che vorreste rivedere del Rock Contest 2020 va online lunedì 28 dicembre alle ore 21.  Sulle pagine Facebook del Rock Contest, di Controradio, di Rockit e di Giovanisì – Regione Toscana. Sui siti rockcontest.it e controradio.it, sui canali Youtube Controradio Crossmedia e Rock Contest.

A una settimana dalla proclamazione dei vincitori Bob and The Apple,  il più autorevole concorso per gruppi e musicisti indipendenti propone “Best of Rock Contest”. Un regalo di Natale ai più di 400.000 appassionati e addetti ai lavori che hanno seguito tutte le fasi del concorso.

Un’ora di musica e interviste. Con protagonisti assoluti i 30 gruppi/artisti in gara e i tanti ospiti che li hanno affiancati: Paolo Benvegnù, Emma Nolde, Erriquez e Finaz, Ginevra di Marco, Nervi, L’Albero.

Nella puntata anche i video di Gaube (secondo posto), Anders (Premio Premio FSE/Giovanisì) ed Elise Duchemin (Premio De Pascale) decretati da una giuria una giuria di addetti ai lavori (Aimone Romizi dei FASK, Enrico Greppi della Bandabardò, Manitoba, Clap!Clap!, Silvia Boschero, Carlo Pastore e tanti altri) presieduta da Paolo Benvegnù.

Con 32 anni di storia, il Rock Contest si conferma osservatorio d’eccezione delle nuove tendenze, di chi e come tesse la musica di domani.


Rock Contest è organizzato da Controradio e Controradio Club in collaborazione con Comune di Firenze, Regione Toscana – Fondo Sociale Europeo/Giovanisì, SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e con il contributo di Publiacqua.

Sponsor tecnici Audioglobe, Sam Recording Studio, partner Woodworm Label, Locusta Booking, GRS General Recording Studio, media-partner Rockit.

 

 

L'articolo “Best of Rock Contest” lo speciale con tutti gli ospiti proviene da www.controradio.it.

Rock Contest 2020, vincono i Bob and The Apple!

Rock Contest 2020, vincono i Bob and The Apple!

L'articolo Rock Contest 2020, vincono i Bob and The Apple! proviene da www.controradio.it.

Powered By Tempera & WordPress.