SANITA’: INAUGURATO NUOVO DAY HOSPITAL ONCOLOGICO A S.M. NUOVA

Santa maria nuova polo oncologico

Un day hospital ad alta specializzazione e un ‘aiuto point’ sono stati inaugurati oggi all’ospedale Santa Maria Nuova di Firenze dall’assessore regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi, nell’ambito dei nuovi servizi dedicati ai pazienti oncologici.

Prevista a breve anche l’attivazione di ambulatori multidisciplinari di day  service, organizzati all’interno del dipartimento oncologico aziendale.
Il nuovo day hospital oncologico si trova nei locali al primo piano dell’ospedale, dove sono stati effettuati i lavori di adeguamento dell’impianto aeraulico, per garantire il rispetto dei requisiti normativi per la somministrazione di farmacioncologici. Nel nuovo reparto è offerto al paziente un percorso
organizzato: dall’accoglienza con l”aiuto point’, agli ambulatori di day service multidisciplinare terapeutico e diagnostico, fino ai trattamenti con antiblastici complessi per via endovenosa. Grazie all’attività diagnostica interventistica ecografica di primo livello, il paziente viene inserito nel
percorso assistenziale fin dal sospetto della malattia, per arrivare a una tempestiva diagnosi cito-istologica.
Il nuovo day hospital è intitolato a Ilaria Meucci, oncologa scomparsa prematuramente lo scorso anno: “Sono contenta di inaugurare questo nuovo servizio dedicato a Ilaria – ha affermato l’assessore Stefania Saccardi -, quando era assessorein Comune venne a chiedermi di realizzarlo, è così che l’ho
conosciuta, questa è la sua idea, la cosa per cui si è battuta di più.”
Al momento nell’ospedale di Santa Maria Nuova sono stati ristrutturati complessivamente 21 mila metri quadrati di locali.
Proseguono i lavori di realizzazione del nuovo blocco operatorio, la cui attivazione è prevista per la primavera del 2018.

The post SANITA': INAUGURATO NUOVO DAY HOSPITAL ONCOLOGICO A S.M. NUOVA appeared first on Controradio.

PRATO, BIFFONI: TEMPI CERTI PER AMPLIAMENTO NUOVO OSPEDALE

Biffoni a nome anci chiede sedi e personale per accoglienza profughiIl sindaco: chiedo che non si perda nemmeno un giorno e si prosegua attivamente affinché l’aumento dei posti letto al Santo Stefano si concretizzi entro al massimo un paio d’anni

Il sindaco di Prato chiede chiarezza al Governo e alla Regione Toscana sui tempi per l’ampliamento dell’ospedale Santo Stefano. “La necessità di un intervento strutturale per l’ampliamento – spiega Biffoni – è fondamentale.
Adesso che il progetto si sta concretizzando grazie anche all’impegno del governo nel sostenere finanziariamente l’intervento regionale, possiamo dire di essere sulla strada giusta. Ringrazio l’assessore Stefania Saccardi per aver ascoltato e condiviso le richieste che come sindaco ho portato all’attenzione della Regione, competente sul tema sanità, sin dall’inizio del mio mandato”. Il sindaco, però, chiede di
indicare tempi certi: “L’ampliamento richiede tempi di lavoro oggettivamente non brevi, per questo chiedo che non si perda nemmeno un giorno e si prosegua attivamente affinché l’aumento dei posti letto al Santo Stefano si concretizzi entro al massimo un paio d’anni – ribadisce Biffoni -. Le dichiarazioni rilasciate ieri dall’assessore regionale Stefania Saccardi ci rassicurano: con l’affidamento dei lavori entro l’anno contiamo di poter avere la nuova palazzina pronta entro la fine del 2018, al più tardi inizio 2019″.

The post PRATO, BIFFONI: TEMPI CERTI PER AMPLIAMENTO NUOVO OSPEDALE appeared first on Controradio.

PRATO, BIFFONI: TEMPI CERTI PER AMPLIAMENTO NUOVO OSPEDALE

Biffoni a nome anci chiede sedi e personale per accoglienza profughiIl sindaco: chiedo che non si perda nemmeno un giorno e si prosegua attivamente affinché l’aumento dei posti letto al Santo Stefano si concretizzi entro al massimo un paio d’anni

Il sindaco di Prato chiede chiarezza al Governo e alla Regione Toscana sui tempi per l’ampliamento dell’ospedale Santo Stefano. “La necessità di un intervento strutturale per l’ampliamento – spiega Biffoni – è fondamentale.
Adesso che il progetto si sta concretizzando grazie anche all’impegno del governo nel sostenere finanziariamente l’intervento regionale, possiamo dire di essere sulla strada giusta. Ringrazio l’assessore Stefania Saccardi per aver ascoltato e condiviso le richieste che come sindaco ho portato all’attenzione della Regione, competente sul tema sanità, sin dall’inizio del mio mandato”. Il sindaco, però, chiede di
indicare tempi certi: “L’ampliamento richiede tempi di lavoro oggettivamente non brevi, per questo chiedo che non si perda nemmeno un giorno e si prosegua attivamente affinché l’aumento dei posti letto al Santo Stefano si concretizzi entro al massimo un paio d’anni – ribadisce Biffoni -. Le dichiarazioni rilasciate ieri dall’assessore regionale Stefania Saccardi ci rassicurano: con l’affidamento dei lavori entro l’anno contiamo di poter avere la nuova palazzina pronta entro la fine del 2018, al più tardi inizio 2019″.

The post PRATO, BIFFONI: TEMPI CERTI PER AMPLIAMENTO NUOVO OSPEDALE appeared first on Controradio.

CARCERI TOSCANA, APPROVATA IN GIUNTA DELIBERA PER SALUTE DETENUTI

Carceri toscana

Maggior assistenza psicologica e prevenzione suicidi tra gli obiettivi per prossimi 3 anni della delibera per tutela salute popolazione carceri. Saccardi: “la salute è diritto di tutti, senza distinzioni.”

Intensificazione dell’assistenza psicologica, azioni per la prevenzione del suicidio in carcere, rispetto dei Lea (i livelli essenziali di assistenza) e di tutte le attività sanitarie per garantire alla popolazione carceraria la stessa assistenza sanitaria che viene data ai cittadini liberi. Sono alcuni tra i principali obiettivi per la tutela della salute in carcere per il triennio 2017-2019, individuati dalla delibera approvata dalla giunta nel corso della sua ultima seduta.

Una delibera nella quale vengono aggiornate le attività rivolte sia agli adulti presenti nei 16 istituti penitenziari della Toscana che ai minori accolti nei due istituti per minori (Pontremoli e Firenze) e nel centro di prima accoglienza di Firenze. “La salute è un diritto di tutti, indistintamente – ha detto l’assessore al Diritto alla salute Stefania Saccardi – Tutti, che siano liberi cittadini o detenuti, sono uguali davanti alla malattie e hanno diritto ad avere le stesse opportunità e prestazioni sanitarie.

Come Regione Toscana ci preoccupiamo di garantire a tutti i cittadini in carcere la stessa assistenza sanitaria che diamo ai cittadini liberi. E con questa delibera abbiamo individuato obiettivi precisi per il prossimo triennio”. Gli obiettivi prioritari sono individuati per il triennio 2017-2019. Per il 2017, la cifra destinata alla realizzazione di questi obiettivi è di 208.000 euro, mentre per gli anni successivi l’identificazione del fabbisogno sarà definita entro il 31 dicembre di quest’anno.

Il Laboratorio MeS (Management & Sanità) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa valuterà le performance delle Aziende sanitarie anche sulla tutela della salute in carcere, mentre all’Agenzia Regionale di Sanità sono affidate le indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione detenuta. Il monitoraggio di tutte le attività è affidato all’Osservatorio permanente sulla sanità penitenziaria, costituito nel 2008.

The post CARCERI TOSCANA, APPROVATA IN GIUNTA DELIBERA PER SALUTE DETENUTI appeared first on Controradio.

CARCERI TOSCANA, APPROVATA IN GIUNTA DELIBERA PER SALUTE DETENUTI

Carceri toscana

Maggior assistenza psicologica e prevenzione suicidi tra gli obiettivi per prossimi 3 anni della delibera per tutela salute popolazione carceri. Saccardi: “la salute è diritto di tutti, senza distinzioni.”

Intensificazione dell’assistenza psicologica, azioni per la prevenzione del suicidio in carcere, rispetto dei Lea (i livelli essenziali di assistenza) e di tutte le attività sanitarie per garantire alla popolazione carceraria la stessa assistenza sanitaria che viene data ai cittadini liberi. Sono alcuni tra i principali obiettivi per la tutela della salute in carcere per il triennio 2017-2019, individuati dalla delibera approvata dalla giunta nel corso della sua ultima seduta.

Una delibera nella quale vengono aggiornate le attività rivolte sia agli adulti presenti nei 16 istituti penitenziari della Toscana che ai minori accolti nei due istituti per minori (Pontremoli e Firenze) e nel centro di prima accoglienza di Firenze. “La salute è un diritto di tutti, indistintamente – ha detto l’assessore al Diritto alla salute Stefania Saccardi – Tutti, che siano liberi cittadini o detenuti, sono uguali davanti alla malattie e hanno diritto ad avere le stesse opportunità e prestazioni sanitarie.

Come Regione Toscana ci preoccupiamo di garantire a tutti i cittadini in carcere la stessa assistenza sanitaria che diamo ai cittadini liberi. E con questa delibera abbiamo individuato obiettivi precisi per il prossimo triennio”. Gli obiettivi prioritari sono individuati per il triennio 2017-2019. Per il 2017, la cifra destinata alla realizzazione di questi obiettivi è di 208.000 euro, mentre per gli anni successivi l’identificazione del fabbisogno sarà definita entro il 31 dicembre di quest’anno.

Il Laboratorio MeS (Management & Sanità) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa valuterà le performance delle Aziende sanitarie anche sulla tutela della salute in carcere, mentre all’Agenzia Regionale di Sanità sono affidate le indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione detenuta. Il monitoraggio di tutte le attività è affidato all’Osservatorio permanente sulla sanità penitenziaria, costituito nel 2008.

The post CARCERI TOSCANA, APPROVATA IN GIUNTA DELIBERA PER SALUTE DETENUTI appeared first on Controradio.